Password dimenticata?

Mùm e Ane Brun live

Sesto al Reghena 19 luglio 2013

22Luglio2013

Venerdì 19 luglio nella piazza Castello di Sesto al Reghena, la cui bellezza viene presa in prestito ogni estate dal festival Sexto 'nplugged, puntuale alle 21,15 sale sul palco una donna che riesce con la sua sola presenza a far dimenticare tutto il cattivo gusto che invade l'immaginario gossipparo nostrano.

L'eleganza incantatrice di Ane Brun colpisce, la sua voce è straordinaria, non a caso è stata scelta da Peter Gabriel per i suoi tour (da sentire “Don't give me up” live dove interpreta la parte che fu di Kate Bush), la band è affiatata e supportata da una eccezionale sezione ritmica. Un'ora che vola tra canzoni più intimiste e  altre più spensierate.

E' pop, ma di alta classe.

 

Dopo Ane Brun tocca agli islandesi, e quando si parla di musica islandese i primi nomi a venire in mente sono gli ovvi Sigur Rós e Björk, poi, in seconda battuta, i Mùm.

C'è stato un periodo dove anche i “waver” più duri e puri, si avvicinarono alla nuova elettronica attraverso la sua parte più dilatata e sognante, soprattutto quando prendeva spunto dal dream pop con la voce che disegnava panorami di sconfinata bellezza e malinconia.

Si parlava di folktronica e i Mum erano una delle punte di diamante della scena.

Era l'inizio degli anni “00” e nel tempo  i nostri avrebbero perso per strada le due gemelline Valtýsdóttir. Fu veramente una brutta tegola per chi aveva amato quel cantato flebile e fanciullesco, ma ora che una delle due (Gyða) è tornata con quella voce infantile e sussurrata, i Mùm, con i loro suoni tenui e rilassati, con i loro ritmi insinuanti, tornano ad incantare.

La scaletta ripercorre la carriera del gruppo con alcune nuove canzoni dall'album che uscirà in settembre, come Toothwheels dove  Gyða improvvisa una narcolettica danza. Da segnalare, prima del bis, Gyða che dovendo prendere tempo per l'accordatura degli strumenti coinvolge il pubblico intonando “La casa” di Sergio Endrigo. Per entrare nella casa sonora Mùm, come in quella della canzone di Endrigo bisogna avere una certa confidenza con il mondo sognante di un fanciullo,solo così  la mancanza del soffitto diventa occasione per volare.

Il concerto è stato come volare in quelle notti di una decina d'anni fa, passate ascoltando questi suoni. Certo è passato un po' di tempo, ma riviverle in questo straordinario luogo ed insieme a tante altre anime sensibili non ha prezzo.

 
 

Setlist Mùm:

Sveitin milli sanda

Slow Down

We Have a Map of the Piano

Guilty Rocks

Weeping Rock, Rock

The Ballad of the Broken Birdie Records

Blow Your Nose

A Little Bit, Sometimes

One Smile

Green Grass of Tunnel

Toothwheels

Now There's That Fear Again

Encore:

The Island of Children's Children

 

 
 

Commenti

Per inserire un commento devi effettuare il login utilizzando il modulo in alto a destra.

Sei nuovo? Registrati subito utilizzando il modulo di iscrizione che trovi qui.

CalendarioSherwood
MappaSherwood
loading... loading...