Password dimenticata?

This Mortal Coil: It'll End In Tears

...e tutto inizierà da quelle lacrime...

8Ottobre2014

Sono passati trent'anni.

Era l'8 ottobre 1984 quando questo disco usciva per la mitica etichetta 4AD.

Un capolavoro assoluto. Uno di quei dischi che incantavano sin dalla copertina e per me, allora teenager appassionato di “strani” suoni, celava delizie sorprendenti e quell'emozionante sensibilità di cui t' innamori.

This Mortal Coil era una formazione "aperta" che raggruppava musicisti di gruppi legati alla 4AD (ma non solo, vedasi i casi di Howard Devoto e della violoncellista Gini Ball, moglie del buon Dave). Il cast del disco comprende: i Cocteau Twins al completo, la superlativa Lisa Gerrard (Dead Can Dance), Steven e Martin Young (Colour Box), Gordon Sharp (Cindy Talk), Mark Cox (Wolfang Press), Robbie Grey e Manuela Rickers (rispettivamente Modern English ed Xmall Deutscheland). Tutto coordinato e prodotto dai maghi della label Ivo Watts-Russell e John Fryer.

Dodici composizioni, metà delle quali sono delle covers versions (da Tim Buckley ad Alex Chilton, da Roy Harper ai Rema Rema, a Colin Newman).

E' un disco che privilegia le atmosfere della più profonda oscurità dove si alternano le narrazioni sonore più intimiste e suggestive che mi sia mai capitato di ascoltare.

Sarà stato che avevo l'età dei primi innamoramenti, quando tutto è vissuto più intensamente, ma quei rintocchi di campane marine, le stupende le voci di Elizabeth Frazer e Lisa Gerrard, il modo con cui si avvicendano limpidissimi accordi di chitarra, poderose ondate di synths, vocalizzi trascendenti, finirono per segnare per sempre la mia vita. Significarono il mio passaggio dall'ascolto di musiche tipicamente “rock/wave” a qualcosa di più etereo e particolarmente atmosferico. Il naturale sviluppo di una strada che abbandonava il furore punk verso un' interiorità che già era stata preannunciata in opere come quelle di Joy Division o Cure.

Quando poi l'incredibile versione che TMC fornì, di Song To The Siren di Tim Buckley cantata in modo sublime da Elizabeth Frazer fini nelle strade perdute di David Lynch, uno dei miei film preferiti, il cerchio si chiuse.

Le malinconiche e inquiete notti della mia adolescenza avevano trovato un'insostituibile compagno.

...e tutto inizierà da quelle lacrime...di emozione

 
 

 
 

Commenti

Per inserire un commento devi effettuare il login utilizzando il modulo in alto a destra.

Sei nuovo? Registrati subito utilizzando il modulo di iscrizione che trovi qui.

Articoli correlati

    video

  • This Mortal Coil - Song To The Siren
  • This Mortal Coil - Kangaroo
CalendarioSherwood
MappaSherwood
loading... loading...