<![CDATA[bonaventura | Sherwood - La migliore alternativa]]> https://www.sherwood.it/tags/1936/bonaventura/articles/1 <![CDATA[La famosa invasione degli orsi in Sicilia - Recensione]]>

 

 

La famosa invasione degli orsi in Sicilia

 

Una favola moderna, una dicitura così semplice e complessa racchiude La famosa invasione degli orsi in Sicilia, tratto dalla storia di Dino Buzzati, (uscita sul Corriere dei piccoli nel 1945).

In una Sicilia fuori dal tempo e dallo spazio, vivono gli orsi, nei grandi massicci centrali dell’isola, sotto la guida del buon re Leonzio, il più valoroso e onesto fra loro. Il rapimento del figlio Tonio, ad opera degli umani ed un lungo inverno, lo costringeranno a scendere a valle con tutto il suo popolo.

Una Storia, con la S maiuscola, perché come nelle favole dei bardi e degli aedi, ogni storia ne racchiude altre, che si dipanano a loro volta in infinite storie, per chi ha voglia e piacere di ascoltare. Ci si immerge fin da subito nella dolcezza di un ricordo ritrovato, di una tradizione perduta e riscoperta, quella del narrarsi, del raccontare storie l’uno all’altro, per passare il tempo, per arricchirsi vicendevolmente e confrontarsi attraverso il vissuto.

Troppi questi 75 anni passati tra la prima pubblicazione dell’opera letteraria e questo film d’animazione.

Prima prova alla regia per Lorenzo Mattotti, punto d’arrivo e d’inizio di una carriera nel mondo dell’animazione per un artista da anni nome italiano di grido nel campo dell’illustrazione. Un'esperienza notevole ed un’opera non semplicissima da mettere in scena. Prova superata brillantemente, le libertà prese rispetto al testo originale apportano organicità ed epos. Ma questo ci aspettavamo da un artista di tal fatta.

Affascinante l’uso dei colori, in massima parte naturali e brillanti; che si mostri un monte innevato, una assolata spiaggia o i vicoli dei paesini siculi, i colori scelti sono quelli dell’immaginazione, colori archetipi, che sembrano nascere nella nostra mente piuttosto che sullo schermo. A tratti è facile smarrirsi nei propri ricordi infantili tanta è la dolcezza e la forza di alcuni paesaggi.

Ricco il numero di citazioni e riferimenti che provengono da ogni dove. Dal mondo del cinema, su tutte inquadrature e scene che rimandano a Il deserto dei Tartari di Vittorio Zurlini, (forse il libro più famoso e letto di Buzzati), dai film d’animazione come i disneyani Fantasia e Aladdin, dal mondo dell’arte le scene urbane ricordano i quadri di Segantini. Il tutto con un attento e perenne studio delle geometrie e con un tocco orientaleggiante che tanto era caro a Dino Buzzati.

I più grandi si porranno domande sui significati politici nascosti nell’opera, la guerra, la fame, il mondo della borghesia urbana in contrasto col popolino rurale, i trucchi dei potenti e degli affabulatori ideologici, sono tutti temi pregnanti e portanti nella storia. I più piccoli resteranno affascinati da una poesia visiva, dallo sfavillare di colori e il susseguirsi di incanti.

Vanno ringraziati i molti attori che hanno prestato le voci a quest’opera: Toni Servillo, Antonio Albanese, Corrado Guzzanti per dirne alcuni e su tutti la voce di Andrea Camilleri, il quale era molto legato a questa fiaba.

Questa co-produzione italo-francese è un gioiellino nel panorama attuale, è a distanze siderali dalla produzione mainstream odierna con uno stile unico e riconoscibile.
In conclusione, un caleidoscopio di colori e immagini, di fantasia e realtà, che vuole leggere il mondo in maniera schietta e sincer,a ma con la gioia e l’allegria della fanciullezza.

Un film di orsi, cantastorie, di maghi e mostri, di battaglia e di amore.

]]>
info@sherwood.it (Sherwood Network)
<![CDATA[In Diretta Dal Festival 2019 Day 10 - GASP! e Johnny Dalbasso]]>

Tornano i fumetti allo Sherwood Festival! In questa puntata di "In Diretta dal Festival" uno speciale di "Bonaventura" con i nostri conduttori Luca e Jack che intervistano sul divanetto del nostro stand "Books & Media" l'autore della mostra di questa edizione, Stefano Zattera, Vincent Van Love, Johnny Dalbasso, che si è esibito sul second stage del festival, e le autoproduzioni gagliarde presenti al GASP!

Puoi ascoltare il podcast dal player qui a lato.

]]>
info@sherwood.it (Sherwood Network)
<![CDATA[Sherwood Open Sunday w/Jacobin]]>

Domenica 13 Gennaio
Sede di Radio Sherwood
Vicolo Pontecorvo 1/A, Padova


Sherwood Open Sunday
w/ Jacobin Italia

 

Per la prima giornata di Sherwood Open Sunday del 2019 avremo un ospite particolare, che potremmo definire il caso editoriale del 2018: la rivista Jacobin Italia!

Stiamo facendo alcuni cambiamenti al format di questi appuntamenti domenicali con le trasmissioni di Radio Sherwood: cercheremo di dare infatti un tema centrale, che ruoterà attorno alla presenza di un ospite particolare, in questo caso i redattori della rivista Jacobin Italia, con cui parleremo di informazione "critica" e dei vari strumenti con cui essa viene realizzata (cartaceo, digitale, radiofonico, video).

La diretta radio inizia alle 19.00, puoi ascoltarci anche in steaming su www.sherwood.it/streaming

 

19:00-19:30
Indica
19:30-20
Bonaventura
20-21:30
Jacobin Italia: intervista a Francesca Coin e Lorenzo Zamponi
21:30-23:00
Dj set by The Mojos (On The Road Again)



Durante la diretta radio vi preghiamo caldamente di fare silenzio


La sede della radio sarà pronta ad accogliervi a partire dalle 18.30 per un aperitivo prima dell'inizio della diretta, con spritz, vinelli, birre artigianali CRAK Brewery, spunciotti vari e pizze fatte con amore alla pizzeria "La Pizza Loca" del Cso Pedro.


Sostieni Radio Sherwood, sostieni l'informazione indipendente


Ingresso con offerta a partire da 1 euro
Contributo tessera Sherwood Open Live: 2 euro

Se non hai ancora la tessera Sherwood Open Live 2018, puoi compilare la richiesta di iscrizione online per quella 2019 e ritirare il modulo da firmare direttamente all'ingresso.
Clicca qui: bit.ly/iscrizionesol

Jacobin Italia
Una rivista senza padroni, senza finanziamenti, pubblicata da un editore indipendente.
"Questa rivista non coltiva ambizioni talmente magiche ma si getta in un’impresa altrettanto ambiziosa. Nel tempo claustrofobico del passato rimosso e manipolato, del presente eterno e inafferrabile, del futuro da incubo dobbiamo tornare a immaginare l’avvenire. Il poeta diceva che «il futuro non è ancora scritto» e siccome non vogliamo metterci in fila e aspettare che le prossime pagine del nostro destino siano una copia ancor più brutta del presente, vogliamo scrivere capitoli inattesi e spiazzanti."

Sherwood Oper Sunday
E' un format di Radio Sherwood nato per "aprire le porte" degli studi e dare un volto alle voci delle varie trasmissioni, con una diretta aperta al pubblico costruita di volta in volta con una selezione dei nostri programmi.

]]>
info@sherwood.it (Sherwood Network)
<![CDATA[Bonaventura Puntata 1]]>

"Qui comincia la sventura del signor Bonaventura"! Bonaventura, il nuovo programma di Radio Sherwood su fumetti e cultura nerd. Ospite di questa prima puntata Coma Empirico.

Qui sotto i brani, di lato il podcast

I Cani - Come Vera Nabokov

Exploited - Sex and Violence

Persiana Jones - No

M.lle B - St. Aubin

Stuck In The Sound - Let's Go

Caso - Lario

Capra - Mio Padre Faceva il Fabbro

]]>
info@sherwood.it (Sherwood Network)