Password dimenticata?

VVAA: I Have Tried in My Way to be Free

Read and Reread Leonard Cohen (Son Of Marketing free streaming)

30Ottobre2015

“Give me a Leonard Cohen afterworld So I can sigh eternally...”, cantava Kurt Cobain in Pennyroyal Tea. Una voce e dei testi davanti ai quali si sono arresi anche i più pericolosi e autolesionisti rockers ahimè non più in circolazione. Una sorta di amore universale verso l'autore canadese che ha indotto la webzine italiana Son Of Marketing a pubblicare una raccolta di sue tracce, interpretate da solisti e formazioni della nostra penisola.

L'idea è venuta a Fabrizio Testa, prolifico artista 'multitasking' milanese aiutato nel progetto da  Luca Andriolo, leader maudit dei Dead Cat In The Bag.  Alla cordata si sono uniti anche altri artisti tra i quali Cesare Basile, fresco di Premio tenco per il miglior disco dialettale, Salvo Ruolo, (r), Daniele Brusaschetto, Solki, Lukasz Mrosiski&Lorenzo Peyrani, Dirk Bogarde e Stella  Burns.

Non sono mai stato un amante delle rivisitazioni, meglio chiamate covers, ammetto però che iniziare l'ascolto lasciandolo fluire dolcemente dalle casse mi ha reso più propositivo in tal senso. Una release che sa disegnare molto bene quelle atmosfere sospese e indefinite alle quali l'ottantenne songwriter da sempre ci ha abituato. Un ascolto che si è particolarmente soffermato sulla cover di “Seems So Long Ago, Nancy”, una traccia tratta dal secondo album di Cohen del 1969 e interpretata da un insospettabile Daniele Brusaschetto reduce da un altro tributo, questa volta ai CCCP, e solitamente alle prese con le macchine o con uno dei suoi cinque side-projects. “New Skin For The Old Ceremony”, recitava il titolo del quarto album di Leonard Cohen, un titolo che ben si adatta a questa bella produzione tutta italiana.

 
 

 
 

Commenti

Per inserire un commento devi effettuare il login utilizzando il modulo in alto a destra.

Sei nuovo? Registrati subito utilizzando il modulo di iscrizione che trovi qui.

CalendarioSherwood
MappaSherwood
loading... loading...