Password dimenticata?

Teho Teardo, instancabile esploratore

nella terra dove gli uomini selvaggi ancora sanno sorridere

7 Luglio 2014

Il suo modo di porsi profuma di forte ardore friulano, la sua terra d'origine. La gentilezza del sorriso e la forte propensione nell'arte dell'ironia smorzano dolcemente il carattere combattivo di un artista sempre pronto al confronto leale e diretto, uno scambio che non prevede falsità o mediazioni impensabili per chi, da oltre trent'anni, esplora le terre abitate dal suono e dai suoi selvaggi abitanti.

Se penso a Teho Teardo, immagino un puro ricercatore, un artista irrequieto sempre alla ricerca di nuovi stimoli. Quanto tempo solitamente intercorre tra la fine di un lavoro e l'inizio del successivo e quanto ne dedichi al riascolto del materiale finito prima di iniziare un nuovo viaggio creativo?

Raramente mi riascolto, preferisco guardare altrove. Spesso mi capita di affrontare più progetti contemporaneamente, divido il mio tempo in settimane. Ognuna viene occupata da un lavoro, a volte la successiva passo ad altro e poi riprendo quanto avevo precedentemente messo in pausa. La conclusione di un progetto può avvenire simultaneamente alla realizzazione di altro. Per me è più efficace come metodo di lavoro, spostandomi in un altro ambito riesco a trovare nuova freschezza.

Un aspetto che mi ha sempre intrigato sono le tue continue collaborazioni che portano alla creazione di nuovi progetti musicali (Operator, Modem Institute, Matera, Here, cito a braccio) o di sodalizi durevoli, come la tua ultima liason con Blixa Bargeld. Parliamone..

Amo lavorare nel mio studio in solitudine, ma poi è necessario condividere e soprattutto rimettere in discussione quanto attraversato con altre persone, per smontare quanto ottenuto e ristabilire nuovi tragitti. Blixa ed io ci vediamo piuttosto frequentemente, teniamo diversi concerti in tutta Europa e stiamo già scrivendo brani per un nuovo album. Tra poco andremo anche un po’ in vacanza assieme, ovviamente porto microfoni, mixer e casse, lavoreremo anche durante le vacanze; non molto, solo un po’ per goderci ancor di più la vacanza.

 


Al tuo attivo avrai più di una quarantina di produzioni – oramai ho perso il conto – in un periodo che va dal 1988 ad oggi. Qual'è il segreto di così tanta prolificità, anche se spalmata nel corso di 25 anni.

Il mio primo album, Caught From Behind, l’ho registrato nel 1983, poi è uscito diversi anni dopo, ma quando l’ho realizzato ero un ragazzino. Non mi sono mai fermato e non ho alcuna intenzione di farlo ora. In realtà non ho pubblicato così tanti dischi, semplicemente ho cominciato a suonare che ero un bambino.

Sei conosciuto anche per le decine di colonne sonore che hai composto. Lavori che hanno vinto premi prestigiosi o hanno accompagnato interessanti film d'autore. Esiste una sorta di 'dissociazione' tra Teardo compositore di soundtracks e il musicista che crea suono con destinazione vinile?

No, nessuna dissociazione, sono sempre io. Non mi interessa appartenere ad un genere musicale, cerco uno sguardo più ampio che mi consenta di individuare percorsi dove sorprendermi. Non penso alla musica per generi, mi piace indagare le possibili implicazioni della musica in altri contesti espressivi. Il cinema ed il teatro sono tra questi. Mi sento uno che apre delle porte tra un mondo ed un altro, tra la musica ed il cinema, ad esempio.

Solitamente ti esponi in prima persona, il tuo percorso musicale non è certo segnato da sonorità 'semplici'. Che mi dici “dell'arte della mediazione”, ti sei mai ritrovato a doverla usare nella composizione delle varie colonne sonore?

Prima di tutto sono un ascoltatore, amo ascoltare chi ho di fronte e cercare di capire se è possibile stabilire un rapporto. Sulla base di questo si decide se e come proseguire la collaborazione, tenendo sempre ben presente chi è l’altro e quali sono i punti di contatto. Se la tua domanda sottintende l’eventuale curiosità circa l’aver fatto cose di cui artisticamente mi potrei pentire, allora posso solo risponderti che da quel punto di vista non ho mai mediato nulla, nemmeno quando mi sono trovato a lavorare in contesti nazional popolari come film per la Rai in prima serata. Anzi ho fatto solo ciò che sentivo. Potrei anche lavorare con Andrea Bocelli o Peter Cusack e rimanere interamente me stesso. L’integrità non è qualcosa che si può ostentare su facebook, è ciò che sei. Ci sono dei miti fasulli circa la musica: finti limiti, preconcetti che la irrigidiscono in schieramenti underground e mainstream. Due divisioni con lo stesso numero di limiti e miopia. Gli idioti abbondano da ambo i lati. La musica può essere buona o meno, il resto sono alibi per mancanza di coraggio, alibi di sussistenza, pigrizia, conservazione della specie. Non sono per la conservazione della specie, preferisco pensare ad uno scontro furioso contro una parete, mi piace quel suono. Stiamo attraversando un momento interessante: ci sono sempre meno etichette, ora sei da solo, gli artisti non hanno più scuse per lamentarsi con le case discografiche se qualcosa non funziona, ora si tratta solo di te e della tua musica e di come la vuoi far conoscere al mondo. Spesso ho la sensazione che troppe persone siano disposte a tutto, che farebbero qualsiasi cosa pur di ottenere un po’ di visibilità, contatti. Un problema di vanità dove in molti si considerano speciali ma hanno solamente una connessione adsl.

A parte ovviamente la bravura nella capacità compositiva, quanta fortuna serve per riuscire ad entrare in un circuito che non sia quello 'statico' del suono indipendente italiano. Qual'è la magia che “aiuta”, se esiste.

Non credo alla magia o fortuna e quindi nemmeno alla sfortuna. Mi si continua a chiedere come si entra nel circuito del cinema, delle colonne sonore. Il cinema italiano è un ambiente talmente chiuso ed autoreferenziale a cui si accede quasi solo per caso, come è accaduto a me quando Gabriele Salvatores e Federico Dé Robertis ascoltarono un mio disco e mi coinvolsero nella realizzazione di Denti. Ovviamente è stato un caso che l’abbiano ascoltato. Ma l’album aveva una solidità che li ha colpiti. Il disco in questione era Here, un album che quando tentai di realizzare in Italia ottenni solo rifiuti perché a metà anni 90 produrre un album rock con i soli campionatori era impensabile. Così me ne andai a lungo a New York e lì trovai le persone in sintonia con cui realizzarlo. C’è un rapporto strettissimo con le risate di scherno che ottenni da tutti i musicisti italiani a cui proposi di lavorare con me a quel disco e alla strada che quella musica ha aperto nel cinema. Nessuno l’ avrebbe pensato allora, probabilmente ancora oggi. Tu hai parlato di suono statico, io invece cercavo e continuo a cercare oggi proprio l’opposto della staticità. Certe cose le hai sotto casa e non ti rendi conto che potrebbero aprire nuove possibilità all’interno della musica stessa e anche di altre discipline come il cinema.

Rimaniamo in tema cinema e colonne sonore, cosa ne pensa Teho Teardo dei compositori 'sacri' del cinema italiano. Credi esista un percorso comune tra il tuo lavoro e il loro o pensi la tua sia decisamente un'altra scuola di pensiero?

Abbiamo avuto dei nomi straordinari che il mondo ci invidia, ma quel momento culmina con gli anni 70, successivamente c’è stata una costante ripetizione che ha portato a pensare alla musica per cinema come un sottogenere. Hai mai notato che il compositore rientra nel cast tecnico, non in quello artistico? Sovente la musica è relegata al mero commento sonoro, un servizio didascalico per le immagini, nel caso non si sia capito quel che avviene nella pellicola c’è la musica che pensa a ribadirlo. Ora però il mondo è diverso, servono necessariamente altri modi per raccontarlo altrimenti si precipita nel revival, nel citazionismo. Aggiungo una domanda, secondo te uno come Richard James lo collocheresti in un cast tecnico? Non è solamente cambiato il mondo, anche la musica si evolve costantemente, il cinema non può ignorare queste dinamiche.


Dal cinema al teatro: il viaggio notturno di Cèline con Elio Germano e una splendida collaborazione con la Societas Raffaello Sanzio. Quanta teatralità nasconde la musica di Teho Teardo?

La musica ha una capacità di manifestare qualcosa davanti ai tuoi occhi, ha una componente visiva fortissima. Non ho fatto studi musicali, ho studiato arte contemporanea, i miei studi musicali quindi sono state le opere d’arte. Mi son reso conto che i suoni li vedevo mentre li ascoltavo. C’è una componente narrativa che cerco nel suono, nella musica, potrebbe essere una sceneggiatura. Un libro, una sceneggiatura sono spesso indicativi per cominciare a costruire dei suoni, anche solo per immaginarli. Viaggio Al Termine Della Notte è qualcosa che Elio ed io abbiamo dentro, continuiamo a farlo saltuariamente, ma mi piace l’idea che questo spettacolo possa continuare ad esistere. Inoltre Elio è un attore straordinario, è talmente aperto alle possibilità della musica che è come se suonasse con me. L’esperienza di Ingiuria, per quanto soddisfacente dal punto di vista del risultato artistico grazie anche alla presenza di Alexander Balenescu e Blixa Bargeld fu una delusione dal lato umano con la Socìetas così ho archiviato l’esperienza. A proposito di teatro, in questo momento sono a Londra e sto lavorando a Ballyturk con Enda Walsh, lo sceneggiatore che ha scritto Hunger di Steve McQueen. E’ un’esperienza assai positiva e soddisfacente da qualsiasi punto di vista. Enda ha scritto questa commedia ispirandosi alla musica del mio precedente album, Music For Wilder Mann. Un giorno ha scritto una mail direttamente al mio sito, non ci conoscevamo. Mi ha proposto di collaborare ed ora stiamo preparando questo spettacolo che debutterà a luglio al festival di Galway e poi sarà per un mese intero al National Theatre di Londra.

In gran parte dei tuoi lavori per film e in alcuni degli ultimi dischi si respirano atmosfere legate allo stile modern-classic (scusami la catalogazione esemplificativa). Da dove arriva il tuo amore per l'uso degli strumenti ad arco, violoncello in primo piano?

Modern classic non significa niente. Le parole hanno un significato ma questa definizione no. Ma entrambi sappiamo a cosa ti riferisci. Da qualche tempo va di moda usare gli archi. Non mi interessa. Ho cominciato a farlo nel 1994 quando ho realizzato un album con Mick Harris, Matera. Non ho mai smesso. Gli strumenti ad arco sono molti, ad esempio la sega, ma anche la chitarra e poi anche quelli tradizionali. Mi piace l’aspetto primitivo delle corde, tutta la componente di detriti sonori che il loro suono comporta, tutte le imperfezioni. Anche i musicisti più bravi con cui ho suonato, da Balanescu, a Erik Friedlander o Mario Brunello, tutti loro devono fare i conti con questa sorta di zavorra rumorosa che io cerco sempre di utilizzare. Già nel mio primo album dell’84 utilizzavo l’archetto con la chitarra e nemmeno allora era una novità, che sia ben chiaro.

Cosa significa per te il termine 'ricerca' e come si esemplifica?

Parola che andrebbe riabilitata, servirebbe molta cura nel maneggiare termini come bellezza, ricerca, sperimentazione, l’abuso che se ne è fatto recentemente richiederebbe il pronto intervento di dottori delle parole. Credo ricerca sia una combinazione di altre parole ed azioni che evocano principalmente intelligenza, coraggio, tenacia, disciplina, determinazione. Ad un certo punto il termine sperimentale fu talmente abusato su myspace che non si poteva nemmeno più utilizzare. Lo stesso vale per indie. Probabilmente alcuni termini hanno una parabola limitata nel tempo, si esauriscono con la musica che li riguardava. Poco male, ne inventeremo altri con altri suoni. Per me vengono prima i suoni delle parole.

 Sei un artista che arriva da molto lontano, come tutti i 'vecchi combattenti' hai visto varie generazioni musicali alternarsi sull'oramai traballante palcoscenico della musica indipendente italiana. Dal tuo punto di osservazione, indubbiamente privilegiato rispetto ad un qualsiasi giovane esordiente, puoi/riesci a descrivere il panorama che vedi?

Pur essendoci diversi musicisti che apprezzo non mi interessa particolarmente un palcoscenico regionale, non sono abituato a pensare alla musica per territori, non sono un etnomusicologo nonostante ascolti musiche da tutto il mondo. Quando vado in un negozio di dischi, cosa che continuo a fare, poco fa ero con mio figlio da Rough Trade, non cerco i dischi in base alla provenienza. Il panorama che vedo in Italia è troppo legato alle citazioni del passato. Come se certe volte i morti si impossessassero dei volti e delle orecchie dei nuovi venuti. A volte mi domando quando arriveranno gli anni 2000 visto che siamo ancora incollati al decennio precedente in una dittatura citazionista infinita. Non mi interessa, ecco, preferisco guardare altrove. Inoltre le mappe della musica sono ben più in alto dei confini regionali, si tratta di costellazioni, di cieli infiniti dove se trovi l’asse giusto arrivi da Demdike Stare a Fred McDowell solo per rimanere in occidente, ma l’asse rotea continuamente. Sì, hai ragione, ho visto diverse generazioni, ma devo dire che continuo a rivederle, sovente alle prese con le medesime istanze e senza alcun presupposto di cambiamento. Ogni tanto sbuca qualcuno con un cappuccio o la mascherina, ma il menù rimane quello. Forse si crede che reiterare la medesima cosa in eterno sia rassicurante. Probabilmente c’è bisogno di rassicurazione. Tutte queste caprette con le barbe come negli anni 70 sono solo rassicuranti, ripropongono un ciclo infinito dove non trovo altro senso se non quello della riproduzione. Ma non si potrebbe dire la stessa cosa per i molluschi che risalgono dalle profondità e vengono a morire di fronte ai nostri piedi, in spiaggia, senza che nulla cambi mai? Invece a me intriga chi mette in discussione lo stato attuale, chi dissente. L’arte riguarda anche il dissentire, il non adeguarsi proponendo una versione personale del mondo. Mi aspetto che l’arte e la musica in generale possano concorrere a creare una coscienza che ci consenta di cambiare lo stato delle cose. Non mi piace il mondo così. Non mi garba proprio.

 


L'elettronica è parte integrante del tuo percorso sonoro. In Italia esiste una produzione di buon livello, anche se rimane relegata ad un circuito estremamente di nicchia. Ovviamente sto parlando di sonorità di ricerca, di musica non convenzionale. Da 'viaggiatore esperto' e sempre in movimento fuori dai confini, cosa ne pensi e come descriveresti la nostra 'avanguardia elettronica', hai qualche nome di riferimento?

Elettronica è un termine che ha perso quasi completamente il significato originario, ora investe tutto lo spazio dal dj per feste della scuola agli sperimentatori artici. Recentemente mi hanno contattato per propormi un laboratorio sulla musica elettronica per la Fondazione Cini a Venezia. Così ho chiesto al curatore una sua definizione di musica elettronica e lui ha risposto: “qualsiasi musica prodotta da strumenti elettronici”. Ho pensato che forse negli anni 60 una simile descrizione avrebbe potuto essere ancora soddisfacente, ma oggi non basta e nel corso del laboratorio, a dicembre, cercheremo proprio di indagare questo. Mi interessa la possibilità della scrittura elettronica in quanto scrittura, prima ancora di essere suono. Anche se non è ancora passato del tutto l’abbaglio conseguente il revival dei field recordings, le cose più interessanti che ho ascoltato negli ultimi anni in quell’ambito arrivano dall’est Europa. Recentemente ho suonato a Mosca e ho conosciuto diverse realtà locali che mi hanno colpito. Avanguardia è un’altra parola che andrebbe usata con cautela nel presente: si riferisce al periodo tra i primi due decenni del Novecento e lo definisce in opposizione a quanto accaduto prima. Oggi potrebbe avere un significato reazionario. Mi aspettavo la tua domanda sull’Italia, mi spiace deluderti, ma tra gli ultimi album che ho acquistato quelli che mi hanno colpito non sono italiani. Ma sono esterofilo, lo sono per necessità e da sempre, da quando in Italia non c’era molto da ascoltare e così era obbligatorio guardare altrove, per ascoltare, studiare ed imparare. Sono refrattario agli sguardi regionalistici perché spesso si finisce per inquadrare nobilitando gli artisti in quanto vessilli della versione italiana di nomi stranieri più noti. La stampa ci ha stremato con i Sonic Youth italiani, i Battles italiani, la Bjork italiana … Il risultato è che le imitazioni si son trasformate in esempi sradicando la sana abitudine di abbeverarsi alle fonti. Il problema è serio e gli effetti sul pubblico sono evidenti: siamo ancora agli anni 90. A me interessa la visione di chi suona, non quella altrui. Voglio sapere che ne pensi tu, non mi interessa sapere chi imiti. Si tratta di aver qualcosa da dire, non da ripetere. Una questione di unicità.

Esiste una traccia, contenuta nella colonna sonora di “Il passato è una terra straniera” nella quale il 'nuovo', rappresentato da una sorta di modern-classic (ancora lui...), dialoga con un passato dalle forti tinte post-punk. Mi riferisco a “Ti pare felice?”. Esiste qualche rimpianto nel lungo percorso musicale di Teardo, qualcosa di abbandonato lungo la strada e mai più ritrovato?

Siamo come missili che staccano pezzi durante la missione. C’è qualcosa di new wave che ogni tanto riaffiora, mi sorprende quando lo sento suonare da un quartetto d’archi, ma è innegabile, c’è. Ci sono dei tratti distintivi e formativi che non cancelli e che con ironia mi piace ritrovare in quel che sono, ma con il distacco necessario per confinarli in un ambito ben preciso che non intacchi la direzione di un album, che non sia tratto fondante, solo un semplice ricordo di quel che siamo stati per un periodo. Un momento intermedio che ha preceduto altre fasi di passaggio. Non ho rimpianti nel senso di occasioni mancate, rifarei più o meno tutto, solo che non ho il tempo di pensarci perché ora c’è talmente tanto da fare guardando in avanti che non penso mai al passato.

Teho, pensi di possedere ancora quella libertà appartenuta agli uomini selvaggi da te celebrati? Se credi di poterla ancora cavalcare, dove vorresti ti portasse...dove realmente ti porterà?

Sì, sono libero di fare tutto quello che mi pare, anche di sparire per sempre. Lo sono sempre stato e anche la mia musica è completamente libera ed esiste solo in quanto tale. Sono felice.

 
 

Link utili:

tehoteardo.com

Articoli associati:

Teho-Teardo-feat-Elio-Germano-esce-il-singolo-stanotte-cosa-succedera

Blixa-Bargeld-e-Teho-Teardo live

 
 

Commenti

Per inserire un commento devi effettuare il login utilizzando il modulo in alto a destra.

Sei nuovo? Registrati subito utilizzando il modulo di iscrizione che trovi qui.

    video

  • Teho Teardo: Showreel
  • Teho Teardo & Blixa Bargeld - Mi Scusi (video edit)
  • foto

  • Teho Teardo Photo
    Caricamento galleria...
  • Altre risorse

  • INTERVISTA_TEHO_TEARDO.pdf
    Intervista a Teho Teardo di Mirco Salvadori
RicercaSherwood
CalendarioSherwood
MappaSherwood
loading... loading...