<![CDATA[sneakas | Sherwood - La migliore alternativa]]> https://www.sherwood.it/tags/322/sneakas/articles/1 <![CDATA[Interview with Sneakas - english version]]>

Recently the rapper Sneakas has released his new mixtape, "Hebonics 101". You can download it from the artist's website, in free download. Here is the interview we have made to him.

Princelion: Introduce yourself to our Italian readers. What does Sneakas mean?

Sneakas: Sneakas is my rap name; it was given to me along long time ago because I am a huge Sneaker freak, I have about 250 pairs of sneakers and I got that name cus every time I would go out with my friends, I would have a different pair of hot sneakers on. We changed the spelling to Sneakas, cus I thought it was cooler when I was young, and it just kind of stuck. 

You were a still a boy when you moved with your family to NYC. Did you feel a cultural difference coming from Israel? 

I was 11 when I moved to NYC, and it was a huge change from Israel. I had lived in D.C before, so it was the language as much as it was the culture, but it didn’t take me very long to fall in love with this city, and now I call it home for over 17 years. Also, I’m still very close to Tel Aviv and all of Israel, so I spend a lot of time going back and forth between the two, but NYC is my home base for sure! That’s why our next video “Summer in the City” is an homage to New York and everything this amazing city has to offer in the summertime. 

When and how did you start? How did you get involved in the hip hop culture?

I started getting into hip hop when I was 12 or so. I was playing bass in a rock band and we started getting heavily influenced by Rage Against the Machine, and from there I got into Arrested Development, and then A Tribe Called Quest, and after that I was hooked. I stopped playing bass and started writing rhymes. That’s all I would do all day- try and flirt with girls, hang out with my friends, and write rhymes, it became my life. 

Let’s talk about your past projects. You had a one year tour in the Middle East in 2003-2004. Which countries did your tour touch? How did it go? Why did you choose the Middle East for a tour?

It’s a funny story actually, my mother convinced me that I should do a year abroad program with my school, and I was like cool let’s do it. I had already worked a lot in Israel and had a lot of very talented friends there like Shi 360, and we all just started working together and making music. From there I linked up with a guy named Liron Teheni and Liron and I started doing shows all over Israel. I think in that year I must have done over 100 shows! It was amazing, and so much fun, and that is how my first solo album “In It For The Change” got started, just making music with people that inspire me out in Israel, and then bringing that crazy dope sound back home to NYC. 

Did this tour influence your decision of being part of the “Peace in the Middle East Project” with Mazzi? Could you explain to our readers the project, its aims…

The “Peace Project” came along a few years later. I had read about what M.C. Serch, and the dope Dj Waleed Coyote were doing, and I wanted to be involved. I reached out to Waleed and he introduced me to Mazzi. The rest as they say is history, me and Mazzi vibed really well and made dope music together, eventually it got to Serch and he became deeply involved with the project, giving insight and ideas for songs, helping us choose beats, and just being a great mentor. Serch and I have been in close contact ever since, and he has been a huge influence on me as an artist, and also a friend, really he is huge part of my journey to this point, and I feel very lucky to have him in my corner and schooling me on how to make classic music. 

In 2008 you released your debut album “In It for the Change”. What has changed in your way of making and of living music, your view of life, from your first album and your new Mixtape?

That’s a great question! In It For The Change was all ME. It was my beat selection, my contacts, me doing everything and choosing everything. I had good people by my side like Al “Boogie” Gordon and “Bassy” Bob Brookman who mixed the album, but a lot of the choices on what made it and didn’t was me, so it was like I learned how to make records through that album. It took four years to make that album, and many songs that we created didn’t make the cut, so it was a learning process, and from doing it all myself like that I learned how to make an album, how to make records, and really grew up and found my voice as an artist. With the mixtape, I have an amazing team by my side. M.C. Serch guides me and gives me advice and his thoughts on the music Jeff “JHO” Horowitz is my right hand man, he helps me with everything and is a great resource to have and also one of my closest friends. Elliot and Jared from Sunnyday Entertainment are these two amazing dudes that work their ass off and bring so much knowledge and love to the project that the mixtape wasn’t me, it was a collective process with amazing people involved and I think you can hear it in the music, its organic and so dope. This team makes me work hard cus I know that they will do anything for me, so I know I have to bring it every night, so it was made as a mature artist with an amazing team, that’s why the mixtape is so dope! 

Let’s talk about your Mixtape: What’s Hebonics? What does it mean? (Is it the NY Jewish vernacular language, a mix between English and eastern European languages, as Yiddish?) Do you speak Hebrew at home? Or Yiddish? Or none of the two?

“Hebonics” is a play on the word “Ebonics” which was made very famous by an amazing rapper named “Big L” that passed away some years ago. Big L made this record Ebonics that inspired me, so I thought it would be cool to do a Hebrew/Jewish Ebonics, or “Hebonics.” That’s how the idea came to mind. Then it became a challenge of if I could rhyme his exact flow and rhyme pattern but in Yiddish, it wasn’t easy, but I did it, and I kind of feel like its an amazing feat, like it shows people what I can do, even though it’s short it’s ill! And I don’t really speak Yiddish, but I do speak Hebrew fluently, I can’t rhyme in Hebrew but I speak it about as well as I speak English, and yes I do speak it at home. 

Why did you choose the great Peter Rosenberg of Hot97 to host your Mixtape?

I think Peter was the perfect fit. I met him through Mazzi and Peter is a dope dude. He really loves hip hop, and really knows his shit, and aside from that, he is Jewish and has had so much success in his world. I was very fortunate that Peter liked the music and wanted to host the mixtape, in my opinion there was no other choice, Peter is the MAN!! So I was happy to get him involved. And anyone that knows Peter knows that he KNOWS hip hop and he never does anything to sell out, so it was like, “Yo. Peter like my music enough to host the mixtape, that’s amazing, lets do it!!..lol” 

You’ve had many feat. in the Mixtape, especially with the best American Jews and Israelis artists: why did you choose them to collaborate with?

Anyone that is on this mixtape is someone that I am a fan of. I am a huge Fan of Ill Bill, I am a fan of Solomon, and of course M.C. Serch. I like to work with people that I really respect and that I think are super talented, and everyone that is  part of this mixtape is very very talented and respected, so it was made by only great artists, which made it a special project, and something I am very proud of. 

Who produced Hebonics 101? The beats? Are all the lyrics yours?

Every lyric I have ever said is mine, I never rap anything that I don’t write, so yes I wrote all my verses, and everyone else that is involved wrote their own verses. I work mostly with a production company called H.I.T.M productions, they are out of the Bronx and they are all very talented dudes. They are on my next project, and will be on every project I ever do, H.I.T.M is family to me! 

Are you planning to release an album after this?

We are planning on another mixtape after this which we have already done a few songs for, and it’s really the best music I’ve ever made. I have some new producers on it, and some crazy features planned, I can’t speak on them yet, but rest assured that every time I put out a project it will be better then the last, and as Serch always says “Classic Music breaks all the rules” so that is what I am trying to do, make classic music. 

Photos by Jianca Lazarus.

]]>
info@sherwood.it (Sherwood Network)
<![CDATA[Intervista a Sneakas]]>

Recentemente il rapper Sneakas ha pubblicato un mixtape che noi di In The Summertime non possiamo smettere di ascoltare. Il mixtape si chiama “Hebonics 101” scaricabile dal sito dell'artista in free download. Vi proponiamo l'intervista che abbiamo fatto al giovane newyorkese-israeliano.

Princelion: Presentati ai nostri lettori italiani. Cosa vuol dire Sneakas?

Sneakas: Sneakas è il mio nome da rapper; mi è stato dato tanto tempo fa perchè sono un vero freak (appassionato) delle Sneakers, ne ho circa 250 paia e mi è stato dato questo nom perchè ogni volta che uscivo con i mie amici, ne indossavo un paio differente. Abbiamo cambiato lo spelling a Sneakas, perchè pensavo fosse più cool quando ero giovane e mi è rimasto addosso.

 

Eri ancora giovane quando ti sei spostao con la tua famiglia a NYC. Hai sentito una differeza culturale arrivando da Israele?

Avevo 11 anni quando mi spostai a NYC e fu un cambio enorme da Israele. Avevo vissuto a Washington D.C. Prima, quinid conoscevo in parte la lingua e la cultura, e mi ci è voluto pochissimo per “innamorarmi” di questa città, che ormai chiamo “casa” da 17 anni. Mi sento comunque molto attaccato a Tel Aviv e Israele in generale, quindi vado e vengo da una all'altra molto spesso. Ma NYC è la mia “casa base” senza ombra di dubbio! Ecco perchè il nostro prossimo video “Summer in the City” è un omaggio a New York e tutto ciò questa meravigliosa città ha da offrire in estate.

 

Come e quando hai iniziato? Come sei entrato a far parte della cultura hip hop?

Ho iniziato ad interessarmi al hip hop ai 12 anni più o meno. Suonavo il basso in una rock band e abbiamo iniziato ad essere influenzati moltissimo da Rage Against the Machine, e da lì sono arrivato a Arrested Development, a poi a A Tribe Called Quest e da lì vi sono rimasto aggangiato. Ho smesso di suonare il basso e ho iniziato a scrivere rime. È ciò che facevo tutto il giorno – provarci con le ragazze, uscire con i miei amici, e scrivere rime – è diventato la mia vita.

 

Parliamo dei tuo progetti passati. Hai fatto un tour di un anno nel Medio Oriente  nel 2003-2004. che paesi ha toccato il tour? Com'è andata? Perchè hai scelto il Medio Oriente?

Per la verità è una storia divertente, mia madre mi convinse che avrei dovuto fare un anno all'estero con la mia scuola, ed io ero d'accordo. Avevo già lavorato molto in Israele e avevo numerosi amici con talento come Shi 360, e abbiamo iniziato a lavorare insieme e produrre musica. Da lì ho preso il contatto con Liron Teheni, e insieme Liron ed io abbiamo iniziato a fare show in tutto Israele. Penso di aver fatto più di 100 show quell'anno! È stato fantastico e divertente, e così è come è iniziato il mio primo album solista “In It For The Change”, semplicemente facendo musica con gente che mi era di ispirazione in Israele, e poi riportando quei suoni folli a casa a NYC.

 

Questo tour influenzò la tua decisione di far parte del progetto “Peace in he Middle East Project” con Mazzi? Puoi spiegare ai nostri lettori il progetto, i suoi fini.

Il “Peace Project” iniziò alcuni anni dopo. Avevo letto di quello che stavano facendo M.C. Serch e il super DJ Waleed Coyote, e volevo farne parte. Mi sono messo con Waleed e lui mi ha presentato a Mazzi. Il resto, come si dice, è storia. C'erano ottime vybes tra Mazzi e me e facevamo buona musica insieme, alla fine ha raggiunto Serch e questo ha preso parte enormemente nel progetto, dando idee per le canzoni, aiutandoci a scegliere i beats, essendo semplicemente un grande maestro. Serch ed io siamo rimasti in stretto contatto da allora, ed è stato una grande influenza per me come artista, ed anche un amico, è una parte essenziale del mio percorso fin qua, e mi sento molto fortunato ad averlo al mio fianco e insegnandomi a fare i classici.

 

Nel 2008 hai pubblicato il tuo album di debutto “In It For The Change”. Cos'è è cambiato dal tuo primo album al tuo nuovo Mixtape nel tuo modo di fare e vivere la musica, nel tuo stile di vita?

È un'ottima domanda! “In It For The Change” era tutto ME. Era la mia selezione di beat, i mie contatti, io facevo tutto e sceglievo tutto. Avevo buone persone al mio fianco come Al “Boogie” Gordon e “Bassy” Bob Brookman che hanno mixato l'album, ma la maggior parte delle scelte su ciò che andava fatto o no erano mie, quindi ho imparato veramente a fare musica attraverso l'album. Ci sono voluti 4 anni per farlo e molte canzoni che abbiamo prodotto non hanno avuto successo, quindi è stato un processo di apprendimento, e facendolo tutto da solo in quel modo ho imparato come fare un album, come produrre canzoni, e sono cresciuto veramente e ho trovato la mia voce come artista. Con il mixtape, ho team fantastico al mio fianco. M.C. Serch mi guida e mi da i suoi consigli e i suoi pensieri sulla musica. Jeff “JHO” Horowitz è la mia mano destra, mi aiuta con tutto ed è una grande risorsa averlo ed è anche uno dei mie più cari amici. Elliot e Jared della Sunnyday Entertainment sono due tipe fantastici che lavorano sodo e apportano così tanto conoscimento e amore al progetto, che questo non era solo mio, ma era un processo collettivo con persone meravigliose e penso si senta dalla musica, è così “organic and dope”. Questo team mi fa lavorare sodo perchè so che farebbero qualunque cosa per me, quindi so che devo fare del mio meglio tutti i giorni. Quindi è stato fatto da un artista maturo con un team fantastico, ecco perchè il mixtape è così dope!

 

Parliamo ora del tuo mixtape: cos'è Hebonics? Cosa vuo dire?

“Hebonics” è un gioco sulla parola “Ebonics” che divenne famosa grazie al grande rapper “Big L” morto alcuni anni fa. Big L fece la canzone Ebonics, che mi ispirò moltissimo e pensai che sarebbe stato cool fare un pezzo Hebrew/Jewish Ebonics, o “Hebonics”. Così è nata l'idea. Poi è diventata una sfida: riuscire a fare rime con il suo stesso flow e con la sua stessa metrica, ma in Yiddish, non è stato facile, ma ce l'ho fatta e ho l'impressione che sia un feat fenomenale, che mostra alla gente le mie capacità, anche se è corta è malata! E in realtà non parlo Yiddish, ma parlo ebraico, non so fare rime in ebraico ma lo parlo bene quasi quanto l'inglese, e sì lo parlo a casa.

 

Come mai hai scelto come host il grande Peter Rosenberg di Hot97?

Penso che Peter fosse perfetto. Lo conobbi tramite Mazzi e Peter è un grande. Ama l'hip hop, e sa veramente cosa fa, e a parte questo, è ebreo e ha avuto un enorme successo nel suo mondo. Sono stato molto fortunato che a Peter piacesse la musica e volesse essere l'host del mixtape. Secondo me non c'era altra scelta, Peter è quello giusto! Quinidi ero felice che partecipasse. E tutti quelli che conoscono Peter sanno che lui NE SA di hip hop e non fa mai nulla per vendersi, quindi fu come “Hey... a Peter paiace la mia musica a tal punto da essere l'host del mio mxtape, è fantastico, facciamolo!! LOL”

 

Hai fatto numerosi feat. nel Mixtape, in particolare con i migliori artisti ebrei americani e israeliani: perchè hai scelto loro?

Chiunque sia nel mixtape è qulaucno di cui io sono fan. Sono un super fan di Ill Bill, sono un fan di Solomon, e ovviamente di M.C. Serch. Mi piace lavorare con gente che rispetto e he penso abbiano un grande talento, e chiunque sia parte di questo mixtpae è molto rispettato e ha un grande talento, quindi è stato fatto solo da grandi artisti, che l'hanno reso un progetto speciale, qualcosa di cui vado molto fiero.

 

Chi ha prodotto Hebonics 101? I beat? Le liriche sono tutte tue?

Ogni rima che io abbia mai cantato è mia, non canto mai nulla che non scriva io stesso, quinsi ho scritto tutti i miei versi, e chiunque abbia partecipato ha scritto le sue proprie liriche. Lavoro principalemente con dei produttori della  H.I.T.M productions, vengono dal Bronx e hanno un grande talento. Sono anche nel mio prossimo progetto, e saranno in ogni mio progetto,  H.I.T.M è la mia famiglia!

 

Hai in programma di fare un album dopo tutto ciò?

Stiamo pianificando  altro mixtape per cui abbiamo già fatto alcune canzoni, ed è veramente la migliore musica io abbia mai fatto. Ho dei nuovi produttori e dei feat pazzaschi, di cui non posso ancora parlare, ma state certi che ogni volta che faccio un nuovo progetto sarà meglio del precedente, e come dice Serch “i classici infrangono tutte le regole” quindi questo è ciò che cerco di fare, fare classici.

Foto di Jianca Lazarus.

]]>
info@sherwood.it (Sherwood Network)
<![CDATA[In The Summertime del 16 Maggio 2011]]>

In The Summertime, come sempre tutte le news, le brand new e i nuovi riddims dalla Jamaica, dall’Europa e dagli U.S.
Un'ora e mezza di trasmissione per fare un salto direttamente nella musica giamaicana in compagnia di Princelion.

Buon Ascolto! Princelion.

Playlist:

STS ft. Joell Ortiz & Dave Guy - The People (Remix)
Attila - Promises
Gappy Ranks - Thanks & Praise
Beastie Boys ft. Santigold - Don't Play No Game That I Can't Win
Bobby Brackins ft. YG & TyS - Rock You
Esa a.k.a. El Presidente - Jump Up
Esa a.k.a. El Presidente ft. Crystal LaJuene - On a Quest
Mobb Depp - Must Go Hard
Estelle ft. Rick Ross - Break My Heart
Sneakas - Summer In The City
Jackie Boyz - For Every Girl
Leftside a.k.a. Weed Khalifa - Roll Up
Khago - Pree Life
T Nez - Jail House
Chan Dizzy - Represent ( Every Thug)
Konshens - Woman
G Whizz - From Mi Bawn
Vybz Kartel - Don't Diss Me
Popcaan - Yuh Zimmi
Singa Blinga ft. Lenny Mattic - Look Out fi Badmind
Shawn Storm - Tell Everybody
Sheba - Mek Yuh Sure Yuh Know fi F**k
Vybz Kartel - Coloring Book (Tattoo Time)
Chipmunk ft. Mavado - Every Gyal
Vybz Kartel - More Than Neo
Vybz Kartel - Gimme di Benz Punnany
Stephen 'DiGenius' McGregor - Bounce a Gyal
Bramma - Nuh Truss People
Mavado - Pepper
Shabba Ranks - None a Dem
Wayne Marshall, Tifa, Future Fambo - Swaggin WTF
Richie Loop ft. Pretti Kitti - What You Thinking
Travis Porter ft. T-Pain - Make It Rain [DJ Mike D T-Mix]
Ludacris ft. Slaughterhouse & Claret Jai - F5 (Furiously Dangerous)
Aidonia - From You Can F**k
Mystic - Whine Up Pt.2
Ninja Kid - Mi Horny

]]>
info@sherwood.it (Sherwood Network)