Password dimenticata?

I Cosse: dalla Francia un viaggio sulle cime tempestose del post-rock

La recensione del primo album della band

11 Giugno 2020

Alfieri duri e puri del post-rock, i francesi Cosse consegnano alle stampe il loro primo album, Nothing Belongs To Anything. Salta subito all’orecchio la presenza degli Slint nel loro DNA. I brani sono ampi e destrutturati, come comanda il verbo degli indimenticati profeti di Spiderland.

Più che la ripetizione estatica di tanto post-rock si cerca la giustapposizione asimmetrica di blocchi sonori, in chiave assolutamente drammatica. Accelerazioni di tempo, inciampi e improvvisi muri di chitarre sorprendono continuamente l’ascoltatore, con indubbia efficacia. Da questi cumulo-nembi di suono emerge la voce, ora riverberata e sommersa, ora urlata e rauca.

I nostri tuttavia hanno una sensibilità indubbiamente personale e declinano il verbo Slint in chiave romantica, atmosferica, sognante. Certo, il noise c’é, ma è piacevolmente calibrato fra delay e riverberi, la batteria picchia profonda e compressa, il sound risulta in generale morbido e avvolgente. I quattro parigini, col loro suono monolitico e dilatato, sembrano raccontarci storie intimamente fragili e delicate.

Ne risulta un disco ben fatto da ogni punto di vista, che potrebbe piacere non solo ai seguaci del genere ma anche ad un pubblico interessato a viaggi sonici diversi dalle solite canzoni da spiaggia.

Cosse - "Nothing Belongs To Anything"

(12 giugno 2020, À tant Rêver du Roi / Grabuge Records)

1. Welcome Newcomers

2. Pin Skin

3. Sun, Forget Me!

4. Seppuku

5. The Ground

 
 

Commenti

Per inserire un commento devi effettuare il login utilizzando il modulo in alto a destra.

Sei nuovo? Registrati subito utilizzando il modulo di iscrizione che trovi qui.

CalendarioSherwood
MappaSherwood
loading... loading...