Password dimenticata?

Cambiamo Musica?

Una lettera aperta per aprire un confronto più che mai necessario

11Maggio2020

Cambiamo musica?
Una lettera aperta per aprire un confronto più che mai necessario.

Il settore della cultura, e ancor di più dello spettacolo, è abbandonato e rimane sotto una coltre di imbarazzante silenzio.

E’ un settore ad alta intensità di prossimità sociale perché la produzione culturale nel suo farsi ha bisogno di qualcuno che fruisce del suo “prodotto”.

Gli eventi musicali (e spettacolistici in generale) dal vivo sono uno dei settori più colpiti dalle limitazioni imposte per contenere la pandemia Covid-19, anche per il loro perdurare.

I tempi della ripresa della musica live sono colpevolmente indefiniti dal governo, la sorte degli “attori” di questo articolato mondo è più che mai incerta, il sistema è al collasso. Migliaia di lavoratrici e lavoratori dello spettacolo, senza i quali questo mondo non potrebbe girare, sembrano essere invisibili: senza nessun tipo di tutela e sostegno economico.

Lo “shock” è profondo e l’impegno di ognuno finalizzato a “salvare il salvabile”.

Noi crediamo che sia importante cogliere questa occasione per riflettere, certo, sul qui e ora, ma allo stesso tempo siamo profondamente convinti che questa crisi può essere un'occasione straordinaria per ripensare completamente questo sistema.

Ragionando di un'idea di resilienza che non sia, come da etimologia, il ritornare nella condizione in cui si era prima, ma che sia un'idea di resilienza che ti fa assumere un'altra forma.

Questo trauma, questo schianto contro qualcosa che non ti aspettavi, potrebbe essere occasione per capire come ricominciare in maniera diversa, per aprire un confronto, una discussione.

A noi sembra evidente che qualcosa non funzionava perché è un "mercato" in cui vince il più ricco e il più forte.

Da diverso tempo, prima dell'emergenza da Covid-19, abbiamo discusso e deciso che era arrivato il momento di prendere parola per denunciare la situazione, ormai insostenibile, in cui versa la musica live. Un tema di cui non si parla pubblicamente, soffocato da un silenzio assordante.

Questa lettera vuole lanciare un segnale per aprire un dibattito pubblico.
Il tema è molto complesso, ne siamo consapevoli. Non vogliamo semplificare e molto ci sarebbe da dire e da approfondire.

Per questo abbiamo scelto di partire da un dato oggettivo con il quale dobbiamo maledettamente fare i conti ogni volta che organizziamo un concerto o un festival.

Da alcuni anni ormai stiamo assistendo ad un aumento importante dei costi della musica, in particolare dei cachet di artiste e artisti e delle produzioni.
Ciò mette a rischio l'esistenza stessa della musica live, sempre più minacciata dal pesante monopolio esercitato dalle multinazionali.

Questa situazione è ancora più complessa per chi crede che i concerti, siano, prima di tutto, spazi di attivazione sociale e culturale.
Per chi, nonostante tutto, crede che l’arte debba essere anche un diritto sociale.

Il “sistema”, per come era prima, è destinato a far scomparire molte realtà medio piccole, che sono anche le prime a pagare questa crisi.
Si rischia di snaturarne altrettante che invece vogliono rimanere libere e indipendenti nella proposta, nell'organizzazione e nel metodo. Si rischia di tenere in vita solo chi può permettersi di continuare a livellare, al rialzo, il costo dei biglietti.

Oggi, poi, la posta in palio è decisamente più alta: ad essere messa in discussione non è "soltanto" la tenuta di un mercato già fragile di per sé; si sta rischiando non "solo" un patrimonio immenso e tangibile (monetizzabile dal mercato) accumulato da abilità professionali, capacità artistiche, creatività produttive, intelligenze e competenze, che, necessariamente vanno tutelate e salvaguardate.

Ciò che è in gioco è in fondo il "bene" più prezioso che sta alla base e fa girare la "giostra", la natura e la funzione stessa dell'evento live, del concerto: lo stare insieme!

Sopra, sotto, dietro, ai margini, prima e dopo, fisicamente e metaforicamente...su quello stesso palco ci vogliamo e dobbiamo tornare tutti e tutte, per emozionare ed emozionarci, per ridere, cantare, saltare, lavorare, litigare, sudare insieme.

E per riuscirci non dobbiamo aver paura di cambiare, di metterci in gioco, di abbandonare interessi specifici, insomma di "guardare la Luna".

In questo articolato mondo alcuni/e possono fare delle scelte, possono mettere in campo dei rapporti di forza, possono esprimere e rivendicare una differenza.

Lo sappiamo perché noi lo facciamo da quando esistiamo. Giochiamo nella contraddizione, con passione ma anche con professionalità e competenza cerchiamo di costruire spazi dove la musica abbia una grande importanza ma allo stesso tempo non sia un “prodotto” senz'anima.

Siamo riusciti a costruire festival o concerti, nei quali si crea un'atmosfera unica tra artista, pubblico e organizzatore, garantendo qualità e professionalità in quello che facciamo.

In sintesi i nodi che noi riteniamo più critici sono:
- scarsa attenzione ai festival indipendenti e, in generale, alle realtà con un taglio più sociale
- aumento esponenziale dei cachet degli artisti e degli oneri di produzione
- prezzo dei biglietti d’ingresso in crescita incontrollata
- pratiche monopolistiche / di esclusività forzata imposte agli artisti dalle multinazionali
- cambiare la logica delle mega produzioni
-  imposizione di canali di prevendita esclusiva
-  nessuna tutela per tecnici e lavoratori dello spettacolo (fra i primi colpiti dallo stato di crisi, se non i primi)
- suddivisione iniqua dei rischi in caso di annullamento dell’evento per cause non imputabili al controllo o alla volontà dell'organizzatore.

Noi firmatari siamo pronti al confronto con chi vorrà provare a costruire un futuro diverso e possibile per molti e molte, con e per la musica.

Chi volesse sottoscrivere questa lettera può scrivere a: cambiamomusica.italy@gmail.com

Salviamo il salvabile, ma cambiamo musica!
Festival Alta felicità, Festa di Radio Onda D’Urto, Sherwood Festival

 
 

Links utili:

Pagina Facebook di Cambiamo musica?

 
 

Commenti

Per inserire un commento devi effettuare il login utilizzando il modulo in alto a destra.

Sei nuovo? Registrati subito utilizzando il modulo di iscrizione che trovi qui.

CalendarioSherwood
MappaSherwood
loading... loading...