<![CDATA[mainstage-2012 | Sherwood - La migliore alternativa]]> https://www.sherwood.it/tags/659/mainstage-2012/articles/1 <![CDATA[[Web video] Le interviste alle band main stage Sherwood Festival '12]]>

]]>
info@sherwood.it (Sherwood Network)
<![CDATA[[Foto] Tutte le fotografie del Main stage Sherwood Festival 2012]]>

"); this.fullscreenMessageTimeoutId = setTimeout(function(){ $(".fullscreenMessage").fadeOut(function(){$(this).remove()}); },5000); }); } });$(".galleria-53dbcd866a7db_fullscreenHook").live("click",function(){ var galleries = Galleria.get(); $.each(galleries,function(){ if ( $(this._target).attr("id") == "galleria-53dbcd866a7db") { this.enterFullscreen(); } }); });$("#galleria-53dbcd866a7db .galleria-stage .galleria-image img").live("click",function(){ var galleries = Galleria.get(); $.each(galleries,function(){ if ( $(this._target).attr("id") == "galleria-53dbcd866a7db") { if ( this.isFullscreen() ) { this.next(); } else { this.enterFullscreen(); } } }); });}); 

"); this.fullscreenMessageTimeoutId = setTimeout(function(){ $(".fullscreenMessage").fadeOut(function(){$(this).remove()}); },5000); }); } });$(".galleria-53dbcd866e23f_fullscreenHook").live("click",function(){ var galleries = Galleria.get(); $.each(galleries,function(){ if ( $(this._target).attr("id") == "galleria-53dbcd866e23f") { this.enterFullscreen(); } }); });$("#galleria-53dbcd866e23f .galleria-stage .galleria-image img").live("click",function(){ var galleries = Galleria.get(); $.each(galleries,function(){ if ( $(this._target).attr("id") == "galleria-53dbcd866e23f") { if ( this.isFullscreen() ) { this.next(); } else { this.enterFullscreen(); } } }); });});

"); this.fullscreenMessageTimeoutId = setTimeout(function(){ $(".fullscreenMessage").fadeOut(function(){$(this).remove()}); },5000); }); } });$(".galleria-53dbcd8671d0c_fullscreenHook").live("click",function(){ var galleries = Galleria.get(); $.each(galleries,function(){ if ( $(this._target).attr("id") == "galleria-53dbcd8671d0c") { this.enterFullscreen(); } }); });$("#galleria-53dbcd8671d0c .galleria-stage .galleria-image img").live("click",function(){ var galleries = Galleria.get(); $.each(galleries,function(){ if ( $(this._target).attr("id") == "galleria-53dbcd8671d0c") { if ( this.isFullscreen() ) { this.next(); } else { this.enterFullscreen(); } } }); });});

"); this.fullscreenMessageTimeoutId = setTimeout(function(){ $(".fullscreenMessage").fadeOut(function(){$(this).remove()}); },5000); }); } });$(".galleria-53dbcd867579f_fullscreenHook").live("click",function(){ var galleries = Galleria.get(); $.each(galleries,function(){ if ( $(this._target).attr("id") == "galleria-53dbcd867579f") { this.enterFullscreen(); } }); });$("#galleria-53dbcd867579f .galleria-stage .galleria-image img").live("click",function(){ var galleries = Galleria.get(); $.each(galleries,function(){ if ( $(this._target).attr("id") == "galleria-53dbcd867579f") { if ( this.isFullscreen() ) { this.next(); } else { this.enterFullscreen(); } } }); });});

"); this.fullscreenMessageTimeoutId = setTimeout(function(){ $(".fullscreenMessage").fadeOut(function(){$(this).remove()}); },5000); }); } });$(".galleria-53dbcd8679241_fullscreenHook").live("click",function(){ var galleries = Galleria.get(); $.each(galleries,function(){ if ( $(this._target).attr("id") == "galleria-53dbcd8679241") { this.enterFullscreen(); } }); });$("#galleria-53dbcd8679241 .galleria-stage .galleria-image img").live("click",function(){ var galleries = Galleria.get(); $.each(galleries,function(){ if ( $(this._target).attr("id") == "galleria-53dbcd8679241") { if ( this.isFullscreen() ) { this.next(); } else { this.enterFullscreen(); } } }); });});

"); this.fullscreenMessageTimeoutId = setTimeout(function(){ $(".fullscreenMessage").fadeOut(function(){$(this).remove()}); },5000); }); } });$(".galleria-53dbcd867cccf_fullscreenHook").live("click",function(){ var galleries = Galleria.get(); $.each(galleries,function(){ if ( $(this._target).attr("id") == "galleria-53dbcd867cccf") { this.enterFullscreen(); } }); });$("#galleria-53dbcd867cccf .galleria-stage .galleria-image img").live("click",function(){ var galleries = Galleria.get(); $.each(galleries,function(){ if ( $(this._target).attr("id") == "galleria-53dbcd867cccf") { if ( this.isFullscreen() ) { this.next(); } else { this.enterFullscreen(); } } }); });});

"); this.fullscreenMessageTimeoutId = setTimeout(function(){ $(".fullscreenMessage").fadeOut(function(){$(this).remove()}); },5000); }); } });$(".galleria-53dbcd8680770_fullscreenHook").live("click",function(){ var galleries = Galleria.get(); $.each(galleries,function(){ if ( $(this._target).attr("id") == "galleria-53dbcd8680770") { this.enterFullscreen(); } }); });$("#galleria-53dbcd8680770 .galleria-stage .galleria-image img").live("click",function(){ var galleries = Galleria.get(); $.each(galleries,function(){ if ( $(this._target).attr("id") == "galleria-53dbcd8680770") { if ( this.isFullscreen() ) { this.next(); } else { this.enterFullscreen(); } } }); });});

"); this.fullscreenMessageTimeoutId = setTimeout(function(){ $(".fullscreenMessage").fadeOut(function(){$(this).remove()}); },5000); }); } });$(".galleria-53dbcd86841c8_fullscreenHook").live("click",function(){ var galleries = Galleria.get(); $.each(galleries,function(){ if ( $(this._target).attr("id") == "galleria-53dbcd86841c8") { this.enterFullscreen(); } }); });$("#galleria-53dbcd86841c8 .galleria-stage .galleria-image img").live("click",function(){ var galleries = Galleria.get(); $.each(galleries,function(){ if ( $(this._target).attr("id") == "galleria-53dbcd86841c8") { if ( this.isFullscreen() ) { this.next(); } else { this.enterFullscreen(); } } }); });});

"); this.fullscreenMessageTimeoutId = setTimeout(function(){ $(".fullscreenMessage").fadeOut(function(){$(this).remove()}); },5000); }); } });$(".galleria-53dbcd8687c93_fullscreenHook").live("click",function(){ var galleries = Galleria.get(); $.each(galleries,function(){ if ( $(this._target).attr("id") == "galleria-53dbcd8687c93") { this.enterFullscreen(); } }); });$("#galleria-53dbcd8687c93 .galleria-stage .galleria-image img").live("click",function(){ var galleries = Galleria.get(); $.each(galleries,function(){ if ( $(this._target).attr("id") == "galleria-53dbcd8687c93") { if ( this.isFullscreen() ) { this.next(); } else { this.enterFullscreen(); } } }); });});

"); this.fullscreenMessageTimeoutId = setTimeout(function(){ $(".fullscreenMessage").fadeOut(function(){$(this).remove()}); },5000); }); } });$(".galleria-53dbcd868c6c8_fullscreenHook").live("click",function(){ var galleries = Galleria.get(); $.each(galleries,function(){ if ( $(this._target).attr("id") == "galleria-53dbcd868c6c8") { this.enterFullscreen(); } }); });$("#galleria-53dbcd868c6c8 .galleria-stage .galleria-image img").live("click",function(){ var galleries = Galleria.get(); $.each(galleries,function(){ if ( $(this._target).attr("id") == "galleria-53dbcd868c6c8") { if ( this.isFullscreen() ) { this.next(); } else { this.enterFullscreen(); } } }); });});

"); this.fullscreenMessageTimeoutId = setTimeout(function(){ $(".fullscreenMessage").fadeOut(function(){$(this).remove()}); },5000); }); } });$(".galleria-53dbcd869015f_fullscreenHook").live("click",function(){ var galleries = Galleria.get(); $.each(galleries,function(){ if ( $(this._target).attr("id") == "galleria-53dbcd869015f") { this.enterFullscreen(); } }); });$("#galleria-53dbcd869015f .galleria-stage .galleria-image img").live("click",function(){ var galleries = Galleria.get(); $.each(galleries,function(){ if ( $(this._target).attr("id") == "galleria-53dbcd869015f") { if ( this.isFullscreen() ) { this.next(); } else { this.enterFullscreen(); } } }); });});

"); this.fullscreenMessageTimeoutId = setTimeout(function(){ $(".fullscreenMessage").fadeOut(function(){$(this).remove()}); },5000); }); } });$(".galleria-53dbcd8693bf8_fullscreenHook").live("click",function(){ var galleries = Galleria.get(); $.each(galleries,function(){ if ( $(this._target).attr("id") == "galleria-53dbcd8693bf8") { this.enterFullscreen(); } }); });$("#galleria-53dbcd8693bf8 .galleria-stage .galleria-image img").live("click",function(){ var galleries = Galleria.get(); $.each(galleries,function(){ if ( $(this._target).attr("id") == "galleria-53dbcd8693bf8") { if ( this.isFullscreen() ) { this.next(); } else { this.enterFullscreen(); } } }); });});

"); this.fullscreenMessageTimeoutId = setTimeout(function(){ $(".fullscreenMessage").fadeOut(function(){$(this).remove()}); },5000); }); } });$(".galleria-53dbcd8697690_fullscreenHook").live("click",function(){ var galleries = Galleria.get(); $.each(galleries,function(){ if ( $(this._target).attr("id") == "galleria-53dbcd8697690") { this.enterFullscreen(); } }); });$("#galleria-53dbcd8697690 .galleria-stage .galleria-image img").live("click",function(){ var galleries = Galleria.get(); $.each(galleries,function(){ if ( $(this._target).attr("id") == "galleria-53dbcd8697690") { if ( this.isFullscreen() ) { this.next(); } else { this.enterFullscreen(); } } }); });});

"); this.fullscreenMessageTimeoutId = setTimeout(function(){ $(".fullscreenMessage").fadeOut(function(){$(this).remove()}); },5000); }); } });$(".galleria-53dbcd869b125_fullscreenHook").live("click",function(){ var galleries = Galleria.get(); $.each(galleries,function(){ if ( $(this._target).attr("id") == "galleria-53dbcd869b125") { this.enterFullscreen(); } }); });$("#galleria-53dbcd869b125 .galleria-stage .galleria-image img").live("click",function(){ var galleries = Galleria.get(); $.each(galleries,function(){ if ( $(this._target).attr("id") == "galleria-53dbcd869b125") { if ( this.isFullscreen() ) { this.next(); } else { this.enterFullscreen(); } } }); });});

"); this.fullscreenMessageTimeoutId = setTimeout(function(){ $(".fullscreenMessage").fadeOut(function(){$(this).remove()}); },5000); }); } });$(".galleria-53dbcd869e7cd_fullscreenHook").live("click",function(){ var galleries = Galleria.get(); $.each(galleries,function(){ if ( $(this._target).attr("id") == "galleria-53dbcd869e7cd") { this.enterFullscreen(); } }); });$("#galleria-53dbcd869e7cd .galleria-stage .galleria-image img").live("click",function(){ var galleries = Galleria.get(); $.each(galleries,function(){ if ( $(this._target).attr("id") == "galleria-53dbcd869e7cd") { if ( this.isFullscreen() ) { this.next(); } else { this.enterFullscreen(); } } }); });}); 

]]>
info@sherwood.it (Sherwood Network)
<![CDATA[Gogol Bordello Live Report]]>

L’asfalto del parcheggio nord dello stadio Euganeo è ormai un’accozzaglia di ricordi. Ha assorbito lacrime e sudore, adottato i passi di centinaia di migliaia di persone, vissuto le provenienze di ciascuno di loro. Eugene Hutz lo attraversa con la calma naturale che lo contraddistingue da sempre, approdando nei divanetti della WebTV con un gioioso “Hurrà!”. E ritorna il sole.

E’ stata un’edizione spettacolare e fortunata, pregna di fervore e di grandi sorrisi, che culmina sugli scenari musicali dei Gogol Bordello. La ricchezza umana e culturale di questo gruppo non ha eguali, riesce a ricreare ogni volta uno spettacolo unico nel suo genere. La formula sta nell’unione di un grosso quantitativo di mondi: Ucraina (Eugene Hutz, voce e chitarra), Russia (Sergey Ryabtsev e Yuri Lemeshev rispettivamente: violino e fisarmonica), Isreale (Oren Kaplan, chitarra), Italia, Svezia e un poco di Trinidad e Tobago (Oliver Francis Charles, batteria), Etiopia (Thomas “Tommy T” Gobena, basso), Ecuador (Pedro Erazo, percussioni). Il palco si colora del loro bellissimo striscione, che racconta della storia di una ballerina, dal volto coperto, colta a danzare accanto ad una meravigliosa, lunghissima, parola: Revolution.

Di piccoli o enormi rivoluzioni ne sono avvenute molte in questa edizione estiva dello Sherwood. Oggi ogni pezzo di noi traspira malinconia. E non c’è il tempo per accorgesene: già nel tardo pomeriggio i nostri pensieri vengono travolti da un sound check colorito, un gustoso assaggio del concerto che verrà. E tra un abbraccio e un negroni è già calata la sera, il palco si accende, il pubblico scalpita.

Ogni volta, ad ogni loro concerto, l’aria si riempie di pacche danzereccie, e la scena arde della più genuina felicità. In questa notte, è nato un atto d’amore. Per la musica, per il mescolarsi di etnie, e per un mondo raddrizzabile. Mentre scuotiamo le nostre piccolezze o le nostre sudate corpulenze, tra bolle colorate e gonne con sonagli, veniamo travolti da un fantastico cambio d’arrangiamento di tutti i pezzi, eppure la folla non smette di cantare ogni singola parola di questa filastrocca multiculurale. Eugene placa il suo pubblico, alza l’indice con fare giocondo, s’inebria di vino e urla alla folla “revolution comes even from a single person, each of you could start a revolution”. E noi siamo pronti, a rovesciare tutto. A far tabula rasa e riscrivere il mondo, mettendoci all’indice l’umanità, tra i capitoli la più spinta passione, una cieca dedizione e un entusiasmo illimitato, e nel prologo la regola principale: innamorarsi, tutti i giorni. Tutti gli istanti.

Uno spettacolo entusiasmante, un incontro appassionato, due ore di balzi e gioia. Una giornata rara. Un mese che trascina con sé innumerevoli storie e racconti, tutti elettrizzanti.

Ad ogni fine, un inizio. Ad ogni respiro, un inevitabile cambiamento. Raccogliete le vostre vite normali, e seguite l’A4 fino a che non finisce tutto, di lì si estende un parco grandissimo che dà su un cielo enorme. Si chiama San Giuliano. Noi vi si aspetta al Sherwood Venice.

]]>
info@sherwood.it (Sherwood Network)
<![CDATA[Pat Metheny Unity Band: posti non numerati a 25 euro]]>

Pat Metheny Unity Band, prima nazionale a Padova

L’organizzatrice Gabriella Piccolo Casiraghi: “un sogno che diventa realtà”.

In scena mercoledì 11 luglio. Nuovo settore di biglietti platea non numerata a 25 euro.

I biglietti sono acquistabili sul sito di Sherwood o al botteghino la sera stessa.


Grande attesa per il concerto che Pat Metheny terrà per la prima volta a Padova mercoledì 11 luglio. “Un sogno che diventa realtà” commenta l’organizzatrice Gabriella Piccolo Casiraghi dell’Associazione Miles, che in autunno firma il Padova Jazz Festival e che in questa estate ci ha regalato uno degli eventi di punta della stagione. “Da tempo desideravo ospitare nella mia città questo artista straordinario che tanto ha dato alla musica del XX secolo, sempre in evoluzione e dall’insaziabile energia creativa”. E ricambia lo stesso Pat Metheny che per ltalia nutre un amore di vecchia data: “mi piace questo Paese. Soprattutto al Nord, esiste un tipo di ascoltatore molto sofisticato, anche se quello che amo di più è l’incredibile energia degli italiani”.
A Padova Pat Metheny arriva in prima nazionale con la Unity Band, un quartetto inedito, formato da Chris Potter al sax, Ben Williams al basso e il fedelissimo Antonio Sanchez alla batteria. Per la prima volta dalla pubblicazione nel 1980 di 80/81, ha registrato un album, Unity Band, che vede la partecipazione di un sassofono tenore. Di questo vuoto trentennale dall’ultimo progetto in cui aveva collaborato con dei sassofonisti (i grandi Dewey Redman e Michael Brecker) Metheny dice: “Per molti aspetti le mie band sono state concepite come alternativa a formazioni più convenzionali in cui avevo suonato agli inizi. Il fatto che mi siano serviti 30 anni per tornare a questo punto, fa capire in un certo modo quanto siano stati impegnativi per me questi esperimenti ‘alternativi’ ”.

Sicuramente uno dei chitarristi più famosi al mondo, Metheny nella sua carriera ha vinto 19 Grammy Awards in 12 diverse categorie. Il suo gruppo, il Pat Metheny Group, fondato nel 1977, è l’unico ensemble nella storia ad aver vinto sette Grammy con sette uscite consecutive. L’artista è riuscito a forgiare un jazz quanto mai libero e aperto alle più diverse influenze, in particolare quella sudamericana, mettendo sempre in primo piano una forte melodicità e una complessa armonizzazione. Un modello per tutte le generazioni, che ha rivoluzionato il ruolo della chitarra nel panorama della musica internazionale, mettendo in scena ardite contaminazioni e collaborazioni con artisti come Jaco Pastorius, Ornette Colemann, Jim Hall, Celine Dion e David Bowie.
Per il concerto, che si svolgerà in collaborazione con Veneto Jazz nell’Area Sherwood Festival al parcheggio Nord dello Stadio Euganeo, gli organizzatori hanno previsto, oltre ai posti di platea numerata a 35,00 euro (prevendite Ticketone e Sherwood Festival), un nuovo settore da 25,00 euro (posti non numerati). Questi biglietti sono acquistabili alla biglietteria la sera stessa del concerto. Inizio ore 21.30.


Biglietti:
Platea numerata 35,00 euro + diritto di prevendita (circuito Ticketone e Sherwood Festival).
Platea non numerata: 25,00 euro (disponibili la sera del concerto)

Luogo: Sherwood Festival – Parcheggio Nord Stadio Euganeo – Padova

Per informazioni:
Associazione Miles – tel. 347.7580904 – www.padovajazz.com
Veneto Jazz – tel. 0423.452069 - www.venetojazz.com
www.sherwood.it


Ufficio Stampa Veneto Jazz:
MaBi Comunicazione
Mara Bisinella - mob. +39 339 6783954 - ufficiostampa@venetojazz.com

In collaborazione con
Veneto Jazz

]]>
info@sherwood.it (Sherwood Network)
<![CDATA[Tutti i concerti del Mainstage 2012]]>

Sherwood Festival 2012... un festival indipendente

15 Giugno - 14 Luglio

Park Nord Stadio Euganeo
Viale Nereo Rocco - Padova

Apertura cancelli:Tutti i concerti dalle ore 19.00
La domenica dalle ore 16.00
Cypress Hill dalle ore 18.00
Manu Chao da definire


Il Festival è molte cose insieme: l’espressione di una comunità sociale e politica che non ha mai smesso di sognare un mondo diverso e più giusto, ma anche uno spazio pubblico vivo, attraversabile da tutti e in cui la musica, il teatro, l’arte, la scrittura, gli incontri e i dibattiti sono l’occasione per ridurre le distanze di punti di vista, di età, di approccio che spesso rendono complesso il vivere insieme, in comune.

Acquista i biglietti on line
senza diritti di prevendita
su www.sherwood.it
Clicca qui

Main Stage

Venerdì 15 Giugno
The Zen Circus
1 € può bastare

Sabato 16 Giugno
Il Teatro Degli Orrori
13 € su www.sherwood.it - 13 € + d.d.p. nei circuiti abituali

Venerdi 22 Giugno
Subsonica
15 € su www.sherwood.it - 15 € + d.d.p. nei circuiti abituali

Sabato 23 Giugno
Amor Fou + Maria Antonietta
1 € può bastare

Lunedì 25 Giugno
Manu Chao
20 € su www.sherwood.it - 20 € + d.d.p. nei circuiti abituali

Mercoledì 27 Giugno
Cypress Hill + Everlast + Dope D.O.D.
30 € su www.sherwood.it - 30 € + d.d.p. nei circuiti abituali

Venerdì 29 Giugno
Caparezza
15 € su www.sherwood.it - 15 € + d.d.p. nei circuiti abituali

Sabato 30 Giugno
AltaVoz De Dia presents Josh Wink
18 € su www.sherwood.it

Mercoledì 04 Luglio
Tre Allegri ragazzi Morti
1 € può bastare

Venerdì 06 Luglio
Afterhours
18 € su www.sherwood.it - 18 € + d.d.p. nei circuiti abituali

Sabato 07 Luglio
Aucan + LNRipley
1 € può bastare

Martedi 10 Luglio
The Flaming Lips + Verdena
22 € su www.sherwood.it - 22 € + d.d.p. nei circuiti abituali
25 € al botteghino la sera del concerto

Mercoledì 11 Luglio
Pat Metheny Unity Band
35 € + d.d.p. (Platea numerata)

Venerdì 13 Luglio
Ascanio Celestini
1 € può bastare

Sabato 14 Luglio
Gogol Bordello
20 € su www.sherwood.it - 20 € + d.d.p. nei circuiti abituali

]]>
info@sherwood.it (Sherwood Network)
<![CDATA[Afterhours]]>

Venerdì 06 Luglio 2012
@ Sherwood Festival
Park Nord Stadio Euganeo
Viale Nereo Rocco - Padova

Afterhours

In tour con il nuovo disco: Padania

Apertura cancelli dalle ore 19.00

Puoi acquistare il biglietto a 18 euro,
senza diritti di prevendita,
nel box giallo qui a lato


Oppure sui circuiti abituali a 18 euro + d.p. o la sera stessa del concerto al botteghino a 18 euro.

Se hai problemi con l'acquisto scrivi a ticket@sherwood.it


Dj Set
dalle 24:00 alle 2:30
Second Stage: SOUNDPARK (indie - alt rock)

E' uscito il 17 aprile il nuovo, attesissimo album degli Afterhours, il primo dopo I milanesi ammazzano il sabato del 2008 e dopo il progetto Il paese è reale del 2009, realizzato insieme ad altri 18 artisti della scena alternativa italiana.

(Leggi qui la recensione di www.sherwood.it)

Per il loro decimo album di studio, intitolato Padania, gli Afterhours hanno deciso di scegliere decisamente la strada della completa autoproduzione, affidandone la distribuzione ad Artist First. Come rivela il titolo, il gruppo affronta con l’abituale determinazione, consapevolezza e capacità di provocazione argomenti attuali e scottanti. «Padania è uno stato mentale», dice Manuel Agnelli, «non ha confini geografici, è uno stato della mente e dell’anima. È il nome che meglio rappresenta la disperazione di uomini che sanno di poter avere tutto tranne che se stessi. È una corsa impazzita ad occhi chiusi sperando di arrivare più lontano possibile da quello che non vogliamo sapere di essere. È la forza oscura che ti spinge a diventare quello che non sei. La canzone parla di una persona che vuole cambiare la propria vita e il proprio destino (come la maggior parte di tutti noi), perché crede che ci debba essere qualcosa di più del destino e della fortuna. È un desiderio così forte che diventa un’ossessione e questa ossessione diventa una maledizione, che la porta a vincere tutte le sue battaglie ma a dimenticarsi del perché sta combattendo. A realizzare tutto. Tranne che se stesso

]]>
info@sherwood.it (Sherwood Network)
<![CDATA[Aucan + LNRipley]]>

Sabato 07 Luglio 2012
@ Sherwood Festival
Park Nord Stadio Euganeo
Viale Nereo Rocco - Padova

Aucan

+

LNRipley

 

Apertura cancelli dalle ore 19.00

1 € può bastare

 

Dj Set
dalle 24:00 alle 2:30
Second Stage: CHINA (dubstep - drum'n'bass)

Aucan

Unendo i principi del rock sperimentale, del Dubstep e dell'elettronica in generale, gli Aucan hanno creato uno stile,un'energia ed un'esperienza live unici. Dal 2009 attraversano l'Europa dove hanno suonato più di 300
show, aprendo per Placebo, Tricky,Matmos, Antipop Consortium, Andrew Hung (Fuck Buttons), Steve Aoki, Dinosaur Jr, Crookers, PVT (warp), Sole and The Skyrider band, Ramadanman, Black Heart Procession, Lars Hornveth, DJ Food, Architecture in Helsinki e altri.
In Italia si affermano come fenomeno underground pubblicando "Black Rainbow" su Tempesta.

Spaziando da ritmi dubstep e breakbeat a desolati paesaggi ambient, Black Rainbow guida l'ascoltatore in un esperienza sonora a piú livelli.
Il brano introduttivo, grazie all'intimo featuring di Angela Kinczly, marca l'Inghilterra di Massive Attack, Portishead e delle nuove produzioni dubstep (Starkey, Italtek) come territorio di riferimento. In
Heartless troviamo la matrice AUCAN nella sua forma più unica: mood malinconico, batteria micidiale, synth eterei e voce processata a disegnare le melodie.
Nei pezzi più aggressivi il cantato farà uso anche di stili derivati dal rap e dall'hardcore (SPL che ricorda i Beastie boys, Away!), sommandosi all'energia dei bassi per un risultato da esplosione dell'impianto. Red Minoga resuscita il passato strumentale della band in chiave DJ track, Underwatermusic e Storm strizzano l'occhio al catalogo elettronico di Planet Mu e Warp pur mantenendo il suono d'impatto di un power trio live, In a Land e Embarque sono attimi di meditazione legati all'attitudine di improvvisazione ambient che il gruppo segue da tempo durante i concerti, lasciandosi andare a momenti fra il mistico e il sogno.
In chiusura la monolitica title track Black Rainbow riassume con poche parole il concept del disco: "In sky where no star is shining / There's a light where nobody stands".
E' un arcobaleno oscuro quello della copertina, è la luce sprigionata dalla morsa delle tenebre.

LNRipley

LNRipley è una band che nasce dai linguaggi dalle produzioni dubstep e dnb.
Li contamina con influenze diverse e porta dal vivo un set di energia pura, suonando tutto live, con una missione ben precisa: scatenare il dancefloor per fare ballare anche i sottobicchieri.
L’approccio non è quello di una band tradizionale, ma piuttosto quello di un deejay che plasma il flusso sonoro in base alle reazioni della pista: dubstep con metal ,drum and bass con punk, elettronica ma anche pura tecnica!
Basso Contrabasso elettrico, batteria, macchine e un frontman scatenato che dal vivo non prendono prigionieri: velocità e pulsazioni da rave, con un approccio lo-fi e deciso agli strumenti.
Il suono ipnotico e potente della notte torinese di ” the dreamers” al Puddhu Bar è la sua fonte di ispirazione più cristallina.
Premiati come migliore rivelazione indie-rock al MEI 2007, insieme al Teatro degli Orrori, mentre nel 2008 il loro video Red in my eye vince il premio PIVI (premio video indipendenti).
Il vinile white label con il remix della loro cover di “killing in the name” dei Rage Against The Machine è un piccolo culto nel circuito dei migliori club drum and bass inglesi ed europei, ed è andato sold out in breve tempo.
Hanno all’attivo due album: L’omonimo LNRIPLEY registrato in una sola settimana, interamente in presa diretta, il secondo intitolato”PACKAGES” distribuito attraverso l’estenuante USB ALERT TOUR 2010/2011 dove il gruppo ha invitato il pubblico a portare ai concerti la propria chiavetta o dispositivo usb su cui ricevere gratuitamente e direttamente dalla band i nuovi brani con relativo artwork: un passaggio di dati e musica dopo lo scambio di sudore ed energia del live. Per questa idea ricevono il premio all’innovazione musicale 2010.
Dopo un continuo apprendistato a base di esplosivi live set su e giù per lo stivale, questo 2012 li vede uscire con il loro nuovo Ep, Bluroom Box 1, in vendita esclusivamente sui circuiti interattivi.
Cinque tracce ad altissimo voltaggio, fra atmosfere dubstep made in UK, sonorità neurofunk, e il contributo del vocalist, Mc Victor, che impreziosisce ogni singolo brano prodotto.

]]>
info@sherwood.it (Sherwood Network)
<![CDATA[The Flaming Lips + Verdena]]>

Martedì 10 Luglio 2012
@ Sherwood Festival
Park Nord Stadio Euganeo
Viale Nereo Rocco - Padova

Apertura cancelli ore 19.00
Inizio Show Verdena ore 21.00
Inizio Show Flaming Lips ore 22.30

Puoi acquistare il biglietto a 22 euro, senza diritti di prevendita, nel box qui a lato.
Oppure sui circuiti abituali a 22 euro + d.p. o la sera stessa del concerto al botteghino a 25 euro.
Se hai problemi con l'acquisto scrivi a ticket@sherwood.it

Flaming Lips

+

Verdena

Verdena
Sembrava che la data del 27 Dicembre al Bloom di Mezzago fosse l’ultima occasione per vederli dal vivo ma, a sorpresa, i Verdena annunciano due show che li vedranno aprire i concerti italiani dei Flaming Lips.
Dopo le oltre 80 date che li hanno consacrati come protagonisti assoluti della scena alternative rock italiana del 2011, Verdena, come loro solito, si sarebbero dovuti ritirare dalle scene per rientrare in studio e cominciare a lavorare ad un altro nuovo disco, ma la band di Wayne Coyne è sempre stata un punto di riferimento per i bergamaschi ed è proprio per questo motivo che i Verdena hanno accettato di fare uno strappo alla regola. I due live coi Flaming Lips saranno perciò le UNICHE occasioni per assistere a un live Verdena quest’estate.
Nel frattempo il 29 Febbraio è uscito anche un libro “Un Mondo del Tutto Differente” di Emiliano Colasanti, che racconta le vicende che hanno portato alla nascita di WOW, il loro quinto album, che è stato il caso discografico del 2011.

Flaming Lips
I Flaming Lips sono un'istituzione del rock psichedelico contemporaneo. La loro carriera, piena di sorprese, scommesse e colpi di scena, è uno dei percorsi più avventurosi del rock americano. Sempre ironici e demenziali, i loro dischi e le loro esibizioni live sono delle miniere di trovate spiazzanti e fantasiose.
Guidati da Wayne Coyne, i Flaming Lips sono una delle realtà più visionarie e geniali della scena internazionale. Il carismatico leader, forte di un'ispirazione onnivora e di una creatività senza freni, ha battuto i sentieri della psichedelia, del pop più cristallino, dello sperimentalismo dada creando un universo rock folle e schizofrenico in cui le performance live sono ormai leggendari eventi colorati, surreali e pirotecnici.

Mentre altri dinosauri del rock alternativo americano loro coetanei sono rimasti inchiodati ai suoni dei primi anni Novanta, loro hanno continuato a cambiare, seguendo un percorso cominciato ormai venticinque anni fa e che prosegue ancora oggi. La loro è una ricerca assidua e coraggiosa di nuovi linguaggi sonori che fanno di volta in volta propri, adeguandoli al marchio di fabbrica Flaming Lips, ormai consolidato e riconoscibile. Ironica, demenziale e bizzarra, la loro musica sembra concepita da un pazzo sotto Lsd (e agli esordi era più o meno così), o dalla mente di un fumettista visionario. Il loro pregio più grande è stato infatti quello di aver sfondato la porta che divide musica e immagine, generando un tutt'uno tra loro, un vero e proprio immaginario peculiare, un circo itinerante di suoni, luci, colori e titoli lunghissimi senza senso.

BIO:
I i giovani Flaming Lips iniziano la loro carriera suonando un garage rock schizoide fatto di dolci arpeggi acustici incendiati da distorsioni repentine, voce roca e spesso aggressiva, qualche spruzzata di folk, hard-rock e post-punk e tanta, tantissima demenzialità (testi assurdi, campionamenti buffi...). Il primo Ep, The Flaming Lips e i primi tre Lp Hear it is (1986), Oh My Gawd!!! (1987) e Telepathic Surgery (1989) summa e monumento della psichedelia anni 80 , non fanno che perfezionare questa formula, raffinandola e arricchendola di volta in volta. Nel 1990 si apre il secondo periodo dei Flaming Lips con la pubblicazione di In A Priest Driven Ambulance quello meno sgangherato e più ordinato e melodico. Smaltiti gli eccessi dei primi tre Lp, la band razionalizza il suo suono e scrive canzoni all'insegna di un indie-rock agrodolce, rumoroso ma mai esagerato. In questa periodo, che si chiude nel 1999, Dave Friedmann sarà decisivo in sala di regia, tanto che la carriera dei Flaming Lips può dirsi parallela a quella dei suoi Mercury Rev. Hit To Death In The Future Head del ’92 segna l’approdo dei Flaming Lips alla corte della Warner Bros e inaugura un invidiabile e fortunato sodalizio artistico. È l’ultimo album che vede una (pur saltuaria) partecipazione congiunta dei due Mercury Rev, Jonathan Donahue e Dave Fridmann: se quest’ultimo tornerà a lavorare con Coyne e soci, Donahue abbandonerà per dedicarsi a tempo pieno al progetto del gruppo menzionato.
Transmissions From The Satellite Heart è pubblicato nel ’93 e rappresenta un passo irreversibile nella discografia dei Flaming Lips. È il primo lavoro pop “a tutto tondo”, frutto di un progressivo e meticoloso affinamento in studio. Clouds Taste Metallic arriva nel tardo ’95. Nel 1997 la band è a un punto critico: il chitarrista Ronald Jones lascia il gruppo per via delle sue divergenze con Steven Drozd, che ha sempre più problemi legati alla droga, Michael Ivins subisce un incidente stradale e il gruppo è in uno stato di forte tensione. Come se non bastasse, la casa discografica li pone in una situazione critica e il padre di Coyne muore di cancro. Da questa situazione esce, a sorpresa, l'album più fantasioso e controverso del gruppo, un quadruplo che necessita di quattro impianti stereo sincronizzati per essere suonato correttamente: Zaireeka.
Dalle sessioni di questo disco nascerà anche il successivo album, l'acclamato The Soft Bulletin, uscito nel 1999, in cui Coyne e soci provano a inscatolare la loro follia melodica in canzoni pop. È un album ambiziosissimo, in cui la band veste i panni di sofisticati autori pop, intenti a gestire una mole notevole di arrangiamenti per orchestra, piano, molteplici linee di chitarra (non più distorta!), cori celestiali quando non sprazzi di elettronica. Con questo album si apre una nuova fase artistica non si limita a un nuovo suono e a un songwriting più barocco: i Flaming Lips cominciano a portare in tour uno spettacolo multimediale che ha dell'incredibile, rendendo ogni concerto un'orgia di colori, luci, divertimenti e pupazzi. I quattro sono riusciti a portare il concerto rock nella dimensione dei giochi dell'infanzia. Il nuovo corso della band prosegue nel 2002 con Yoshimi Battles The Pink Robots, in cui il gruppo continua la sua epopea progressive-pop. At War With The Mystics esce nel 2006 e respinge i timori di stilizzazione bloccata della band e si rivela essere il suo, ennesimo, passo a lato. Presentato come il disco politico dei Flaming Lips, riporta in primo piano le chitarre: le citazioni affondano negli anni 70 e il formato scelto diviene un pop-rock psichedelico, con rimandi al rock, al funk (o disco-funk) e al soul, alternando morbidezza e spasmo, senza rinnegare tutto ciò che è stato fatto, ma riplasmandolo e aggiungendo/sottraendo qualcosa. Nel 2009 i Flaming Lips tornano con Embryonic, album doppio, lungo ben 70 minuti e contenente 18 nuove composizioni: quasi una summa delle più evidenti inclinazioni palesate dalla band durante il proprio percorso artistico. Nello stesso anno i Flaming Lips si lanciano anche in un'altra operazione, ancor più temeraria. Una rilettura di “The Dark Side Of The Moon”, il lavoro più amato, criticato, osannato e scimmiottato dei Pink Floyd. Nel 2011 è la volta di Strobo Trip un'altra folle e geniale operazione musicale.

]]>
info@sherwood.it (Sherwood Network)
<![CDATA[Pat Metheny Unity Band]]>

Mercoledì 11 Luglio 2012
@ Sherwood Festival
Park Nord Stadio Euganeo
Viale Nereo Rocco - Padova

Associazione culturale Miles 
presenta: 

Pat Metheny Unity Band

Per la prima volta a Padova arriva il chitarrista
che quest'anno ha vinto il suo 19° Grammy Award
nella categoria Best New Wave Album.

Apertura cancelli dalle ore 19.00

Con un quartetto inedito, arriva per la prima volta a Padova il chitarrista Pat Metheny, nel concerto promosso e organizzato dall’Associazione Miles in collaborazione con Veneto Jazz. L’evento, in programma mercoledì 11 luglio (inizio ore 21.30), avrà luogo nell’area dello Sherwood Festival (prevendite aperte dal 14 marzo nel circuito Tickteone).

A pochi giorni dal suo 19° Grammy Award per l'album What's It All About, nella categoria Best New Age Album, questa volta salirà sul palco con la Unity Band, formata da Chris Potter al sax, Ben Williams al basso e il fedelissimo Antonio Sanchez alla batteria. 

Sicuramente uno dei chitarristi più famosi al mondo, Metheny deve la sua enorme popolarità alla presenza nei più svariati contesti e alle numerose tournée internazionali. L’artista è riuscito a forgiare un jazz quanto mai libero e aperto alle più diverse influenze, in particolare quella sudamericana, mettendo sempre in primo piano una forte melodicità e una complessa armonizzazione. Qualsiasi cosa suoni rimane sempre se stesso, innamorato delle sue chitarre e del suo mondo variegato. Un modello per tutte le generazioni, che ha rivoluzionato il ruolo della chitarra nel panorama della musica internazionale, mettendo in scena  ardite contaminazioni e collaborazioni con artisti come Jaco Pastorius, Ornette Colemann, Jim Hall, Celine Dion e David Bowie.  Nell’ultimo lavoro acustico rilegge brani classici di artisti come Paul Simon, John Lennon e Paul McCarteny,  Burt Bacharach e Henry Mancini.

In collaborazione con Venetojazz

Prevendite disponibili dal 14 marzo nel circuito Ticketone: www.ticketone.it 
Biglietti: platea numerata 35,00 euro + diritto di prevendita

Nuovo settore di biglietti a disposizione a 25 euro.
I biglietti sono acquistabili sul sito di Sherwood o al botteghino la sera stessa.


Maggiori informazioni su:
www.padovajazz.com
www.venetojazz.com
www.sherwood.it 

]]>
info@sherwood.it (Sherwood Network)
<![CDATA[Ascanio Celestini]]>

Venerdì 13 Luglio 2012
@ Sherwood Festival
Park Nord Stadio Euganeo
Viale Nereo Rocco - Padova

Ascanio Celestini
Studio su "Discorsi alla Nazione"


Apertura cancelli dalle ore 19.00
1 € può bastare

 

 

Dj set
dalle 24:00 alle 2:30
Second Stage: TRASH '80 : MISSFIT (trash - rock)



Cittadini!
Lasciate che vi chiami cittadini anche se tutti sappiamo che siate sudditi, ma io vi chiamerò cittadini per risparmiarvi un’inutile umiliazione.

Discorsi alla Nazionestudio per spettacolo presidenziale

Il tiranno è chiuso nel palazzo. Non ha nessun bisogno di parlare alla massa. I suoi affari sono lontani dai sudditi, la sua vita è un’altra e non ha quasi nulla in comune con il popolo che si accontenta di vedere la sua faccia stampata sulle monete. Eppure il tiranno si deve mostrare ogni tanto. Deve farsi acclamare soprattutto nei momenti di crisi quando rischia di essere spodestato. Così si affaccia, si sporge dal balcone del palazzo e rischia di diventare un bersaglio.

Ho immaginato alcuni aspiranti tiranni che provano ad affascinare il popolo per strappargli il consenso e la legittimazione. Appaiono al balcone e parlano senza nascondere nulla. Parlano come parlerebbero i nostri tiranni democratici se non avessero bisogno di nascondere il dispotismo sotto il costume di scena dello stato democratico.

Ascanio Celestini

]]>
info@sherwood.it (Sherwood Network)
<![CDATA[Gogol Bordello]]>

Sabato 14 Luglio 2012
@ Sherwood Festival
Park Nord Stadio Euganeo
Viale Nereo Rocco - Padova

Puoi acquistare il biglietto a 20 euro, senza diritti di prevendita, nel box qui a lato.
Se hai problemi con l'acquisto scrivi a ticket@sherwood.it

Gogol Bordello

 Apertura cancelli dalle ore 19.00

I travolgenti Gogol Bordello ritornano in italia per vivacizzare la nostra estate.

 

Dj Set
dalle 24:00 alle 2:30
Second stage: MALAVIDA (balcan)

 

Reduci dal recente successo della tournèe acustica, i Gogol Bordello sono pronti a intrattenere nuovamente tutti i fan italiani in occasione del prossimo tour europeo previsto per l’estate 2012.

Le influenze che stanno alla base del sound dei Gogol Bordello sono davvero infinite: si parte dal punk dei Clash, passando per le musiche gitane tradizionali dell’est, fino ad arrivare alle sonorità folk tanto care a Manu Chao, strizzando l’occhio anche a ritmi più rigidi, caratteristici di band come i Fugazi o i The Stooges.

A mischiare sapientemente tutti questi elementi un ensemble che più multietnico non si può: Heugene Hutz alla voce e chitarra, i russi Sergey Ryabtsev e Yuri Lemeshev rispettivamente al violino e alla fisarmonica, l’israeliano Oren Kaplan alla chitarra, l’italo-svedese con padre del Trinidad e Tobago Oliver Francis Charles alla batteria, l’etiope Thomas “Tommy T” Gobena al basso, il percussionista equadoregno Pedro Erazo, e per finire l’affascinante ballerina e percussionista Elizabeth Chi-Wei Sun, di origini cinesi.
Il filo conduttore del gruppo è senza dubbio l’istrionico Heugene Hutz, figura più unica che rara: cresciuto in Ucraina, si forma musicalmente ascoltando bootleg di Birthday Party ed Einstürzende Neubauten. A causa del disastro di Chernobyl, nel 1986 abbandona la sua terra natia, e durante il suo girovagare tra Polonia, Ungheria, Austria e Italia, fino a ritrovarsi negli Stati Uniti attorno al 1993, inizia ad ascoltare e interessarsi alla musica gitana. Arrivato a New York incontra il chitarrista Vlad Solofar e il fisarmonicista Sasha Kazatchkoff, con i quali comincia a suonare utilizzando il nick Gogol Bordello.

L’incredibile presenza scenica, unita a un’originalità unica, si materializza nel 1999 con l’uscita del primo singolo, intitolato When the trickster come a-pockin', e seguito subito dalla registrazione dei pezzi che andranno a comporre quello che sarà l’album di debutto: Voi-La Intruder. A far crescere la popolarità dei Gogol Bordello è soprattutto l'esuberante leader Eugene Hütz: DJ, attore e instancabile artista che grazie a una serata in un noto club/bar/ristorante bulgaro di New York -il Mehanata, dove seleziona musica ogni giovedì- permette alla band di farsi conoscere e di pianificare così il primo tour europeo nella primavera del 2002. E’ in questo periodo che esce il primo album, Voi-La Intruder, prodotto da Jim Sclavunos, già batterista di Nick Cave & The Bad Seeds. Da lì in seguito, i Gogol Bordello, come una macchina che non si ferma mai, avviano subito i lavori per il secondo disco, Multi Kontra Culti vs. Irony, che sarà pubblicato l’autunno successivo. Nel marzo del 2005 è la volta dell'EP The East Infection, mentre ad agosto la band firma per la One Side Dummy, con la quale realizza l'album Gypsy Punk - Underdog World Strike.

Parallelamente alla sua carriera di musicista, Eugene Hütz porta avanti anche quella di attore, che prende il volo nel 2005 quando viene scritturato per il film “Ogni cosa è illuminata” del regista Liev Schreiber. Subito dopo le riprese, partono i lavori per il nuovo disco, che uscirà nel 2007 col titolo di Super Taranta!. Al banco di regia troviamo l'australiano Victor Van Vugt (Nick Cave, Beth Orton, Depeche Mode, Billy Bragg), che permette al disco di ricevere consensi unanimi da parte di critica specializzata e pubblico.

La carica rock degli spettacoli dei Gogol Bordello non ha eguali, tanto da stupire persino la popstar Madonna, che durante una data promozionale a Londra, colpita da Heugene e dal suo show, gli chiede di partecipare a un suo film, “Sacro e Profano”, nelle sale di tutto il mondo nel 2008. Sempre insieme alla stessa Madonna inoltre, in occasione del Live Earth 2007, Eugene Hütz e Sergey Ryabtsev cantano un mashup de La Isla Bonita vs Lela Pala Tute.
Nel 2009 è la volta di Live from Axis Mundi che, come recita lo stesso titolo, documenta e cattura su disco tutta l'energia live dei Gogol Bordello. Il loro lavoro più recente è Trans-Continental Hustle, uscito nell'aprile 2010 per la major Sony e prodotto dal guru Rick Rubin.

Continuamente in tour e reduci dalla sperimentazione acustica portata sui palchi di tutto il mondo lo scorso inverno, che ha coronato il loro successo con l’ultima data in occasione del Capodanno a New York, i Gogol Bordello sono pronti a regalare al pubblico italiano nuove esperienze live cariche di energia e dinamismo unici: quattro date tutte da vivere e ballare sulle note della “world music” proposta da questa incredibile band!

]]>
info@sherwood.it (Sherwood Network)
<![CDATA[Cypress Hill Live Report]]>

Live Report: Cypress Hill, Everlast, Dope D.O.D.

A cura di Max 'Mbassadò

Cypress Hill come collina dei cipressi, con tanto di simboli gotici, cimiteri etc. Eppure l'origine etimologica è altrove e per l'esattezza và cercata nella mappatura delle strade di South Gate e piu' precisamente in quella Cypress Avenue, l'arteria stradale che attraversa South Central giungendo al cuore di Los Angeles. B-Real, (di madre cubana e padre messicano) è il frontman di quello che viene ritenuto storicamente il primo gruppo Latin Hip-Hop pluridecorato fino a giunger al disco di platino a suon di innumerevoli riconoscimenti. A dar lustro alla portata universale della musica dei Cypress Hill è l'unica data per il Nord-Italia del tour. . Ma facciamo un salto a ritroso. L'ossatura del gruppo nasce nel 1985 prima come DVX (Devastating Vocal Excellence) nel quartiere di South Gate nella zona di South Central L.A., per poi diventare definitivamente Cypress Hill. L'esordio discografico ufficiale risale all'agosto del 1991 con l'album omonimo “Cypress Hill”, il gruppo composto dal suo frontman B-Real affiancato da Sen Dog e Dj Muggs (successivamente da Eric Bobo, percussionista). Una delle peculiarità del sound dei Cypress Hill è da trovar nel flow inimitabile e nasale di B-real aka “the Phunky Feel One”. Parlando del suo esordio B-real ama richiamare il primo singolo “How I just could kill a man” spiegando “era una sorta di medley di tre brani che avevo scritto, e dopo aver sentito il beat infettivo di Muggs decisi di metterli assieme in un unico brano. In quel periodo stavo ancora elaborando il mio stile”. 

Hey don't miss out on what your passin
You're missin the hoota of the funky Buddha
Eluder or the f**ked up styles to get wicked
So come on as cypress starts to kick shit.”
Il lato b del singolo era “The Phunky Feel one”, e l'album conteneva anche “Latin Lingo” il vero e proprio manifesto dello slang Spanglish “Latin lingo baby (funky bilingual) funky bilingual
Yeah, funky bilingual!”

Da allora molti dj's, b-boys ed mc's hanno mostrato amore e riconoscimento per i Cypress Hill. Già prima c'era una folta rappresentanza di ispanici nell'ambito della cultura Hip Hop basti pensare ai primi writers (Lee etc), dj's, mc's (Fantastic MC's), b-boys(Rocksteay Crew) ritratti nei primi documentari come “Wild Style”, anche se non veninvan spesso riconosciuti tra i pionieri. Ed oggi giorno la tradizione continua dopo loro ed i vari Kid Frost, Mellow Man Ace (fratello di Sen Dog) con Fat Joe, Big Pun (R.I.P.), The Beatnuts etc. Il primo album omonimo fu anche l'opportunità di porre fine alla vitaccia in strada spacciando per sbarcare il lunario, per dedicarsi finalmente alla sua vera passione ovvero la musica. Seguì a ruota Black Sunday che fu l'album della consacrazione che finì dritto al primo posto in classifica con hit come “Insane in the brain” che ebbe un airplay massiccio anche sulle college radio e circuiti alternativi e la cupa "I Ain't Goin' Out Like That". Facendo riferimento alla sua voce dal marcato pitch nasale B-Real dice “se hai un tratto che ti distingue dagli altri, devi giocartelo a tuo vantaggio”. A livello di sound il produttore Muggs ha dato un sound funk minimale per poi diventare sempre piu' spettrale al gruppo, pescando da samples assai eccentrici. Da allora il gruppo ha consolidato la propria fan base attirando anche il circuito piu' alternativo e cross-over andando a suonare al Lollapalooza senza però mai perder di vista il proprio zoccolo duro hiphop e mostrando sempre amore ed attaccamento alle proprie origini . Un progetto interessante nel percorso artistico di B real è stato senz'altro “Psycho Realm” di cui ha voluto far parte subito dopo averli sentiti live, da cui l'affiliazione immediata.

"); this.fullscreenMessageTimeoutId = setTimeout(function(){ $(".fullscreenMessage").fadeOut(function(){$(this).remove()}); },5000); }); } });$(".galleria-53dadceb6bb4e_fullscreenHook").live("click",function(){ var galleries = Galleria.get(); $.each(galleries,function(){ if ( $(this._target).attr("id") == "galleria-53dadceb6bb4e") { this.enterFullscreen(); } }); });$("#galleria-53dadceb6bb4e .galleria-stage .galleria-image img").live("click",function(){ var galleries = Galleria.get(); $.each(galleries,function(){ if ( $(this._target).attr("id") == "galleria-53dadceb6bb4e") { if ( this.isFullscreen() ) { this.next(); } else { this.enterFullscreen(); } } }); });});

Dopo questo breve flashback rieccoci al tempo reale, è un mercoledi' di fine giugno con caldo afoso, ma i veri hip hop heads comunque non se ne fanno una ragione, sin dalle h18 è attivo il 2nd stage con una live showcase di Ear 2 the Street, con ai piatti Dj Keyone che inizia a dispsensare classiconi, per poi dare la parola al giovanissimo talento di Nitro, direttamente da Gioventu' Bruciata (Camisano Vicenza) che dopo un round di warm-up in freestyle affiancato da Mova sfoggia un live d'impatto, che ne certifica la continua crescita, non a caso finalista di MTV Spit!. A seguire l'armata di Unlmtd Struggle prende il testimone con Mistaman al mic e Rock B sui tecnici, con Karma22, ultimo acquisto della scuderia pronto a condividere il palco, con i suoi soci alternandosi nella presentazione della new release “Scatola nera”. Giunge il momento di trasferirsi presso il main stage intanto inizia a giunger un 'esercito di Hip Hop heads da tutto il Nord Est. E' il momento dei Dope D.O.D. Formazione olandese di Gronigen che con il loro sound d'impatto fanno breccia a suon di frequenze basse sempre complementari con metriche molto ricercate, confermando di esser una delle rivelazione del panorama Europeo. Si giunge cosi ad Everlast, frontman degli House of Pain, affiliati della Soul Assasin, che con la sua band ci regala un bluesy a country sound tra una rima ed un accordo di chitarra ci regala un live acustico di ottima caratura. Quando scattano circa le 22.05, si arriva al momento clou della serata, una folta e gremita platea impaziente applaude l'ingresso di Julio G, ma esplode soprattutto all'ingresso di Sen Dog e B-real in una cornice suggestiva, affiancato dal percussionista Bobo che si sbizzarrisce tra congas e octopad. Il pubblico recepisce eccome, e dal classico Hand on The Pump lo show spicca il volo, a ruota When The Ship Goes Down, e l'altro classico How I could just Kill a Man i due mc's s'intrecciano a meraviglia. S'arriva poi al momento del sound piu' caliente latino con un Sen Dog che in Splanglish ci regala Latin Thug anche in ispirato ballerino. A ruota il brano capostipite dello stile Spanglish ovvero Latin Lingo e Tequila Sunrise il pubblico s'infiamma, e quando B real parte con la frase don't you know I'm loco, la folla si prepara al primo climax della serata Insane in the brain, che colpisce dritto nel cuore. Quando B real ne appiccia una giunge il momento del Weed Medley cantato in Splanglish “Quero fumar” a mò di medley ininterrotti. C'è poi tempo per una turntable session con Julio G che invita B-Real in console, ed i due si scambiano in un sorprendente beat juggling che manda in visibilio il pubblico. Il testimone poi passa all'istrionico Bobo che con le sue percussioni dimostra una padronanza ritmica fenomenale, con una velocità d'assestamento di colpi inaudita. Si passa poi ai suoni piu' cupi di Throw your set, Boom Biddy Bye, Cock the Hammer per giungere a Vato e l'inesorabile Ain't going out like that. Il pubblico gradisce e s'infiamma, e dopo un piccolo break, chiama a gran voce il bis. C'è tempo per brani dal nuovo repertorio con Rusko e da Rise up, e la voce nasale di B-real dimostra quanto sia a proprio agio anche sugli extra beat incendiando il pubblico completamente stordito al gran finale che non poteva che esser Rock Superstar. C'è poco altro da aggiunger una serata memorabile che dimostra quanto sia importante puntare sui giusti ingredienti per riportare l'hip hop alla sua sede naturale la strada con il suo sound diretto crudo autentico, nella cornice di musica indipendente e libera per antonomasia, lo Sherwood Festival. Un ringraziamento a tutto lo staff di Sherwood ed a voi pubblico meraviglioso

Boom biddy bye bye!!!!!!!!

]]>
info@sherwood.it (Sherwood Network)
<![CDATA[Maria Antonietta & Amor Fou Live Report]]>

Live Report: Maria Antonietta

Letizia Cesarini indossa dei canzolncini a vita altissima, una camicia di troppe taglie più grandi della propria, e si fa chiamare Maria Antonietta.
Sofia Coppola c’ha provato, con un’esplosione di frivolezza e colore, a raccontare questo nome. Letizia ci è riuscita facilmente, puntando solo su se stessa.

Ad un certo punto si smette di cantare in inglese, non si è più la voce degli Young Wrists, si abbandonano gli spazi troppo stretti. Anche casa nostra può diventare un luogo a cui non apparteniamo più. E giunge il momento di sbraitare solo di noi stessi, quasi fossimo unici, quasi qualcuno ci potesse sentire. Il 6 Gennaio 2012 esce il suo secondo disco, omonimo, registrato e prodotto da un altro piccolo e improvvisato poeta, Dario Brunori. Le reti umane sono importanti, e i risultati divengono sublimi.

In mezzo a un grande palco, Maria Antonietta è piccola davvero.
Ha capelli senza regola né condizione, sembra una bambina dal corpicino scosso da convulsioni. Da impeti genuini, incontrollabili e scomposti.
A 23 anni diceva di non sapere come comportarsi, e da allora tutti hanno iniziato a chiederle come sia stato sentirsi così a disagio. Sembra che nessuno sia in grado di capire l’importanza di una fragilità così imbarazzante, e della normalità nello sentirsi sconvolti. “Trenta secondi ed ho finito” sussurra lei, noi si starebbe ad ascoltarti fino alla fine del mondo, Letizia. L’abbiamo noi tutti, una bestia. A volte è tenera, altre volte insopportabile. Siamo animali simili, muoviamo alla ricerca di un amore che non viene mai, e scompare come fumo.

Live Report: Amor Fou

Da una duttile, intima, femminile, e delicata giovinezza, si passa alla follia vera e propria. Animali vari e improbabili iniziano a svolazzare sul palco. Fenicotteri rosa, dinosauri, bianchi mostri col sorriso. Se di mostri non possiamo liberarci, tanto vale renderli ridicoli. Quando si dice vivere in un mondo che è solo nostro, Amor Fou è una combinazione di più mondi, e il risultato dell’addizione è surreale.

L’ingranaggio è composto della voce che fu dei Giardini di Mirò, una costola dei La Crus, qualche coccio di Pasolini, un terzo posto al premio Tenco, adattamenti teatrali e la ferrea inclinazione a seguire solo propri tracciati. Ad ascoltarli, un poco si riceve in cambio un tenue assopimento. Una musica che arriva in punta di piedi, delicata, si lascia ascoltare, ci lasciamo tentare. A Parigi ci potremmo sedere in strada, a ber vino parlando a fianco di sconosciuti. Qui facciamo tutti la figura degli intellettuali troppo aridi per esser normali. E poi, d’improvviso, gli occhi si riaprono a una sequenza ipotetica irrisolvibile. Ah! Se io fossi meno io, se tu fossi meno tu, se noi fossimo almeno noi.

Il cielo è coperto, non ci sono stelle, non possiamo sperare troppe cose tutte insieme. Sono momenti di solitudine. Con tutte le debolezze che siamo, è il caso di andarci molto cauti. Alla prossima fuga onirica.

"); this.fullscreenMessageTimeoutId = setTimeout(function(){ $(".fullscreenMessage").fadeOut(function(){$(this).remove()}); },5000); }); } });$(".galleria-53daaef2830f2_fullscreenHook").live("click",function(){ var galleries = Galleria.get(); $.each(galleries,function(){ if ( $(this._target).attr("id") == "galleria-53daaef2830f2") { this.enterFullscreen(); } }); });$("#galleria-53daaef2830f2 .galleria-stage .galleria-image img").live("click",function(){ var galleries = Galleria.get(); $.each(galleries,function(){ if ( $(this._target).attr("id") == "galleria-53daaef2830f2") { if ( this.isFullscreen() ) { this.next(); } else { this.enterFullscreen(); } } }); });}); ]]>
info@sherwood.it (Sherwood Network)
<![CDATA[Subsonica Live Report]]>

Live Report: Subsonica

Partono subito carichissimi, con Ratto, canzone tratta da Terrestre, album che ha un taglio più rock che elettronico
“E sai che c'è un ritmo per tutto, di gioia e dolore per tutto, e ieri chissà e domani chissà, che tutto si perde nel flusso. E l' unica ambizione che hai è stare in piedi”.
La cosa che mi colpisce di più dei Subsonica è la capacità che ha una loro canzone di sembrare scritta apposta per te. La precarietà, l'indecisione, il non vederci chiaro. Ho potuto emozionarmi tantissimo vedendo tutte le mani applaudire a tempo, le braccia alzarsi quasi fossero tutti danzatrici di nuoto sincronizzato, ho visto il pubblico saltare spalla a spalla, le spinte a tradimento, i sorrisi, gli occhi lucidi. Al secondo posto in scaletta troviamo Veleno, che si può dire che è una delle mie preferite. Di cosa parla veleno? Parla d'amore, di un amore che non c'è più: “dentro una storia senza più titolo”, e pur essendo consapevoli di questa assenza non si riesce a fare a meno di avvicinarsi a quelle labbra che più volte abbiamo baciato, succhiato e morsicato. Una rabbia contro la debolezza dell'essere semplici esseri umani. Contro la tentazione del soddisfare la pura necessità di estremo piacere, che però rischia di farci male, di essere veleno.
Si prosegue distanziandosi un po' dai turbamenti dell'animo umano e rivolgendosi verso la denuncia sociale con Corpo a corpo. La scaletta estiva non concede nessuna pausa. La gente non è mai stanca di saltare.
È il tempo del primo classico: Liberi tutti, e si creano serpentoni di pogo tra il pubblico, poi tocca a Diluvio canzone dell'ultimo album Eden. Poi una storia interessante Benzina Ogoshi. Brano che è stato scritto in parte dai fan con suggerimenti via web 2.0. Un procedimento singolare che evidenzia il bellissimo e intimo rapporto che durante il corso degli anni i Subsonica hanno saputo costruire con chi li segue. 

Genova 19 luglio 22 luglio 2001: “Movimenti no-global e le associazioni pacifiste danno vita a manifestazioni di dissenso, seguite da gravi tumulti di piazza, con scontri tra forze dell'ordine e manifestanti dove, durante uno di questi, trova la morte il manifestante Carlo Giuliani.” Episodi sintetizzati nella canzone Sole silenzioso, dell'album Amorematico.
Istantanee è invece il momento della riflessione. Segue un brano che è quasi uno scioglilingua, Depre.
La cosa più succulenta è quella che non si può avere. Più è difficile, più è attraente. L'essere umano è un debole predatore, cade spesso in fallo intestardendosi in un inesauribile soddisfacimento di desiderio. Situazione spiegata in Cose che non ho, canzone contenuta nel primo album: Subsonica.
Continua con la parte più dance e commerciale del concerto, infatti i Subsonica propongono l'inseparabile tripletta: Glaciazione, Centro della fiamma, Nuova Ossessione presente in scaletta già dal tour estivo dell'eclissi (2008) tour passato alla storia.
Ci si avvia verso la fine con Up patriot to arms brano di Battiato.
È il turno di Strade, che come al solito commuove un po' tutti, sopratutto per il significato di quelle semplici parole intelligentemente cucite tra loro, e un po' perché si realizza che si è quasi alla fine.
Il finale dei concerti dei subsonica è sempre un po' “caciarone” infatti loro stessi chiedono ai fan che canzoni vorrebbero sentire, ne sussegue un casino infernale di cui non si capisce nulla. Concedono i classici da concerto Discolabirinto e Tutti i miei sbagli.

Ogni canzone ci spalanca un forziere di ricordi e sentimenti, che è sempre bene rispolverare ogni tanto, perché se dimentichiamo è come se non fosse esistito nulla, e se una cosa non esiste non possiamo imparare nulla.

"); this.fullscreenMessageTimeoutId = setTimeout(function(){ $(".fullscreenMessage").fadeOut(function(){$(this).remove()}); },5000); }); } });$(".galleria-53d94ea4d7812_fullscreenHook").live("click",function(){ var galleries = Galleria.get(); $.each(galleries,function(){ if ( $(this._target).attr("id") == "galleria-53d94ea4d7812") { this.enterFullscreen(); } }); });$("#galleria-53d94ea4d7812 .galleria-stage .galleria-image img").live("click",function(){ var galleries = Galleria.get(); $.each(galleries,function(){ if ( $(this._target).attr("id") == "galleria-53d94ea4d7812") { if ( this.isFullscreen() ) { this.next(); } else { this.enterFullscreen(); } } }); });}); ]]>
info@sherwood.it (Sherwood Network)
<![CDATA[Manu Chao: tutte le info utili sul concerto]]>

Come abbiamo già comunicato con tutti gli strumenti a nostra disposizione il concerto di Manu Chao di lunedì 25 giugno allo Sherwood Festival E' SOLD OUT.
Questo significa che entrerà solo ed esclusivamente chi ha acquistato il biglietto in prevendita.
Non apriremo i botteghini e non venderemo biglietti il giorno dell'evento.

Ci teniamo a sottolinearlo ancora perchè continuamo a ricevere mail e telefonate alla nostra infoline che ci chiedono biglietti.
Vi preghiamo di non raggiungere l'area se non siete in possesso della prevendita.
Ci spiace per tutti quelli che non potranno assistere allo show ma speriamo ci possano essere altre occasioni per riavere con noi Manu Chao nelle prossime edizioni.

Detto questo ecco le informazioni utili per chi ha il biglietto acquisato in prevendita.

1. PARCHEGGI E VIABILITA' (vi invitiamo a seguire le nostre indicazioni per permettere a tutti di raggiungere comodamente l'area del festival!)

Per raggiungere lo Sherwood Festival in auto imbocca Corso Australia in direzione Stadio Euganeo ed esci, da qualsiasi direzione tu provenga, all'uscita numero 2 (parcheggio locali). Il parcheggio Sud dello Stadio Euganeo è capiente, illuminato ed è il luogo più vicino all'ingresso del Festival.
Se provieni da corso Australia non imboccare l'uscita che porta alla Stazione Ferroviaria, via Po e Q.re S. Bellino, il transito per viale Nereo Rocco, da quel lato, sarà chiuso, rischi di incontrare code e di contribuire a produrle.
Non parcheggiare in ogni caso in via Due Palazzi e nelle vie limitrofe. Sei più lontano dall'ingresso e rischi la rimozione forzata del mezzo.
Un altro parcheggio che può essere utilizzato è quello del Gran teatro Geox che si trova in Corso Australia. Da qui sarà possibile raggiungere il festival con i bus navetta.

Per i pullman organizzati, una volta fatte scendere le persone in prossimità del festival, il parcheggio da utilizzare per lo stazionamento del pullman è quello del Gran Teatro Geox in Corso Australia.

2. BUS NAVETTA
E' preferibile raggiungere il festival in bicicletta e motorino, per chi vive a Padova.
Sono attivi dei bus navetta con partenza dal Piazzale della Stazione FS.
Le corse inizieranno a partire dalle ore 14.00 fino alle ore 21.00 e sono previste ogni mezz'ora circa ma la frequenza dei viaggi dipende anche dal numero di persone che usufruiranno di questo servzio.
Il bus navetta farà tappa al parcheggio del Gran Teatro Geox. Al termine del concerto i viaggi di ritorno faranno lo stesso percorso.
L'ultima corsa è prevista per le ore 2.00.

3. MODALITÀ DI INGRESSO NELL'AREA

Per chi ha acquistato il biglietto sul sito di Sherwood

Presentarsi all'ingresso con la stampa del voucher del biglietto acquistato sul sito sherwood.it. Il voucher è l'unico documento per l'identificazione del biglietto acquistato.

Per chi ha acquistato il biglietto su altri circuiti
Seguire le indicazioni degli operatori e la cartellonistica

Vi consigliamo vivamente di raggiungere l'area il prima possibile. L'apertura dei cancelli è alle ore 14.00
Seguite le indicazioni della cartellonistica.

Il concerto inizierà alle ore 21.00.

Non è consentito introdurre nell'area bottiglie di vetro. Per velocizzare l'ingresso vi preghiamo di non portarne con voi.
I cani possono entrare solo se tenuti sempre al guinzaglio.
Non si possono suonare percusioni o altri strumenti musicali dopo la mezzanotte.

4. ASSISTENZA SANITARIA
Nell'area è prevista la presenza di alcune ambulanze e di un tenda della Croce verde per il primo soccorso. Per qualsiasi problema vi invitiamo a contattare il telefono del nostro presidio sanitario che risponde al numero 345.0476600

5. SEDIE A ROTELLE
Nell'area del concerto è disponibile una pedana per ospitare le persone in sedia a rotelle.

Seguite sempre le indicazioni dei nostri operatori che incontrerete in prossimità dei parcheggi e dell'ingresso.

Grazie per la collaborazione
Sherwood Festival

]]>
info@sherwood.it (Sherwood Network)
<![CDATA[Subsonica: tutte le info utili sul concerto]]>

Ciao a tutt@
riassumiamo tutte le informazioni utili per il concerto dei Subsonica allo Sherwood Festival di venerdì 22 giugno 2012
Biglietti ancora disponibili. Se acquistate sul nostro sito non pagate i diritti di prevendita.
E' possibile anche comprarli direttamente nelle casse dedicate, all'entrata del Festival.

1. PARCHEGGI E VIABILITA' (vi invitiamo a seguire le nostre indicazioni per permettere a tutti di raggiungere comodamente l'area del festival!)
Per raggiungere lo Sherwood Festival in auto imbocca Corso Australia in direzione Stadio Euganeo ed esci, da qualsiasi direzione tu provenga, all'uscita numero 2 (parcheggio locali). Il parcheggio Sud dello Stadio Euganeo è capiente, illuminato ed è il luogo più vicino all'ingresso del Festival.
Se provieni da corso Australia non imboccare l'uscita che porta alla Stazione Ferroviaria, via Po e Q.re S. Bellino, il transito per viale Nereo Rocco, da quel lato, sarà chiuso, rischi di incontrare code e di contribuire a produrle.
Non parcheggiare in ogni caso in via Due Palazzi e nelle vie limitrofe. Sei più lontano dall'ingresso e rischi la rimozione forzata del mezzo.

Raggiungi lo Sherwood Festival in bicicletta, potrai parcheggiarla a pochi passi dall'ingresso, risparmiare e contribuire a mantenere più pulita l'aria della tua città. Potrai farlo comodamente da Padova centro imboccando via Beato Pellegrino, proseguendo per via Bezzecca, percorrendo un tratto di va Montà, fino alla rotonda in cui trovi le indicazioni per lo stadio Euganeo. Attraversa il sottopassaggio di via Croce Verde e svolta a sinistra seguendo viale Nereo Rocco, raggiungerai l'ingresso del Festival dopo poche centinaia di metri.

2. MODALITÀ DI INGRESSO NELL'AREA

Per chi ha acquistato il biglietto in prevendita su sherwood.it
Presentarsi all'ingresso con la stampa del voucher del biglietto acquistato sul sito sherwood.it. Il voucher è l'unico documento per l'identificazione del biglietto acquistato.

Per chi ha acquistato il biglietto in prevendita su altri circuiti
Segui le indicazioni degli operatori e la cartellonistica

Vi consigliamo di raggiungere l'area il prima possibile. L'apertura dei cancelli è alle ore 18.00
Non è consentito introdurre nell'area bottiglie di vetro. Per velocizzare l'ingresso vi preghiamo di non portarne con voi. 
I cani possono entrare solo se tenuti sempre al guinzaglio.
Non è consentito suonare percussioni o altri strumenti musicali dopo la mezzanotte

3. ASSISTENZA SANITARIA
Nell'area è prevista la presenza di alcune ambulanze. Per qualsiasi problema vi invitiamo a contattare il telefono del nostro presidio sanitario che risponde al numero 345.0476600

4. SEDIE A ROTELLE
Nell'area del concerto è disponibile una pedana per ospitare le persone in sedia a rotelle. L'ingresso è gratuito per gli accompagnatori.

5. BAMBINI
L'ingresso è gratuito fino all'età di 12 anni se accompagnati dai genitori

Seguite sempre le indicazioni dei nostri operatori che incontrerete in prossimità dei parcheggi e dell'ingresso.

Grazie per la collaborazione
Sherwood Festival

]]>
info@sherwood.it (Sherwood Network)
<![CDATA[Il Teatro degli Orrori Live Report]]>

Live Report: Il Teatro degli Orrori + Putiferio

Il successo del Teatro degli Orrori che vede tutto lo staff di Sherwood come primi fan, ha reso spontanea la redazione del report del concerto. Tanto da averne prodotti addirittura due! Le nostre trasmissioni Spiaggia Nudisti e A Dispetto Della Discrezione hanno messo nero su bianco il flusso naturale dei pensieri post concerto. Buona lettura!

A cura di Spiaggia Nudisti

Vulcanico, caustico, su di giri, poetico e triste. Immancabile sul main stage dello Sherwood Festival 2012 sale il Teatro degli Orrori.
Si comincia dando l'addio, e il pubblico si gasa, salta, sorretto dai chitarroni di Non vedo l'ora. E come solo loro sanno fare un attimo dopo, ti stringi a te stesso sentendo la storia di Ion, Doris o Tom. Dei simboli.
"Non sono io che parlo, ma è la storia di questo ragazzo!" esordisce Pierpaolo, zittendo qualche fan un po' troppo affettuoso, il momento richiede silenzio.
E più di qualcuno dei presenti, è sicuramente riuscito a capire di chi e cosa parla questo pezzo.
Continuando la performance, dopo questo momento più intimista, il teatro cala il poker: Vita mia, Dio mio, Lei venne, Teresa. Intramontabili ed immancabili. Sotto il palco si poga, di nuovo.
Macchina rodatissima ed efficace, la compagine di Capovilla non sbaglia un colpo, vederli dal vivo è sempre garanzia di qualità; nonostante la prima calda e afosa sera d'estate, la forma è ottima.
La fine del concerto è prossima, le gambe pesano e la chiusura è quella che non ti aspetti.
Niente botti finali, ma un ennesimo, sentito e lucido omaggio, alla vita.
La Canzone di Tom, struggente ricorda (e ci ricorda), la perdita di una persona cara. Ciascuno di noi, ha il suo Tom da qualche parte. Ciascuno di noi avrebbe voluto dirgli tante cose e forse la più importante non ce se la ricorda più.
Simboli. Il Teatro tramite l'utilizzo di questi simboli, fa della propria arte strumento per divulgare un messaggio. Arrivare alla coscienza del pubblico, per giungere finalmente alla realtà.
In “questo bellissimo paese” (cit. Pierpaolo) c'era chi si lamentava che in questo delicato periodo storico e culturale mancasse un gruppo in grado di dare un suono alla protesta.
Siamo sicuri che manchi davvero?

A cura di A Dispetto Della Discrezione

Partiamo dalle note positive. Il Teatro Degli Orrori version three visto in azione sul palco dello Sherwood Festival è diventato una macchina da guerra, lontanissimo parente delle stonature alcoliche dei live periodo “Dell’Impero Delle Tenebre”, poco meno equidistante dalla consapevole teatralità “potabile” di “A Sangue Freddo”. Chiusure (quasi) impeccabili, onesti turnisti, il filo di uno svolgimento che riesce a non ingarbugliarsi mai. Pierpaolo Capovilla è il sacerdote di un rito liturgico che si muove tra nuova forma rock, squilibri post-core ed afflati istrionici da melodramma, capace di abbracciare con lo sguardo il pubblico (il “suo” pubblico, direbbe ormai qualcuno) e di zittirlo quando la fame di decibel sembra avere la meglio sulla religiosa contemplazione di cronache tanto orrende da non poter essere vere: Gionata Mirai unisce fraseggio e verve, potenza valvolare e delicatezza acustica, dando mostra di una sensibilità d’approccio che nessuno avrebbe osato supporre, sino a qualche anno fa; la sezione ritmica, Francesco Valente (superba la sua prova) e Giulio Ragno Favero (quando i bassi travolgono tutto e tutti…) ispessiscono e irruvidiscono le trame di canzoni a tratti ben incuneate in alveoli pop.

L’innegabile distacco dalle incarnazioni precedenti – a scanso di equivoci: bravissimi e discreti i turnisti, ma Nicola Manzan e Tommaso Mantelli erano ben altra cosa! –, l’innegabile distacco dalle incarnazioni precedenti, stavamo dicendo, si fa sentire anche sotto un altro aspetto, marcatamente meno felice. Quello del Teatro Degli Orrori, lungi dall’essere solo e soltanto un concerto, è ora uno show in piena regola, con ogni cosa al suo posto, poche divagazioni, tempistiche da rispettare: qualcosa, insomma, che si avvicina al concetto di performance “televisiva”, terminologia inadeguata ma non troppo, aldilà dei consueti strali di Capovilla contro l’elettrodomestico più diffuso nel mondo, contro Facebook e contro Twitter. “Siete scesi in piazza!”, urla trionfante il frontman del quartetto veneto. Ma il risultato, bisogna essere sinceri, non galvanizza granché. Complesso sicuramente, “Il Mondo Nuovo”, come disco da portare live in giro per lo Stivale: controverso, a tratti sovrabbondante, in più episodi fuori fuoco, e certamente non all’altezza delle due prove precedenti. Dal vivo, sì, dal vivo è un’altra cosa e tutto, vuoi per la sapienza con cui gli ingredienti vengono rimescolati sul palco, vuoi per l’interazione magnetica con chi le assi le guarda da sotto in su, assume altri connotati, migliori. Apprezzabile, ad esempio, la scelta – coraggiosa – di escludere dalla scaletta l’ultimo singolo, “Io Cerco Te”, e l’anthem etno-something di “Gli Stati Uniti D’Africa”, due dei brani peggiori mai composti dal Teatro Degli Orrori, strutturalmente fragili ed onticamente banali. Un po’ meno l’apertura con “Dimmi Addio”, non esattamente quello che si dice un cavallo di battaglia (ci si sarebbe aspettati “Rivendico”…), e soprattutto con la decisione di dedicare uno spazio fin troppo ridotto, sul declinare del concerto, a “Dell’Impero Delle Tenebre”.

Assolutamente eccellente la resa sonora. I bassi di “Non Vedo L’Ora”, di ben altra pasta rispetto a quelli (non) sentiti a Roma, in occasione della festa del lavoro, scatenano il pogo nelle prime file. Ci si muove ancora, e ancora, e ancora, sopra e sotto. Ancora nulla da dire sull’onestà, qualche appunto sulla naturalezza dell’insieme. “È Colpa Mia”, con chiusura corale, riporta la mente alla straordinaria prova di forza padovana di due anni fa, ma lo scorrere del brano è come filtrato da una patina di compostezza che gli impedisce di prendere il volo: “A Sangue Freddo” e “Due” si confermano carneficine a tutto tondo, eppure non avrebbe guastato meno rigore metodologico – finita una, avanti la prossima – e più anarchia decostruttiva. In questo contesto entrano in gioco i gusti personali, e il discrimen, la barriera tra ciò che è giusto e ciò che piace si assottiglia pericolosamente: riserviamo ulteriori approfondimenti per la prossima occasione. Inevitabile sottolineare, tuttavia, come le pause e gli stacchi troppo prolungati – nell’ordine anche di una decina di secondi – tra un pezzo e l’altro tendano a smorzarne il ritmo belluino, a far calare l’attenzione. Particolarmente evidente, quest’aspetto, nell’esecuzione magistrale – dopo un tormentato, toccante intermezzo acustico, con la storia di Ion Cazacu trasposta nel fingerpicking sentito di “Ion” – del poker d’avvio dell’esordio datato 2007, una tempesta sulfurea di dissonanza e maledettismo non simulato (“Vita Mia”, “Dio Mio” – sempre un grandissimo sentire –, “E Lei Venne!” e il tripudio di pugni sinistri chiusi in “Compagna Teresa”), brani storici composti e pensati come un ideale unicum e per questo non facilmente disgiungibili. Un peccato. Anche perché, d’altro canto, le scelte interessanti nella scaletta non mancano: una “Majakovskij” inaspettata, recital luciferino dilatato a dismisura e sferzato da aguzzi orientalismi, il finale di micidiale accumulo noise in “Skopje”, “Doris” che inocula gocce di Valium al contorto fil di ferro shellachiano salvo poi farlo saltare in aria, la sontuosa “Nikolaj”, dove il violino stride in un apologo di forma doom e sostanza dark francamente impagabile. Di consumato mestiere e primitiva essenza l’epilogo: e a ben pensare, “La Canzone Di Tom” non potrebbe suonare male nemmeno se riletta in chiave grind.

Dove arriverà il Teatro Degli Orrori? Ce lo potrà dire solo il tempo. L’esegesi dei Putiferio, azzeccatissimo open act per un pugno di fortunati, parla invece di un gruppo relativamente recente dalla gavetta ventennale. A citare tutti i gruppi in cui hanno avuto modo di militare i quattro ragazzi padovani si scriverebbe un’altra recensione, e chi ha voglia di informarsi può tranquillamente farlo via web. Ciò che conta è quel che si dice ora, e come lo si dice. Ad entrambi i quesiti il feedback è, trionfalmente, positivo. “Lov Lov Lov” è il secondo, ultimo disco del quartetto patavino, scritto a quattro anni di distanza dal dinamitardo esordio “Ate Ate Ate”, e la quasi integralità della scaletta è incentrata su canzoni che sono, in realtà, spasimi nevrotici, violente schegge di schizofrenia post-core e disturbo elettronico di fondo, noise azzannato alla giugulare e trapanato di colpi. Fa un po’ strano, per chi li conosce, vedere all’azione i Putiferio su un palco così lontano dai loro consueti, ma le dimensioni non scoraggiano: anzi, amplificano. Così “Amazing Disgrace” è la bomba d’apertura, l’incalzare isterico e spasmodico di due formidabili chitarre: “Void Void Void” un saggio di teatro dietro la tendina dell’Amphetamine Reptile; “Hopileptic!” lo stupendo farsi e disfarsi free form di un’epopea d’altri tempi; “Now The Knife Is My Shrink” un’accorata ed ironica confessione urlata e sputata in faccia a chi non se lo aspetterebbe. Vent’anni di tradizione ed innovazione che scivolano via in poco più di mezz’ora. Che gran prova, ragazzi.

]]>
info@sherwood.it (Sherwood Network)
<![CDATA[Zen Circus Live Report ]]>

Live Report: Zen Circus + Muleta

Lo Sherwood 2012 inizia con i pisani Zen Circus, che negli spazi del main stage, ha proposto una delle prime date del lungo tour estivo di Nati per subire, il loro settimo album uscito a ottobre 2011.

"); this.fullscreenMessageTimeoutId = setTimeout(function(){ $(".fullscreenMessage").fadeOut(function(){$(this).remove()}); },5000); }); } });$(".galleria-53da2493e214b_fullscreenHook").live("click",function(){ var galleries = Galleria.get(); $.each(galleries,function(){ if ( $(this._target).attr("id") == "galleria-53da2493e214b") { this.enterFullscreen(); } }); });$("#galleria-53da2493e214b .galleria-stage .galleria-image img").live("click",function(){ var galleries = Galleria.get(); $.each(galleries,function(){ if ( $(this._target).attr("id") == "galleria-53da2493e214b") { if ( this.isFullscreen() ) { this.next(); } else { this.enterFullscreen(); } } }); });});

Tanto caustici nei testi quanto umili e ironici sul palco, al punto da chiedere quasi scusa agli spettatori prima di intonare Andate tutti affanculo, brano dall’album omonimo uscito nel 2009.
E’ stato quel disco, il sesto per loro anche se il primo ad essere cantato interamente in italiano, a confermarli come una delle realtà più importanti del rock indipendente nazionale, con la critica a considerarlo come il loro disco più maturo e riuscito. E da quell’album è arrivato anche il primo pezzo della scaletta, con Gente di merda, presente anche nella compilation Il paese è reale, a cura degli Afterhours, e una versione di Canzone di Natale, fuori stagione ma sempre azzeccata.

E’ dal vivo, con centinaia di date in tutta la penisola, che gli Zen Circus si sono guadagnati il posto che ora ricoprono nella scena musicale italiana, con un affiatamento e una precisione ritmica ad orologeria. Spazio anche ai momenti più teatrali, con il batterista Karim Qqru, a suonare invasato un guiro di metallo con le unghie o i continui botta e risposta col pubblico, dalla loro condizione di pisani che vivono a Livorno, allo sfottimento condiviso degli abitanti di Milano, vittime del nuovo singolo Milanesi al mare.

Dopo i ringraziamenti al festival e agli spettatori, a concludere il set, durato poco più di un’ora e un quarto, ci ha pensato una cover di un pezzo di punk in finlandese, l’impronunciabile Poliisi pamputtaa taas (La polizia manganella ancora) degli Eppu Normaali. Perché anche questo sono gli Zen Circus.

A fare da gruppo spalla, avendo così l’onore e l’onere di inaugurare il festival di quest’anno, i Muleta, gruppo di Rossano Veneto (VI) che, ha suonato di fronte a un pubblico numeroso ma decisamente già in attesa del main act.

Chi non poteva essere fisicamente presente al festival ha potuto vedere il concerto in streaming su www.sherwood.it, grazie alla web TV che, riprenderà i concerti (e in certi casi li renderà disponibili tramite podcast) e proporrà interviste e backstage per tutta la durata del festival.

Siamo solo all'inizio...

]]>
info@sherwood.it (Sherwood Network)
<![CDATA[Come arrivare allo Sherwood Festival]]>

IN AUTO

Le strada di accesso allo Sherwood Festival è chiusa ogni sera dalle ore 20.
Per raggiungere lo Sherwood Festival in auto imbocca Corso Australia in direzione Stadio Euganeo ed esci, da qualsiasi direzione tu provenga, all'uscita numero 2 (parcheggio locali). Il parcheggio Sud dello Stadio Euganeo è capiente, illuminato ed è il luogo più vicino all'ingresso del Festival.

Se provieni da Corso Australia non imboccare l'uscita che porta alla Stazione Ferroviaria, via Po e Q.re S. Bellino. Il transito per viale Nereo Rocco, da quel lato, sarà chiuso, e rischi di incontrare code e di contribuire a produrle.

Non parcheggiare in ogni caso in via Due Palazzi e nell vie limitrofe. Sei più lontano dall'ingresso e rischi la rimozione forzata del mezzo.

IN BICI

Raggiungere lo Sherwood Festival in bicicletta, è un'occasione per risparmiare e contribuire a mantenere l'aria della tua città più pulita. Inoltre, in questo modo, eviterai il problema del parcheggio, posteggiando il tuo veicolo a pedali a pochi passi dall'ingresso.

Potrai farlo comodamente da Padova centro imboccando Via Beato Pellegrino, proseguendo per Via Bezzecca, percorrendo un tratto di via Montà, fino alla rotonda in cui trovi le indicazioni per lo Stadio Euganeo. Attraversa il sottopassaggio di Via Croce Verde e svolta a sinistra seguendo Viale Nereo Rocco, raggiungerai l'ingresso del Festival dopo poche centinaia di metri.

]]>
info@sherwood.it (Sherwood Network)
<![CDATA[Sherwood Web TV: il palinsesto]]>

15 Giugno - 14 Luglio 2012
@ Sherwood Festival
Park Nord Stadio Euganeo
Viale Nereo Rocco - Padova

Sherwood.it. La cultura diventa multimediale.

Ogni giorno dalle ore 19.30 alle 24.00 la Sherwood Web Tv ti racconta il festival in diretta streaming video. Un palinsesto ricco di appuntamenti: le notizie più importanti, le interviste di BlowBook, le interviste agli artisti, le trasmissioni della WebRadio, i format di approfondimento su tematiche sociali e culturali. 

Un modo diverso per interagire con noi e rivivere tutte le emozioni del festival. Seguici sui maxischermi, comunica con noi su Facebook e Twitter.



Appuntamenti fissi
Ogni martedì alle ore 20.30 Nordest Boulevard a cura di Silvia Gorgi e Angela Boscaro.
Ogni venerdì alle ore 21.00 Sport alla Rovescia a cura di Ivan Grozny.
Ogni domenica alle ore 21.00 Take Five Jazz Summer Edition con Juliano Peruzy e Aisha Ruggieri.

Le interviste di BlowBook ogni giorno alle ore 20.30:
Tiziano Scarpa, Andrea Scarabelli, Jessica Dainese, Stefano Fierli, Stefano Dorigo, Francesco Targhetta, Ferruccio Pinotti, Piergiorgio Pulixi, Heman Zed, Romolo Bugaro, Claudia Galal, Michele Marcon (Finzioni), Laura Liberale.

Domenica 17 giugno ore 20.00
@Sherwood Web Tv

L'agricoltura nel tempo della crisi. Esperienze locali.
Ne parliamo con Daniele Toniolo, presidente regionale Cia Veneto
Presentazione delle aziende locali presenti allo Sherwood Festival.

Martedì 19 Giugno ore 19.30
@Sherwood Web Tv

La Cina e la crisi. Incontro con Angela Pascucci, giornalista de Il Manifesto, autrice di Talkin' China. A cura dell'Associazione Ya Basta in collaborazione con il Circolo de Il Manifesto di Padova.

Mercoledì 20 giugno, ore 21.00
@Sherwood Web Tv

La Notizia ai tempi dei Social Media

Quando un fatto diventa notizia, e chi lo decide. Talk d'informazione sl giornalismo, ospiti in studio i giornalisti Ernesto Milanesi e Sebastiano Canetta.
Conduce Carlo Vitelloni (Sherwood.it).

Giovedì 21 giugno ore 19.30
@Sherwood Web Tv

L'Egitto e la primavera araba. Intervista a Lorenzo Fe, autore con Mohamed Hossny del libro “In ogni strada. Voci di rivoluzioni dal Cairo”. A cura dell'Ass.ne Ya Basta.

Giovedì 28 giugno ore 19.30
@Sherwood Web Tv

Per la riconversione ecologica dell'economia, per il reddito minimo di cittadinanza  e il contrasto alla povertà: due proposte di legge di iniziativa popolare  per il Veneto. A cura di Eco-magazine.info

A seguire buffet a sostegno dell'iniziativa presso Sherwood Open Live.

Martedì 3 luglio ore 19.30
@Sherwood Web Tv

Gli scenari della crisi.
Talk con Riccardo Bellofiore, autore del libro "La crisi capitalistica, la barbarie che avanza" (ed. Asterios) a cura di Luca Casarini e Danilo Del Bello.

Domenica 8 luglio
@Sherwood Web Tv

ore 20.00 Intervista a Luca Romano sul volume in pubblicazione dedicato al settore della logistica in collaborazione con Sergio Bologna.

ore 22.00 Cooperative Anno 2012, speciale sulle lotte dei lavoratori in Veneto, con l'intervento di: Gianni Boetto (ADL Cobas Padova), Roberto Malesani (ADL Cobas Verona), Sergio Zulian (ADL Cobas Treviso), Mbarek El Asri (ADL Cobas Monselice)
Verranno proiettati, in anteprima, alcuni estratti dall'ultimo documentario di Carlo Vitelloni e Ivan Grozny sul lavoro nelle cooperative.
Alle ore 17.00 si svolgerà un'assemblea regionale dei lavoratori della logistica con la partecipazione di delegazioni dall'Emilia Romagna e dalla Lombardia per la costruzione di una piattaforma comune.

Venerdì 13 luglio ore 22.30
@Sherwood Web Tv
La cucina di QB Live con Anna Maria Pellegrino, Gil Frison e Paola Dalla Vecchia

]]>
info@sherwood.it (Sherwood Network)
<![CDATA[Mappa Sherwood Festival ]]>

]]>
info@sherwood.it (Sherwood Network)
<![CDATA[The Zen Circus + Muleta]]>

Venerdì 15 Giugno 2012
@ Sherwood Festival
Park Nord Stadio Euganeo
Viale Nereo Rocco - Padova


Grande apertura dello Sherwood Festival 2012


The Zen Circus
Nati per subire tour

 

Open Act:

Muleta

 

Dj Set dalle
24:00 alle 2:30
Second stage: MALAVIDA (balcan)

 

Apertura cancelli dalle ore 19.00

1 € può bastare


Nati Per Subire secondo gli Zen Circus

“Eccolo qui, il nostro secondo album tutto in Italiano. Scritto, arrangiato e registrato al solito fra un palco e l'altro, in questo interminabile tour del quale ci siamo scordati l'inizio. L'urgenza espressiva è la stessa di Andate Tutti Affanculo e di sempre, stavolta supportata da una lucidità trovata negli ultimi due anni densi di soddisfazioni continue e di facce amiche che da sotto il palco davvero ci hanno regalato l'energia necessaria a mettersi costantemente in discussione come sempre dovrebbe essere in questo mestiere. Una lucidità necessaria a proseguire sensatamente quel percorso umano che abbiamo cominciato: immortalare vizi, consuetudini, drammi e liturgie di questo paese (che sembra una scarpa) con un occhio disincantato, sbilenco e anche un po' cattivo. Perché così sentiamo l'Italia che ci fiata addosso. E quando c'è, perché c'è, il romanticismo è fragile, poco sicuro di sé, quindi egoista e violento. Stavolta meno travasi di bile: questa volta parlano loro in prima persona, i protagonisti.

Uno zoom viscerale fin sulle rughe e le scarpe di marca degli ultimi degli ultimi, coloro che per scelta, per forza o per vocazione la vita la subiscono e basta: i nati per subire. Un po' tutti gli altri, ma un po' tutti noi. Perché la questione non è se dio esiste o meno, ma se esistiamo noi ed in che misura. Piccole preghiere pagane, fotografie impietose, lacrime da coccodrillo, strade che non portano a nulla, speranze e sogni infranti presi a colpi di tosse e vino scadente, risate amare, cattivi che generano altri cattivi e via così, a spasso nella voglia di vivere (e morire) nonostante tutto.

Musicalmente questo album è esattamente quello che volevamo fare, senza riuscirci pienamente, con Andate Tutti Affanculo. Trascinare per i capelli il cantautorato Italiano nel rock trasversale che adoriamo da sempre e che abbiamo fatto nostro negli anni. Ad essere autocelebrativi potremmo chiamarlo il nostro disco new wave, ed un po' è vero: certamente c'è sempre il folk dal quale ci è impossibile prescindere, ma anche tanta elettricità. Ed ora che lo abbiamo fra le mani, finito, possiamo dire a testa alta che abbiamo fatto tutto da soli, senza produttori artistici, anche se coadiuvati in studio dall'insostituibile Ivan A. Rossi, ingegnere del suono con la I maiuscola e da una pletora di amici che ci hanno aiutato a colorare il tutto: Ministri, Giorgio Canali, Dente, Enrico Gabrielli, Alessandro Fiori, Nicola Manzan, Il Pan Del Diavolo, Tommaso Novi dei Gatti Mèzzi e Francesco Motta dei Criminal Jokers. E per la prima volta abbiamo registrato un disco a casa, in Toscana, al Sam World di Lari (PI). Un gioiello di studio e di paese che da quando ha ospitato Nati Per Subire è entrato in una nuova fase di vitalità artistica con tanti altri nostri colleghi da tutta Italia che l'hanno scelto per i loro lavori. E siccome ci crediamo alla “scena”, questa cosa ci rende anche un po' orgogliosi. Divertente è stato anche mixarlo al Q Studio di Milano, nella “factory” dei Pooh, un incontro che mai avremmo pensato e invece. Per il mastering abbiamo scelto George Marino dello Sterling di New York, inutile elencare la spaventosa lista di album strafamosi su cui ha lavorato, semplicemente il migliore. E adesso tocca a voi, la fuori, fare di queste undici canzoni quello che riterrete più opportuno. Noi dal canto nostro vi aspettiamo tutti dal vivo, dove sta il paese reale, dove sta la verità, dove stiamo noi tutti.” 

Appino, Ufo, Karim

The Zen Circus: 2001-2011
Il Circo Zen, da Pisa. Sette album all'attivo ad oggi, oltre dieci anni di onorata carriera, quasi mille concerti fra Italia, Europa ed Australia. Hanno riportato lo spirito padre del folk e del punk al moderno cantautorato Italiano con l'ultimo album Andate Tutti Affanculo (2009), un successo di pubblico e critica che li ha consacrati dopo anni di duro lavoro. Hanno collaborato con Violent Femmes, Pixies e Talking Heads in Villa Inferno (2008), condiviso il palco con Nick Cave in Tasmania. Hanno costruito una credibilità condivisibile da pochissimi altri artisti nostrani grazie all'attività live più incessante, urgente e di qualità che si possa immaginare. Oggi più che mai si confermano come una certezza del rock indipendente Italiano e portabandiera indiscutibili della musica libera da vincoli: zero pose, zero hype ma tanti concerti e tanto sudore. Questa attitudine è stata premiata nel tempo da un pubblico affezionato, sempre più transgenerazionale ed in esponenziale crescita. Nati per Subire è il secondo atteso lavoro tutto in Italiano e vede la partecipazione (nascosta) in massa di tre quarti dell'indie Italiano. Un lavoro determinato in partenza a consacrare ancora una volta il Circo Zen come i migliori cantastorie in chiave rock dello stivale.


Muleta

Muleta è una "emme" rossa su fondo scuro.
Muleta nasce alla fine del 2010 nella provincia di Vicenza.
Enrico Teno Cappozzo (voce e chitarra acustica), Davide Davos Scapin (chitarra elettrica) e Giulio Pastorello (batteria) hanno all'attivo l'EP "la nausea" e stanno lavorando all'uscita di "la peste".
Giorgio Canali li produce e li aiuta, incidono per Psicolabel e in un anno e mezzo salgono sul palco 70 volte, soli o con band importanti, per noi e per voi.

www.facebook.com/muleta2011


]]>
info@sherwood.it (Sherwood Network)
<![CDATA[Il Teatro degli Orrori + Putiferio]]>

Sabato 16 Giugno 2012
@ Sherwood Festival
Park Nord Stadio Euganeo
Viale Nereo Rocco - Padova


"Il mondo nuovo" tour

 

Il Teatro degli Orrori

 

Open Act:

Putiferio

 

Dj Set

Second Stage

WHATEVER (Micheal Mayers & Ale Ferrini)(rock - indie)

 

Apertura cancelli dalle ore 19.00

 

Puoi acquistare il biglietto a 13 euro,
senza diritti di prevendita,
nel box qui a lato

Oppure sui circuiti abituali a 13 euro + d.p. o la sera stessa del concerto al botteghino a 13 euro.
Se hai problemi con l'acquisto scrivi a ticket@sherwood.it


Teatro Degli Orrori - Il Mondo Nuovo
Volevamo intitolarlo Storia di un Immigrato.

Il riferimento tanto esplicito a De André sembrava una splendida provocazione, tanto più significativa in quanto il disco è stato immaginato e desiderato "a concetto", come infatti è, e come lo fu appunto Storia di un Impiegato.
Per pudore, Il Teatro degli Orrori ha preferitoun titolo più metaforico e immaginifico: "Il mondo nuovo".
Un concept album, dunque, costituito da 16 istantanee che sono tutte piccole biografie: storie di emigrazione e di migranti, narrate nella loro intimità, che le rende così simili allavita di chi non emigra, di chi resta, ma comunque combatte la battaglia della vita, dellapropria esistenza.
"Il mondo nuovo" narra il viaggio e la speranza, la lontananza e la solitudine, l'amore, laviolenza e la morte, e tenta un affresco dell'Italia dell'oggi, e del mondo che la circonda. Roba da matti.
"Il mondo nuovo" è un disco inevitabilmente "politico". Perché narrare l'immigrazione è, oggi, mettere il dito nella piaga più profonda della società italiana, dove si scontrano gli anticorpi democratici con i batteri e i virus della xenofobia, dell'intolleranza, della paura dell'altro, in un'assurda concatenazione di piccole e grandi ignoranze, incomprensioni, inconsapevolezze, ataviche manchevolezze di una società che in questi ultimi anni è cresciuta involvendosi in una sorta di analfabetismo etico, morale, e politico.

"Il mondo nuovo" è un disco di lotta. Senza partigianerie o militanze di sorta, questa è una raccolta di canzoni che dicono, o vorrebbero dire, una cosa semplice ma purtroppo nient'affatto scontata: il pianeta-mondo è il nostro paese comune, e la nostra vera patria.
È un'esortazione, affinché sia finalmente possibile riconoscerci gli uni e gli altri come donne e uomini portatori dei medesimi diritti. Come è consuetudine nelle produzioni de Il Teatro degli Orrori, numerose citazioni letterarie per così dire "alte", sono presenti fra i brani. In particolar modo in Martino, una storia di violenza e sopraffazione narrata disarticolando e decontestualizzando i versi de Il Compagno, di Esenin (e salutando nuovamente De Gregori, vero amore di Pierpaolo); in Pablo, dove una celebre pagina di Céline da Viaggio al Termine della Notte incontra Stratanovskij; in Skopje, istantanea della vita di un migrante macedone a Marghera, raccontata anche attraverso i versi di Brodskij. Infine in Adrian il sicario, scritta insieme all'amico Marco Catone, che grazie al Rimbaud di Sangue Cattivo sembra un affresco horror delle mafie che si impadroniscono dell'esistenza di giovani sbandati in cerca di gloria e denaro.
Doris è invece una rivisitazione dell'omonima canzone degli Shellac, "trascinata" nel "quied ora": non una cover, sia ben inteso, piuttosto un omaggio ad una delle band che più hanno ispirato la musica del Il Teatro degli Orrori, un po' come era accaduto con Dio Mio, nel primo album, rivisitazione di Eyeball degli Scratch Acid, non a caso band storicamente attigua agli Shellac.
Nella convinzione che rock e poesia possano sposarsi felicemente e dare alla luce canzoni così diverse da quelle a cui la musica leggera italiana ci abitua noiosamente da anni, Pierpaolo questa volta, ha voluto esagerare.
Un capitolo "non a parte" merita Ion. Questa canzone triste e disperata sembra riassumere tutte le caratteristiche narrative del disco. Nell'abito familiare della canzone d'amore, si nasconde la tragedia di Ion Cazacu, operaio rumeno ucciso col fuoco nel 2000 a Varese. Alla memoria di Ion Cazacu, eroe civile di un'Italia che combatte una guerra intestina fatta di piccole e grandi prevaricazioni quotidiane, dedichiamo questa canzone. La dedica è giusto e bello estenderla a tutti gli onesti ed industriosi lavoratori stranieri, che rendono grande e prosperosa la nostra economia, ma ai quali non viene quasi mai riconosciuta l'importanza ed il valore del ruoloessenziale che essi svolgono per il benessere di tutti.

Bio Putiferio:

"); this.fullscreenMessageTimeoutId = setTimeout(function(){ $(".fullscreenMessage").fadeOut(function(){$(this).remove()}); },5000); }); } });$(".galleria-53d850c1175a2_fullscreenHook").live("click",function(){ var galleries = Galleria.get(); $.each(galleries,function(){ if ( $(this._target).attr("id") == "galleria-53d850c1175a2") { this.enterFullscreen(); } }); });$("#galleria-53d850c1175a2 .galleria-stage .galleria-image img").live("click",function(){ var galleries = Galleria.get(); $.each(galleries,function(){ if ( $(this._target).attr("id") == "galleria-53d850c1175a2") { if ( this.isFullscreen() ) { this.next(); } else { this.enterFullscreen(); } } }); });});

Putiferio è un gruppo nato nel 2004 nel padovano come quartetto sperimentale e che nel corso degli anni ha mutato più volte formazione, mantenendo però intatto il desiderio di esplorare, con contorsioni e stravolgimenti di fronte, scenari musicali inconsueti e pensieri che sarebbe meglio evitare.

La formazione comprende una batteria, dedita allascansione del tempo, che viene dilatato e contrattoa piacere, e il cui inesorabile avanzare è graffiato
in profondità con due chitarre e voce. La prima uscita, Ate Ate Ate (Robotradio Records, Aprile 2008), vedeva Giulio Ragno Favero (Lodio, Geyser, One Dimensional Man, Il Teatro degli Orrori) dietro le pelli, Woolter (Antisgammo, Lodio Woolter, Kelvin) e Mirco (Bluid) alle chitarre, e Panda (SdA, Huck) alla voce, per creare un lavoro distorto e allucinato, violento e senza compromessi, che dedica all’odio e alle sue devastazioni la materia del narrare. I riferimenti musicali spaziano dalla pesantezza sonora dei Melvins e dalle schegge impazzite di scuola Fantomas, alla furia purificatrice di ambito Neurot, con sempre un occhio rivolto a vie di fuga verso territori più sperimentali e vicini alle indoli dei singoli. Un disco ben apprezzato dalla critica, e portato allaluce in una serie di concerti. Ate Ate Ate è come un urlo, rimasto però in parte strozzato in gola.

A distanza di quattro anni dal predecessore, arriva Lov Lov Lov, con l’intento forte di segnare, fin dal nome, un continuità con quanto è stato e chiudere un discorso iniziato con Ate Ate Ate. Lov Lov Lov, è un disco che nasce dalle macerie, un atto di forza a serrare le fila e andare avanti, testimone fedele di un anno di lavoro in saletta, nutrito dall’urgenza espressiva e dall’ansia di poter creare ancora e riecheggiante di sonorità di casa Skin Graft e Touch&Go.

Ammore ammore ammore, tradurrebbe qualcuno. E di amore parla il disco, ma di quello negato, di una gioia di vivere che deve far fronte alla devastazione del corpo e delle forze, all’incapacità di poter affrontare nuovamente un percorso di crescita.

]]>
info@sherwood.it (Sherwood Network)
<![CDATA[Subsonica]]>

Venerdì 22 Giugno 2012
@ Sherwood Festival
Park Nord Stadio Euganeo
Viale Nereo Rocco - Padova

Subsonica

Tour Estivo 2012


Apertura cancelli dalle ore 18.00

Puoi acquistare il biglietto a 15 euro,
senza diritti di prevendita, nel box qui a lato.

Oppure sui circuiti abituali a 15 euro + d.p. o la sera stessa del concerto al botteghino a 15 euro.
Se hai problemi con l'acquisto scrivi a ticket@sherwood.it

Aftershow:
Dj Set

dalle 24:00 alle 2:30

Second Stage: THE FRAG (techno)

Continuano i festeggiamenti per i 15 anni dal primo album dei Susonica

Se il 2011 è stato un anno dai grandi numeri, questo 2012 non è da meno: dopo il grande successo del tour in Europa e delle cinque date italiane – che hanno registrato 40.000 presenze – la band torinese continua i festeggiamenti per i 15 anni del primo omonimo album, a partire da una sorpresa.

La band torinese, infatti, si appresta a partire per la Cina dove si esibirà a Pechino e Shangai. Ritornati dalla parentesi orientale la band inizierà un tour estivo che coprirà tutta Italia toccando, ovviamente, anche lo Sherwood Festival 2012.

TheFRAG - la serata mensile in cui a Padova, ormai da due anni, arte, musica elettronica e tematiche sociali si fondono in un groviglio unico e magico - è pronto per tornare allo Sherwood Festival. Un evento speciale dove i resident dj -Leinad, Free SB e Tommy Outside - scalderanno la consolle in uno spassoso back to back a 6 mani. A fare da cornice artistica, un mash up dei video autoprodotti durante la prima parte della stagione, proiettati di volta in volta durante gli happening al cso Pedro. Risultato finale? Un montaggio artistico di video e immagini  - trovati online e poi montati da TheFRAG o messi a disposizione da cameraman e fotografi professionisti e non - a ripercorrere tutto l’itinerario artistico-tematico di TheFRAG 2011/2012: Indignazione, Street Art Experience, Tabula rasa, Hacking State of Mind, Spazi Creativi/Ricreativi, Oronero, Fight for your Art.  Musicalmente parlando, saranno i tre piatti fatti suonare alla consolle che parleranno da sé, uniti all’energia e all’entusiasmo euforico dei tre resident dj alle prese con selezioni imprevedibili e beat magnetici. Saranno due le fasi dell’evento TheFRAG, una prima del concerto, con musica da warm up puro, e una seguente il concerto dei Subsonica, in cui la scelta musicale si farà sempre più incendiaria…
Due eventi in uno per festeggiare con il pubblico di TheFRAG e con chiunque abbia voglia di ballare e godersi musica di qualità, mai banale, mantenendo costantemente viva una riflessione libera da qualsiasi retorica, danzando alla faccia di questi primi due anni di TheFRAG: due anni di pura soddisfazione, a livello artistico e umano, da celebrare tutti assieme allo Sherwood Festival!

]]>
info@sherwood.it (Sherwood Network)
<![CDATA[Amor Fou + Maria Antonietta]]>

Sabato 23 Giugno 2012
@ Sherwood Festival
Park Nord Stadio Euganeo
Viale Nereo Rocco - Padova


Amor Fou

+

Maria Antonietta

Apertura cancelli dalle ore 19.00

1 € può bastare


Amor Fou

Gli Amor Fou hanno pubblicato due dischi ‘La stagione del cannibale’ per Homesleep e ‘I Moralisti’ per Emi. Nel frattempo hanno sostenuto molte interviste con risposte troppo lunghe e suonato tantissimi concerti con momenti di libidine soprattutto nelle code strumentali.
Il 20 aprile esce il primo singolo, "Alì", un brano dalla ritmica serrata a metà fra gli MGMT e il Franco Battiato de "La Voce Del Padrone". "Alì" sarà anche un video, che arriverà in rete nei giorni a venire, girato da Sterven Jonger, misterioso regista eversivo mezzo danese e mezzo olandese.
Il 15 Maggio tornano con '100 giorni da oggi' (Universal), un progetto sulla voglia di vivere di alcuni ragazzi del 2012, con poco tempo per programmare la propria vita e per questo ancora più voglia di viverla. Gente che da' il meglio in equilibrio precario e sta trasformando una piccola grande fetta di mondo. A Milano, Il Cairo, Nairobi, Tripoli, New York e in tutti gli altri posti in cui sta succedendo qualcosa.

www.amorfou.it

Maria Antonietta

Classe 1987, Maria Antonietta, al secolo Letizia Cesarini, nasce a Pesaro e racconta lo schianto di avere vent anni.
Un’attitudine assolutamente punk, al servizio di una scrittura scabra, rugginosa, confessionale e fortemente femminile. Quel che serve insomma. Rude e inattesa come come uno schiaffo in pieno volto, e poi improvvisamente leggera e melodiosa come la nostra bella canzone italiana. Il tutto senza filtro e con un talento descrittivo fuori dalle righe, Maria Antonietta racconta la giovinezza con un fragore generazionale che non lascia via di fuga.
Urla e sussurra, Maria Antonietta, e ti tiene lì, legato al filo del suo immaginario nitido e potentissimo, fatto di fascinazione per l universo sacro e di icone sante come ultimo baluardo di purezza incontaminata, di compulsioni e amori carnali senza condizioni.
L esordio in italiano per Picicca Dischi(registrato e prodotto da Dario Brunori), in uscita nel giorno dei natali di Giovanna d Arco, la pucelle d Orleans, è di un urgenza dannata: massima brevità, quasi fossero canzoni eretiche che non hanno tempo da perdere.
Se siete rimasti orfani delle “cantantesse” italiane dei 90, accoglierete come una benedizione questo disco e saluterete la venuta di Maria Antonietta come una boccata d aria fresca nell attuale ed esigua scena di cantautorato al femminile.
La si aspettava da tempo, non rimane ora che godersi l'effetto che fa.

]]>
info@sherwood.it (Sherwood Network)
<![CDATA[MANU CHAO allo Sherwood Festival: è SOLD OUT]]>

Come abbiamo già comunicato con tutti gli strumenti a nostra disposizione il concerto di Manu Chao di lunedì 25 giugno allo Sherwood Festival E' SOLD OUT.
Questo significa che entrerà solo ed esclusivamente chi ha acquistato il biglietto in prevendita.
Non apriremo i botteghini e non venderemo biglietti il giorno del concerto.

Ci teniamo a sottolinearlo ancora perchè continuamo a ricevere mail e telefonate alla nostra infoline che ci chiedono biglietti.
Vi preghiamo di non raggiungere l'area se non siete in possesso della prevendita.
Ci spiace per tutti quelli che non potranno assistere allo show ma speriamo ci possano essere altre occasioni per riavere con noi Manu Chao nelle prossime edizioni.

Lunedì 25 Giugno 2012
@ Sherwood Festival
Park Nord Stadio Euganeo
Viale Nereo Rocco - Padova

Manu Chao

Il suo nuovo progetto: La Ventura

A 1 mese dalla data che segna il ritorno in Italia di Manu Chao con il suo progetto La Ventura prevista il 25 Giugno allo Sherwood Festival di Padova dichiariamo chiusa la vendita dei biglietti.

Non sarà possibile acquistare il biglietto alle casse il giorno del concerto.


Apertura cancelli ore 14.00

Inizio show ore 21.00

Ospite della serata Don Andrea Gallo (comunità San Benedetto al Porto di Genova)

Tutte le informazioni a questo link:
 BUS NAVETTA
E' preferibile raggiungere il festival in bicicletta e motorino, per chi vive a Padova.
Sono attivi dei bus navetta con partenza dal Piazzale della Stazione FS.
Le corse inizieranno a partire dalle ore 14.00 fino alle ore 21.00. Il bus navetta farà tappa al parcheggio del Gran Teatro Geox. Al termine del concerto i viaggi di ritorno faranno lo stesso percorso.
- Pedana riservata ai disabili
- Biglietti acquistati su prevendita Sherwood.it da presentare alle casse con la stampa del voucher


Siamo felici di annunciare il ritorno in Italia di MANU CHAO per un'unica data esclusiva - il 25 Giugno 2012 - allo SHERWOOD FESTIVAL di Padova.
Il concerto a Padova di MANU CHAO, con il suo nuovo progetto LA VENTURA, lo vedra' sul palco con il suo bassista storico Jean Michel Gambeat, il super chitarrista Madjid Fahem e David Bourguignon alla batteria.

Un legame fortissimo quello di Manu con l'Italia, nonostante siano ben 5 anni che non si esibisce in concerto in una delle nostre arene. Da anni Manu e' protagonista nel nostro territorio: dal grande concerto con i Mano Negra nel 1991, all'Arena Civica di Milano, al concerto-benefit di Genova contro il G8, senza dimenticare l'esibizione, davanti a 100.000 spettatori, in Piazza Duomo a Milano, e le tantissime altre occasioni, come i concerti all'interno del carcere di Volterra e, proprio nel Giugno del 2001, i festeggiamenti dei suoi 40 anni insieme a Don Gallo e alla Comunita' di San benedetto al Porto di Genova.

Oggi che di anni ne ha 51, Manu Chao decide di tornare in Italia per appoggiare e sostenere con la sua arte - ora come allora - il festival musicale e culturale indipendente per eccellenza, lo SHERWOOD FESTIVAL.
Manu ritorna a far vibrare la sua musica in Italia in un momento storico emblematico, per dare vita ad una serata insieme a chi, di fronte alla crisi economica, sociale e ambientale, continua a pensare che sia possibile e necessario un mondo diverso, la costruzione di un'alternativa fatta di diritti, democrazia e dignita'.

Per il ritorno in Italia del popolare cantante francese (ma di madre basca e padre galiziano), non poteva esserci miglior contesto dello storico Sherwood Festival di Padova.

]]>
info@sherwood.it (Sherwood Network)
<![CDATA[Cypress Hill]]>

Mercoledì 27 Giugno 2012
@ Sherwood Festival
Park Nord Stadio Euganeo
Viale Nereo Rocco - Padova

Unica data Nord Italia

Cypress Hill

+

Everlast & Dope D.O.D.


Apertura cancelli dalle ore 18.00

 

Puoi acquistare il biglietto a 30 euro
senza diritti di prevendita
cliccando sul box qui a lato.


Ore 18.00 @ Sherwood Second Stage:

Ear 2 the Street live showcase

featuring DJ KeyOne, Karma22 (Odio Tribale/Trve Vandalz)
Nitro (Gioventu' Bruciata/ MTV SPIT) Max Mbassadò (EAD)

 

Biografia

I Cypress Hill (formati da B-Real, Sen Dog, DJ Julio G e percussionist Eric Bobo) sono uno dei gruppi hip-hop/rock più famosi e influenti nella storia della musica con più di 18 milioni di copie vendute in tutto il mondo, molti brani tra le hits più famose ed una grandissima fanbase a livello mondiale.

Hanno partecipato a Lollapalooza, sono stati nominati "Miglior Gruppo Rap" dal Rolling Stone, hanno collaborato con Pearl Jam e Sonic Youth, sono stati al primo posto della classifica "Billboard Top 200 Albums" e hanno dato in licenza la loro musica per molti TV show, spot pubblicitari e film.

I Cypress Hill sono stati anche il primo gruppo hiphop latino a raggiungere un disco di platino.

Sarà Everlast (House Of Pain) ad accompagnare Cypress Hill in tour in qualità di ospite speciale. Everlast presenterà il suo nuovo album dal titolo “Songs Of The Ungrateful Living”, pubblicato in Italia lo scorso 5 marzo.

Ad aprire le danze, uno special guest di cui riveleremo i dettagli quanto prima.

]]>
info@sherwood.it (Sherwood Network)
<![CDATA[Caparezza]]>

Venerdì 29 Giugno 2012
@ Sherwood Festival
Park Nord Stadio Euganeo
Viale Nereo Rocco - Padova

Caparezza

Eretico tour 4: l'Estinzione

Apertura cancelli dalle ore 19.00 

Puoi acquistare il biglietto a 15 euro,
senza diritti di prevendita, nel box qui a lato.

Oppure sui circuiti abituali a 15 euro + d.p. o la sera stessa del concerto al botteghino a 15 euro.
Se hai problemi con l'acquisto scrivi a ticket@sherwood.it

Dj Set dalle
24.00 alle 2.30
Second Stage: HONE SESSION PROJECT (electro - rock)

Per Caparezza si tratta dell'ultimo tour estivo (ribattezzato: "Eretico tour 4: l'Estinzione") prima di fermarsi per le registrazioni del nuovo disco, il riccioluto singer pugliese per la data padovana è pronto con uno show aggiornato e con nuove sceneggiature, l'esibizione a Sherwood si inserisce nel tour giunto ad oltre 80 date nell'arco di un anno,  un'instancabile attività live in tutta la penisola per la promozione di "Il sogno eretico", disco di platino che Caparezza presenterà a Sherwood Festival, un luogo a lui molto familiare.

]]>
info@sherwood.it (Sherwood Network)
<![CDATA[AltaVoz De Dia]]>

Sabato 30 Giugno 2012
@ Sherwood Festival
Park Nord Stadio Euganeo
Viale Nereo Rocco - Padova

AltaVoz De Dia presents:


International Guests:

Josh Wink
Pearson Sound
Ryan Elliott


National Guests:

Re-Up
Apparell


AltaVoz Artists:

Max D. Blas
Paolo Tamoni
Autre
Die Roh

Apertura cancelli dalle ore 18.00


Puoi acquistare il biglietto a 18 euro,senza diritti di prevendita, nel box qui a lato.


Dj Set
dalle 24:00 alle 2:30
Second Stage: ALTAVOZ DE DIA AFTERSHOW


Josh Wink

Joshua Winkelman in arte Josh Wink e’ nato a Philadelphia nel 1970 ed è un pilastro della club culture mondiale, boss della Ovum e inimitabile produttore da quindici anni, infatti, già dal 1990 produce tracce per le storiche etichette house Strictly Rhythm e Nervous. Grazie alle sue grandi capacità guadagna ben presto l’ammirazione di tutti i palcoscenici mondiali e in un solo anno compone tre dei pezzi più significativi della storia della musica house: ‘Higher State of Consciousness’, ‘Don’t Laugh’ e ‘I’m Ready’.

Josh Wink e’ l’unico dj che è stato in grado di fondere la musica house con quella techno e atmosfere deep senza porsi limiti stilistici, registrando per etichette di culto come R&S, XL, Minus e sfornando remix per artisti come Sting,Radiohead, Moby e Depeche Mode.
Due album (’Left Above the clouds’ e ‘20 to 20′), tre compilation mixate (’Profound sounds’ vol. 1,2 e 3) e una serie di tracce fenomenali pubblicate dalla sua Ovum tra cui ricordiamo soprattutto”How’s your evening so far” (2000), ”Superfreak”(2002), ”Oakish”(2004) completano l’impressionante biografia di quest’artista che non si ferma mai.
josh wink è il dj produttore per eccellenza ma la cosa che più ha stupito il mondo della musica è stata la sua grandissima capacità, la sua grandissima umiltà, ma sopratutto la sua precocità nello stravolgere il mondo della musica house e techno.

Ryan Elliot

Ryan Elliot, resident nuovo di zecca del Panorama Bar, rappresenta il Trait d’union morale tra una città come Detroit che gli ha dato i natali e una come Berlino dove da un paio d’anni strappa consensi, attraverso un sound rigoroso e intransigente che custodisce il dono più celestiale che queste due metropoli hanno regalato all’umanità. Artista di punta della mai troppo celebrata Spectral Sound della Motown prima di approdare alla mecca berlinese, il ragazzo è uno di quelli che pone la musica al primo posto, con risultati sconvolgenti per chiunque prediliga la house più intellettuale ma non per questo meno d’impatto.

]]>
info@sherwood.it (Sherwood Network)
<![CDATA[Tre allegri ragazzi morti]]>

Mercoledì 4 Luglio 2012
@ Sherwood Festival
Park Nord Stadio Euganeo
Viale Nereo Rocco - Padova

Tre Allegri Ragazzi Morti

Apertura cancelli dalle ore 19.00

1 € può bastare

Tre allegri ragazzi morti sono impegnati nella lavorazione di nuovo materiale che diventerà album molto probabilmente dopo l'estate 2012.

Davide Toffolo (chitarra e voce), Luca Masseroni (batteria) ed Enrico Molteni (basso) sono i Tre Allegri Ragazzi Morti, gruppo formatosi nel 1994 a Pordenone.
La band si esprime in due dimensioni parallele: quella del gruppo rock, che non mostra mai il proprio volto se non in concerto, e quella che al contrario attiene al mondo della pura immagine nel fumetto “Cinque allegri ragazzi morti”, creatura di Toffolo. Il cantante e chitarrista lavora infatti anche come disegnatore per la Marvel (curando il periodico “Fandango”).

Dopo i primi album autoprodotti, l’instancabile attività dal vivo (sono stati tra l’altro supporter dei Faith No More) e l’insolito legame con i fumetti fa di loro un piccolo “culto”, tanto da interessare una grande casa discografica, per la quale nel 1999 pubblicano "Mostri e normali".
Il gruppo, dopo la pubblicazione di questi due album tuttora disponibili esclusivamente dal catalogo BMG/Ricordi, decide di ritornare indipendente.

I Ragazzi Morti allora aprono una loro etichetta (La Tempesta) che viene distribuita dalla Venus. Con questa etichetta pubblicano nel 2000 un EP contenente quattro canzoni, e nel 2001 il punk-pop di "La testa indipendente" (prodotto dall’ex CSI Giorgio Canali).

L’anno successivo è la volta di una raccolta dei primi tre demo Le Origini. 
Nel 2004 arriva "Il sogno del gorilla bianco", prodotto sempre da Canali ed influenzato da sonorità latine, assorbite durante un viaggio compiuto da Toffolo in Sudamerica e Spagna. 
Dopo quasi tre anni di pausa, nel 2007 arriva "La rivoluzione sessuale", un album che vira maggiormente verso sonorità maggiormente ricercate, anche se non mancano brani dalla presa pop. Nel 2010 ecco la vera “rivoluzione”.

I TARM pubblicano "Primitivi del futuro", il loro primo album reggae, prodotto con la collaborazione di Paolo Baldini (Africa Unite) e intriso di testi maggiormente maturi. Segue, pochi mesi di distanza, "Primitivi del Dub", versione dub dell'ultimo disco.

]]>
info@sherwood.it (Sherwood Network)