<![CDATA[sotterranei | Sherwood - La migliore alternativa]]> https://www.sherwood.it/tags/1494/sotterranei/articles/1 <![CDATA[Intervista ad Alberto Almas]]>

Indica ha avuto il piacere di intervistare uno degli artisti più interessanti degli ultimi mesi: Alberto Almas.

Pubblicatonel per Slimer Record e Dischi Sotterranei l'album L'Amor Te, la sua musica si caratterizzaper uno spiccato uso di sintetizzatori e atmosfere dark, dove l'Io e la società odierna trovano una narrazione attenta e veritiera.

Matteo ha voluto andare a fondo di questo lavoro per capire la filosofia e il background che hanno guidato Alberto nella composizione.

Ad inizio intervista potete ascoltare I e alla fine V.

Ascolta l'Amort Te

Facebook page

Vi lasciamo con il podcast dell'intervista sul player a destra della pagina.

Segui Indica su Facebook!

]]>
info@sherwood.it (Sherwood Network)
<![CDATA[In Diretta dal Festival 2019 Day 5 - Interviste a Roncea, Bartolini e Sotterranei]]>

Dopo la serata di marzo al C.S.O. Pedro, tornano i Sotterranei. Questa volta allo Sherwood Festival 2019, ospitiamo la Sotterranei Night #5, con i live di Roncea e Bartolini che abbiamo avuto ospiti nel nostro stand e nella nostra trasmissione "In Diretta dal Festival" e li abbiamo instervistati insieme ai ragazzi dei Sotterranei.

Puoi trovare il podcast della diretta radiofonica e i concerti qui a lato

Puoi trovare il report della serata qui

]]>
info@sherwood.it (Sherwood Network)
<![CDATA[Sotterranei Night #5 a #sherwood19 - Live Report]]>

Quinta edizione della Sotterranei Night, quinta serata del festival. Sherwood 2019 apre la sua seconda settimana musicale con una serie di live in second stage organizzati assieme al collettivo underground. I giovani dal 2013 hanno contribuito a smuovere le acque della scena padovana e da anni propongono al festival una coppia di artisti: uno esterno e uno che fa parte del roaster della loro etichetta: Dischi Sotterranei.

La serata di martedì 11 giugno si presenta con un clima rilassato e positivo. Sulle 21,10 parte Roncea, artista uscito di recente con l’album Presente, che ammalia il pubblico con un rock cantautorale di pregiata fattura. Sa cucire con abilità sartoriale melodie e suoni alle parole. I massimi punti della sua esibizione si raggiungono nelle canzoni Fuggir via da qui e Muro, due brani che raccontano il viaggio e al contempo la difficoltà del movimento, dello spostarsi.

Dal vivo la voce ha il giusto timbro per portare il pubblico dentro ai suoi mondi in maniera gentile e per nulla forzata: non è un artista “hard” che spacca la scena, irrompendo furiosamente. Invita ad entrare parale dopo parola, nota dopo nota, e questo modus operandi forse permette meglio all’ascoltatore di immergersi nel clima del concerto, ancor più disteso e divertente. Il sentire di chi torna a casa dopo molto.

Sulle 23 invece, dopo un cambio palco, dovrebbe iniziare a suonare Bartolini, ma i classici imprevisti di scena si palesano, il basso non vuole portare il segnale al mixer, e l’artista attacca una cover di Marmellata #25 di Cremonini, solo voce e chitarra elettrica. Il pubblico apprezza e canta a squarciagola un brano oramai grande classico del repertorio della musica pop italiana.

Finalmente le cose si sistemano e il concerto vero e proprio s’accende: Bartolini genera un rock dal sapore pop che rimane bello spinto in ogni sua fase ascendente. Parte piano e poi esplode: una forma canzone collaudata con la quale riesce a esprimersi al meglio. Live dà la giusta sottolineatura alla melodia e all’emotività nelle parti iniziali delle canzoni, per poi contribuire al fuoco e all’energia degli strumenti, in particolare la batteria guida le vibrazioni fisiche e dell’umore. Quest’ultimo è lo strumento destinato a gestire i cambi di tensione e spinge le persone a ballare fino a pogare sotto palco. Penelope (dal primo full lenght BRT vol.1) è la performance più riuscita, sentita, condivisa fra musicisti e pubblico, e fra il pubblico stesso. Il cantante smolla a terra la chitarra qualche volta, dimostrando tutta la scarica di potenza percepita dentro un flusso in comune con la folla.

La Sotterranei Night si conclude con un bis finale e un saluto al pubblico, le cui birre iniziano a farsi vuote e i volti un po’ sudati. In generale quello che rimarrà negli anni a venire, e che cresce, anzi, di edizione in edizione, è di come il team up musicale fra Sherwood Festival e Sotterranei riesce a farti sentire a casa, artisticamente parlando, consapevole che nella Città del Santo la musica vive, pulsa ed è sempre di passaggio! Senza confini.

]]>
info@sherwood.it (Sherwood Network)
<![CDATA[Sotterranei 5ª Ed. allo Sherwood 2019]]>


Martedi 11 Giugno 2019


Second Stage

Sotterranei a Sherwood

5ª Edizione

Vai alla Pagina Facebook


Bartolini

Vai alla Pagina Facebook


Roncea

Vai alla Pagina Facebook


Sherwood Festival 2019
Park Nord Stadio Euganeo
Viale Nereo Rocco - Padova
#sherwood19


Apertura cancelli: ore 19.00

Inizio Concerto: ore 21.00


1€ può bastare

Per questo evento non esistono prevendite, si pagherà direttamente
1 € all'ingresso del festival il giorno del concerto



Bartolini


Bartolini è un ragazzo del 1995 nato in riva al mare e presto adottato dalla città. Comincia da giovanissimo a scrivere musica nella sua stanza e pubblica i suoi primi pezzi in italiano grazie al supporto del collettivo romano Talenti Digital.

Dal risultato delle influenze indie-rock/post-punk individuabili nella sua scrittura e la collaborazione con il suo produttore Marco Blarzino, ne esce fuori un mix di sonorità in bilico tra la new wave d’oltreoceano (Beach fossile, Wild Nothing) e il cantautorato all’italiana.

Bartolini è al lavoro sul suo primo disco in uscita nel 2019 anticipato da singoli come “Like”, “Nel mare annegare” e “Penelope” e dal prossimo singolo ‘Ferrari’ in uscita a Gennaio.

Bartolini è un ragazzo del 1995 nato in riva al mare e presto adottato dalla città. Comincia da giovanissimo a scrivere musica nella sua stanza e pubblica i suoi primi pezzi in italiano grazie al supporto del collettivo romano Talenti Digital.

Dal risultato delle influenze indie-rock/post-punk individuabili nella sua scrittura e la collaborazione con il suo produttore Marco Blarzino, ne esce fuori un mix di sonorità in bilico tra la new wave d’oltreoceano (Beach fossile, Wild Nothing) e il cantautorato all’italiana.

Bartolini è al lavoro sul suo primo disco in uscita nel 2019 anticipato da singoli come “Like”, “Nel mare annegare” e “Penelope” e dal prossimo singolo ‘Ferrari’ in uscita a Gennaio.

Roncea

Nicolas J. Roncea, classe 1987, è un artista di origine francese cresciuto in Italia nella zona delle Langhe e del Roero, territorio che adora e che inevitabilmente influenza la sua musica.

Il suo primo album, “Old Toys” (2012) ottiene ottime recensioni dalla critica ed apprezzamenti da parte del pubblico e vede la collaborazione con alcuni componenti di band come Marta sui tubi, Verdena, Perturbazione. Il disco entra in rotazione su emittenti televisive come Italia2 e Mtv, e Roncea lo porta in tour lungo lo stivale, assieme a Carmelo Pipitone (Marta sui Tubi) alla chitarra.

Nel 2014 esce “Eight Part One”, presentato in anteprima su Youtube attraverso una serie di video che raggiungono complessivamente più di 40.000 visualizzazioni.

Nel settembre del 2016 esce il terzo album dal titolo “Roncea & The Money Tree”, che ottiene ottime recensioni in Francia e viene trasmesso in diverse radio del circuito indipendente francese.

Il 2017 vede Roncea nuovamente in tour in Italia, accompagnato sempre da Carmelo Pipitone, con il quale prosegue la collaborazione anche nel 2018, quando lo accompagna in più di 50 date per la presentazione del primo album solista del chitarrista.

Il suo quarto lavoro in studio, “Presente”, è il primo disco in italiano, prodotto da Manuel Volpe al Rubedo Recording Studio di Torino e in uscita il 1 febbraio 2019 per Dischi Sotterranei.

]]>
info@sherwood.it (Sherwood Network)
<![CDATA[Dischi Sotterranei Night, le interviste alle band]]>

Radio Sherwood presenta in questo podcast le interviste realizzate durante la Dischi Sotterranei Night, avvenuta al Centro Sociale Pedro sabato 16 marzo 2019.

L'occasione ha offerto una panoramica inedita sugli artisti curati dell'etichetta del collettivo undeground padovano, nella cornice del CSO Pedro, vera "house of blues" patavina dove da 30 anni si sussegue la scena indipendente locale e non, un vero spazio storico che ha contributo a formare gusti e stili della nuove band, dettaglio venuto fuori dalle varie risposte ricevute.

Le interviste alle band hanno la durata di 10 minuti ciascuna e sono nell'ordine qui sotto elencato, intervallate da brani dei vari gruppi cosi da farvi sentire un po' della loro arte se non siete potuti essere sotto palco assieme a noi!

1) Jesse the Faccio - intervista
2) Jesse the Faccio - Gennaio (Diaframma cover)

3) LaScimmia - intervista
4) LaSciammia - Parco Comunale

5) Roncea - intervista
6) Roncea - Presente

7) Winter Dust - intervista
8) Winter Dust - Quiet January

9) Alberto Almas - intervista
10) Alberto Almas - I

11) Commento alla serata + Jesse the Faccio - Inverno (chiusura)

Le interviste sono state curate da Matteo (del programma Indica) e Gianluca "Pino" (del programma Deathline)

Buon ascolto! Il podcast, scaricabile, lo trovate qui a destra.

]]>
info@sherwood.it (Sherwood Network)
<![CDATA[In Diretta dal Festival]]>

Sesto giorno di dirette dallo Sherwood Festival 2018! Questa sera sul second stage del festival vanno in scena due band molto interessanti i Vanarin e JesseTheFaccio. Matteo e Salvatore di Indica li intersvistano durante la nostra trasmissione "In Diretta dal Festival"

]]>
info@sherwood.it (Sherwood Network)
<![CDATA[Sotterranei allo Sherwood 2018]]>


Mercoledi 13 Giugno 2018


- Second Stage - 

Sotterranei a Sherwood

4ª Edizione

www.facebook.com/sotterranei

www.facebook.com/dischisotterranei


Vanarin

Vai alla pagina Facebook


JesseTheFaccio

Vai alla pagina Facebook


Sherwood Festival 2018
Park Nord Stadio Euganeo
Viale Nereo Rocco - Padova
#sherwood18


Apertura cancelli: ore 19.00

Inizio concerto: ore 20.30


1 € può bastare

Una giornata interamente dedicata all'attitudine underground del fare musica, quella senza compromessi, quella genuina, a diretto contatto col pubblico.

Nel 2014 la prima edizione con Heymoonshaker, Elephant e Blue Shoe Strings, nel 2015 la seconda con i live di Pietro Berselli e Ulisse Schiavo, nel 2016 Vertical e Sakee Sed, nel 2018 il ritorno sul Second Stage di Sherwood Festival con Vanarin e Jessethefaccio. Ritornano nella foresta di Sherwood i Sotterranei, con un festival-nel-festival che vedrà in scena, mercoledì 13 giugno 2018, due progetti italiani, già legati per alcuni aspetti alla città di Padova.

I Vanarin nascono a Bergamo nel 2016, dall’incontro fra il cantautore inglese David Paysden (voce, chitarra, tastiere), Marco Sciacqua (chitarra, basso, percussioni, seconde voci), Giuseppe Chiara (turnista dei Verdena, già in concerto a Sherwood, voce, chitarra, tastiere), Massimo Mantovani (voce, basso, chitarra) e Marco Brena (batteria, percussioni).Il sound della band è caratterizzato dalla ricerca e la continua contaminazione per quanto riguarda gli arrangiamenti (si passa dal beat e la psichedelia fino all’elettronica, la trap e l’hip hop), ma il tutto confluisce in un prodotto finale di stampo pop, con particolare cura delle melodie.

La band ha all’attivo un Ep omonimo autoprodotto di 5 brani, pubblicato il 6 Gennaio 2017, a cui è seguito un tour di circa 50 concerti (tra i più importanti si ricordano le aperture a Thurston Moore, Fast Animals and Slow Kids, Pan del Diavolo e C+C Maxigross). Mentre nella primavera 2018, grazie alla collaborazione con Roberta Sammarelli nel ruolo di manager, è uscito il secondo lavoro: “Overnight”, un album di 10 brani, per l’etichetta Woodworm. Già ospiti dei Sotterranei a Sub Cult Fest 2017, i Vanarin sono pronti per il Second Stage di Sherwood Festival. 


Jesse the Faccio è un progetto solista che mischia sonorità lo-fi di stampo nord-americano con il cantautorato italiano. Intimo e semplice, malinconico ma vivace. Il progetto, padovano e totalmente inedito, presenta a Sherwood Festival in anteprima (con full band) il suo lavoro di prossima uscita.

]]>
info@sherwood.it (Sherwood Network)
<![CDATA[Dischi Sotterranei, la festa al Cso Pedro]]>

Sabato 10 FebbraioC.S.O. PedroVia Ticino, 5 - Padova

 

Dischi Sotterranei, la festa

 

“Si dovrebbe poter comprendere che le cose sono senza speranza, e tuttavia essere decisi a cambiarle”. Così scriveva Francis Scott Fitzgerald ne Il grande Gatsby, che peraltro scrisse anche, nei Taccuini: "Allora mi ubriacai per molti anni, poi morii".

Insomma avete capito di che serata parliamo.

5 artisti e band, tutti rigorosamente Sotterranei, si avvicenderanno su due palchi. Poi sì, si tira tardi per chi ha voglia di ballare.


Apertura ore 21 - Ingresso 5 euro


Suoneranno per voi:

Ulisse Schiavo
www.facebook.com/UlisseSchiavoOfficial

Vertical
www.facebook.com/verticalmusicpage

Captain Mantell
www.facebook.com/captainmantell

Cosmetic
www.facebook.com/cosmeticmusic

Pietro Berselli
www.facebook.com/pietrobersellilive

 

...e a seguire dj set, per concludere la serata in bellezza!

]]>
info@sherwood.it (Sherwood Network)
<![CDATA[10 anni di Centro sociale Bruno 7/8/9 ottobre]]>

2006->2016


10 anni di Centro sociale Bruno
10 anni di lotte & autogestione

All'interno dei tre giorni di festeggiamenti per i 10 anni del Centro Sociale Bruno (7/8/9 ottobre) non poteva mancare un live con un ospite d'eccezione, direttamente dai Sotterranei nel nostro giardino


Dalle ore 22.00- Ingresso Gratuito


Ulisse Schiavo
Singer/Songwriter/Storyteller/Sincerity

Miscela di rabbiosa dolcezza, pizzica corde e apre l’occhio cieco dell’anima dannata.
Ulisse Schiavo è potente. One man band, voce, chitarra e cassa. Folk Blues caldo, nervoso, diretto e delicato.

Nell’Aprile 2014 vince la prima edizione del “Senza Spine – Fishmarket Acoustic Contest” come One Man Band. Nel 2015 il progetto di Ulisse si arricchisce, dal vivo, con la partecipazione di Alessandro Peron (chitarra) Enrico Maragno (basso, percussioni) e Gianluca Bortolozzo (batteria), divenendo elettrico e svelando la doppia natura della propria essenza artistica.

Evento FB: www.facebook.com/events/877019045762264


]]>
info@sherwood.it (Sherwood Network)
<![CDATA[Sotterranei a Sherwood 2016]]>

Giovedì 14 Luglio 2016

 

Sotterranei a Sherwood

3a edizione

 

Vertical

Vai alla Pagina Facebook


Sakee Sed

Vai alla Pagina Facebook



Sherwood Festival 2016
Park Nord Stadio Euganeo
Viale Nereo Rocco - Padova
#sherwood16


Apertura cancelli: ore 19:00


1€ può bastare


C’è un principio di necessità che lega la controcultura a ciò che non si vede. La controcultura si nasconde, si annida nei non luoghi, germina sottoterra, si fa cercare attraverso le vibrazioni che irradiano la superficie. E c'è un principio di controculura che, per il terzo anno consecutivo, unisce Sherwood ai Sotterranei. Una foresta nel sottosuolo dove sentirsi a casa, dove sarà possibile restare ammaliati dalle sonorità hardcore da saloon di Sakee Sed e dal groove psichedelico dei Vertical, ultima band aggregata all'etichetta Dischi Sotterranei, in tour con il nuovo disco Alpha.
Sotterranei su Facebook

 

 

 

I Vertical sono una band strumentale che, in 10 anni di attività, si è esibita in oltre 500 concerti in tutta Italia e all’estero.
La storia dei Vertical è un po’ la storia del funk. La periferia, la blaxploitation, i bar, l’acid-jazz, le macchine, le donne, donne e motori, gli strobo, i pantaloni a zampa, l’idrante bianco su sfondo rosso, Superfly, le sirene sulla città, gli occhiali di Herbie Hancock, spie ed agenti segreti, Lupin, gli inseguimenti.
Nulla nel funk è meglio di un musicista che suda mentre suona. Ai concerti, quando il gruppo comincia a suonare, la gente comincia a spogliarsi. Non c’è nulla che un bassista funk non possa fare in dieci giorni. 
Paolo Bortolaso, Alessandro Lupatin (Mistonocivo, X-lab, Arianna Antinori & Turtle Blues), Nicola Tamiozzo (P&P, Kicca & Intrigo, Forensick), Filippo Rinaldi (Kicca & Intrigo, Are(a)zione, Forensick), Andrea Gastaldon, Antonio Gallucci, talvolta supportati da Massimo Tuzza (Are(a)zione, Bern-H, Hotel Riff) e Kenneth Bailey (Gamma3, Joyce Yuille), calcano ogni giorno i palchi nei sobborghi e i club di periferia, non per denaro, non per fama fine a se stessa, ma, come ci insegna la storia del funk, per dare vita ad una città morta, per continuare a dare un nome al groove, per portare divertimento e libertà in ogni dove.

 

 

I Sakee Sed, Marco Ghezzi e Gianluca Perucchini, nascono nel 2010 e ad Aprile dello stesso anno escono con l'autoprodotto LP “Alle basi della Roncola”, che ottiene ottimi consensi dalla critica, dal web e dalla stampa.
Ad Ottobre 2013 chiudono il loro quarto tour con un sold-out al Druso Circus di Bergamo, la loro città natale, e decidono così di lanciarsi in una missione più unica che rara ovvero registrare e comporre da se, per una totale opera di DIY, un disco solamente a due strumenti, pianoforte elettrico e batteria.
L'impresa è tosta, tanto che i due si chiudono per quasi due anni senza farsi sentire in studio di registrazione.
Dopo questa lunga attesa, Marco Ghezzi e Gianluca Perucchini, annunciano la riuscita della loro missione che si chiamerà “Hardcore da Saloon”, in uscita il 3 Novembre 2015 per Appropolipo Records, un nuovo disco ma anche, sostengono, un nuovo genere musicale mai affrontato, prima d'ora, da nessuna band.

]]>
info@sherwood.it (Sherwood Network)
<![CDATA[Fili invisibili e persone sensibili: il ritorno dei Vertical a Sherwood Festival]]>

Ciao Vertical e benvenuti nella foresta di Sherwood. Suonerete al Festival il 14 luglio, nella terza serata Sotterranei in tre anni, assieme a Sakee Sed. E' la prima volta per voi a Sherwood?

Ciao a tutti! Non non è la prima volta, abbiamo suonato a Sherwood diversi anni fa, per la presentazione del nostro primo disco Vertical. E'stata una bella serata ma ho ricordi sbiaditi, delle birre alle 3 di mattina, persone, ombre, luci, buio...ahhh

Vertical e Sotterranei, o Vertical nei Sotterranei... è successo: come ve lo spiegate? Descriveteci questa unione.

Spesso le cose sono legate da fili invisibili, noi eravamo legati da un filo lungo 35km.  I Vertical amano la Strada e i luoghi frequentati da persone con vera sensibilità. I Sotterranei lavorano per creare eventi e situazioni per persone "sensibili", per creare cultura, quella vera quella sotterranea. Per cui è bastato seguire il filo e ad un certo punto ci siamo incontrati.

Etichette ed attualità: cosa significa per una band del vostro calibro poter contare su un'etichetta di appoggio?

E' fondamentale. Investiamo molto tempo in sala prove per produrre musica, sarebbe impossibile per noi essere così attenti e presenti sul territorio per avere sott'occhio locali, festival, eventi culturali.

Oltre a questo l'etichetta può veicolare diversi messaggi grazie alle diverse tipologie di musica che tratta,  potendo quindi far conoscere a diversi pubblici diverse realtà musicali creando interesse e dando nuovi orizzonti agli ascoltatori e portando continue novità nel territorio.

I genere musicali sono, in qualche modo, etichette?

I generi esistono per chi legge e non per chi ascolta.

Essere etichettati per la musica che si fa ora non ha più senso. 
I generi sono talmente vari e sono talmente mescolati tra loro che sarebbe inutile etichettare: potresti trovare dei gruppi che si definiscono rock grunge pop elctro swing. Oppure metal d'n'b canatutoriale folk, lounge.

La vostra etichetta non suona male: Psycho Groove / Funk. Da dove provengono le vostre sonorità? Quali sono i vostri maestri?

La nostra musica nasce dal ritmo, il Groove è fondamentale nel sound dei Vertical.

Tutta la black music ha come comune denominatore una buona dose di ritmo e così è per noi. James Brown guardava gli strumenti e indicando la chitarra, il basso e il sax convinceva tutti che in realtà erano batterie e bisognava suonarli di conseguenza. Per il resto abbiamo nel DNA i temi di maestro Morricone e le allucinazioni del periodo '60 e '70.

Poi ci sono gli anni 90 di cui siamo "figli", la Dischord, i Beastie Boys, Beck e via fino agli Air e Daft Punk.., Nel disco ha influito anche il sound psicadelico di Nicola che negli ultimi anni ha suonato molto con i Mother Island.

Arrivate a Sherwood con un EP di inediti, una bocca spalancata ed un mantra ossessivo di sole due parole: Gravity / Family. Raccontateci il vostro Alpha.

Alpha è il primo pezzo con cui abbiamo iniziato a giocare provando ad usare le voci e lavorando sui singoli strumenti invece che partendo dalle jam in sala prove. 

Per questo lo abbiamo chiamato Alpha, è il nostro primo pezzo composto ed immaginato in maniera diversa da come avevamo fatto fino ad ora. Le due parole "gravity" e "family" alludono da una parte alla forza invisibile che tiene uniti i rapporti e crea i legami, dall'altra al desiderio di evasione che si prova quando si vivono legami forti. In pratica è il bello e il brutto di far parte di una famiglia, di passare insieme attraverso momenti duri e momenti felici. o, se preferisci, viceversa.

Quali sono gli accorgimenti tecnici occorsi ad Alpha in fase di registrazione? Si tratta di un metodo un po' vintage...

Tecnicamente,  Alpha è un estratto contenente 4 dei 15 brani che abbiamo registrato. Anche se il mix è totalmente digitale, la registrazione è stata fatta quasi interamente su nastro, senza editing, con una moltitudine di strumenti, quasi tutti vintage. Quando entravamo in sala di ripresa al mattino, chiudevamo la porta, ci guardavamo attorno ed eravamo nel 1969!

Quindi cercavamo una pasta di suono precisa: calda e tridimensionale, naturalmente compressa. In questo senso la bobina non ha rivali e, per quanto evoluto e "smart" sia diventato l'audio digitale, è comunque ancora lontano dal dare quella sensazione. Poi, per il discorso fatto prima sui legami molti stretti, un altro accorgimento "tecnico" fondamentale è stato trovare e mantenere l'armonia collettiva. Quindi scegliere le persone giuste con cui lavorare e a cui affidare i nostri brani.
Martino Cuman ci ha seguiti in tutte le fasi, dai provini al mix e, ormai, fa parte della nostra "gravity family", tanto che sarà con noi anche come fonico ai concerti. Andrea Cajelli, proprietario de La Sauna Recording Studio di Varese, ha lavorato a quattro mani con Martino in fase di registrazione e ci ha aiutati, con la sua saggezza, a superare le difficoltà tecniche che, ovviamente, ci sono state durante una session di studio così corposa.

Il nostro piano giornaliero prevedeva 12 ore quotidiane di tracking per un'intera settimana: bobine da cambiare, cavi da saldare, amplificatori che friggono e che vanno fatti sbollire, i rotori del Leslie che, quando meno te l'aspettavi, cigolavano malefici nel bel mezzo dell'esecuzione. Quindi puoi immaginare quanto sia stato importante essere tutti preparati, compatti, con timpani da segugio e doti di resistenza non da poco.

"Frank H. Medina (or the finest taxy service)": una storia vera?

Si, Frank H.Medina è una storia vera boicottata e censurata dai tabloid mondiali.

Trattasi di un rappresentante sudamericano di prodotti biologici che riusciva ad importare stupefacenti (biologici) in giro per il mondo.  E' la colonna sonora della New Economy.

Cosa ci proporrete dal vivo nel tempo a vostra disposizione sul Second Stage di Sherwood 2016?

Presenteremo una parte del nuovo disco inedito e l'ep uscito per Sotterranei oltre che qualche pezzo del nostro penultimo disco "Black Palm". Sarà un live denso di groove e varie sonorità, con una parte “electro” che stiamo sperimentando apposta per Sherwood. Sul palco saremo in 5, basso, chitarra, batteria, organo e synth, sax vero e un particolare sintetizzatore per sax, nulla di preregistrato e alcuni brani li cantiamo con voci naturali ed effettate (vedi Alpha). La dimensione live è la dimensione che preferiamo in assoluto, vi faremo volare.

]]>
info@sherwood.it (Sherwood Network)
<![CDATA[Universal Sex Arena live al Cso Pedro]]>

Sabato 5 marzoC.S.O. PedroVia Ticino, 5 - PADOVA

presenta:

 

Universal Sex Arena

 

Sabato 5 marzo venite a ballare al Cso Pedro, la serata è rock!

Tornano a trovarci gli Universal Sex Arena, con il loro eccezionale e coinvolgente live. Attenzione attenzione, è l'ultima occasione per vederli indoor in veneto prima dell'estate!
In apertura i Blue Shoe Strings, band garage blues padovana del collettivo Sotterranei, e dopo i concerti ci penseranno i The Mojos (direttamente dal programma On The Road Again qui su Sherwood.it) a farvi ballare!

Sul palco:

Universal Sex Arena
(La Tempesta)

Blue Shoe Strings
(Sotterranei)

Dj set:

The Mojos
(chicche rock from Radio Sherwood)

 

Apertura ore 22 - Ingresso 5 euro



Universal Sex Arena
Universal Sex Arena (La Tempesta Dischi) è la celebrazione del live nella sua dimensione più carnale, sul palco e soprattutto in mezzo al pubblico, sui banconi e in ogni anfratto raggiungibile da 30 metri di cavo.
Uno show tiratissimo senza etichette di genere e senza confini, un’attenzione spasmodica all’energia, al movimento, ai sorrisi e alla funzione liberatoria della Musica.
Ospite a La Tempesta al Rivolta III nel 2013 grazie ai riscontri del tour del 2LP autoprodotto Women Will Be Girls, la Universal Sex Arena entra ufficialmente a far parte del collettivo pordenonese con Romancitysm (2014), disco prodotto da Marco Fasolo (Jennifer Gentle / SubPop) e registrato completamente live su nastro in una autofficina.
Da ottobre 2014 in tour con La Tempesta Booking, nel 2015 la band è stata scelta dai Verdena per l’apertura di 4 tra le principali date del trionfale tour di Enkadenz Vol. 1 e 2.
Ad ottobre 2015 la prestigiosa apertura a Venezia per il tour mondiale dei P.I.L.
Probabilmente uno dei gruppi con maggiore impatto dal vivo in circolazione
(ROCKIT Live Report 2015)
"Ritengo ancora che una delle migliori cose che si possono dire di una band italiana è che "non sembra italiana", appunto. Progetto rischiosissimo, nelle intenzioni, ma magistrale nella realizzazione: e, a giudicare dai video su YouTube, dal vivo il tutto è ancora più travolgente. Il soul ai tempi dei rave parties: non lasciatevelo scappare."
(ROCK IT)

Blue Shoe Strings
I Blue Shoe Strings nascono a Padova nel giugno del 2012. Il nome della band è stato fortemente ispirato alla canzone "Highway 61" di Bob Dylan.
Ad un anno dalla formazione il gruppo presenta il primo lavoro di studio, il disco autoprodotto ''For A Bottle Of Coke''. Seguono apprezzamenti e critiche positive, tra cui quella di Rockit che indica il lavoro dei Blue Shoe Strings come uno dei migliori dischi dell'estate 2013. Il gruppo intraprende un'intensa attività live che li porta a dicembre 2013 a esibirsi in Inghilterra, in rinomati locali di Londra. A luglio 2014 partecipano a Sherwood Festival. A maggio 2015 aprono la prima edizione de La Tempesta Sotterranea a Padova ottenendo nuovi riscontri positivi sulla stampa locale:
“Il loro non é semplice blues, é qualcosa di travolgente. Un live impetuoso, che ti rapisce. In men che non si dica ti ha catturato, stai già bruciando all’inferno ma con la giusta colonna Sonora” (Polpetta Mag)
L' ‘essere Blues’ dei Blue Shoe Strings si manifesta al meglio nella dimensione live, con concerti travolgenti, distinguibili per il grande impatto sonoro, l'energia del gruppo e l'entusiasmo del pubblico. Si sono ad oggi esibiti a fianco di artisti nazionali ed internazionali come Lorelle Meets The Obsolete (Mex), Heymoonshaker (UK/NZ), Il Pan del Diavolo e Bud Spencer Blues Explosion (IT).
I Blue Shoe Strings sono tra i co-fondatori della realtà musicale underground dei Sotterranei a Padova.

The Mojos
Nato da passione condivisa da anni riguardo la musica autentica e piena di anima del periodo che va dagli anni '50 ai primi anni '80, nel 2012 Mattia Di Carlo e Pierluigi Gottardello hanno deciso di dar vita a questo progetto che consiste in un dj set atipico, con sonorità rigorosamente vintage, che va dal blues di Muddy Waters al calypso di Harry Belafonte, spaziando per il soul di Joe Tex e le sonorità sempre uniche dei Talking Heads, senza disdegnare pezzi italiani di mostri sacri come Peppino Di Capri o Fred Buscaglione... Tutto in continua evoluzione, esibizione dopo esibizione, grazie alla continua ricerca, dettata dalla passione più pura per tutto ciò che riguarda la VERA musica.
Nel 2015, oltre a continuare con dj set vari a Padova e limitrofi, arriva una grande novità per The Mojos: iniziano a condurre "On the road again", programma radiofonico di Radio Sherwood nel quale ripropongono le perle dei loro dj set assieme a tante altre, raccontandone contesto storico e curiosità. La prima stagione si conclude a Luglio e conta 10 puntate, che si possono ascoltare sulla loro pagina di mixcloud all'indirizzo www.mixcloud.com/mojos

]]>
info@sherwood.it (Sherwood Network)
<![CDATA[Sotterranei a Sherwood 2015]]>

Giovedì 16 luglio 2015


Sotterranei a Sherwood

2a Edizione


Sherwood Festival 2015

Park Nord Stadio Euganeo
Viale Nereo Rocco - Padova
#sherwood15


Apertura cancelli: ore 19.00

Inizio Concerto: ore 21.00


1€ può bastare


The Walking Who
(Aus)

Psychedelic Rock’n’Roll


Pietro Berselli

Cantautorato Post Rock 


Ulisse Schiavo

Soul Blues


C’è un principio di necessità che lega i Sotterranei a Sherwood Festival. Stima, passione, professionalità, attitudine, indipendenza, buona musica sono soltanto alcuni dei valori che accumunano La Foresta di Sherwood al Coccodrillo sotterraneo: per questo, anche quest’anno, i Sotterranei trovano spazio all’interno del festival indipendente più importante d’Italia.

Non solo musica. Quest’anno la collaborazione sarà impreziosita dalla mostra del nostro fotografo preferito Fabio Valente, in arte ‘’Posso farti una foto?’’, che esporrà in esclusiva e per la prima volta a Padova le polaroid che stanno facendo la storia della musica indipendente italiana. 

Naturalmente, 1 euro può bastare.
Naturalmente, Giovedì, da sempre il nostro giorno preferito.
Naturalmente, ospite internazionale e presentazione dei nostri ultimi due dischi: ‘’Debole (Senza Regole)’’ di Pietro Berselli e ‘’Viscera’’ di Ulisse Schiavo.

]]>
info@sherwood.it (Sherwood Network)
<![CDATA[La Tempesta Sotterranea - Atto I]]>


Sabato 9 Maggio 2015C.S.O. PedroVia Ticino 5 - Cso Pedro


La Tempesta Sotterranea
Atto I


La Tempesta Sotterranea è il primo evento che vede partecipare da protagonisti i due collettivi-etichette La Tempesta e Sotterranei. Neonato format che dalla stagione prossima farà il giro dell’Italia, quest’anno vede l’unica edizione al C.S.O. Pedro di Padova come serata conclusiva della stagione concertistica al chiuso.


Le band che si esibiranno quest’edizione sono:

Scena I - 21: 30 - Second stage

Blue Shoe Strings

Scena II - 22 : 15 - Main Stage

Universal Sex Arena

Scena III - 23 : 00 - Second Stage

Gramlines

Scena IV - 23 : 45 - Main Stage

Il Pan Del Diavolo


A farvi ballare:

Epilogo - 00 : 30 - Main Stage

Momo (dj set)


Inizio concerti ore 21.00, arrivate presto che ci stiamo tutti!
Ingresso 10 euro

 

]]>
info@sherwood.it (Sherwood Network)
<![CDATA[Go Down Fest]]>

Sabato 07 MarzoCentro Sociale RivoltaVia F.lli Bandiera, 45 - Marghera (VE)


Go Down Fest

Inizio concerti ore 17.00


Ingresso:

5 euro fino alle ore 18.00

10 euro dopo le ore 18.00


"CD compilation Go Down Records in regalo fino ad esaurimento scorte"


Official Line-Up:

Avvoltoi feat. Dome La Muerte

www.facebook.com/gliavvoltoi

www.facebook.com/pages/Dome-la-Muerte/141732715469

Slick Steve and the Gangsters

www.facebook.com/slicksteveandthegangsters

OJM

www.facebook.com/pages/OJM/6992173391

Pater Nembrot

www.facebook.com/PATENEMBROT

Out Of Order

www.facebook.com/pages/Out-Of-Order/276679042389394

Underdogs

www.facebook.com/underdogstown

Lu Silver And String Band

www.facebook.com/lusilverandstringband

Mother Island

www.facebook.com/Motherisland

Tundra

www.facebook.com/tundramusic

Bleeding Eyes

www.facebook.com/pages/Bleeding-Eyes/249240118468059

Quiet Confusion

www.facebook.com/pages/Quiet-Confusion/247019731981739

The Sade

www.facebook.com/thesadeband

Supertempo

www.facebook.com/supertempoband

The Clamps

www.facebook.com/pages/THE-CLAMPS/327718207267670

Mondo Naif

www.facebook.com/mondonaif


Music selection by:

Lu Silver

Dome La Muerte

David Martin


Stand:

Indie shop

www.facebook.com/indieshoptreviso

Go Down Shop

www.facebook.com/indieshoptreviso

Eeviac

www.facebook.com/eeviac.artworks

Sotteranei

www.facebook.com/sotterranei

]]>
info@sherwood.it (Sherwood Network)
<![CDATA[Momostock del 19 febbraio 2015 con Bologna Violenta, Mondo Naif, Captain Mantell]]>

Turbolento è il nuovo lavoro dei Mondo Naif, il loro secondo full length. Sotto l'egida di Dischi Bervisti, due di loro vengono a Momostock con i loro compagni di viaggio Captain Mantell ed il capofamiglia Bologna Violenta a parlarci dei loro ultimogeniti. Gli strumenti li vedremo la sera al CSO Pedro per una serata in collaborazione con i Sotterranei e con i "cugini" Bleeding Eyes di Go Down Records. In studio le parole, il nonsense e le tracce dai loro dischi.

Questa puntata segna il ritorno della trasmissione, dopo molte assenze (in)giustificate e dopo mille ripensamenti. Sarà bello stare di nuovo con tutti voi il più frequentemente possibile.

R.E.M. - Stand
Sigla: Fast animals and slow kids - Come reagire al presente

Mondo Naif - THC
Mondo Naif
- Verve
Mondo Naif - Aquilone
Bologna Violenta - 4 gennaio 1991 Bologna
Bologna Violenta - 24 febbraio 1993 Zola Predosa
Bologna Violenta - 30 gennaio 1988 Rimini
Captain Mantell - Ugly Boy
Captain Mantell - The ending hour
Captain Mantell - The day we waited for
Verdena - Nevischio
Lo Stato Sociale - Io, te e Carlo Marx

]]>
info@sherwood.it (Sherwood Network)
<![CDATA[HURRICANE FEST al Cso Pedro]]>



20, 21, 22 Novembre

C.S.O. PedroVia Ticino, 5 - PADOVA

presenta:

 

  

 Hurricane Fest

 

 

 

Tarli e Farfalle Street Fighting Guitars, C.S.O. Pedro e l'associazione culturale Alceo presentano HURRICANE FEST, l'ultimo festival dell'anno.

Location: C.S.O. Pedro. I concerti si terranno al chiuso. Lasciate che la nebbia bussi alle porte!


Entrata Giorno1: €5, Giorno2: €3, Giorno3: €3. Promozione RIDE THE HURRICANE: abbonamento di tre giorni a €8 (11 concerti in 3 serate, al costo di 2).

I concerti inizieranno alle ore 20:00 con i gruppi acustici, e potrete ascoltarli cenando con prodotti a km0. Altrimenti venite mangiati che andate bevuti.

Proseguirà con i concerti elettrici per terminare con dj set fino a tardi, tardissimo.

 

 

Lineup



Giovedì 20 Novembreserata a cura di Sotterranei

 

Heymoonshaker

Già li conoscete: ci è sembrato di vedervi divertiti a Sherwood Festival quest’estate. E se non li conoscete, dovete venire a conoscerli. Duo chitarra/voce-beatbox, di provenienza inglese.
Andrew Balcon e David Crowe non vedono l’ora di tornare a Padova.

Elli De Mon

Chitarra ringhiosa e cassa martellante, tra il blues lisergico e il punk.

Losborrachos(orario aperitivo)

VERY unconventional acoustic trio.

E per concludere, i nostri preferiti:

Rough&Tough dj set

Vintage black music.





Venerdì 21 Novembre

 

Gnac (B'Au)

"Gnac è un progetto, un gruppo, una parola che ancora non esiste per qualcosa che sentiamo". Gruppo di orientamento cantautoriale che miscela testi di acuta critica ad arrangiamenti carichi di gioiosa leggerezza.

Pietro Berselli

Singer/Songwriter/Wood/Visions. Pietro Berselli assoggetta a sé la curiosità dei puri e il lato più inconscio dei malvagi.

Electric Waters

"tamburo che batte sulle pelvi di un oceano sopra il cielo". Un Blues acido, elettrico, proprio di quando la musica dei campi di cotone incontra la frenesia dell'Acid Rock.

Mother Island

Il caldo torrido della psichedelia westcoastiana filtrata da una lisergica nebbia britannica.

Dr Gonzo Dj Set

Rock n Roll/Rockabilly, Beat, Psy-Rock, Hard, senza disdegnare sonorità più moderne e contaminate.




Sabato 22 Novembre

 

Filippo Mablùs

Una voce, una chitarra, un cuore. E un Blues della madonna.

Elephant
(Sotterranei)

Gruppo funk/rock/folk/alternative, annoverato tra i membri fondatori del collettivo patavino I Sotterranei. Dopo aver calcato palchi come quello dello Sherwood e del Gran Teatro Geox, approdano all'Hurricane col loro esercito di trombe.

The Busters' Crew

Gruppo veronese di Punk Pirata, Folk Pirata e Cattiveria Pirata.

There Will Be Blood
(RO, Ghost Records)

Band minimale di Blues minimale, suoni palustri e testi oscuri. Scorrerà del sangue.

The Mojos Dj Set

Pulp e Surf, Soul e Rythm&Blues, e non smetti di saltare

]]>
info@sherwood.it (Sherwood Network)
<![CDATA[Live Report - Sotterranei a Sherwood 14]]>

01 Luglio: Sherwood Festival diventa dei Sotterranei per una sera. Il primo Luglio del festival indipendente patavino è stato completamente dedicato al collettivo underground che continua ad animare la città a ritmo di qualsiasi genere rimescolato e reso incandescente sul palco, dal Folk personalizzato degli Elephant all’Alternative Beaxboxing della strana coppia HeyMoonShaker, i grandi ospiti internazionali, passando per il blues sporco e carico dei Blue Shoe Strings. Questi i tre atti di una serata trascorsa sia sul second stage sia nello studio di Sherwood Web Tv, dove parte del direttivo Sotterranei ha raccontato in una doppia intervista il susseguirsi delle serate musicali proposte in città, la nascita del movimento ed ha presentato la serata dal vivo.

A detta di molti gli Elephant di Francesco Del Re, formazione recentemente rinnovata, suonano eccezionalmente i loro brani, alcuni inediti e qualche singolo dal corposo EP “Il Deserto”. Il second stage di Sherwood poi quasi non contiene l’esuberanza dei Blue Shoe Strings, che proseguono nel portare sui palchi “For A Bottle Of Coke”. La novità assoluta è l’esibizione degli HeyMoonShaker: il duo anglo-neozelandese, il cui nome dice quasi tutto, propone il meglio delle proprie produzioni (“Beatbox Blues” e “Shakerism”) amalgamato ad una buona dose di improvvisazione. Quest’ultimo è il termine che sta diventando, serata dopo serata, la parola chiave del festival. E a noi piace. 

Tutto sui Sotterranei sul sito ufficiale e sulla molto seguita pagina Facebook

Elephant live:

Intervista agli Elephant: 

]]>
info@sherwood.it (Sherwood Network)
<![CDATA[Sotterranei a #sherwood14]]>

Martedì 01 luglio 2014

Sotterranei a Sherwood


Sherwood Festival 2014

Park Nord Stadio Euganeo
Viale Nereo Rocco - Padova
#sherwood14


1 € può bastare

C’è un principio di necessità che lega la controcultura a ciò che non si vede.
La controcultura si nasconde, si annida nei non luoghi, germina sottoterra, si fa cercare attraverso le vibrazioni che irradiano la superficie.
A Padova nascono i Sotterranei: un gruppo di band (Blue Shoe Strings, Elephant, Gramlines, Mondo Naif, Vox Delitto) che vogliono suonare nel cuore della loro città e, poiché la superficie è avida di occasioni, hanno voluto costruire la loro casa nel sottosuolo, con le loro regole, i loro suoni, buon luppolo e buona musica, senza limiti di tempo, senza limiti di volume.

Attraverso questa realtà Padova ha ospitato e offerto musica che prima costringeva appassionati e curiosi a trasferte in club d’altri capoluoghi: Fuzz Orchestra, Zeus, Sadside Project, Captain Mantell, Ojm, C+C=Maxigross solo alcuni tra i nomi proposti nei cartelloni Sotterranei. Non sono mancati ospiti internazionali, come Lorelle Meets The Obsolete (Messico) e i Deville (Svezia), che hanno contribuito a formare il prototipo della dimensione sotterranea. Il tentativo di un nuovo modo di fondere cultura e divertimento, musica di qualità e spirito festaiolo prosegue positivamente: i Sotterranei sono una realtà itinerante che collabora con chiunque voglia dare spazio alla musica.

Il coccodrillo sotterraneo spunta anche a Sherwood! 

L'1 Luglio sarà una giornata interamente dedicata all'attitudine underground del fare musica, quella senza compromessi, quella genuina, a diretto contatto col pubblico. Una serata all’insegna dei Sotterranei, una scena nata grazie alla cooperazione e alla collaborazione tra band. Due band fondatrici, Elephant e Blue Shoe Strings, introdurranno l’esibizione del duo Blues-Rock anglo-neozelandese HeyMoonShaker.

Elephant

Gli Elephant nascono nel 2010 dalla stabilizzazione del turbinio di
musicisti di cui Francesco del Re (voce e chitarra ritmica) si era attorniato per lavorare alle sue prime idee.
La formazione muta più volte nel corso degli anni: a Francesco si aggiungono Fabio De Rossi (batteria), Carlo Poggi (tromba), Marco Miola (chitarra solista) e Pietro De Checchi (basso).
Rock, Blues, Funk, sonorità che vanno dal Folk al Post-Rock, sono i principali ingredienti del sound della band.
Il 24 Ottobre 2013, durante una delle serate dei Sotterranei, viene presentato il primo lavoro in studio degli Elephant: un EP intitolato “Il Deserto“, disponibile su BandCamp.
Da Aprile la band è impegnata nel concepimento del primo Album, che si prevede possa essere terminato entro fine anno.

SotterraneiPadova.it
Facebook



Blue Shoe Strings

I Blue Shoe Strings nascono a Padova nel 2012, con Epa (voce), Johnny (chitarra), Piero (basso) e Gio (batteria). Ad un anno dalla loro formazione il gruppo presenta il primo lavoro di studio, il disco autoprodotto, ”For A Bottle Of Coke”, disponibile su BandCamp. Seguono molti apprezzamenti e critiche positive, tra cui quella di Rockit, che indica il lavoro dei Blue Shoe Strings come uno dei migliori dischi dell’estate 2013; il gruppo intraprende un’intensa attività live che li porta a dicembre 2013 a esibirsi in Inghilterra, in rinomati locali di Londra.
L’essere Blues dei Blue Shoe Strings si manifesta al meglio nella dimensione live, con concerti travolgenti, distinguibili per il grande impatto impatto sonoro, l’energia del gruppo e l’entusiasmo del pubblico.

SotterraneiPadova.it
Facebook



HeyMoonShaker

Il duo blues beatbox e chitarra-voce ha gia’ raggiunto 27 milioni di visite su youtube, hanno un notevole successo in Francia (piu’ di 150 date ogni anno all’attivo), UK e Germania e Belgio. Hanno appena avuto un grande riscontro di pubblico nel loro ultimo tour in Canada, Usa e Mexico (con date confermate a Los Angeles, New York e nel prestigioso SXSW music Festival a Austin ).

Hanno suonato per i festival Europei piu’ importanti tra i quail Printemps de Bourges & Cognac Blues Festival (France) , Festival d'Été (Canada) , Fusion Festival (Germany), Paléo Festival (Switzerland), WOMAD, Glastonbury, Bestival (UK), Sziget Festival (Hungary).

L’anno scorso hanno aperto i concerti di Ghostpoet e De La Soul al Festival Marsatac di Marsiglia e Rolling Stone magazine FR ha definito la loro performance come “Stupefacente” “A well balanced mix of smiles, verbal sparring and an impressive performance convey deep emotions. Dazzling!”

Andy Balcon e Dave Crowe sono pronti a portare sul palco di Sherwood Festival 2014 il loro concentrato di dinamicità e provocazione.



HeyMoonShaker:
Sito ufficiale
Facebook

]]>
info@sherwood.it (Sherwood Network)
<![CDATA[Gli OJM chiudono la stagione invernale dei Sotterranei]]>


Giovedì 15 Maggio 2014

 serata di chiusura: 
Sotterranei @ C.S.O. PEDRO:


OJM

+

Quiet Confusion

Gramlines

Dj set:
The Mojos

Era il 1997 quando gli OJM portarono in patria il neonato Stoner-sound Californiano, psichedelico ed acido. Dopo diciassette anni di vibrazioni, proiezioni, ispirazioni, cinque album in studio e svariate vicissitudini, la formazione trevigiana torna in concerto con i membri fondatori. Il tour 2014 parte da Padova, nell’ultima serata al chiuso organizzata dal collettivo Sotterranei: il C.S.O. Pedro si prepara ad accogliere un vasto numero di partecipanti per quello che si preannuncia essere un evento memorabile.

 

In apertura si esibiranno due band Go Down Records: il quartetto veronese Quiet Confusion e i Sotterranei GramLines. Recentemente reclutati dalla nota etichetta indipendente, i GramLines presenteranno il nuovo, attesissimo EP “Coyote”, che verrà pubblicato e reso disponibile proprio per questa occasione. In chiusura DThe Mojos DJ Set all night long. Ingresso a 3€.

]]>
info@sherwood.it (Sherwood Network)
<![CDATA[Trittico mozzafiato per la penultima serata Sotterranei al C.S.O Pedro]]>

Martedì 6 Maggio 2014
la penultima serata 
Sotterranei @ C.S.O. PEDRO:


Deville
+

Broken Time Structure
New Candys


Dj set:
Checco Merdez


Arrivano direttamente dalla Svezia i Deville, quartetto Heavy Rock impegnato in un lungo tour europeo tra Italia e Germania che il 6 Maggio si esibirà al Pedro nella penultima serata al coperto organizzata dal collettivo Sotterranei, che in apertura propone due band del territorio: i trevigiani New Candys (33,3% Rock + 33,3% Roll + 33,4% Psychedelia) e i patavini Broken Time Structure.

La serata precede il grande avvenimento che si svolgerà il 15 Maggio, sempre al C.S.O. Pedro, dove sullo stesso palco si esibiranno gli OJM nel primo concerto-reunion del 2014, I Sotterranei GramLines che freschi di firma con Go Down Records presenteranno il nuovo EP “Coyote”, e i veronesi Quiet Confusion.

 

]]>
info@sherwood.it (Sherwood Network)
<![CDATA[Esce il 15 Maggio 2014 per Go Down Records “Coyote”, il secondo EP dei GramLines]]>
 
È passato quasi un anno da quando Francesco Campaioli, Francesco Aneloni, Stefano Bejor, Damiano Dalle Pezze ed Alberto Pavinato registrarono allo Studio 2 le prime note di quello che è diventato un EP carico ed ambizioso, nato dalla ricerca di un sound aggressivo e allo stesso tempo coinvolgente, cresciuto attraverso il concept visionario dei libri di Cormac McCarthy e maturato sulla strada che collega Padova e Verona a Friburgo.
Ora Coyote ha finalmente uno scopo, una copertina desertica e ricercata, ed un’etichetta: Go Down Records Underground è il vettore per la distribuzione internazionale di un EP pensato, scritto e vissuto in lingua inglese.

La Tracklist: 

1 - The Thrill Of A Breakdown
2 - The Bone
3 - The Road
4 - The Last Of The Villains
 
Coyote EP esce il 15 Maggio 2014, la stessa data dell’ultima serata Sotterranei della stagione al chiuso. Sul palco del C.S.O. Pedro, assieme ai GramLines, Quite Confusion e OJM (per la storica formazione trevigiana si tratta della prima tappa del reunion celebration tour): http://on.fb.me/1nFYFJc 
 
Martedì 6 Maggio, sempre al C.S.O. Pedro, un’altra serata Sotterranei con Broken Time Structure, New Candys e gli svedesi Devillehttp://on.fb.me/1nqO5bE 
 
]]>
info@sherwood.it (Sherwood Network)
<![CDATA[#sherwood14: tutti i live a 1 euro]]>

Mercoledì 11 giugno

España Circo Este +
Fast Animals And Slow Kids

Gli España Circo Este, gruppo sbarcato sui palchi italiani dopo essere nato nel Sud del Mondo, rappresentano una vera e propria carovana musical/circense dal sound unico e originale, fra sacro e profano, fra balkan e reggae/patchanka.

Il progetto "Fast Animals And Slow Kids" nasce a Perugia alla fine del 2007 come una di quelle cose che si fanno per passare il tempo in inverno.
Dopo aver conquistato Appino e tutta la famiglia Zen Circus, registrano a Febbraio 2011 il loro primo disco intitolato "Cavalli" e nel Novembre 2012, registrano mattina e sera i pezzi che andranno a comporre il loro secondo album ufficiale: “HYBRIS”.



Giovedì 12 giugno

Monaci del Surf

Per le strade di Torino si aggira un gruppo di personaggi vestiti in kimono nero e mascherati come “luchadores” messicani. Nessuno sa esattamente la loro storia, o meglio, ognuno ne sa una diversa: sono ex sacerdoti in cerca di una nuova spiritualità, sono atei in fuga, sono musicisti disperati, sono mascherati perché non possono farsi riconoscere, sono membri dei servizi segreti; qualunque sia la verità, sono conosciuti come Monaci del Surf. Nel 2012 esce il loro primo disco e non potevano che scegliere la INRI come etichetta discografica, sotto l'alta supervisione di Metatron. Cosa ci dobbiamo aspettare nei prossimi mesi dai Monaci del Surf? Seguiteli!



Venerdì 13 giugno

The Zen Circus

Il Circo Zen, da Pisa, ha riportato lo spirito padre del folk e del punk al moderno cantautorato con Andate Tutti Affanculo (2009), collabora con Violent Femmes, Pixies e Talking Heads in Villa Inferno (2008).
Hanno confermato e moltiplicato il proprio pubblico con Nati Per Subire (2011) e dopo un 2013 sabbatico, il terzo disco completamente in Italiano, Canzoni contro la natura (2014) debutta in top ten nella classifica Fimi/Gfk ed al primo posto su quella di Itunes. Un altro tassello di una storia che non accenna a fermarsi e riparte per un’altro never ending tour.



Domenica 15 giugno

The Pains Of Being Pure At Heart

Nuovo album e nuovo tour per una delle band più amate della scena indie pop americana che con "Days of Abandon" consolida il suo posto nel panorama musicale internazionale! L'inizio di un nuovo percorso evolutivo per la band, che sgomita per innalzare ancora di più l'asticella della qualità e non essere una meteora, ma per collocarsi saldamente come i Pavement della loro generazione.



Mercoledì 18 giugno

99 Posse

La Storia non si ferma e non fa un passo indietro. Al limite si ripete, tiene il ritmo, si guarda indietro, ma la linea del tempo scorre inarrestabile in avanti. E così la storia dei 99 Posse corre e corre ancora dopo 20 anni con la stessa energia di un guaglione.
Il 25 marzo 2014 esce “Curre Curre Guaglio’ 2.0 – Non un passo indietro”, il nuovo disco dei 99 Posse distribuito Artist First, che ripercorre i grandi successi della loro prima discografia e una carriera da record.



Venerdì 20 giugno 2014

Garrincha loves Sherwood

Garrincha Loves è un festival itinerante che porta spasso per la nazione tutte le band dell'etichetta bolognese in un clima familiare e festoso. Questa estate toccherà Bari, Milano, Taranto, Genova, Bologna e per l'appunto Padova. All'interno dello Sherwood Festival. Le band coinvolte saranno per l'occasione: Lo Stato Sociale
L'officina della camomilla
L'orso
Magellano
Tutti freschi di nuove pubblicazioni, incluso Brace che vi terrà compagnia durante i seppur brevi cambi palco.



Martedì 24 giugno

Motus in "Alexis. Una tragedia greca"

Motus nasce a Rimini nel 1991 fondato da Enrico Casagrande e Daniela Nicolò. Ha sempre scolpito i propri progetti agendo e reagendo, come carta di tornasole, ai fatti - piccoli e grandi - del quotidiano, nutrendosi delle contraddizioni del contemporaneo, traducendole, facendone materia attiva di riflessione e provocazione.
ll progetto Syrma Antigónes, avviato nel 2008, nasce dall'idea di condurre un'analisi del rapporto/conflitto fra generazioni assumendo la figura tragica di Antigone come archetipo di lotta e resistenza. Silvia Calderoni, che collabora assiduamente con la compagnia dal 2005, ne è intelligente e instancabile interprete, e riceve, nel 2010, il Premio Ubu come migliore attrice under 30. Dal progetto sono nati tre Contest: Let the Sunshine In (antigone) contest#1, Too late! (antigone) contest#2, Iovadovia (antigone) contest#3 e uno spettacolo Alexis. Una tragedia greca.



Giovedì 26 giugno

Jack Jaselli

 

Jack Jaselli è un cantante, chitarrista e autore nato a Milano e cresciuto girando il mondo. La sua carriera musicale è un caso unico in Italia e rappresenta una nuova realtà di concreta indipendenza: senza l’appoggio di
alcuna casa discografica, management o agenzia di booking, Jack ha infatti registrato il suo primo disco "It's Gonna Be Rude, Funky, Hard" in una cantina, promuovendolo dal vivo con più di 80 date l’anno ed entrando con ben tre
singoli nella classica “ear one” dei brani più trasmessi dalle radio.
Verso la fine del 2013, in concomitanza con la partenza del fitto tour invernale nelle principali città italiane, è stato diffuso il video di un altro brano estratto da "I Need The Sea Beacuse It Teaches Me": "Closer", singolare cover del celebre brano dei Nine Inch Nails.



Sabato 28 giugno

Davide Vettori

Davide Vettori nasce nel 1981 a Treviso. 
Nel 2012 pubblica l’album d’esordio ‘Visione Cosmetica’ (Garage Records/Audioglobe) tra elettronica e cantautorato italiano, con la produzione artistica di Tommaso Mantelli, collaborazioni con artisti quali Ilenia Volpe e Nicola Manzan (Bologna Violenta). Nella primavera 2013 pubblica la cover de ‘L’ultima luna’ (Lucio Dalla), con cui si esibisce presso il Music Italy Show di Bologna e vince il premio ‘Gli Eroi di Cartone’ indetto dal Meeting Etichette Indipendenti eAudiocoop
Durante il primo anno di promozione dal vivo dell’album si esibisce in una sessantina di concerti ed ha potuto dividere il palco con artisti del calibro di SubsonicaFrankie Hi NrgMotel ConnectionBologna ViolentaCaptainMantellEx-OtagoPink Holy Days e Aucan
Attualmente in lavoro sul singolo ‘Il Cuore Vibra’, primo videoclip in arrivo per l’estate 2014, anteprima del nuovo album.



Domenica 29 giugno

Sherwood Hip Hop Day

5ta Edizione dell'appuntamento estivo con "la giornata" per antonomasia dedicata interamente alla cultura, musica e danza Hip Hop nel suo habitat naturale la strada, come mezzo per riappropriarsi della propria identità e forma libera e diretta di comunicazione. Musica e colonna sonora indipendente, dalla forte identità multiculturale, con un radicato senso d'appartenenza alla propria comunità, un movimento che comunica attraverso un linguaggio universale.



Martedì 01 luglio

Sotterranei

Il coccodrillo sotterraneo spunta anche a Sherwood!
L'1 Luglio sarà una giornata interamente dedicata all'attitudine underground del fare musica, quella senza compromessi, quella genuina, a diretto contatto col pubblico. Una serata all’insegna dei Sotterranei, una scena nata grazie alla cooperazione e alla collaborazione tra band. Due band fondatrici, Elephant e Blue Shoe Strings, introdurranno l’esibizione del duo Blues-Rock anglo-neozelandese HeyMoonShaker.



Mercoledì 02 luglio

Brunori Sas

Brunori Sas è Dario Brunori, cantautore della provincia cosentina, classe 1977. Pubblica il suo album d'esordio “Vol.1”: un vero e proprio canzoniere italiano, fatto di brani semplici e diretti, filtrati attraverso sonorità retrò e pieni di quell'immaginario dei ricordi dei 30enni di oggi, ossia i primi anni 90.
A due anni esatti da Vol. 1 Dario Brunori torna con “Vol. 2: Poveri cristi”.
In questo lavoro lascia alle spalle la nostalgia e il racconto autobiografico e sposta lo sguardo verso le storie di vita altrui.
Il 4 febbraio 2014 esce l’atteso terzo disco di inediti “Vol. 3 – Il Cammino Di Santiago In Taxi” a cui fa seguito, da marzo, il live Volume 3 Tour.



Giovedì 03 luglio

Nyū

Nyū è una formazione electropop che nasce dalle ceneri di diversi gruppi che poco avevano a che fare con l’elettronica e, a ben pensarci, pochissimo col pop. Il quintetto incide presso Hate Studio il suo primo EP per l’esordio in live, la scorsa estate, e senza sottilizzarsi troppo in questioni del tipo “dargli un titolo” nel giro di pochi mesi rimbalza da un palco all’altro, non prima di essersi imbattuto in un inquietante tizio mascherato che non proferisce parola e si aggira furtivo fra il pubblico proiettando le sue inquietudini a mo’ di visual, in ogni occasione.



Venerdì 04 luglio

Fermenti Sonori

All'interno di Fermenti, il festival dei birrifici indipendenti, la musica ed ilteatro invaderanno le strade dello Sherwood Festival. Sei cantautori e due spettacoli teatrali vi accompagneranno all'interno della giornata.



Sabato 05 luglio

Perturbazione

I Perturbazione sono uno dei principali gruppi rock italiani dei nostri anni.
Nati a Rivoli, alle porte di Torino, hanno segnato la musica nazionale grazie a una manciata di album fra i più significativi dell’ultimo decennio.
Pubblicano il 6 Maggio 2013 il nuovo e sesto disco del gruppo, prodotto da Max Casacci (Subsonica), intitolato Musica X e distribuito in allegato a XL di Repubblica.
Con "L’Unica" e "L’Italia vista dal bar", hanno partecipato alla 64esima edizione del Festival di Sanremo (dal 18 al 22 Febbraio 2014) / 4° posto nel televoto sia nella 1° che nell’ultima serata – 6° nella classifica generale -  Premio Critica Radio/Tv/Web della Sala Stampa Lucio Dalla / Premio 100 Radio / Premio Blog Macchia Nera assegnato al Dopo Festival.
A seguire, un lungo tour che li terrà impegnati per il resto dell’anno.



Martedì 08 luglio

Shyrec 10th Anniversary

Shyrec 2004/2014. L'etichetta indipendente, con base operativa nel veneziano, festeggerà i primi 10 anni di attività, martedì 8 luglio 2014 sul second stage dello Sherwood Festival. Nata come molte delle piccole realtà dalla passione di un gruppo di amici, si caratterizza fin dalla prima produzione ("Happy birthday, Eveline!!!" dei bolognesi Eveline) come un organico atipico, il cui metro di selezione è il solo e totale innamoramento dei progetti incontrati: Wora Wora Washington, Kill Your Boyfriend, Speedy Peones, The White Mega Giant, Zabrisky, Eveline, solo per citarne alcuni.

"La nostra musica, le nostre produzioni, possono anche non piacere. Per noi si tratta solamente di tutto quello che passando attraverso le orecchie, si è poi depositato dentro al cuore".

Shyrec non è solo produzione musicale, è una realtà che segue le band in tutto il loro percorso: è anche agenzia di booking, ufficio stampa, promoter e non solo, è soprattutto pura passione!!!
I 10 anni di attività saranno l'occasione anche per spiegare, capire e mostrare il ruolo di promozione culturale che contraddistingue l'etichetta veneziana, e le etichette indipendenti in generale, perché di questo si tratta: promuovere e produrre musica oggi, più di ieri, significa fare cultura attiva. Per cui, citando le parole del baldo Onga, fondatore della prestigiosa Boring Machines, fatte proprie da Made in Pop, nota newsletter curata dal buon Checco Merdez



Mercoledì 09 luglio

Bologna Violenta
Godblesscomputers

Bologna Violenta è un progetto di Nicola Manzan, trevigiano classe 1976, violinista e polistrumentista che negli ultimi anni ha lavorato in studio e dal vivo con molte band del panorama musicale italiano e internazionale.
Tra gli altri, ha collaborato anche con Justin K. Broadrick nell'ultimo album degli Jesu ("Everyday I get closer to the light from which I came" - Avalanche Recordings) e con Gautier Serre per il prossimo EP di Igorrr.
Dal 2006 ad oggi Bologna Violenta si è esibito in Italia, Francia, Belgio, Olanda, Germania ed Inghilterra (con la partecipazione nel 2012 al Glimps Festival di Gent e nel 2013 all’Eurosonic Noorderslag di Groningen).

Lorenzo “Godblesscomputers” Nada è un collezionista di suoni concreti, li esplora, cataloga, seziona, e ricompone con suoni di sintesi. 
Italiano di origine vede il suo battesimo artistico durante una sua residenza berlinese. Nel 2012 escono “The Last Swan” (autoprodotto) e il suo seguito “Swanism” (Fresh yo! label), entrambi sviscerano la tematica della bellezza estetica e della rinascita e gettano le basi seminali per la collezione di rework dei Beastie Boys, “Lost in Downtown” (Fresh yo! label). Al rientro in Italia esce il primo disco in vinile “Freedom is O.K.” per la berlinese Equinox Records. Un alternarsi di texture organiche e ritmiche impazienti, silenzi e pathos: ed è proprio questo mix perfetto che lo ha portato ad esibirsi sui più prestigiosi palchi, quali Club 2 Club a Torino e Robot Festival a Bologna.



Giovedì 10 luglio

Osteria dei Pensieri

L'Osteria dei Pensieri nasce nel territorio della Riviera del Brenta nell'estate 2009 dall'incontro di cinque musicisti provenienti da differenti esperienze e storie musicali ed artistiche. Laura Pizzol (Voce, Tastiera), Marco Galliolo(Chitarra elettrica, Chitarra classica), Thomas Callegaro (Violino, Concertina, Organetto, Benjolin), Claudio Costantini (Basso elettrico, percussioni),Stefano Pontellato (Batteria).
In un clima compositivo che si potrebbe definire laboratoriale, simile a quello delle piccole botteghe artigianali, prendono vita brani le cui influenze sonore sono da ritrovarsi nella tradizione cantautorale nostrana e in qualche fuga centrifuga verso sonorità d'oltreconfine.



Martedì 15 luglio

Green Records 20th Anniversary

 

Green Records compie 20 anni di attività e li festeggia con un contest
di skate e un concerto hc/punk presso il Sherwood festival dove suoneranno i veneziani Danny Trejo. In questi vent'anni Green Records a Padova è sempre rimasta attiva nella produzione delle bands locali e nel sostegno delle attività legate allo skateboard. Per l'occasione verrà allestita una mini halfpipe che
si potrà utilizzare liberamente anche nei giorni che precederanno l'evento.



Giovedì 17 luglio

Estra

Nel 2003 veniva pubblicato “A Conficcarsi in Carne D’Amore” l’ultimo lavoro degli Estra, un disco che celebrava dal vivo la band Trevigiana che fa parte, insieme a Marlene Kuntz, C.S.I. e Afterhours di un certa élite del rock italiano, un rock d’autore con la R maiuscola.
Negli anni ’90 e nei primi 2000, il sound e le composizioni degli Estra hanno contribuito a gettare le basi per tutta la scena indipendente nostrana che da li poi si è evoluta e cresciuta.
Questo “saluto” sarà una perfetta occasione per ritrovarli e per chi non li ha mai conosciuti, conoscerli ed amarli.

]]>
info@sherwood.it (Sherwood Network)
<![CDATA[Go Down Night - // Slick Steve & The Gangsters + Douge // djset: Ordinary Noise]]>


Martedì 8 Aprile 2014
Sotterranei @C.S.O. PEDRO:

Go Down Records'night:


Slick Steve and the Gangsters

+

Douge

Djset:
Ordinary Noise

Continua la programmazione artistica stavolta più che mai del collettivo Sotterranei presso il C.S.O. Pedro, che dedicano la prossima serata-evento all’etichetta musicale indipendente Go Down Records Underground. Una tripla proposta da parte un trittico di riferimento musicale che per Martedì 8 Aprile decide di osare, annunciando una line- up unica nel suo multi-genere.


Apriranno i giochi, nel vero senso del termine, i nostri corregionali Douge con la loro carica di volumi strappati e distorti, prima della performance insolita e per questo attesissima di Slick Steve & The Gangsters. La formazione bresciana, a ritmo del proprio Swing n’Blues tra passato e presente, si esibirà anche in spettacoli di giocoleria ed illusione. Un vero e proprio Rock n’Roll Circus: la serata si protrarrà fino a tarda notte con il DJ set Ordinary Noise. Ingresso a 2€. 


]]>
info@sherwood.it (Sherwood Network)
<![CDATA[Aidan + Kaleidoscopic]]>


Martedì 25 marzo 2014

CSO Pedro

via Ticino 5, Padova

presenta:

 

Sotterranei

 

Torna, dopo il primo successo, il martedì targato Sotterranei al C.S.O. Pedro.

Se siamo partiti con post-rock e grunge-stoner, questa serata, direte, sarà più leggerina e danzerina… NO! Martellate nel cervello! Si va dallo sludge-drone degli Aidan da Padova all’alternative stoner -rock-violento dei KALEIDOSCOPIC, band prodotta dalla garanzia dell’underground italiano: Nicola Manzan alias BOLOGNA VIOLENTA.

E’ davvero una serata da non perdere, l’underground che si respirerà è più unico che raro. Ve lo portano in città solo ed esclusivamente i Sotterranei. Diffidate dalle imitazioni.

Avete potuto testarlo già martedì passato: ci son dei prezzi davvero sotterranei al bar, no?

Vi aspettiamo!

After show:

White Noise Collective

Apertura ore 21.00

]]>
info@sherwood.it (Sherwood Network)
<![CDATA[Mondo Naif + Vox Delitto]]>

Venerdì 14 marzo 2014

Cso Pedro

Via Ticino, 5 - Padova

Sherwood Open Live

presenta:


Sotterranei

 

 

Torna a Sherwood Open Live la rassegna dei gruppi dei Sotterranei. Questa sera, dedicata a madre Psichedelia e a padre Stoner, suonano i Vox Delitto e i Mondo Naif.

Ad introdurre la serata ci sarà Sergio de Checchi con la sua chiacchierata sugli anni sessanta: 'musica e rivolta di un decennio in un movimento'.

Apertura ore 21
Ingresso 2 euro


Sergio de Checchi

Chitarrista blues Padovano, possiede un piccolo (ma grande) negozio di chitarre vintage nel ghetto, a due passi dal duomo: Tarli e Farfalle.
Sergio ha la capacità di farti palpare, toccare, stringere quel legame tra la musica e la vita quotidiana, fatta di intrighi, lotte e sfumature, nel coinvolgimento musicale delle corde di una chitarra. Uno strano modo di pensare ad un aperitivo Openlive al Pedro prima delle band Sotterranee. Questa volta la conversazione verterà sulla musica degli anni sessanta, andrà ad analizzare i movimenti sociali da cui è originata senza però allontanarsi mai dalla musica suonata.


Vox Delitto (Psyco Blue Stoner)

[..] I brani, che traggono le loro suggestioni dalle tele di Magritte e Munch, e dalle chine splatter di Angelo Stano, alternano un’imprevedibile miscela di stoner-blues tellurico e di psichedelie lunari. Riff magnetici e deliqui noise, tra schianto ed elevazione. [..]


Mondo Naif (Spaghetti Stoner)

Monaco, aprile 2008. Treviso, oggi. Talentuosa predisposizione al maltrattamento. Stride e grida nel deserto. Pugni in pancia, budella in acido. Semplice. Naif.

]]>
info@sherwood.it (Sherwood Network)
<![CDATA[I Sotterranei si spostano al CSO Pedro]]>

Cambia lo spazio, si amplifica la vibrazione: i Sotterranei si spostano al C.S.O Pedro.


Martedì 11 Marzo 2014
la prima serata nella nuova location:
Sotterranei @ C.S.O. PEDRO:


The White Mega Giant
+

Ivy Garden Of The Desert

Dj set:
Momo



Sarà il C.S.O Pedro in via Ticino a Padova ad ospitare il primo di diversi eventi organizzati dal collettivo emergente Sotterranei da Marzo fino all’inizio dell’estate. A fronte della temporanea chiusura del Bar Metropolis, sotto il quale da Ottobre a Febbraio nel consueto appuntamento del Giovedì hanno suonato decine di band e dj in occasione di eventi tematici e concerti aggregativi, per garantire un costante apporto di rock, blues e psichedelia le serate musicali indipendenti già programmate vengono quindi trasferite al Pedro.



La nuova base dei Sotterranei è disponibile ad abituali e nuovi frequentatori da Martedì 11 Marzo in una serata all’insegna del grunge e del post rock in cui, prima del dj set a cura di “Momo” Bernar, suoneranno due formazioni del territorio: Ivy Garden Of The Desert e The White Mega Giant. News e dettagli sono reperibili seguendo il link all’evento su Facebook: http://on.fb.me/1imWDiJ


Le serrande abbassate del Metropolis hanno riportato in auge la questione della nascita dei Sotterranei: la mancanza, nel capoluogo patavino, di un punto d’incontro tra musica e pubblico accessibile a tutti, in particolare al vasto bacino universitario. Alla causa comune di Blue Shoe Strings, Elephant, GramLines, Mondo Naif, Treremoto e Vox Delitto – le band fondatrici del movimento organizzativo – hanno già aderito centinaia di musicisti ed artisti emergenti da tutta Italia, supportando le esibizioni al Metropolis, al Circolo Carichi Sospesi e al Circolo Mame, in cui i Sotterranei propongono mensilmente ulteriori serate contorniate da partecipazione e passione per la musica.



Negli ultimi mesi la stampa regionale e nazionale cartacea e digitale ha spesso pubblicizzato la crescita del movimento indipendente:

La nascita dei Sotterranei su IlReferendum - http://goo.gl/5QPzae e su SpazioRock - http://goo.gl/Vvubj1
La collaborazione con ZED al Gran Teatro Geox - http://goo.gl/OVM0rG
Il racconto dell’ultimo concerto al Mame su LeRinghiere - http://goo.gl/t7iz3Y
Intervista al direttivo dei Sotterranei su StoriaDellaMusica - http://goo.gl/VOI22c
Ufficio Stampa Sotterranei Padova

]]>
info@sherwood.it (Sherwood Network)