Password dimenticata?

La Pazza Gioia di Paolo Virzì

Recensione di Luigi Finotto

3 Giugno 2016

La Pazza Gioia . E' l'ultimo film di Virzi'.
Film interessante anche se , nella filmografia di Virzi' , c'è di meglio,come ad esempio l'opera precedente: ”Capitale umano”.
La vicenda in estrema sintesi è questa. Siamo a Villa Biondi, una comunità terapeutica per donne con disturbi mentali. Tra le ricoverate ci sono Beatrice, una chiacchierona, logorroica, istrionica, megalomane e Donatella , una giovane donna fragile e silenziosa, alla quale hanno sottratto il figlio . Le due, diversissime tra loro, entrambe classificate come socialmente pericolose iniziano a frequentarsi e a stabilire un'inattesa complicità che raggiungerà l'apice in una breve fuga in cui cercheranno da una parte di riannodare i fili dolorosi e sbrindellati di un passato sbagliato e , dall'altra istanti di felicità o anche di semplice euforia . Al centro di tutto c'è la malattia mentale che Virzi' , qui, declina al femminile, quindi , con un sovraccarico di sensibilità e sfumature che il “femminile” ha in se, a prescindere dal disagio mentale o meno. Il film ha una impronta “basagliana” .
La malattia mentale si lega al disagio e rifiuto sociale: le due questioni possono scaturire l'una dall'altra e, comunque, non sono disgiunte. Ogni disagio mentale non è avulso della società e quest'ultima non può relegarlo e ghettizzarlo ,anzi deve farlo rientrare nel suo seno , come parte di se: la follia è anche un prodotto sociale e la società non può collocarla altrove da sè.
Le soluzioni meramente coercitive o strettamente farmacologiche/ospedaliere sono rimozioni del problema e la contrapposizione follia / sanità mentale è uno schema consolatorio e manicheo.


Questa è la premessa concettuale del film, quasi la cornice ideologica, e senza comprenderla è difficile capire a pieno la ragione , il senso e lo stesso sviluppo narrativo del film. La fuga delle due “matte” rappresenta proprio l'irruzione scomposta e caotica in quella società che le aveva rigettate in quanto non più' compatibili. Beatrice e Donatella riacquistano la loro soggettività nella fuga e, senza mediazione alcuna, affrontano la realtà, gestiscono le loro psicosi, maldestramente ma a modo loro, ricuciscono brandelli del loro passato, si scontrano,si fanno del male , cercano attimi di felicità , come fossero dosi di un farmaco da assumere per ripristinare la vita in loro. In questa giostra umana a volte tragica e altre colte comica , loro due appaiono agli altri nuovamente reiette ma ,nel contempo anche spiazzanti e inquisitorie,quasi fossero specchi deformanti nei quali i “sani” vedono riflessi i loro gesti passati ,come fossero , loro stesse, storie credute finite che ritornano , per rimescolare le carte , rimettere in discussione tutto e riprendersi il dovuto. Le “matte “ hanno molto da dire, da agire, da fare. Tutto si svolge in una splendida Toscana, tra i colli e il mare. Un ambiente che sa essere tenero ma anche ostile, che le due conoscono, che sanno maneggiare . La Toscana di Virzi', fa da sfondo a dinamiche complesse e umane, sempre meno relegabili allo schema rassicurante sani /matti. Sia ben chiaro che Virzi' non riduce mai la malattia mentale ad un fenomeno di eccentricità o bizzarria. Beatrice e Donatella sono mentalmente disturbate e come tali appaiono per tutto il film ma non per questo sono prive di una loro soggettività, capacità e volontà di dare direzione alla loro vita e alle loro giornate.

La fuga termina con un volontario rientro nella struttura d'accoglienza che appunto accoglie e non rinchiude, è un punto di approdo, una tappa e non un capolinea. La sceneggiatura, in un film molto di parola e sfumature, è fondamentale. La mano di Francesca Archibugi, qui co sceneggiatrice, è felice e si sente (aveva già affrontato analoghe tematiche ne “il grande cocomero”). Virzi mantiene ben saldo il ritmo della commedia, senza mai far calare la tensione emotiva, spesso drammatica, del racconto:questo nella migliore tradizione della commedia all'italiana di cui Virzi' è sicuramente il piu' brillante epigono . L'asse portante, vera rivelazione del film è Valeria Bruni che rivela persino doti istrionesche, capacità drammatica mai disgiunta da una inaspettata verve comico brillante. Virzi la mette nelle condizioni ideali e le cuce addosso un ruolo che esalta il suo particolare stile di recitazione: nevrotico, verboso, tormentato, attento a dettagli e sfumature . La Bruni trascina letteralmente il film dal registro comico al livello introspettivo maniacale. Beatrice (Valeria Bruni) è in effetti incontenibile: non tace mai , giudica tutto e tutti, è al di la di ogni regola . Indubbiamente è una donna intelligente, forse anche oltre la media e la sua intelligenza si esalta in un talento camaleontico da zelig : è fantastica la scena in cui si presenta a Donatella, appena ricoverata, come la psichiatra della comunità e in men che non si dica butta giu' diagnosi e cura,apparendo convincente o l'altra scena in cui si presenta alla famiglia adottiva del figlio sottratto a Donatella, per perorare la causa dell’amica riuscendo a spacciarsi per la psicologa e a farsi ascoltare. Micaela Ramazzotti, pur brava, è apparsa meno convincente della Bruni, un po troppo ingessata in una maschera rigida .

Bel film, coraggioso. Come tutte le opere a tesi (e questa lo è ) talvolta pecca di qualche eccessiva semplificazione ma sono sbavature che vengono assorbite dal valore generale del film.

 
 

Commenti

Per inserire un commento devi effettuare il login utilizzando il modulo in alto a destra.

Sei nuovo? Registrati subito utilizzando il modulo di iscrizione che trovi qui.

    video

  • La Pazza Gioia
CalendarioSherwood
MappaSherwood
loading... loading...