Password dimenticata?

Dedicato a ...

Pensieri sparsi di un disertore #2

26 Agosto 2018

Dedicato agli inopportuni

A volte le parole se ne vanno altrove. Nascono in un contesto, per dire una cosa, e finiscono per generarne un’altra.
Per esempio, secondo me, l’abitudine diffusa di liquidare i razzisti come “ignoranti” è profondamente sbagliata. Sbagliata perché trasmette l’idea di superiorità, di élite e comunica che non vale la pena di mobilitarsi contro: meglio ignorare gli ignoranti, perché intanto son destinati a scomparire pian piano da soli con i mutamenti del mondo.
Il razzismo non è l’ignoranza, o almeno non solo, ma è la negazione dei principi fondanti di libertà, uguaglianza e solidarietà per tutte le donne e gli uomini del mondo. Insomma trovo che sia meglio chiamare il razzista : “fascista”, “reazionario”, “servo del potere”, o più semplicemente “pezzo di merda”.
Proprio come ha fatto Massimo Cacciari.
È normale che coloro che si sono sentiti chiamati in causa dalle parole di Cacciari se la prendano, ma purtroppo anche altri hanno giudicato quelle parole “inopportune”.
Quell’aggettivo (inopportuno) mi ha illuminato.
Perché per certe persone bisogna essere sempre opportuni. Dire cose educate, compatibili, remissive. Tanto opportune da risultare inutili, inconsistenti.
Io continuo invece a sognare suoni, musiche, immagini e quindi anche parole “incompatibili”.
Anche rischiando che le parole se ne vadano altrove, che nascano per produrre un senso e ne producano un altro. Anche sapendo di risultare un po’ meno “per bene”, un po’ più sporco e cattivo, ma nella convinzione che almeno in questo caso siano intese come espressione di indignazione, di netto rifiuto, di ripulso verso persone spregevoli che alla fine finirano nelle fogne.
È inopportuno forse, ma è il bello dello scrivere e del parlare.

 **************************************************************************

Dedicato a chi ama ancora il “dark”

 “sai come finiscono le civiltà? Quando l'idiozia dilaga con moto naturalmente accelerato” (da il diavolo probabilmente... di R. Bresson) 


tempi bui,
crisi del lume della ragione,
tramonto del sogno di dominare il sonno dell’intelletto
e di rendere fluide e permeabili le frontiere del sapere.
La fioca fiamma (della ragione) ora vacilla, tremola,
e ci tocca proteggere le poche foglie di fuoco dal vento
prima che resti solo un tronco di cera.

...nella nostra musica, per fortuna, il buio si mantiene intrigante e misterioso
ci piace rannicchiarci nella sua oscurità e socchiudere gli occhi:
lì e solo lì,
dentro i chiaro/scuro del suono
possiamo ancora liberare la mente
e affrontare il buio che avvolge
“il deserto del reale.

 **************************************************************************

 Dedicato agli arrampicatori di specchi

Passeggiando in centro, per strada, in piazza, andando a cena con amici mi ritrovo sempre più spesso davanti ad arrampicatori di specchi con le unghie sempre più insanguinate che continuano a ricercare una giustificazione per sostenere il “governo del cambiamento”. Elettori del m5s che giustificano l’alleanza con Salvini in nome di una cosa (che non ho ancora capito cosa veramente significa) chiamata onestà.
Mi limito a dire che, se questi sono gli onesti, preferisco i ladri se aiutano un bambino a non annegare.
Da parte mia, del resto, per contrastare questa deriva faccio quello che posso, che è pochissimo, una goccia nel mare: vado a dare il benvenuto ai profughi che arrivano da queste parti, porto a loro delle bici, ci gioco a calcio, ascolto le loro storie. Ma gli arrampicatori di specchi sogghignano e lo chiamano buonismo. Mi rattristo oltre modo perché mi rendo conto che la loro rabbia e il loro rancore sono diventate cinismo. Non uso la parola “fascismo” solo perché ancora non posso immaginare che certe persone (alcuni sono amici) siano arrivate ad esserlo.
E anche se sono convinto che ci sia sempre meno di umano nella nostra società non mi va di apparire triste.
Non lo sono, la mia vita è, nonostante tutto, inquietamente felice, e ho il dovere di padre di essere allegro, di comunicare la felicità possibile.
Quindi esco a passeggiare, per strada, in piazza, vado a cena con amici e cerco umilmente di consigliare qualche concerto, qualche canzone da ascoltare, qualche film da vedere, che magari aiuti a guardarsi dentro allo specchio invece di tentare inutilmente di arrampicarlo.

**************************************************************************

Dedicato ai consumatori compulsivi

(15 agosto 2018 - giardino dei vicini di casa)

Un vortice di corpi, di carne umana, corpi fritti dal sole nel grasso loro.

Corpi adulti di maschi in canottiera da cui debordano le pieghe di sebo sub-ascellari e apparati digerenti che fanno scivolare giù i corti pantaloni fino ad esibire mezzi culi e contemporaneamente fanno salire su la canotta mostrando le pance cadenti. Corpi di femmine larghe in leggings aderenti a mostrare le loro ampissime curve. Corpi di figli adolescenti aspiranti eredi dei corpi genitoriali.

Teste ustionate, capigliature sudate che karaokano a volume insostenibile motivi neo melodici fermandosi solo per addentare il grasso suino colante fornito da griglie roventi che arroventano ancor di più la transumanza di vassoi pieni dal punto di fuoco all’altrettanto infuocata tavolata di mascelle masticanti. E se invece di karaokare li senti parlare stenti a trovare un essere umano dentro questa zuppa alcolica e carnosa fatta di vocali seriali e rutto libero.

Il disinfettante tsunami odor di plastica e cloro arriva dopo il classico tuffo nel piscinone prima che finisca la digestione. Poi a coronazione ecco il caffè con dovuta correzione prima di un’accennata partita a pallone. Allo sport hanno solo accennato perché sta già arrivando il gelato.

E il ripetersi vorticoso di questo girone infernale sembra non placare l’affamata fame.

Poi finalmente arriva il temporale… e meno male!

 
 

Diserzioni logo

 
 

Commenti

Per inserire un commento devi effettuare il login utilizzando il modulo in alto a destra.

Sei nuovo? Registrati subito utilizzando il modulo di iscrizione che trovi qui.

Articoli correlati

CalendarioSherwood
MappaSherwood
loading... loading...