Password dimenticata?

Rileggendo Julio Cortázar si afferrano delle sottigliezze volutamente nascoste in un parossismo tipico della scrittura più concettuale, che potrebbero sfuggire d un prima lettura. Il tempo e il suono: sono queste le due ossessioni, amalgamate tra reale e fittizio, nel romanzo “Il persecutore” riedito da Einaudi nel 2017 (fu pubblicato per la prima volta nel 1959).

ReadBabyRead_586_Cortazar_7

Julio Cortázar: Il persecutore (7)

14Aprile2022

Rileggendo Julio Cortázar si afferrano delle sottigliezze volutamente nascoste in un parossismo tipico della scrittura più concettuale, che potrebbero sfuggire d un prima lettura. Il tempo e il suono: sono queste le due ossessioni, amalgamate tra reale e fittizio, nel romanzo Il persecutore riedito da Einaudi nel 2017 (fu pubblicato per la prima volta nel 1959).


ReadBabyRead #586 del 14 aprile 2022


Julio Cortázar
Il persecutore

(7a parte)

per info su F. Ventimiglia e C. Tesser:

Sito web
Lettura e altri crimini

ReadBabyRead podcast su iTunes
iTunes podcast

ReadBabyRead podcast su Spotify
Spotify podcast


voce: Francesco Ventimiglia



"Dédée mi ha chiamato nel pomeriggio per dirmi che Johnny non stava bene, e sono andato subito all’albergo. Da qualche giorno Johnny e Dédée abitano in un albergo di rue Lagrange, in una stanza al quarto piano. Mi è bastato vedere la porta della stanza per capire che Johnny vive nella piu squallida miseria; la finestra dà su un cortile quasi nero, e già all’una del pomeriggio si deve tenere accesa la luce se si vuole leggere il giornale o vedersi la faccia. Freddo non fa, ma ho trovato Johnny avvolto in una coperta, sprofondato in una poltrona bisunta che perde ciuffi di stoppa giallastra da tutte le parti. Dédée sembra invecchiata, il vestito rosso le sta malissimo; è un vestito fatto per il lavoro, per le luci di scena; in quella stanzetta d’albergo si trasforma in una specie di ripugnante grumo di sangue.



Charlie Parker, il jazz, e Il persecutore di Cortázar


Come si può pensare un quarto d’ora in un minuto e mezzo?“, chiede Johnny Carter a Bruno lasciandolo di stucco. Johnny è il protagonista del racconto di Julio Cortázar Il persecutore (o L’inseguitore, secondo l’edizione Sur) ispirato al geniale jazzista Charlie Parker. Bruno è il critico musicale che sta scrivendo un libro su di lui e il modo in cui ha rivoluzionato la musica jazz. La scrittura di Cortázar si fa allegramente beat, nel senso kerouackiano della parola, vorace e vitale: ci presenta Carter in tutta la sua follia, per le strade di una Parigi ubriaca e sonnambula.

Lo scrittore argentino amava la musica, in particolare il jazz: il personaggio di Johnny nasce da questa predilizione oscura, a tratti le parole diventano così vive nel racconto da diventare vera e propria musica. “Johnny è passato per il jazz come una mano che volta la pagina” – il cuore del racconto è questo, il genio e la follia di Parker si respirano per tutte le pagine, mentre con una mano le giri una alla volta, e ti innamori – in questa perdizione jam di parole – di questa storia, te ne fai possedere, ti incanti. Johnny e la droga, Johnny e le parole senza senso, che ripete a Bruno a ogni incontro, Johnny e la sua follia lucida, poi offuscata da droghe alcol e musica jazz, il sax che permette di entrare in un’altra dimensione dell’essere, in connessione con tutti i ricordi di una vita intera che affollano la mente assurda di Johnny. E nel mezzo Bruno, con la sua razionalità, affascinato da questo talento che rivoluziona il modo di suonare la musica jazz, e che sta provando a descriverlo – tutto questo – nel suo libro. Nel mezzo le donne di Johnny, la marchesa che gli procura il denaro per comprare la droga, il libro di poesie di Dylan Thomas che porta sempre con sé, e la musica – quella megera salvatrice di serate andate alla malora.

Nessuno può sapere che cos’è che Johnny persegue, ma è così, si trova lì in Amorous, nella marihuana, nei suoi insensati discorsi su tante cose, nelle ricadute, nel libretto di Dylan Thomas, in tutto quel povero diavolo che è Johnny, nella sua piccolezza che lo ingrandisce e lo converte in un assurdo vivente, in un cacciatore senza braccia e senza gambe, in una lepre che corre dietro a una tigre che dorme.

In un discorso sull’arte del racconto tenuto a Cuba in epoca rivoluzionaria, Cortázar ripeteva che un buon racconto deve sequestrare momentaneamente il lettore, e per far questo bisogna agire per sottrazione, eliminando tutte “le idee e le situazioni intermedie, tutti i riempitivi“. Il persecutore agisce proprio in questo senso, siamo immediatamente catapultati dentro la vita – umana e mentale – di Johnny, incantati dalla sua voracità, e incuriositi dalla direzione che prenderanno gli eventi. Non che ci siano particolari eventi significativi nel racconto, o cose che succedono. Il tempo è circolare, grazie a Johnny viaggiamo all’indietro attraverso pezzi della sua infanzia, e poi andiamo avanti a tentoni verso l’esperienza di magnifica esplosione di follia, e il ricovero a New York (si seguono le tracce della vera storia di Charlie Parker). Anche qui, come nella splendida Rayuela, lo scrittore argentino sfoggia la sua idea di tempo e narrativa al di fuori dei canoni realisti.

Sempre nello stesso discorso a Cuba, rivolgendosi agli scrittori cubani, Cortázar ci teneva a ricordare che scrivere rivoluzionariamente “non significa scrivere obbligatoriamente della rivoluzione stessa“. Per un borgesiano affezionato ai miti che inventò le storie di cronopios e famas non è difficile immaginare un concetto del genere. Uno scrittore può essere rivoluzionario anche scrivendo opere di fantasie, anche con un tocco di surrealismo e realismo magico: se invece è costretto a scrivere di rivoluzione il suo genio narrativo sarà costretto a delle regole, con cui uno scrittore non può scendere a compromessi. Dunque, tutte le pagine di Cortázar sono sempre catturate e ossessionate da un senso del fantastico, che ovviamente spesso cede a una vena da umorista. Anche in questo racconto l’elemento fantastico non manca, a cominciare dalla città, i cui luoghi si espandono e restringono a turno, come se vivessimo conficcati dentro la mente di Johnny. La stessa posa seria del critico Bruno che segue – persegue – Johnny diventa in qualche momento fantasticamente umorista.

Uno scrittore di racconti è un uomo che, all’improvviso, circondato dall’immenso gergo del mondo, vincolato in maggior o minor grado alla realtà storica che lo contiene, sceglie un determinato tema e ne fa un racconto. Questo scegliere un tema non è tanto semplice. A volte lo scrittore di racconti sceglie, e altre volte sente come se il tema gli si imponesse in modo irresistibile, lo spingesse a scriverlo. Nel mio caso, la maggior parte dei racconti sono stati scritti – come dire – al margine della mia volontà, al di sopra e al di sotto della mia coscienza raziocinante, come se io non fossi altro che un medium attraverso il quale passasse e si manifestasse una forza estranea.

È così che Charlie Parker suonava il suo sax.

Giovanna Taverni
L’Indiependente, 08.09.2016


Le Musiche, scelte da Claudio Tesser

Charlie Parker, The Song Is You [Oscar Hammerstein II/Jerome Kern]
Godspeed You! Black Emperor A Military Alphabet (five eyes all blind)[4521.0kHz 6730.0kHz 4109.09kHz] / Job's Lament / First of the Last Glaciers / where we break how we shine (ROCKETS FOR MARY) [Godspeed You! Black Emperor]
Francesco Bianconi, Forever [Bianconi/Trabace]
Charlie Parker, Dizzy Gillespie, Charles Mingus, Bud Powell, Max Roach, All The Things You Are [Hammerstein/Kern]
Rachels, The Voyage Of Camille [Rachel Grimes]
Francesco Bianconi, Heroes [David Bowie]
Charlie Parker, Now's The Time [Charlie Parker]
Charlie Parker, Chi-Chi [Charlie Parker]
Low, No Comprende [Low]
Godspeed You! Black Emperor, Lambs’ Breath [Aidan Girt/Bruce Cawdron/David Bryant/Efrim Menuck/Mauro Pezzente/Michael Moya/Sophie Trudeau/Thierry Amar]
Baustelle, Via Dalla Festa II [F. Bianconi]
Van Morrison, Madame George [Van Morrison]
Baustelle, Il Premio [F. Bianconi]
Charlie Parker, Ballade [Coleman Hawkins/Charlie Parker]
Rachels, Lloyd's Register [Rachel Grimes]
Lana Del Rey, Venice Bitch [Jack Antonoff/Lana Del Rey]
Charlie Parker, Star Eyes [Gene Paul/Don Raye]
Charlie Parker, Now's The Time [Charlie Parker]
Godspeed You! Black Emperor, Piss Crowns Are Trebled [Aidan Girt/Bruce Cawdron/David Bryant/Efrim Menuck/Mauro Pezzente/Michael Moya/Sophie Trudeau/Thierry Amar]
Charlie Parker, Kim [Charlie Parker]
Charlie Parker, Now's The Time [Charlie Parker]
Charlie Parker/Miles Davis, Little Willie Leaps [Charlie Parker/Miles Davis]
Van Morrison, Beside You [Van Morrison]
Miles Davis, He Loved Him Madly [Miles Davis]

 
 

Copertina:
Una foto dello scrittore Julio Cortázar che suona la tromba.

 
 

Commenti

Per inserire un commento devi effettuare il login utilizzando il modulo in alto a destra.

Sei nuovo? Registrati subito utilizzando il modulo di iscrizione che trovi qui.

    audio

CalendarioSherwood
MappaSherwood
loading... loading...