<![CDATA[sick-tamburo | Sherwood - La migliore alternativa]]> https://www.sherwood.it/tags/311/sick-tamburo/articles/1 <![CDATA[Sick Tamburo - Paura e l'amore: Momostock intervista Gian Maria Accusani]]>

Testi più estesi e reiterazioni punk rock come canoni ipnotici da memorizzatori anni 80, per trasduttori cerebrali che portano il cervello tra piazzale Motta e il Meduna all'ombra del Great Complotto.

Sick Tamburo turns ten, e la strada percorsa dal 2009 si riflette in un disco che, dopo un decennio, mette tutti i puntini sulle "i" di un testo in stampatello maiuscolo.

In un'era dove la disponibilità musicale è sterminata, non succedeva da un pezzo che un album occupasse le mie cuffie così a lungo. Paura e l'amore live together in perfect harmony negli onestissimi racconti musicati e confessati nell'intervista concessa da GM alle porte del tour, in partenza dallo storico Covo club di Bologna, per toccare subito il Pedro sabato 27 aprile 2019.

]]>
info@sherwood.it (Sherwood Network)
<![CDATA[Ex-Otago + Sick Tamburo allo Sherwood 2017]]>


Sabato 10 Giugno 2017

Ex-Otago

"Marassi Tour 2017"

Vai alla Pagina FB


Gazzelle

"Un Nuovo Giorno Tour 2017"

Vai alla Pagina FB


Dj-Set:

Soundpark + White Noise

Vai alla Pagina FB di Soundpark

Vai alla Pagina FB di White Noise


Sherwood Festival 2017
Park Nord Stadio Euganeo
Viale Nereo Rocco - Padova
#sherwood17


Apertura cancelli: ore 19.00

Inizio concerto: 21.00


1 € può bastare

Ex-Otago

“Marassi” è la Genova post moderna, rimasta fuori dalla canzoni di De Andrè, il posto più vicino a quello che si può definire casa. Il posto da cui è partito tutto, il quartiere dove sono nati e cresciuti, un serpente di strade che arrivano fino al rifugio in cui ancora oggi si ritrovano tutte le settimane a scrivere canzoni, mangiare insieme e suonare. Un quartiere che ben rappresenta i giorni nostri, un quartiere di supermercati e palazzi, di pini domestici e platani, di palestre di boxe e di zumba, di relazioni sull'autobus, di vita. Lo stadio e il carcere, indiscussi grandi monumenti. Gli anziani guardano i cantieri, i giovani fanno le impennate con lo scooter.
Gli Ex-Otago si formano a Genova nel 2002 come trio acustico composto da Maurizio Carucci, Alberto “Pernazza” Argentesi e Simone Bertuccini. Nel 2004 si unisce al gruppo il batterista Simone Fallani. Pubblicano il primo album nel 2002, “The chestnuts time”, e nel 2007 il secondo “Tanti Saluti". Seguono nel  2011 “Mezze stagioni” e nel 2014 l’album “In capo al mondo”. Il 2016 è l'anno che sancisce la collaborazione degli Ex-Otago con l'etichetta bolognese Garrincha Dischi e con l'etichetta torinese INRI. "Cinghiali incazzati" e “I giovani d'oggi” sono i primi singoli estratti dall'album “Marassi”.

Sick Tamburo

Un giorno nuovo è stato prodotto da Gian Maria Accusani nel suo home studio per Discgust Music Production. L’album contiene nove nuove tracce e prosegue il discorso musicale intrapreso dalla band nel 2007 portandolo ad un nuovo livello grazie al rinnovato intreccio di chitarre elettriche e sintetizzatori, di ritmi incalzanti e melodie wave. L’album sarà anticipato dalla title-track Un giorno nuovo che uscirà il 21 marzo 2017 accompagnata da un videoclip girato da Stefano Poletti. In una canzone (Meno male che ci sei tu) ci sarà la partecipazione speciale di Motta (primo fan dei Sick Tamburo e forte del successo del suo primo album La fine dei vent’anni nel 2016) alla voce e alla darabouka. Della canzone La fine della chemio esisterà una versione con ospiti le migliori voci della musica italiana. La copertina lenticolare dell’album (in cui Mr Man e Miss Understanding si scambiano una rosa davanti ad un’esplosione atomica) è logica prosecuzione dei dischi/gioco fin qui realizzati: il primo Sick Tamburo aveva una sovra-copertina fustellata che fungeva da maschera/passamontagna per il ragazzo in copertina, il secondo A.I.U.T.O. era un flip-book in cui la scritta A.I.U.T.O. spariva in mezzo al mare, il terzo Senza vergogna era un origami “inferno paradiso”. Dal vivo il nucleo della band sarà variabile e si annunciano alcune novità che presto verranno svelate.

]]>
info@sherwood.it (Sherwood Network)
<![CDATA[10 Festival in Veneto che anticipano lo Sherwood 2017]]>

Manca meno di un mese all'inizio dello Sherwood Festival di Padova. L'edizione 2017 è in programma da mercoledì 7 giugno a sabato 15 luglio al Park Nord dello stadio Euganeo e presenta in cartellone nomi, come sempre, di primissimo piano. Tra questi sicuramente Baustelle, Brunori Sas, The Zen Circus e Fast Animals and Slow Kids. Ci sono poi nomi caldi come Lo Stato Sociale, Ex-Otago e Ghali, o ancora la coppia Giorgio Poi e Gazzelle, che uno dopo l'altro apriranno la rassegna di concerti. C'è spazio per grandi ritorni come The Bloody Beetroots, Dente, Sick TamburoEspaña Circo Este e Cattive Abitudini, e per appuntamenti fissi come Altavoz de Dia, Holi - Il festival dei colori, Hip Hop Day con Murubutu + freestyle battleSherwood Goes Hardcore con gli statunitensi Suicidal Tendencies. Da segnalare la chiusura con ospiti i bosniaci Dubioza kolektiv e le tante serate con la formula "1€ può bastare": da Willy Peyote a Birthh, dai Patois Brothers ai Voina, da Blindur ai Moplen, fino a Cut e Universal Sex Arena nella Sisma Night. Infine due opening act molto interessanti come Pietro Berselli e Verano.

Nel frattempo qui sotto trovate una lista con DIECI appuntamenti per intrattenervi da qui a giugno.


13 MAGGIO // VENEZIA HARDCORE FESTIVAL, Centro Sociale Rivolta (Marghera)

Torna per la quinta edizione il principale festival hardcore del Veneto. Al Rivolta porte aperte dalle 14:30 con un programma che recita "2 Stages, 1 huge skate ramp, 26 live bands, Illustration area, Merch area, Vinyls and Distros, bar and vegan food." La line up qui sotto non ha bisogno di ulteriori commenti.


17-21 MAGGIO // CEREBRATION FEST, Parco Fistomba (Padova)

Mercoledì 17 parte l'ottava edizione di un festival che comprende laboratori gratuiti, dibattiti, teatro, aperitivi culturali, concerti e dj-set. La location è il Parco Fistomba, zona verde vicino al quartiere studentesco del Portello. In concerto La Rappresentante di Lista, Pinguini Tattici Nucleari, Groov A Nation, Mistaman + ROC BEATS aka DJ SHOCCA & Frank Siciliano, più tanti altri ospiti.

CEREBR


18-21 MAGGIO // SAN PRECARIO SPORT FESTIVAL, Parco Milcovich (Padova)

Nel quartiere Arcella si celebrano i dieci anni della Polisportiva San Precario con quattro giorni di sport, musica e cultura. Il programma è ricco di appuntamenti: tornei di basket, calcio e volley, ma anche allenamenti di boxe e capoeira, concerti, dibattiti, documentari e spettacoli teatrali.


19-22 MAGGIO // LIDO - Carmignano Sabbiadoro, Carmignano di Brenta (Padova)

Carmignano di Brenta diventa Sabbiadoro per quattro giorni di eventi che strizzano già l'occhio all'estate. Di sicuro è la mia impressione quando penso alle camicie di Bruno Belissimo, che sarà presente nel cartellone insieme a Mudimbi, Bee Bee Sea, Senzabenza, Oceanicmood e tanti altri. 

LIDO


20-21 MAGGIO // AWAKEN FEST, Torreglia (Padova)

Ritorna per il secondo anno consecutivo Awaken Fest, "24 ore di cultura, arte e musica nella splendida cornice naturale dei Colli Euganei". Sabato c'è spazio per l'arte e lo sport prima di assistere alle esibizioni sul palco di Phil Reynolds, Nautilus, Talk To Her, Soviet Soviet, Thalos e Moseek. La domenica show acustico di Ulisse Schiavo, yoga e teatro. È possibile dormire in tenda nell'area campeggio.


26-28 MAGGIO // TREVISO STREET FESTIVAL, ModularSpace (Villorba, Treviso)

In un nuovo spazio polifunzionale della città arriva Treviso Street Festival. Venerdì 26 la presentazione, in anteprima nazionale, della rivista CITIES, a cura di Italian Street Photography. Gli scatti sono dedicati alle città di Torino, Milano, Genova, Venezia, Roma e Catania. Una sala espositiva di 1500 mq ospiterà inoltre le esibizioni di 25 artisti da tutta Italia, oltre a workshop, talk e dj-set. 


26 MAGGIO-3 GIUGNO // SUMMER STUDENT FESTIVAL (JE T'AIME), Golena San Massimo (Padova)

Il Je t'aime si svolge a Padova da 16 anni e propone ogni sera concerti ricercati e imperdibili, oltre a proiezioni, incontri e dibattiti. Il Festival, organizzato da ASU Padova, Il Sindacato Degli Studenti e da Pulse, ha appena annunciato i primi nomi di questa edizione: Croatian Amor, Lorenzo Senni e Nite Jewel. Occhio ai prossimi! 


28 MAGGIO // OSTIGLIA RAILSOUND, Ex Stazione Cocche (San Giorgio delle Pertiche, Padova)

Per il quarto anno consecutivo viene organizzata una giornata circondati nel verde sullo sfondo della vecchia ferrovia militare Ostiglia-Treviso. In programma una lezione di Hatha Yoga, un laboratorio per bambini e tanta musica, oltre alla possibilità di godersi la ciclopedonale Ostiglia-Treviso in mezzo alla natura.


1-4 GIUGNO // HORTIS FESTIVAL, Parco Ca' Diedo (Oderzo, Treviso)

A Oderzo giunge alla quarta edizione anche Hortis Festival con quattro giorni densi di appuntamenti. Sul palco saliranno tra gli altri Naives, the Cyborgs, Piotta, Altre di B e Canova, band milanese che sta ricevendo ottimi consensi negli ultimi mesi con l'uscita del disco "Avete ragione tutti".


2-3 GIUGNO // FABRIK FESTIVAL, Jara Park (Fontaniva, Padova)

La seconda edizione presenta concerti di artisti italiani importanti come Altre di B e i lanciatissimi Gomma, ma anche The Slaps e I Botanici. In aggiunta dj-set e un'esposizione di illustrazioni. Il tutto sarà "garantito con qualsiasi condizione meteorologica", il che non guasta mai.

A cura di Enrico Brunetta


]]>
info@sherwood.it (Sherwood Network)
<![CDATA[Tutte le foto de La Tempesta al Rivolta]]>

Per vedere tutte le foto scattate dai nostri fotografi clicca qui.
Oppure vai sulla pagina Facebook ufficiale di SherwoodPhoto o su quella di Sherwood.it

Il Cane

"); this.fullscreenMessageTimeoutId = setTimeout(function(){ $(".fullscreenMessage").fadeOut(function(){$(this).remove()}); },5000); }); } });$(".galleria-53d899667a51f_fullscreenHook").live("click",function(){ var galleries = Galleria.get(); $.each(galleries,function(){ if ( $(this._target).attr("id") == "galleria-53d899667a51f") { this.enterFullscreen(); } }); });$("#galleria-53d899667a51f .galleria-stage .galleria-image img").live("click",function(){ var galleries = Galleria.get(); $.each(galleries,function(){ if ( $(this._target).attr("id") == "galleria-53d899667a51f") { if ( this.isFullscreen() ) { this.next(); } else { this.enterFullscreen(); } } }); });});

Sick Tamburo

"); this.fullscreenMessageTimeoutId = setTimeout(function(){ $(".fullscreenMessage").fadeOut(function(){$(this).remove()}); },5000); }); } });$(".galleria-53d899667c077_fullscreenHook").live("click",function(){ var galleries = Galleria.get(); $.each(galleries,function(){ if ( $(this._target).attr("id") == "galleria-53d899667c077") { this.enterFullscreen(); } }); });$("#galleria-53d899667c077 .galleria-stage .galleria-image img").live("click",function(){ var galleries = Galleria.get(); $.each(galleries,function(){ if ( $(this._target).attr("id") == "galleria-53d899667c077") { if ( this.isFullscreen() ) { this.next(); } else { this.enterFullscreen(); } } }); });});

Bachi da Pietra

"); this.fullscreenMessageTimeoutId = setTimeout(function(){ $(".fullscreenMessage").fadeOut(function(){$(this).remove()}); },5000); }); } });$(".galleria-53d899667e3dd_fullscreenHook").live("click",function(){ var galleries = Galleria.get(); $.each(galleries,function(){ if ( $(this._target).attr("id") == "galleria-53d899667e3dd") { this.enterFullscreen(); } }); });$("#galleria-53d899667e3dd .galleria-stage .galleria-image img").live("click",function(){ var galleries = Galleria.get(); $.each(galleries,function(){ if ( $(this._target).attr("id") == "galleria-53d899667e3dd") { if ( this.isFullscreen() ) { this.next(); } else { this.enterFullscreen(); } } }); });});

Giorgio Canali & Rossofuoco

"); this.fullscreenMessageTimeoutId = setTimeout(function(){ $(".fullscreenMessage").fadeOut(function(){$(this).remove()}); },5000); }); } });$(".galleria-53d899667fef6_fullscreenHook").live("click",function(){ var galleries = Galleria.get(); $.each(galleries,function(){ if ( $(this._target).attr("id") == "galleria-53d899667fef6") { this.enterFullscreen(); } }); });$("#galleria-53d899667fef6 .galleria-stage .galleria-image img").live("click",function(){ var galleries = Galleria.get(); $.each(galleries,function(){ if ( $(this._target).attr("id") == "galleria-53d899667fef6") { if ( this.isFullscreen() ) { this.next(); } else { this.enterFullscreen(); } } }); });});

Massimo Volume

"); this.fullscreenMessageTimeoutId = setTimeout(function(){ $(".fullscreenMessage").fadeOut(function(){$(this).remove()}); },5000); }); } });$(".galleria-53d8996681a4f_fullscreenHook").live("click",function(){ var galleries = Galleria.get(); $.each(galleries,function(){ if ( $(this._target).attr("id") == "galleria-53d8996681a4f") { this.enterFullscreen(); } }); });$("#galleria-53d8996681a4f .galleria-stage .galleria-image img").live("click",function(){ var galleries = Galleria.get(); $.each(galleries,function(){ if ( $(this._target).attr("id") == "galleria-53d8996681a4f") { if ( this.isFullscreen() ) { this.next(); } else { this.enterFullscreen(); } } }); });});

A Classic Education

"); this.fullscreenMessageTimeoutId = setTimeout(function(){ $(".fullscreenMessage").fadeOut(function(){$(this).remove()}); },5000); }); } });$(".galleria-53d89966835a7_fullscreenHook").live("click",function(){ var galleries = Galleria.get(); $.each(galleries,function(){ if ( $(this._target).attr("id") == "galleria-53d89966835a7") { this.enterFullscreen(); } }); });$("#galleria-53d89966835a7 .galleria-stage .galleria-image img").live("click",function(){ var galleries = Galleria.get(); $.each(galleries,function(){ if ( $(this._target).attr("id") == "galleria-53d89966835a7") { if ( this.isFullscreen() ) { this.next(); } else { this.enterFullscreen(); } } }); });});

Le Luci della Centrale Elettrica

"); this.fullscreenMessageTimeoutId = setTimeout(function(){ $(".fullscreenMessage").fadeOut(function(){$(this).remove()}); },5000); }); } });$(".galleria-53d8996686486_fullscreenHook").live("click",function(){ var galleries = Galleria.get(); $.each(galleries,function(){ if ( $(this._target).attr("id") == "galleria-53d8996686486") { this.enterFullscreen(); } }); });$("#galleria-53d8996686486 .galleria-stage .galleria-image img").live("click",function(){ var galleries = Galleria.get(); $.each(galleries,function(){ if ( $(this._target).attr("id") == "galleria-53d8996686486") { if ( this.isFullscreen() ) { this.next(); } else { this.enterFullscreen(); } } }); });});

Gionata Mirai

"); this.fullscreenMessageTimeoutId = setTimeout(function(){ $(".fullscreenMessage").fadeOut(function(){$(this).remove()}); },5000); }); } });$(".galleria-53d8996689b34_fullscreenHook").live("click",function(){ var galleries = Galleria.get(); $.each(galleries,function(){ if ( $(this._target).attr("id") == "galleria-53d8996689b34") { this.enterFullscreen(); } }); });$("#galleria-53d8996689b34 .galleria-stage .galleria-image img").live("click",function(){ var galleries = Galleria.get(); $.each(galleries,function(){ if ( $(this._target).attr("id") == "galleria-53d8996689b34") { if ( this.isFullscreen() ) { this.next(); } else { this.enterFullscreen(); } } }); });});

The Zen Circus

"); this.fullscreenMessageTimeoutId = setTimeout(function(){ $(".fullscreenMessage").fadeOut(function(){$(this).remove()}); },5000); }); } });$(".galleria-53d899668b68c_fullscreenHook").live("click",function(){ var galleries = Galleria.get(); $.each(galleries,function(){ if ( $(this._target).attr("id") == "galleria-53d899668b68c") { this.enterFullscreen(); } }); });$("#galleria-53d899668b68c .galleria-stage .galleria-image img").live("click",function(){ var galleries = Galleria.get(); $.each(galleries,function(){ if ( $(this._target).attr("id") == "galleria-53d899668b68c") { if ( this.isFullscreen() ) { this.next(); } else { this.enterFullscreen(); } } }); });}); ]]>
info@sherwood.it (Sherwood Network)
<![CDATA[La Tempesta al Rivolta live report]]>

Sta per cominciare La Tempesta al Rivolta ed ancora una volta la pioggia ci accompagna.
Non può non spaventare dopo il disastro di fine Giugno che ha visto a Codroipo artisti come i Tre Allegri Ragazzi Morti, Le luci della centrale elettrica, gli Zen Circus costretti a cantare sotto le esedre per salvarsi dalla tempesta, per salvare il concerto.
Al Rivolta di Marghera l’intera troup di Sherwood, però,  si sta preparando al peggio e al meglio: dalla mattina ci sono tecnici del suono e delle luci, c’ è la web tv, ci sono tutti i fantastici collaboratori che lavorano per accogliere gli artisti e qualche centinaia di ragazzi che dalle cinque varcheranno i cancelli.
Dall’aria che si respira pare di tornare per un attimo allo Sherwood Festival: la stessa gente, la stessa voglia di impegnarsi, la stessa voglia di divertirsi.

Ad aprire la serata è Matteo Dainese, da anni impegnato dietro la batteria di Ulan Bator, di Jutterbugs e di tanti altri gruppi : si fa chiamare Il cane e oggi canta e suona il primo disco pubblicato dall’etichetta La Tempesta (Metodo di Danza), un misto fra elettronica e acustico gestito con curiosa eleganza. L’ ultima canzone si chiama Dune e ricorda, racconta Matteo, quando si va in spiaggia e si guardano le dune di sabbia e quelle della tua bella. Si è già totalmente a proprio agio al Nite Park, una delle due sale che ospiterà i dodici gruppi.

L’ atmosfera rimane ancora rilassata fino all’arrivo de I Melt sul palco: è il trio vicentino ad agitare la folla grazie al brit pop di “La bella bambina” al punk di “Raccontami il tuo inverno” all’ acustica “Non mordo più”. Il nuovo disco della band Il nostro cuore a pezzi racconta allora le passioni e le inqiuetudini divise e condivise dal trio, Teo, Teno e Diego, racconta, con un tono spigliato,con un rock un po’ più agitato, di quel cuore rotto in mille pezzi che vive e resiste ai momenti bui.

Pausa.

Nite Park si svuota per lasciare il tempo ai tecnici di preparare gli strumenti ai Bachi da Pietra: intanto in sala Hangar, i Sick Tamburo hanno iniziato a suonare. Nascono dalle ceneri dei Prozac +, da cui la stessa cantante Elisabetta Imelio proviene. Sono graffianti, decisi, indossano passamontagna neri e suonano le chitarre elettriche in modo aggressivo e minimalista. I loro testi sembrano più parlati, urlati che cantati, come in “Dimentica” e “Il mio cane con tre zampe”, ma i loro testi sono teneri, come se sotto le loro divise si nascondesse un’ altro mondo, un’ altra musica da scoprire. E’ il loro rock, la loro elettronica.

A Nite Park dunque, i Bachi da Pietra cominciano il loro live energetico: sono una batteria e una chitarra, Bruno Dorella e Giovanni Succi. Giovanni suona scalzo, seduto immobile sul suo sgabello, mentre Bruno impugna la chitarra come un’ arma e s’agita per tutto il palco. Anche loro come molti artisti dell’etichetta provengono da esperienze con altri gruppi (come Wolfango e Madrigali Magri) per realizzano con La Tempesta il loro progetto solista; collaborano anche con i Massimo Volume, che ringraziano e che a breve suoneranno in Hangar.

Sono quasi le nove e mezzo e l’ atmosfera è caldissima; fuori ha già smesso di piovere, i collaboratori possono finalmente tirare un respiro di sollievo, ma il traffico pare dilatarsi costantemente: in Osteria, qualcuno ordina un tiramisù, mentre in Open Space un passante è placcato dai fotografi per diventare la nuova “Faccia da Tempesta” e un qualunque fan compra una maglietta della sua band preferita ai banchetti degli artisti.

Intanto, però, in sala Hangar si prepara il concerto più atteso della serata, i fondatori dell’etichetta: Enrico Molteni, Davide Toffolo e il resto della ciurma. Sono i Tre Allegri Ragazzi Morti e vengono dal Friuli dove nel 2000 (a Pordenone) fondarono l’ etichetta e dove quest’estate (a Codroipo) raccolsero la folla sotto la pioggia per raccontare con una chitarra, sopra una panca, le loro canzoni. Sono la colonna portante dei gruppi, il gruppo che porta il nome dell’etichetta.
Il loro live è eccezionale: Davide è travestito da enorme scimmia, probabilmente morirà di caldo dentro quel costume, ma è agitatissimo. Urla a squarciagola l'adolescenza raccontando la guerra e l’amore dei nostri anni più difficili, mentre gli altri lo seguono, accaldati ed eccitati allo stesso modo sotto le loro maschere, di fronte ad un pubblico che esplode.

E’ poi il momento di Giorgio Canali & Rossofuoco e l’atmosfera non si è per nulla raffreddata. Lui è semplicemente un grande: è un rocker arrivato direttamente dagli anni ’80.
Rojo nasce da un’ istinto esplosivo e immediato, dalla voglia di raccontare, raccontarsi, bestemmiare e da un materiale musicale che già Rossofuoco pare avesse pronto per Giorgio, come lui dice. Inizialmente doveva chiamarsi “L’ album rosso” ma la scelta della lingua spagnola è legata ad affetti che ha lasciato a Madrid e che in fondo, si nascondono sotto i suoi testi. Basta provare ad ascoltare.

La serata scivola rapidamente, come la nebbia sopra Venezia: l’atmosfera pacata dei Massimo Volume, l’indie- rock di A Classic Education e i concerti ‘cheunamezzoraètroppopoco’ di Le Luci della Centrale Elettrica e degli Zen Circus.
E’ una partita a ping pong tra un palco e l’ altro: è praticamente impossibile seguire tutti i gruppi; forse solo i pochi appassionati ci riescono. Per i fan, invece, è un occasione da sfruttare: aspettano che la sala si svuoti per occupare le prime file e garantirsi una buona visione anche quando si fa ormai fatica a passare.
In conclusione, ci sono i Gionata Mirai e, a seguire, i deejay set di Momo (ormai noto deejay di Radio Sherwood) e Nikki (Radio Deejay) per continuare ancora insieme la notte.

E’ stata una grande serata per l’ etichetta, una vittoria di fronte alla tempesta scampata, una rivincita per la delusione di quest’estate:
Credo ancora che una canzone possa cambiare, possa cambiare qualcosa” confessa Enrico Molteni (fondatore dell’etichetta e bassista dei Tre Allegri Ragazzi Morti) da una breve chiacchiera a fine serata ed è forse da questa piccola idea che è nato un nuovo modo di fare musica, una canzone, una storia.

]]>
info@sherwood.it (Sherwood Network)
<![CDATA[Momostock del 1 dicembre 2011]]>

Sigla: Zen Circus - I qualunquisti
R.E.M. - Radio free Europe
R.E.M. - Gardening at night
R.E.M. - Talk about the passion
R.E.M. - So. Central Rain
R.E.M. - Don't go back to Rockville
R.E.M. - Begin the begin
R.E.M. - Fall on me
R.E.M. - It's the end of the world as we know it (and I feel fine)
R.E.M. - The one I love
R.E.M. - Stand
R.E.M. - Near wild heaven
R.E.M. - Perfect circle
R.E.M. - Man on the moon
R.E.M. - Bang and blame
R.E.M. - New test leper
R.E.M. - At my most beautiful
R.E.M. - Imitation of life
Sick Tamburo - In fondo al mare
Sick Tamburo - Con le tue mani sporche
Sick Tamburo - E so che sai che un giorno

]]>
info@sherwood.it (Sherwood Network)
<![CDATA[Spiaggia Nudisti del 20 luglio 2011]]>

Spiaggia Nudisti si trasforma in Spiaggia Tempesta. Puntata speciale dedicata al collettivo di artisti che qualcuno chiama etichetta discografica, sotto l'egida di Enrico Molteni dei Tre Allegri Ragazzi Morti, riunsce in un unico roster alcune tra le migliori realtà della muscia indipendente Italiana.
Dagli Zen Circus ai Massimo Volume, passando per gli One Dimensional Man agli Aucan, e tanti altri ancora.
Occasione doppiamente speciale quest'anno, poichè Molteni e soci, portano finalmente La Tempesta a casa, in quel Friuli che diede i Natali ai TARM stessi.
E dopo la tempesta niente sarà uguale.

Play-List

Aucan -
Heartless
Uochi Toki - Il Ladro
Fine Before you Came - Lista
Smart Cops - Il Cattivo Tenente
Sick Tamburo - Il mio Cane con Tre Zampe
Cosmetic - In ogni momento aspetto che arrivi qualcosa a distrarmi
Il Pan del Diavolo - Pertanto
One Dimensional Man - The Wine that i Drinlk
Zen Circus - Vecchi senza Esperienza

]]>
info@sherwood.it (Sherwood Network)
<![CDATA[Spiaggia Nudisti dell'8 giugno 2011]]>

Piccola pausa, nel nostro viaggio tra le edizioni passate dello Sherwood Festival, per una puntata speciale.La Spiaggia viene occupata dalla GangBand, (www.thegangband.it - Album "Games" in free download) per un intenso e divertente live elettrico. Tre bassi(sti), batteria elettronica e la voce suadente di Claudia a fare da collante per il loro genere che unisce sonorità punk ed elettroniche. In due parole: PornoPunk.
Come se non bastasse, anche un intervista ad un simpatico e gentilissimo Gian Maria Accusani, autore e chitarrista, dei Sick Tamburo, a base di chicche sul nuovo album e considerazioni su quello attuale. Con i migliori auguri e felicitazioni per Elisabetta, voce dei S.T.
Grazie, we love you tutti,

Marco & Alessandro A.K.A. Spiaggia Nudisti

PLAY LIST

Crystal Castles feat Robert Smith - Not in Love
2Many Djs - Skee-Lo - I Wish (A Capella); Maurice Fulton Presents Stress - My Gigolo; The Breeders - Cannonball
Arctic Monkeys - Library Pictures
Mogwai -
San Pedro
Sick Tamburo - Il mio cane con tre Zampe

]]>
info@sherwood.it (Sherwood Network)