<![CDATA[secondstage-2012 | Sherwood - La migliore alternativa]]> https://www.sherwood.it/tags/660/secondstage-2012/articles/1 <![CDATA[[Web video] Le interviste alle band Second stage Sherwood Festival '12]]>

 

]]>
info@sherwood.it (Sherwood Network)
<![CDATA[[Foto] Tutte le fotografie del Second stage Sherwood Festival 2012]]>

2Pigeons Domenica 17 Giugno 2012

"); this.fullscreenMessageTimeoutId = setTimeout(function(){ $(".fullscreenMessage").fadeOut(function(){$(this).remove()}); },5000); }); } });$(".galleria-53da8350393b5_fullscreenHook").live("click",function(){ var galleries = Galleria.get(); $.each(galleries,function(){ if ( $(this._target).attr("id") == "galleria-53da8350393b5") { this.enterFullscreen(); } }); });$("#galleria-53da8350393b5 .galleria-stage .galleria-image img").live("click",function(){ var galleries = Galleria.get(); $.each(galleries,function(){ if ( $(this._target).attr("id") == "galleria-53da8350393b5") { if ( this.isFullscreen() ) { this.next(); } else { this.enterFullscreen(); } } }); });});

Monika (teatro) - Martedì 19 Giugno

"); this.fullscreenMessageTimeoutId = setTimeout(function(){ $(".fullscreenMessage").fadeOut(function(){$(this).remove()}); },5000); }); } });$(".galleria-53da83503ce52_fullscreenHook").live("click",function(){ var galleries = Galleria.get(); $.each(galleries,function(){ if ( $(this._target).attr("id") == "galleria-53da83503ce52") { this.enterFullscreen(); } }); });$("#galleria-53da83503ce52 .galleria-stage .galleria-image img").live("click",function(){ var galleries = Galleria.get(); $.each(galleries,function(){ if ( $(this._target).attr("id") == "galleria-53da83503ce52") { if ( this.isFullscreen() ) { this.next(); } else { this.enterFullscreen(); } } }); });});

Il Pan Del Diavolo - Mercoledì 20 Giugno

"); this.fullscreenMessageTimeoutId = setTimeout(function(){ $(".fullscreenMessage").fadeOut(function(){$(this).remove()}); },5000); }); } });$(".galleria-53da8350408dc_fullscreenHook").live("click",function(){ var galleries = Galleria.get(); $.each(galleries,function(){ if ( $(this._target).attr("id") == "galleria-53da8350408dc") { this.enterFullscreen(); } }); });$("#galleria-53da8350408dc .galleria-stage .galleria-image img").live("click",function(){ var galleries = Galleria.get(); $.each(galleries,function(){ if ( $(this._target).attr("id") == "galleria-53da8350408dc") { if ( this.isFullscreen() ) { this.next(); } else { this.enterFullscreen(); } } }); });});

Beni Comuni: Che fare? - Lunedì 18 Giugno

"); this.fullscreenMessageTimeoutId = setTimeout(function(){ $(".fullscreenMessage").fadeOut(function(){$(this).remove()}); },5000); }); } });$(".galleria-53da835044352_fullscreenHook").live("click",function(){ var galleries = Galleria.get(); $.each(galleries,function(){ if ( $(this._target).attr("id") == "galleria-53da835044352") { this.enterFullscreen(); } }); });$("#galleria-53da835044352 .galleria-stage .galleria-image img").live("click",function(){ var galleries = Galleria.get(); $.each(galleries,function(){ if ( $(this._target).attr("id") == "galleria-53da835044352") { if ( this.isFullscreen() ) { this.next(); } else { this.enterFullscreen(); } } }); });});

Niksox - Giovedì 21 Giugno

"); this.fullscreenMessageTimeoutId = setTimeout(function(){ $(".fullscreenMessage").fadeOut(function(){$(this).remove()}); },5000); }); } });$(".galleria-53da83504919c_fullscreenHook").live("click",function(){ var galleries = Galleria.get(); $.each(galleries,function(){ if ( $(this._target).attr("id") == "galleria-53da83504919c") { this.enterFullscreen(); } }); });$("#galleria-53da83504919c .galleria-stage .galleria-image img").live("click",function(){ var galleries = Galleria.get(); $.each(galleries,function(){ if ( $(this._target).attr("id") == "galleria-53da83504919c") { if ( this.isFullscreen() ) { this.next(); } else { this.enterFullscreen(); } } }); });});

The Frag - Venerdì 22 Giugno

"); this.fullscreenMessageTimeoutId = setTimeout(function(){ $(".fullscreenMessage").fadeOut(function(){$(this).remove()}); },5000); }); } });$(".galleria-53da83504cc33_fullscreenHook").live("click",function(){ var galleries = Galleria.get(); $.each(galleries,function(){ if ( $(this._target).attr("id") == "galleria-53da83504cc33") { this.enterFullscreen(); } }); });$("#galleria-53da83504cc33 .galleria-stage .galleria-image img").live("click",function(){ var galleries = Galleria.get(); $.each(galleries,function(){ if ( $(this._target).attr("id") == "galleria-53da83504cc33") { if ( this.isFullscreen() ) { this.next(); } else { this.enterFullscreen(); } } }); });});

Universal Sex Arena - Domenica 24 giugno

"); this.fullscreenMessageTimeoutId = setTimeout(function(){ $(".fullscreenMessage").fadeOut(function(){$(this).remove()}); },5000); }); } });$(".galleria-53da835050ab0_fullscreenHook").live("click",function(){ var galleries = Galleria.get(); $.each(galleries,function(){ if ( $(this._target).attr("id") == "galleria-53da835050ab0") { this.enterFullscreen(); } }); });$("#galleria-53da835050ab0 .galleria-stage .galleria-image img").live("click",function(){ var galleries = Galleria.get(); $.each(galleries,function(){ if ( $(this._target).attr("id") == "galleria-53da835050ab0") { if ( this.isFullscreen() ) { this.next(); } else { this.enterFullscreen(); } } }); });});

Edo - Giovedì 28 Giugno

"); this.fullscreenMessageTimeoutId = setTimeout(function(){ $(".fullscreenMessage").fadeOut(function(){$(this).remove()}); },5000); }); } });$(".galleria-53da835054548_fullscreenHook").live("click",function(){ var galleries = Galleria.get(); $.each(galleries,function(){ if ( $(this._target).attr("id") == "galleria-53da835054548") { this.enterFullscreen(); } }); });$("#galleria-53da835054548 .galleria-stage .galleria-image img").live("click",function(){ var galleries = Galleria.get(); $.each(galleries,function(){ if ( $(this._target).attr("id") == "galleria-53da835054548") { if ( this.isFullscreen() ) { this.next(); } else { this.enterFullscreen(); } } }); });});

Verso le elezioni politiche del 2013 (Dibattito) - 02 Luglio

"); this.fullscreenMessageTimeoutId = setTimeout(function(){ $(".fullscreenMessage").fadeOut(function(){$(this).remove()}); },5000); }); } });$(".galleria-53da835057fdd_fullscreenHook").live("click",function(){ var galleries = Galleria.get(); $.each(galleries,function(){ if ( $(this._target).attr("id") == "galleria-53da835057fdd") { this.enterFullscreen(); } }); });$("#galleria-53da835057fdd .galleria-stage .galleria-image img").live("click",function(){ var galleries = Galleria.get(); $.each(galleries,function(){ if ( $(this._target).attr("id") == "galleria-53da835057fdd") { if ( this.isFullscreen() ) { this.next(); } else { this.enterFullscreen(); } } }); });});

Groppi d'Amore nella scuraglia (Teatro) - Martedì 3 Luglio

"); this.fullscreenMessageTimeoutId = setTimeout(function(){ $(".fullscreenMessage").fadeOut(function(){$(this).remove()}); },5000); }); } });$(".galleria-53da83505ba3d_fullscreenHook").live("click",function(){ var galleries = Galleria.get(); $.each(galleries,function(){ if ( $(this._target).attr("id") == "galleria-53da83505ba3d") { this.enterFullscreen(); } }); });$("#galleria-53da83505ba3d .galleria-stage .galleria-image img").live("click",function(){ var galleries = Galleria.get(); $.each(galleries,function(){ if ( $(this._target).attr("id") == "galleria-53da83505ba3d") { if ( this.isFullscreen() ) { this.next(); } else { this.enterFullscreen(); } } }); });});

Heike Has The Giggles - Giovedì 5 Luglio

"); this.fullscreenMessageTimeoutId = setTimeout(function(){ $(".fullscreenMessage").fadeOut(function(){$(this).remove()}); },5000); }); } });$(".galleria-53da835060888_fullscreenHook").live("click",function(){ var galleries = Galleria.get(); $.each(galleries,function(){ if ( $(this._target).attr("id") == "galleria-53da835060888") { this.enterFullscreen(); } }); });$("#galleria-53da835060888 .galleria-stage .galleria-image img").live("click",function(){ var galleries = Galleria.get(); $.each(galleries,function(){ if ( $(this._target).attr("id") == "galleria-53da835060888") { if ( this.isFullscreen() ) { this.next(); } else { this.enterFullscreen(); } } }); });});

China Dj Set - Sabato 7 Luglio

"); this.fullscreenMessageTimeoutId = setTimeout(function(){ $(".fullscreenMessage").fadeOut(function(){$(this).remove()}); },5000); }); } });$(".galleria-53da835064324_fullscreenHook").live("click",function(){ var galleries = Galleria.get(); $.each(galleries,function(){ if ( $(this._target).attr("id") == "galleria-53da835064324") { this.enterFullscreen(); } }); });$("#galleria-53da835064324 .galleria-stage .galleria-image img").live("click",function(){ var galleries = Galleria.get(); $.each(galleries,function(){ if ( $(this._target).attr("id") == "galleria-53da835064324") { if ( this.isFullscreen() ) { this.next(); } else { this.enterFullscreen(); } } }); });});

Contro la precarietà per i nuovi diritti (Dibattito) - Lunedì 9 Luglio

"); this.fullscreenMessageTimeoutId = setTimeout(function(){ $(".fullscreenMessage").fadeOut(function(){$(this).remove()}); },5000); }); } });$(".galleria-53da835067dc3_fullscreenHook").live("click",function(){ var galleries = Galleria.get(); $.each(galleries,function(){ if ( $(this._target).attr("id") == "galleria-53da835067dc3") { this.enterFullscreen(); } }); });$("#galleria-53da835067dc3 .galleria-stage .galleria-image img").live("click",function(){ var galleries = Galleria.get(); $.each(galleries,function(){ if ( $(this._target).attr("id") == "galleria-53da835067dc3") { if ( this.isFullscreen() ) { this.next(); } else { this.enterFullscreen(); } } }); });});

Nicotine Alley - Giovedì 12 Luglio

"); this.fullscreenMessageTimeoutId = setTimeout(function(){ $(".fullscreenMessage").fadeOut(function(){$(this).remove()}); },5000); }); } });$(".galleria-53da83506b857_fullscreenHook").live("click",function(){ var galleries = Galleria.get(); $.each(galleries,function(){ if ( $(this._target).attr("id") == "galleria-53da83506b857") { this.enterFullscreen(); } }); });$("#galleria-53da83506b857 .galleria-stage .galleria-image img").live("click",function(){ var galleries = Galleria.get(); $.each(galleries,function(){ if ( $(this._target).attr("id") == "galleria-53da83506b857") { if ( this.isFullscreen() ) { this.next(); } else { this.enterFullscreen(); } } }); });});

Trash '80 Dj Set - Venerdì 13 Luglio

"); this.fullscreenMessageTimeoutId = setTimeout(function(){ $(".fullscreenMessage").fadeOut(function(){$(this).remove()}); },5000); }); } });$(".galleria-53da83506f2f0_fullscreenHook").live("click",function(){ var galleries = Galleria.get(); $.each(galleries,function(){ if ( $(this._target).attr("id") == "galleria-53da83506f2f0") { this.enterFullscreen(); } }); });$("#galleria-53da83506f2f0 .galleria-stage .galleria-image img").live("click",function(){ var galleries = Galleria.get(); $.each(galleries,function(){ if ( $(this._target).attr("id") == "galleria-53da83506f2f0") { if ( this.isFullscreen() ) { this.next(); } else { this.enterFullscreen(); } } }); });});

Malavida Dj set - Sabato 14 Luglio

]]>
info@sherwood.it (Sherwood Network)
<![CDATA[Dj Set ]]>

Sherwood Festival - Second Stage -
Park Nord Stadio Euganeo
Viale Nereo Rocco - Padova

Dj Set

dalle 24.00 alle 2.30


VENERDI 15 GIUGNO
MOMO (indie/classic/ - alt rock)

SABATO 16 GIUGNO
WHATEVER (Micheal Mayers & Ale Ferrini) (rock - indie )

VENERDI 22 GIUGNO
THE FRAG (techno)

SABATO 23 GIUGNO
ORDINARY NOISE(indie - rock)

VENERDI 29 GIUGNO
HONE SESSION PROJECT (electro - rock)

SABATO 30 GIUGNO
ALTAVOZ DE DIA AFTERSHOW

VENERDI 06 LUGLIO
SOUNDPARK (indie - alt rock)

SABATO 07 LUGLIO
CHINA (dubstep)

VENERDI 13 LUGLIO
TRASH '80 : MISSFIT (trash - rock )

SABATO 14 LUGLIO
MALAVIDA (balcan)

]]>
info@sherwood.it (Sherwood Network)
<![CDATA[Heike Has The Giggles]]>

Giovedì 05 luglio 2012
@ Sherwood Festival
Park Nord Stadio Euganeo
Viale Nereo Rocco - Padova

@ Second Stage

Heike Has The Giggles
Crowd Surfing Tour

Apertura cancelli dalle ore 19.00

Ingresso 1 euro può bastare

Il trio (classe 88) si forma nel Settembre del 2006 a Solarolo, quello stesso paesino in provincia di Ravenna che ha dato i natali a Laura Pausini. Due demo all’attivo,”Next, Please” e “How To Giggle” – oltre a un buon numero di live in alcuni club italiani al fianco di artisti di livello internazionale (The Chemical Brothers @ Italia Wave, Tricky @ Vox di Nonantola – Modena, The Wombats @ Estragon di Bologna, The Futureheads e Glasvegas @ Bronson di Ravenna e via suonando). A detta di alcuni, la loro musica è “un rock che cerca melodie pop orecchiabili senza scadere nel banale, come se PJ Harvey cantasse con gli Arctic Monkeys“. Gli Heike Has The Giggles suonano freschi e straordinariamente puliti con batteria metronomica, un basso basso frenetico e la sorprendente voce di Emanuela – che è anche l’unica chitarra sul palco. I pezzi si susseguono con il loro rock-pop ultragodibile, ma senza suonare mai banali. Il canto ricorda Patti Smith e Polly Jean Harvey, mentre la musica è quella di una band predestinata al successo: non è un caso ch si siano esibiti anche allo Sziget Festival (Budapest) e sul main stage dell’Italia Wave Love Festival, provocando un mezzo terremoto tra il pubblico. Heike Has The Giggles hanno partecipato come unica band italiana al prestigioso Canadian Music Week Festival (13 Marzo 2009, Toronto – Canada) presso il club Hideout. Insieme agli Hormonauts hanno calcato il palco del MaschinenHouse di Berlino per l’All 2gether Now Festival organizzato da Network Europe. Dopo l’esibizione (Novembre 2009) al prestigioso Sonic Vision Festival in Lussemburgo (che presentava come focus del festival una selezione delle migliori band italiane), i ragazzi erano già proiettati verso l’EuroSonic Festival di Groningen in Olanda, dove si sono esibiti il 14 Gennaio 2010: decisamente una band dalla vocazione internazionale! Gli Heike Has The Giggles sono inoltre stati scelti da ARCI Real per un tour nei circoli ARCI d’Italia che – insieme a tutti gli altri concerti – li ha portati a girare in lungo e in largo la penisola per promuovere “Sh!“, il debut album pubblicato dalla neonata Kitano Records. Last But Not Least, l’onorevolissima terza posizione (dietro Thank You For The Drum Machine e My Awesome Mixtape) alla MTV New Generation @ Hit Week che li ha portati nell’Ottobre 2010 come ‘ospiti speciali‘ alla Hit Week di New York.

Sito web: www.heikehasthegiggles.com
Facebook: www.facebook.com/heikehasthegiggles
Twitter: twitter.com/heikehtg
Tumblr: heikehasthegiggles.tumblr.com
Bandcamp: heikehasthegiggles.bandcamp.com
Soundcloud: soundcloud.com/heike-has-the-giggles
Myspace: www.myspace.com/heikehasthegiggles

]]>
info@sherwood.it (Sherwood Network)
<![CDATA[Genere e Crisi ]]>

Domenica 8 Luglio - Second stage
@ Sherwood Festival
Park Nord Stadio Euganeo
Viale Nereo Rocco - Padova

GENERE E CRISI
Le Donne, la forza, la violenza

a cura di Donneinmovimento

Introduce: Aurora d'Agostino
Intervengono: Federica Giardini filosofa e curatrice di "Sensibili guerriere"
(ed. Iacobelli), Anna Simone - curatrice di "Sessismo democratico" (Ed.Mimesis), Caterina Peroni, dottoranda e Leandro Sgueglia, dottorando, autori di saggi pubblicati in "Sessismo democratico"

Una discussione che intreccia le riflessioni presenti nel testo “Sessismo democratico”, volume che  raccoglie analisi intorno al “corpo”, come luogo in cui lo sfruttamento si abbatte in forma sempre più brutale, e la discussione intorno al tema della forza e della violenza proposta già da Federica Giardini con il testo “Sensibili guerriere” e dal pampleth di  Luisa Muraro “Dio è violent”. La serata è un'occasione per infilare nuove lenti che ci diano una visione più chiara per capire come agire in un mondo in rapido cambiamento, in una realtà frammentata, difficile da interpretare se si usano vecchie chiavi di lettura, avendo come spazio di azione politica l'Europa nel tempo della crisi.

Approfondimenti

"Dio è violent" di Luisa Muraro edizione Nottetempo Collana Gransassi:
Il testo di una delle esponenti storiche del pensiero della differenza affronta il tema della violenza, del rapporto tra violenza e forza fuori dagli stereotipi e dalle semplificazioni. Lo affronta a partire dalla contemporaneità e dalla necessità di non accettare passivamente l'esistente.
Recensione in: edizioninottetempo.it

Articoli in globalproject:
- Attorno a Dio è violent di Donne in movimento
Vai all'articolo

- Su Dio è violent di Anna Simone
Vai all'articolo

- Bisogna saper vincere di Milva Pistoni - Casa delle donne Lucha y Siesta
Vai all'articolo

- "Sensibili guerriere - sulla forza femminile" curato da Federica Giardini edizioni Iacobelli
Un tempo il senso comune attribuiva agli uomini forza e capacità di agire e alle donne debolezza e passività. Che cosa è cambiato dopo il femminismo? E soprattutto: cosa è passato nell’immaginario delle giovani donne, nella consapevolezza che hanno di loro stesse? Ne scrivono Alessandra Chiricosta, Federica Dragoni, Maria Raffaella Fiori, Angela Lamboglia, Eleonora Mine, Laura Percoco, Giada Sarra e Federica Voci.
Recensione in Associazione italiana delle filosofe
La curatrice Federica Giardini ne parla a Rai.Edo-Filosofia

Nell'intervista Federica Giardini spiega come il testo nasce da uno studio e da una riflessione collettiva. Federica Giardini ha riunito una decina di donne tra i 20 e i 30 anni per riflettere sulla forza femminile anche a partire da una lettura critica del testo: L’arte della guerra per le donne, di Ching-Ning Chu, che riprende il classico di Sun Tzu. Non è possibile definire la forza femminile, che si qualifica e si manifesta attraverso l'esperienza, è però un dato certo che le donne sentono l'esigenza di tornare a una concezione della forza come a qualcosa di estrovertito. Non più, quindi, solo forza mentale o morale, ma eventualmente anche fisica. La Giardini, in questa intervista, traccia anche alcuni punti di vicinanza e di distanza tra forza maschile e forza femminile.

"Sessimo democratico. L'uso strumentale delle donne nel neoliberismo" curato da Anna Simone edizioni Mimesis - Milano
Saggi di: Lorella Cedroni, Sara Fariello, Stefania Ferraro, Michela Fusaschi, Elisa Giomi, Marzia Mauriello, Rosa Parisi, Caterina Peroni, Leandro Sgueglia, Alessandra M. Straniero.
Postfazione di Antonello Petrillo
Recensioni in http: Associazione italiana delle filosofe

Oggi nessuna agenzia sociale o istituzionale, così come nessuna forma di organizzazione dei saperi e della comunicazione di massa considera secondarie le donne. Sulle donne si organizzano master, corsi di formazione, campagne pubblicitarie e campagne antidiscriminazione. Delle donne si occupano il diritto, l’economia, la criminologia, la politologia, la comunicazione, il marketing etc. Eppure all’interno di queste pratiche e di questi discorsi la donna appare sempre come una “vittima”, docile e subalterna, o al contrario come un’erinni dei giorni nostri “maschilizzata”, aggressiva, violenta, spregiudicata. L’inclusione delle donne nella vita pubblica, insomma, è l’ultima frontiera del politically correct, ma sicuramente si organizza a partire da forme di produzione dello stigma che trasformano la differenza stessa in mero “differenzialismo”, ovvero in un potere in cui le stesse donne vengono “oggettivate” e, contemporaneamente, “de-soggettivate”. Non si tratta, evidentemente, di sostituire il potenziale della differenza con la logica del ritorno all’eguaglianza, né tantomeno con la logica dell’emancipazionismo. Ciò che scompare da questo tipo di narrazioni, semmai, è proprio la complessità, nonché l’eccedenza, ovvero quel bisogno di non sganciare il corpo femminile dalla sua forma di vita, dalla singolarità della sua esperienza, che certo non può ridursi a mero “oggetto” del discorso pubblico o ad un “corpo sociale” identificabile attraverso le ripartizioni identitarie. Di qui la necessità di leggere il fenomeno paradossale del “sessismo democratico” nelle società neo-liberali.

]]>
info@sherwood.it (Sherwood Network)
<![CDATA[La Cantina dei Bardi]]>

Domenica 8 Luglio 2012
Sherwood Festival - Second Stage -
Park Nord Stadio Euganeo
Viale Nereo Rocco - Padova

La Cantina dei Bardi

Apertura cancelli dalle ore 17.00

1 € può bastare


La Cantina dei Bardi è un gruppo folk-acustico nato nel 2010 e formato da Elisa "Erin" Bonomo (chitarra e voce), Giulia "Gatto" Ortolan (violino), Cristian "Baga" Bagattin (percussioni) e Marco "Straw" Barbieri (basso).

Nel dicembre dello stesso anno registrano in studio il loro primo demo, Offerta libera, cominciando a distinguersi sin da subito per i loro live, che sanno alternare a momenti di forte impegno sociale situazioni goliardiche e stranianti.

Prostitute, mafiosi, prigionieri e vagabondi, ma anche sigle di programmi tv e jingle pubblicitari degli anni '80 e '90: i Bardi raccontano storie, a modo loro. E come i loro antichi predecessori, sanno anche prendere in giro la realtà ridendoci su.

]]>
info@sherwood.it (Sherwood Network)
<![CDATA[Contro la precarietà per i nuovi diritti]]>

Lunedi 9 Luglio - Second stage
@ Sherwood Festival
Park Nord Stadio Euganeo
Viale Nereo Rocco - Padova

Contro la precarietà per i nuovi diritti

LUCA CASARINI intervista e discute con MAURIZIO LANDINI segretario generale FIOM

Quali le prospettive per costruire insieme un autunno di lotte che rimettano al centro la questione dei diritti, del lavoro, del reddito dopo la controriforma Fornero?
Come rispondere, dalle fabbriche all’università, dai posti di lavoro ai quartieri, alle politiche rigoriste e di austerity imposte dal governo Monti e sostenute anche dal PD?
Come affrontare il tema dell’Europa, nel tempo della frammentazione del lavoro e della sua rappresentanza?

La serata sarà trasmessa anche in streaming Tv attraverso Sherwood WebTV.

 

]]>
info@sherwood.it (Sherwood Network)
<![CDATA[Groppi d'amore nella scuraglia ]]>

Martedi 3 Luglio - Second stage
@ Sherwood Festival
Park Nord Stadio Euganeo
Viale Nereo Rocco - Padova

Groppi d'amore nella scuraglia

Apertura cancelli dalle ore 19.00

Inizio spettacolo ore 21.00

1 € può bastare

di Tiziano Scarpa con Silvio Barbiero
scene di Paolo Bandiera
costumi di Anna Cavaliere
musiche di Sergio Marchesini e Debora Petrina
regia di Marco Caldiron produzione Carichi Sospesi

La saga comica e poetica di Scatorchio, che per fare dispetto al suo rivale in amore, aiuta il sindaco a trasformare il paese in una discarica di rifiuti.
Una storia originalissima, commovente, scritta in una lingua sapientemente primitiva che dà voce allo scacco creaturale di fronte ai guasti dell'universo.
Racconto (ed è infine prima di tutto in versi che hanno raccontato gli uomini) e insieme bestiario, sperimentazione linguistica e filologia dell’archetipo, la Scuraglia narra, in una lingua inventata che allude ai timbri dei vernacoli meridionali, mescolati sapientemente con quelli trecenteschi delle Origini, la storia di Scatorchio e del suo amore per Sirocchia, sullo sfondo della vicenda che coinvolge il loro paese, che accetta, in cambio di un ripetitore TV, di diventare sede di una discarica di immondizia.

A intervallare la narrazione stanno poi dei siparietti dedicati a un bestiario d’animali e creature, ognuno, beninteso, con il suo personale cahier de doléances, a testimoniare, leopardianamente, la comunanza del dolore: dal surcio pantecano, al cane canaglio al bombo muscario.

La Scuraglia, è un’opera romanica, che, con un mesto sorriso (un riso indebolito avrebbe detto Bachtin), esplora la nuova geografia di un mondo che, quando scopre di essere per la prima volta realmente ’contemporaneo’, fa poi esperienza del terribile e affascinante melting, dello tsunami di mescolanza tra antico e futuro che è ormai il nostro orizzonte comune, il Carnevale dissennato in cui la Quaresima si traveste da Pasqua. Gli stessi animali sono più ’grilli’ medievali, figure alla Bosch, che nostalgiche rimembranze del naturale e del primevo, allegorie espressioniste del nostro presente più scomodo, come il gabbianozzo che inopinatamente vive in collina e che non vuol essere chiamato gabbianozzo, ma dissidento migranto.

E’ un racconto che descrive un percorso di rinascita e, in qualche modo, di redenzione. Il linguaggio poetico di Scarpa deforma il nostro immaginario e i corpi dei protagonisti divengono archetipi grotteschi di un mondo in sfacelo; immagini che richiamano l'immaginario di Bosch raccontando la storia di Scatorchio e del suo amore per Sirocchia in un paese sommerso dai rifiuti.

"Non so proprio da dove mi sia uscito il personaggio di Scatorchio, la sua lingua, il suo mondo. Io credevo di essere una persona mite, decentemente gentile. Scatorchio è una specie di parente scuro, mi scorre nel sangue come un’eredità intima ed estranea. Lo amo profondamente, anche perché mi mette a disagio. Per questo sono stato conquistato dallo Scatorchio dei Carichi Sospesi. Anche a guardare loro, hai di fronte due persone miti e gentilissime. Non sai proprio da dove riesca a tirarlo fuori in maniera così possente e persuasiva, il mite Silvio Barbiero, un personaggio talmente ruvido, cialtrone, impresentabile, poetico. Non sai come abbia fatto, il gentile Marco Caldiron, a domarlo e a scatenarlo, a mettergli le briglie in certi punti e a lasciarsi trascinare selvaggiamente in altri. Comincio a sospettare che ci sia un po’ di Scatorchio in ogni maschio, ma solo alcuni sappiano come dargli voce."
Tiziano Scarpa

]]>
info@sherwood.it (Sherwood Network)
<![CDATA[Nicotine Alley ]]>

Giovedì 12 Luglio - Second stage
@ Sherwood Festival
Park Nord Stadio Euganeo
Viale Nereo Rocco - Padova

Nicotine Alley 

+

special guest

Marco Fasolo

(Jennifer Gentle)

Apertura cancelli dalle ore 19.00

Inizio concerto ore 21.30

1 € può bastare

Nicotine Alley è una band nata a Padova e fondata nel 2007 dal cantante e chitarrista Paolo Mioni, a cui si aggiungono il batterista Alberto Marangon e il bassista Max Busato. Paolo ha fatto parte dei Jennifer Gentle, accompagnandoli anche in uno dei loro tour Coast to Coast in Usa e in molte date in giro per l'Italia. 
Suonerà con loro come ospite in alcuni brani Marco Fasolo, chitarrista e cantante dei Jennifer Gentle.

Il sound dei Nicotine Alley mescola influenze e sonorità diverse: psichedelia, blues, indie, pop, noise, hard rock.

Dopo aver pubblicato Steal Another Hour from the Night nel 2009, la band è ritornata nel 2012 con Upstairs, anche questo uscito per la loro etichetta Marvel Hill Records.
Upstairs è un disco che spazia dalle sonorità power pop del brano di apertura Hey al country rock alla Neil Young della conclusiva More than Alive, passando per muri del suono alla My Bloody Valentine (Wash) e momenti di hard rock psichedelico alla Motorpsycho (These Fields of Grey).
‘I Nicotine Alley rispecchiano la polverosità ed al tempo stesso la lucentezza di una cometa’, Extra Music Magazine

]]>
info@sherwood.it (Sherwood Network)
<![CDATA[Verso le elezioni politiche del 2013 ]]>

Lunedi 2 Luglio ore 21.00
Second stage

@ Sherwood Festival
Park Nord Stadio Euganeo
Viale Nereo Rocco - Padova

VERSO LE ELEZIONI POLITICHE DEL 2013
TRA CRISI EUROPEA E NECESSITA' DELL'ALTERNATIVA

Introduce: Vilma Mazza
 
Intervengono: Panos Lamprou (Direzione di Syriza), Gianfranco Bettin, Luigi De Magistris e Nichi Vendola

ConcludeArgiris Panagopulos (giornalista e corrispondente della Grecia de Il Manifesto) 

Sarà Panos Lamprou, un esponente di primo piano di Syriza, l'innovativa coalizione di forze politiche della sinistra greca che ha saputo raccogliere, nel Paese più colpito dalle politiche di rigore della Troika (Banca Centrale Europea, FMI e Commissione), un larghissimo consenso elettorale intorno ad una proposta di alternativa ai diktat che prevedono la riduzione in miseria di un intero popolo e la cancellazione dei suoi diritti fondamentali, ad aprire l'incontro di Sherwood Festival con tre protagonisti del dibattito politico-istituzionale italiano quali il presidente della regione Puglia Nichi Vendola, il sindaco di Napoli Luigi De Magistris e l'assessore veneziano Gianfranco Bettin.

Il dibattito si svolgerà all'indomani delle conclusioni del Consiglio Europeo che avrà visto contrapporsi, e non sappiamo ancora se trovare un difficile compromesso, differenti ipotesi di governance continentale nella crisi del debito sovrano e della moneta unica. Ma anche all'indomani del voto parlamentare con cui in Italia è stata approvata una riforma del mercato del lavoro che rende tutte e tutti più precari, senza istituire alcuna nuova reale tutela di fronte ai drammatici effetti sociali della crisi. L'orizzonte temporale della discussione sarà quello delle elezioni politiche previste per la primavera del 2013: sono queste lo spazio per introdurre, anche sul piano della governance, quegli elementi di cambiamento che la società italiana ed europea stanno chiedendo con forza? E questo potrà avvenire riproponendo formule e metodi già visti nell'eterna coazione a ripetere del Centrosinistra italiano? Le consultazioni primarie e poi le elezioni non potrebbero essere invece l'occasione per mettere in campo un percorso nuovo, capace di coalizzare quanti si collocano a sinistra e oltre il Partito Democratico in maniera non subalterna e di parlare non il linguaggio scontato della frammentazione, della testimonianza e della rappresentanza, ma la lingua viva della rottura con le politiche di sacrifici a senso unico e della costruzione di un'alternativa europea al modello fin qui dominante?

]]>
info@sherwood.it (Sherwood Network)
<![CDATA[Edo Live Report]]>

Live Report: Edo

Edo parte da Padova per andare a Milano. Edo parte da Milano per tornare a Padova. Una lunga sequenza di autostrade e treni, compreso il treno della musica che lo spinge a migrare per trovare spunti, sfoghi, agganci, mentre si sgancia da quella definizione di "cantautore" che gli va stretta come un paio di jeans comprati prima dei 25 anni.
Io non ho mai visto Lost ma in quello che canta Edo mi ci trovo, a cominciare da quando inizia il check con "L'Armando" del mai abbastanza celebrato, forse perché ancora vivo, Enzo Jannacci.

Fa caldo a Sherwood, e si sta per onorare il rituale di una semifinale che ancora non sappiamo che vinceremo. VincerEdo. Edo che sa che dovrà suonare ma non sa ancora quante persone ci saranno a vederlo, e da che ora, visto che l'ora del suo set sarebbe potuta essere morsicata dalla parte del pubblico dei rigori.
La mela però si sbuccia correttamente, simmetrica e l'atmosfera è rilassata. Edo e i due soci a chitarra elettrica e batteria si stanno preparando con molta calma mentre il pubblico calcistico inizia ad andarsene.

"); this.fullscreenMessageTimeoutId = setTimeout(function(){ $(".fullscreenMessage").fadeOut(function(){$(this).remove()}); },5000); }); } });$(".galleria-53d9a7be7e53c_fullscreenHook").live("click",function(){ var galleries = Galleria.get(); $.each(galleries,function(){ if ( $(this._target).attr("id") == "galleria-53d9a7be7e53c") { this.enterFullscreen(); } }); });$("#galleria-53d9a7be7e53c .galleria-stage .galleria-image img").live("click",function(){ var galleries = Galleria.get(); $.each(galleries,function(){ if ( $(this._target).attr("id") == "galleria-53d9a7be7e53c") { if ( this.isFullscreen() ) { this.next(); } else { this.enterFullscreen(); } } }); });});

"Naso a tramezzino", storia di una qualunque pesca a strascico su Facebook ambientata nella città di Padova, è una bella conferma. "Nemo propheta in patria" in questa serata non funziona, come non funziona l'usuale essere restii ad avvicinarsi al palco del pubblico: tutti si avvicinano, molti cantano, i neofiti incuriositi iniziano a divertirsi dopo trenta secondi ed i fedelissimi se ne compiacciono, come a dire "io c'ero". O forse "Edo c'è". Perché Edo racconta di come vedere Lost per avere il coraggio di provarci. Perché c'è un "Frullatore d'acqua dolce" di memoria Albanese, o d'Albanese memoria, fate voi.

C'è ironia, quella vera. C'è partecipazione del pubblico. C'è un adeguato supporto sonoro, con un palco che Edo stesso fatica a misurare perché abituato a suonare in spazi angusti.

C'è spazio per i racconti curiosi di un batterista collassato per un mix non letale di mezzo kg di "ciuccetti" dello stand per il primo anno antistante al palco, ironia della sua sorte, dopo una serata impegnativa e c'è spazio per la tensione, palpabile, di operai della musica che ci stanno credendo.

Ma c'è il pubblico che canta, sostiene i cori, sorride e batte le mani con il cuore, non sempre estensione degli arti per gli spettatori di un live, a maggior ragione quando il live non è di un artista così famoso da meritare un'accoglienza "a scatola chiusa".
Premiata la band, premiato il pubblico, premiato Edo con il suo primo stage diving dal palco.

Una serata che vince, non solo per il calcio.

Setlist:
Sommelier
Inzagol
Bustine di tè
Gabbiano Veneziano
Naso a tramezzino
Coinquilino Fernando
Super-noi
Gravidanze catanesi
John Colombo
Vedere Lost
Dopo l'Università?
Frullatore d'acqua dolce

]]>
info@sherwood.it (Sherwood Network)
<![CDATA[Universal Sex Arena Live Report]]>

Live Report: Universal Sex Arena

E’ domenica sera, Italia ed Inghilterra scendono in campo per i quarti di finale degli europei di calcio e pendono a mo’ di spada di Damocle sul concerto degli Universal Sex Arena, la cui esibizione è prevista in second stage al termine dei tempi regolamentari. Va da sé che gli eventi possono prendere soltanto una piega: Murphy non ha passato tutta la vita a perfezionare il suo teorema maestro per vederlo confutato da ventidue ragazzi ricchi in gel e pantaloncini, ed infatti Balotelli e compagnia bella ci mostrano come sia assolutamente possibile percepire svariati milioni di euro riuscendo tuttavia a mancare da ogni posizione immaginabile una porta di 18 metri quadri con una sfera di 70 centimetri di diametro, e si trascinano indecorosamente ai rigori, intralciando goffamente il concerto.

Alla fine del primo tempo supplementare gli Universal Sex Arena, tanto incuranti degli eventi sportivi quanto ligi agli orari imposti dal comune (o da chi per esso), salgono sul palco per affrontare stoicamente quella che rischia di essere una pista vuota; ma ai primi battiti di grancasse (hanno due batterie, per chi non lo sapesse o ricordasse) questo timore scompare, ed ecco che dalle panchine di fronte agli schermi gruppi di fidanzate annoiate, rockettari convinti e recensori poco inclini al tifo si alzano e muovono veloci alla volta del palco, per assieparsi il più vicino possibile alla band e rimanerci sino all’ultima nota, con l'espressione di chi non rimpiange affatto la partita. Gli Universal Sex Arena (che temo non riusciranno a schivare troppo a lungo il loro acronimo e il sapore drammaticamente diverso che donerebbe al loro nome) hanno esordito poco più di un mese fa allo Sherwood Open Live del CSO Pedro, ed è proprio a Sherwood ufficiale che li rincontriamo, se possibile ancor più spavaldi, gioiosi, convinti dei propri mezzi e decisi a stupire tutte quante con la loro performance. Già, tutte quante: i brani, le movenze dei componenti, i testi delle canzoni e soprattutto il frontman con le sue frasi rivolte al pubblico ed ostentatamente declinate esclusivamente al femminile, rimarcano di continuo quanto le donne siano l’obiettivo artistico (eheh… artistico...) della band. L’altra metà del cielo sembra gradire e reagisce con voce acuta facendo valere la propria maggioranza numerica sulla pista, e qui gli Universal Sex Arena si rendono conto che la selezione naturale imposta dalla partita che va avanti da ormai tre ore non è stata poi tanto meschina nei loro confronti ed ha moltiplicato in maniera assai felice i cromosomi X innanzi a loro relegando gli Y alla competizione sportiva.

Il suono della band è semplicemente granitico e arrivare sotto il tendone del second stage da fuori è grossomodo come entrare in una galleria del vento, bisogna passare alcuni secondi a ricalibrare i timpani prima di riuscire a capire bene quello che esce dagli amplificatori; una volta tarato il sistema uditivo è però impossibile non rimanere rapiti da questi personaggi fuggiti da qualche decennio fa, che affrontano qualunque palco gli si metta sotto i piedi come se fosse quello di Woodstock. Un plauso va fatto al fonico, che gestisce il tutto senza alcuna sbavatura, e quando così tante valvole e pelli lavorano insieme non è certamente facile.
Il cantante si diverte in maniera vistosa e in cinquanta minuti snocciola tutte le mosse elencate nell'enciclopedia della tracotanza scenica, mettendo a dura prova gli operatori della webtv, che vedono la loro necessità di eseguire stretti primi piani schiantarsi contro un pazzo a petto nudo che rotea il microfono come fosse un nunchaku saltando a destra e a manca, che si lancia a terra come uno straccio bagnato quando meno te lo aspetti e che, se perso di vista per un istante, rischia di essere ritrovato ad un paio di metri dal suolo avvinghiato ad un’impalcatura.
La scaletta è la medesima del concerto di esordio, tutti i brani suonati sono contenuti in Women will be girls, disco che potete trovare sul sito, con il pezzo più ferocemente garage (Brain Ferry) ad aprire le danze, e in questo caso anche a chiuderle, in un bis che sembra voler dire al pubblico aggiuntivo arrivato dopo i rigori (quindi quasi alla fine del concerto): “guardate cosa vi siete perse”.

"); this.fullscreenMessageTimeoutId = setTimeout(function(){ $(".fullscreenMessage").fadeOut(function(){$(this).remove()}); },5000); }); } });$(".galleria-53da7f0b72750_fullscreenHook").live("click",function(){ var galleries = Galleria.get(); $.each(galleries,function(){ if ( $(this._target).attr("id") == "galleria-53da7f0b72750") { this.enterFullscreen(); } }); });$("#galleria-53da7f0b72750 .galleria-stage .galleria-image img").live("click",function(){ var galleries = Galleria.get(); $.each(galleries,function(){ if ( $(this._target).attr("id") == "galleria-53da7f0b72750") { if ( this.isFullscreen() ) { this.next(); } else { this.enterFullscreen(); } } }); });}); ]]>
info@sherwood.it (Sherwood Network)
<![CDATA[Il Pan del Diavolo Live Report]]>

Live Report: Il Pan del Diavolo

Sapete qual è la differenza tra essere svegli e dormire? Una voce. La voce di Alessandro Alosi, a voler essere onesti. Uno che, se fosse nato in un paese scandinavo a caso sopra la Danimarca e sotto l’Islanda, si sarebbe pitturato la faccia di simboli pagani, andando a vandalizzare chiese e cimiteri cristiani. Per fortuna è nato in Sicilia – basta vederlo, lo si riconosce al primo colpo, prima ancora che l’accento palermitano faccia capolino – e ai nullafacenti black metal preferisce gli urlatori italiani. Fuori i manuali di filologia: chi si ricorda di Clem Sacco? chi ha un debole per i Blackmen? chi non potrebbe stare senza i Corvi? chi? chi? chi?
Per Il Pan del Diavolo, di forma quattro, di sostanza due, rispolveriamo l’abusatissima formula “sono in pochi ma sembrano un esercito”. Tre, quattro accordi, qualche assolo elettrico piazzato in mezzo quasi per dimenticanza, lenti stritolati in un mare di ruvidità, batterie e grancasse che sono bombe nel cuore pronte ad esplodere, sei, dodici, centocinquanta corde da accordare e riaccordare dopo ogni pezzo tale la foga nel violentarle. E poi, dicevamo, la voce.
La velocità è il senso della vita, il senso della vita è la velocità. In un’ora e un quarto di strepiti e rustiche pulsioni folk, mai un calo, mai un’incertezza: tant’è che quando arriva l’ultima corsa le orecchie sanguinano, nemmeno che sul Second Stage abbiano appena suonato i Motorpsycho. Il Pan del Diavolo si lascia dietro piombo, polvere e carbone, indugiando sulle sfumature del secondo, recente disco, che alterna sciabolate di concretezza esemplare (“Dolce Far Niente” è già quasi un anthem) ad impolverate torcide morriconiane (“Elettrica”) a pause arpeggiate e sature di tensione (“Vento Fortissimo”), e concedendo gli estratti migliori di “Sono All’Osso”, la fucilata che nel 2010 li impose all’attenzione dell’Italia musicale. Sono all’osso sì, Il Pan del Diavolo, e meno male: chissà cosa salterebbe fuori con qualcosa in più. Quando partono i ghirigori di “Pertanto” si alza un’ovazione che cresce e batte, batte con la potenza selvaggia delle ritmica estenuante de “Il Boom”, si scioglie per un istante – solo un istante – in “Africa” e torna a martellare, in un inestricabile maelstrom sonoro che dona al blues e al rock’n’roll sembianze luciferine, in “Farà Cadere Lei”.
Hai capito i picciotti della Vucciria. Danze sfrenate e hats off.

"); this.fullscreenMessageTimeoutId = setTimeout(function(){ $(".fullscreenMessage").fadeOut(function(){$(this).remove()}); },5000); }); } });$(".galleria-53de3630c7d2e_fullscreenHook").live("click",function(){ var galleries = Galleria.get(); $.each(galleries,function(){ if ( $(this._target).attr("id") == "galleria-53de3630c7d2e") { this.enterFullscreen(); } }); });$("#galleria-53de3630c7d2e .galleria-stage .galleria-image img").live("click",function(){ var galleries = Galleria.get(); $.each(galleries,function(){ if ( $(this._target).attr("id") == "galleria-53de3630c7d2e") { if ( this.isFullscreen() ) { this.next(); } else { this.enterFullscreen(); } } }); });}); ]]>
info@sherwood.it (Sherwood Network)
<![CDATA[Beni Comuni: Che fare? Live Report ]]>

Oltre contraddizioni, ambiguità e ideologie, un concetto potente per lo sviluppo dei movimenti e la trasformazione possibile: il confronto con Guido Viale, Beppe Caccia, Marco Bersani, Antonio Musella e Giuliana Beltrame, coordinato da Vilma Mazza.

"); this.fullscreenMessageTimeoutId = setTimeout(function(){ $(".fullscreenMessage").fadeOut(function(){$(this).remove()}); },5000); }); } });$(".galleria-53db2ad5eda4f_fullscreenHook").live("click",function(){ var galleries = Galleria.get(); $.each(galleries,function(){ if ( $(this._target).attr("id") == "galleria-53db2ad5eda4f") { this.enterFullscreen(); } }); });$("#galleria-53db2ad5eda4f .galleria-stage .galleria-image img").live("click",function(){ var galleries = Galleria.get(); $.each(galleries,function(){ if ( $(this._target).attr("id") == "galleria-53db2ad5eda4f") { if ( this.isFullscreen() ) { this.next(); } else { this.enterFullscreen(); } } }); });});

Più di trecento persone, nonostante la temeraria contemporaneità con la partita di qualificazione della Nazionale agli Europei, hanno partecipato lunedì 18 luglio al primo dei dibattiti previsti dal programma di Sherwood Festival, quello dedicato al tema Beni comuni, che fare?.
Tema di straordinaria attualità, da quando questo concetto è diventato la diffusissima parola d'ordine di molteplici movimenti che, dalle realtà locali fino al livello globale, si battono intorno al controllo della proprietà e alla gestione di risorse, beni e servizi, dal territorio e l'ambiente ai saperi. Ma tale diffusione comporta anche il rischio della banalizzazione e dell'utilizzo strumentale. Il confronto tra gli ospiti della foresta di Sherwood ha invece consentito di approfondirne il significato e soprattutto di discutere in quali pratiche di conflitto esso possa tradursi, senza nascondersi i limiti e le contraddizioni dei diversi percorsi che, nel nostro paese, a questa parola d'ordine si richiamano. I beni comuni non possono essere ricondotti ad una tabella merceologica, né possono essere definiti soltanto come quelle risorse naturali, esauribili o rinnovabili che siano, disponibili e necessarie per la vita sociale. Sono piuttosto il prodotto della comune attività umana, della cooperazione stessa, che oggi nella pienezza della sussunzione reale investe completamente la dimensione ecologica. Allo stesso modo non possono essere considerati oggetto di una neutra definizione scientifica, oppure determinati a priori attraverso il ricorso a formali categorie giuridiche, vecchie o nuove che siano. Costituiscono piuttosto il permanente campo di una contesa, in cui la definizione stessa di ciò che è comune segue necessariamente lo stabilirsi sempre mobile dei rapporti di forza sociali.

La discussione ha escluso che si possa confondere la molteplicità costitutiva dei beni comuni con la riduzione ad Uno del Bene Comune, singolare e maiuscolo: nozione quest'ultima che nega lo scontrarsi di ben precisi punti di vista e annacqua la consistenza di solidi interessi di parte in un interesse generale, corrispondente invece al punto di vista e agli interessi di classe dominanti. Un'idea che serve, in ultima istanza, a conservare lo stato di cose presente. Viceversa la determinazione materiale e plurale dei beni comuni, a partire dai conflitti stessi per il loro statuto proprietario e il loro controllo, può pure contribuire ad evitare che su si essi si ricostruisca una rinfrescata narrazione puramente ideologica: non porta da nessuna parte un benicomunismo per i nostalgici del Novecento!
Se invece questa idea-forza ricorre infatti, negli ultimi anni, sempre di più tra le parole d'ordine qualificanti dei movimenti sociali reali che si battono contro le privatizzazioni e più in generale contro una gestione della crisi all'insegna dei sacrifici, del peggioramento delle condizioni di vita e della distruzione dei diritti di tutti - da quello per l'acqua, a quelli di studenti e ricercatori per i saperi fino a quelli a difesa di territori ed ambiente - è forse perché i beni comuni possono davvero costituire il cuore della ricerca di un'alternativa, che sia di modello produttivo e di sistema sociale al tempo stesso.

La loro individuazione nel vivo dei conflitti corrisponde perciò al tentativo di costruire un orizzonte comune di cambiamento radicale dell'esistente, in cui molte e molti possano riconoscersi e per cui possano battersi. E ciò spiega perché la carica trasformativa dei movimenti per i beni comuni non possa diventare un punto tra gli altri di un programma elettorale, né debba essere piegata alle logiche e ai riti della rappresentanza politico-istituzionale, e così perimetrata e depotenziata. Piuttosto essi indicano il terreno di una pratica culturale e politica che apre nuovi spazi di democrazia diretta, di decisione condivisa intorno a ciò che è comune. Dal concetto di commons, dalla sua storia secolare di rottura dell'ordine capitalistico, fino alla più stretta attualità nella crisi economico-finanziaria e alle vie d'uscita politiche che esso indica, la discussione ha infine affrontato i nodi che riguardano il rilancio dei movimenti, a partire da quello per l'acqua e dai mille conflitti intorno al governo del territorio e ai progetti infrastrutturali devastanti, e il rapporto tra beni comuni e la prospettiva di una radicale riconversione ecologica del modello produttivo, nella permanente relazione tra comitati, lavoratori e autonomie locali.
Di seguito i video degli interventi.

]]>
info@sherwood.it (Sherwood Network)
<![CDATA[Monika Live Report]]>

Lo Sherwood Festival, riveste un ruolo importante per i suoi concerti, ma è anche uno spazio dove si intrecciano dibattiti, incontri, film e spettacoli teatrali.
Proprio ieri, è partita la stagione teatrale di questa dodicesima edizione del festival, con la rappresentazioni di Monika di Beppe Casales, interpretato da una bravissima Irene Lamponi  e ispirato al libro La ragazza che vendicò Che Guevara – Storia di Monika Ertl di Jürgen Schreiberlo.

"); this.fullscreenMessageTimeoutId = setTimeout(function(){ $(".fullscreenMessage").fadeOut(function(){$(this).remove()}); },5000); }); } });$(".galleria-53d97ae5310d8_fullscreenHook").live("click",function(){ var galleries = Galleria.get(); $.each(galleries,function(){ if ( $(this._target).attr("id") == "galleria-53d97ae5310d8") { this.enterFullscreen(); } }); });$("#galleria-53d97ae5310d8 .galleria-stage .galleria-image img").live("click",function(){ var galleries = Galleria.get(); $.each(galleries,function(){ if ( $(this._target).attr("id") == "galleria-53d97ae5310d8") { if ( this.isFullscreen() ) { this.next(); } else { this.enterFullscreen(); } } }); });});

Alle 22.00, il pubblico inizia a prendere posto, le luci si abbassano e l'attrice entra in scena, presentando il suo personaggio.  
La storia è quella di Monika Ertl, nata in Germania nel 1937 ma, espatriata in Bolivia quando aveva 16 anni, dove si sposa e conduce una vita tranquilla.
L'anno 1977 segna una svolta nella sua vita: sente alla radio che Che Guevara è in Bolivia. Tutti si chiedono allora se, dopo Cuba, toccherà alla Bolivia essere lo stato della rivoluzione, fino a quando, il 9 ottobre dello stesso anno, Che Guevara viene ucciso dall’esercito boliviano.    

Monika decide quindi, di lasciare tutto per entrare in clandestinità », cioè diventare una rivoluzionaria. Nella giungla boliviana incontra Inti, l’erede del Che, di cui si innamora. Sono felici insieme, fino al giorno in cui lui viene ucciso dal capo dei servizi segreti, Roberto Quintanilla.           

Le emozioni invadono allora Monika che, progetta l'uccisione dell'ambasciatore boliviano. Spinta da questa follia, si finge una guida australiana che, cerca informazioni sul paese sudamericano.
Una volta nel suo ufficio, tutto diventa piu veloce. La sua voce e i suoi gesti accellerano fino a quando lei gli spara, così da mettere in atto il suo desiderio piu profondo: Che quello che non mi piace, non succeda mai più.        

La rappresentazione finisce con le immagini delle rivoluzioni del 2010/2011, aprendo in bellezza il mondo del teatro allo Sherwood Festival.

]]>
info@sherwood.it (Sherwood Network)
<![CDATA[2Pigeons Live Report ]]>

Live Report: 2 Pigeons

I 2 Pigeons, alias Chiara Oakland Castello e Kole Laca, rappresentano una folata di aria fresca in un panorama indipendente italiano, talvolta stantio e poco originale.

"); this.fullscreenMessageTimeoutId = setTimeout(function(){ $(".fullscreenMessage").fadeOut(function(){$(this).remove()}); },5000); }); } });$(".galleria-53de1505b56dc_fullscreenHook").live("click",function(){ var galleries = Galleria.get(); $.each(galleries,function(){ if ( $(this._target).attr("id") == "galleria-53de1505b56dc") { this.enterFullscreen(); } }); });$("#galleria-53de1505b56dc .galleria-stage .galleria-image img").live("click",function(){ var galleries = Galleria.get(); $.each(galleries,function(){ if ( $(this._target).attr("id") == "galleria-53de1505b56dc") { if ( this.isFullscreen() ) { this.next(); } else { this.enterFullscreen(); } } }); });});

Il loro intento, specie con l'uscita del loro nuovo lavoro, Retronica, è quello di avvicinare elementi apparentemente inconciliabili, incanalandoli in un unico flusso sonoro. Synth analogici, tastiere, loop station e l'abile voce di Oakland, hanno l'importante ruolo di di raccontare ed esprimere quello che si è.

Freddi, ipnotici e coinvolgenti, sono la prima band che sale sul palco del second stage, quello dedicato alle nuove sonorità e ai talenti emergenti.
La loro esibizione live, si concentra in poco più di un'ora, con un'attitudine punk fuori dal comune.

Dai primi suoni grigi e metallici di Completely lost, una piccola folla radunata che, via via aumenterà di numero, sembra quasi schiacciata verso le casse, come se rapita dalle sonorità che il duo riesce a tener fuori.
Ikarus e Teknowest, tratti dal loro ultimo album, a metà fra sonorità pop ed electro, non fanno altro che incalzare i ritmi ed aumentare il coinvolgimento del pubblico, fino ad Hard Working Space.
Primo singolo estratto dal loro Retronica, è quello con la maggiore attitudine dancefloor, fra campionature di violini, batterie techno ed i giochi vocali della vocalist.

Sempre in crescendo, il duo regala attimi con un elevato grado di emozioni, come nel caso di Reptile, fino ad essere richiamati a gran voce per un bis, dalle centinaia di persone, rimaste ipnotizzate dalla loro esibizione.
Saranno proprio le forti vibrazioni di Hard Working Space, a chiudere definitivamente il live.

Pigeons One e Pigeons Two, ringraziamo.

]]>
info@sherwood.it (Sherwood Network)
<![CDATA[Beni comuni: che fare?]]>

Lunedi 18 Giugno - Second stage
@ Sherwood Festival
Park Nord Stadio Euganeo
Viale Nereo Rocco - Padova

Beni comuni: che fare?

Il concetto di “beni comuni” rischia di essere spesso banalizzato e talvolta utilizzato strumentalmente. Proponiamo invece di approfondirne il significato e soprattutto di discutere in quali pratiche di conflitto esso possa tradursi.

Coordina: Vilma Mazza, Global Project

Ne discutiamo con: Marco Bersani (Attac Italia - Forum Italiano Movimenti per l’acqua), Guido Viale (economista), Beppe Caccia (Centro Studi Alternativa Comune), Ugo Mattei (giurista), Giuliana Beltrame (Circolo Il Manifesto di Padova), Antonio Musella (Rete Commons)

Che cosa sono i beni comuni? Soltanto quelle risorse naturali, esauribili o rinnovabili che siano, disponibili e necessarie per la vita sociale o piuttosto anche il prodotto della comune attività umana, della cooperazione stessa? Possono essere considerati oggetto di una neutra definizione scientifica, oppure determinati attraverso categorie giuridiche, vecchie o nuove che siano? O piuttosto costituiscono il permanente campo di una contesa, in cui la definizione stessa di ciò che è comune segue necessariamente lo stabilirsi sempre mobile dei rapporti di forza sociali?
Affrontare una più precisa qualificazione del concetto di beni comuni è il primo passo per evitare che si trasformino in una buzzy word, un termine alla moda nella retorica del linguaggio politico, in cui tutto (e quindi niente!) diventa un bene comune.

O, peggio, si produce l'impercettibile, ma assai denso di conseguenze, slittamento semantico dalla molteplicità costitutiva dei beni comuni all'unicità del Bene Comune, singolare e maiuscolo: nozione quest'ultima che nega lo scontrarsi di ben precisi punti di vista e annacqua la consistenza di solidi interessi di parte in un interesse generale, corrispondente invece al punto di vista e agli interessi di classe dominanti. Un'idea che serve, in ultima istanza, a conservare lo stato di cose presente.

Viceversa la determinazione materiale e plurale dei beni comuni, a partire dai conflitti stessi per il loro statuto proprietario e il loro controllo, può pure contribuire ad evitare che sulla descrizione troppo astratta di essi si costruisca una rinfrescata modellistica ideologica.
Se questa idea-forza ricorre infatti, negli ultimi anni, sempre di più tra le parole d'ordine qualificanti dei movimenti sociali reali che si battono contro le privatizzazioni e più in generale contro una gestione della crisi all'insegna dei sacrifici, del peggioramento delle condizioni di vita e della distruzione dei diritti di tutti - da quello per l'acqua, a quelli di studenti e ricercatori per i saperi fino a quelli a difesa di territori ed ambiente - è forse perché i beni comuni possono davvero costituire il cuore della ricerca di un'alternativa, che sia di modello produttivo e di sistema sociale al tempo stesso.

La loro individuazione nel vivo dei conflitti corrisponde perciò al tentativo di costruire un orizzonte comune di cambiamento radicale dell'esistente, in cui molte e molti possano riconoscersi e per cui possano battersi. E ciò spiega perché la carica trasformativa dei movimenti per i beni comuni non possa diventare un punto tra gli altri di un programma elettorale, né debba essere piegata alle logiche e ai riti della rappresentanza politico-istituzionale, perimetrata e depotenziata. Piuttosto essi indicano il terreno di una pratica culturale e politica che apre nuovi spazi di democrazia diretta, di decisione condivisa intorno a ciò che è comune.

]]>
info@sherwood.it (Sherwood Network)
<![CDATA[Come arrivare allo Sherwood Festival]]>

IN AUTO

Le strada di accesso allo Sherwood Festival è chiusa ogni sera dalle ore 20.
Per raggiungere lo Sherwood Festival in auto imbocca Corso Australia in direzione Stadio Euganeo ed esci, da qualsiasi direzione tu provenga, all'uscita numero 2 (parcheggio locali). Il parcheggio Sud dello Stadio Euganeo è capiente, illuminato ed è il luogo più vicino all'ingresso del Festival.

Se provieni da Corso Australia non imboccare l'uscita che porta alla Stazione Ferroviaria, via Po e Q.re S. Bellino. Il transito per viale Nereo Rocco, da quel lato, sarà chiuso, e rischi di incontrare code e di contribuire a produrle.

Non parcheggiare in ogni caso in via Due Palazzi e nell vie limitrofe. Sei più lontano dall'ingresso e rischi la rimozione forzata del mezzo.

IN BICI

Raggiungere lo Sherwood Festival in bicicletta, è un'occasione per risparmiare e contribuire a mantenere l'aria della tua città più pulita. Inoltre, in questo modo, eviterai il problema del parcheggio, posteggiando il tuo veicolo a pedali a pochi passi dall'ingresso.

Potrai farlo comodamente da Padova centro imboccando Via Beato Pellegrino, proseguendo per Via Bezzecca, percorrendo un tratto di via Montà, fino alla rotonda in cui trovi le indicazioni per lo Stadio Euganeo. Attraversa il sottopassaggio di Via Croce Verde e svolta a sinistra seguendo Viale Nereo Rocco, raggiungerai l'ingresso del Festival dopo poche centinaia di metri.

]]>
info@sherwood.it (Sherwood Network)
<![CDATA[Sherwood Web TV: il palinsesto]]>

15 Giugno - 14 Luglio 2012
@ Sherwood Festival
Park Nord Stadio Euganeo
Viale Nereo Rocco - Padova

Sherwood.it. La cultura diventa multimediale.

Ogni giorno dalle ore 19.30 alle 24.00 la Sherwood Web Tv ti racconta il festival in diretta streaming video. Un palinsesto ricco di appuntamenti: le notizie più importanti, le interviste di BlowBook, le interviste agli artisti, le trasmissioni della WebRadio, i format di approfondimento su tematiche sociali e culturali. 

Un modo diverso per interagire con noi e rivivere tutte le emozioni del festival. Seguici sui maxischermi, comunica con noi su Facebook e Twitter.



Appuntamenti fissi
Ogni martedì alle ore 20.30 Nordest Boulevard a cura di Silvia Gorgi e Angela Boscaro.
Ogni venerdì alle ore 21.00 Sport alla Rovescia a cura di Ivan Grozny.
Ogni domenica alle ore 21.00 Take Five Jazz Summer Edition con Juliano Peruzy e Aisha Ruggieri.

Le interviste di BlowBook ogni giorno alle ore 20.30:
Tiziano Scarpa, Andrea Scarabelli, Jessica Dainese, Stefano Fierli, Stefano Dorigo, Francesco Targhetta, Ferruccio Pinotti, Piergiorgio Pulixi, Heman Zed, Romolo Bugaro, Claudia Galal, Michele Marcon (Finzioni), Laura Liberale.

Domenica 17 giugno ore 20.00
@Sherwood Web Tv

L'agricoltura nel tempo della crisi. Esperienze locali.
Ne parliamo con Daniele Toniolo, presidente regionale Cia Veneto
Presentazione delle aziende locali presenti allo Sherwood Festival.

Martedì 19 Giugno ore 19.30
@Sherwood Web Tv

La Cina e la crisi. Incontro con Angela Pascucci, giornalista de Il Manifesto, autrice di Talkin' China. A cura dell'Associazione Ya Basta in collaborazione con il Circolo de Il Manifesto di Padova.

Mercoledì 20 giugno, ore 21.00
@Sherwood Web Tv

La Notizia ai tempi dei Social Media

Quando un fatto diventa notizia, e chi lo decide. Talk d'informazione sl giornalismo, ospiti in studio i giornalisti Ernesto Milanesi e Sebastiano Canetta.
Conduce Carlo Vitelloni (Sherwood.it).

Giovedì 21 giugno ore 19.30
@Sherwood Web Tv

L'Egitto e la primavera araba. Intervista a Lorenzo Fe, autore con Mohamed Hossny del libro “In ogni strada. Voci di rivoluzioni dal Cairo”. A cura dell'Ass.ne Ya Basta.

Giovedì 28 giugno ore 19.30
@Sherwood Web Tv

Per la riconversione ecologica dell'economia, per il reddito minimo di cittadinanza  e il contrasto alla povertà: due proposte di legge di iniziativa popolare  per il Veneto. A cura di Eco-magazine.info

A seguire buffet a sostegno dell'iniziativa presso Sherwood Open Live.

Martedì 3 luglio ore 19.30
@Sherwood Web Tv

Gli scenari della crisi.
Talk con Riccardo Bellofiore, autore del libro "La crisi capitalistica, la barbarie che avanza" (ed. Asterios) a cura di Luca Casarini e Danilo Del Bello.

Domenica 8 luglio
@Sherwood Web Tv

ore 20.00 Intervista a Luca Romano sul volume in pubblicazione dedicato al settore della logistica in collaborazione con Sergio Bologna.

ore 22.00 Cooperative Anno 2012, speciale sulle lotte dei lavoratori in Veneto, con l'intervento di: Gianni Boetto (ADL Cobas Padova), Roberto Malesani (ADL Cobas Verona), Sergio Zulian (ADL Cobas Treviso), Mbarek El Asri (ADL Cobas Monselice)
Verranno proiettati, in anteprima, alcuni estratti dall'ultimo documentario di Carlo Vitelloni e Ivan Grozny sul lavoro nelle cooperative.
Alle ore 17.00 si svolgerà un'assemblea regionale dei lavoratori della logistica con la partecipazione di delegazioni dall'Emilia Romagna e dalla Lombardia per la costruzione di una piattaforma comune.

Venerdì 13 luglio ore 22.30
@Sherwood Web Tv
La cucina di QB Live con Anna Maria Pellegrino, Gil Frison e Paola Dalla Vecchia

]]>
info@sherwood.it (Sherwood Network)
<![CDATA[Mappa Sherwood Festival ]]>

]]>
info@sherwood.it (Sherwood Network)
<![CDATA[Sherwood Open Live]]>

15 Giugno - 14 luglio 2012
Sherwood Open Live

@ Sherwood Festival
Park Nord Stadio Euganeo
Viale Nereo Rocco - Padova

Corner tematici  e materiali:  

- Eco-magazine, per dar voce ai conflitti ambientali in Veneto  non solo
www.eco-magazine.info

- Associazione Ya Basta, per intessere relazioni globali in movimento
www.yabasta.it

- Donne in movimento, per uno sguardo differente sulla crisi

- Enoteca e sapori dal territorio con produttori locali;
- Birra artigianale alla spina;
- Caffetteria con Cafe Rebelde, dalle comunità zapatiste;
- Dolci con Azucar do Brasil,  zucchero dei Sem Terra;
- Grapperia e liquori di produzione artigianale.

- Ogni domenica menù con degustazione.

- Spazio informativo del Comitato Provinciale Due Sì per l'acqua bene comune – Padova.

- Materiali a cura del Circolo de Il Manifesto Padova.

- Esposizione stabile  e incontri ogni giovedì alle ore 19.30 con aziende del territorio  in collaborazione con Confederazione Italiana Agricoltori.

21 giugno esposizione a cura di :
Az. Agr. Biologica Celestino Benetazzo, loc. Salboro - Padova

Le coltivazioni sono condotte col metodo biologico sin dal 1983. In azienda si coltivano ogni anno una trentina di specie orticole, sia in pieno campo che sotto tunnel; il terreno viene fertilizzato con la tecnica dei sovesci, anche sotto tunnel, in alternativa si usa letame di cavallo. Il contenimento della maggior parte dei fitofagi è eseguito per mezzo di introduzioni di ausiliari. Le produzioni sono vendute direttamente in azienda. Celestino è uno degli agricoltori biologici più esperti e più noti della provincia.

Az. Agr. Biologica "Natura Franca" Franca Rodighiero,
Via Pozzoveggiani 34/A - 35124 Padova

Franca Rodighiero
non si improvvisa nel  biologico:  produce ortaggi biologici da 25 anni, prima come unica azienda agricola biologica Celestino Benetazzo ed ora condue realtà distinte e di cui l’azienda Natura Franca piu finalizzata alla vendita e promozione del biologico.Rimane sempre forte la stessa motivazione  che abbina l’obiettivo di produrre cibi sani,  alla necessità etica di proporre un’attività rispettosa dell’ambiente.
www.bio-naturafranca.it

28 giugno esposizione a cura di:
Az. Agr. "La Capreria" Grandis Enrico - Montegalda VI

La Capreria è un’azienda agricola situata a Montegalda in provincia di Vicenza in zona pianeggiante a ridosso dei Monti Berici.
Il latte viene trasformato direttamente in un piccolo caseificio dotato di tutte le attrezzature necessarie per garantire prodotti di ottima qualità e di alta garanzia igienico-sanitaria. L'azienda produce direttamente la maggior parte del foraggio necessario all’alimentazione delle 200 capre dalle quali si ottiene il latte utilizzato nella produzione dei formaggi. Uno sforzo indirizzato verso il continuo miglioramento di tutto il processo produttivo.
www.lacapreria.it

"L'orto di Alba" - Coop Alba Solidarietà Sociale, Maserà Padova

Un progetto attraverso cui la Cooperativa Sociale Alba crea i presupposti e le basi per promuovere progetti di inserimento lavorativo che permettano alle persone coinvolte di imparare un mestiere, di integrarsi nel ciclo produttivo e di intraprendere un graduale percorso di reinserimento e integrazione sociale. La realtà produttiva opera con particolare cura e attenzione agli aspetti etici, ecosostenibili e di risparmio energetico, nonché alla salvaguardia della biodiversità e alla valorizzazione del patrimonio locale.
www.lortodialba.it

5 luglio esposizione a cura di:
Soc. Agr. Biologica "Biogaia", Presina di Piazzola sul Brenta, Padova

GAIA è un PROGETTO AGRICOLO... ... ove l’agricoltura riveste sempre più il ruolo di PRESIDIO AMBIENTALE, soprattutto in pianura. GAIA produce ortaggi feschi e trasformati derivati,  coltiva secondo il regime di agricoltura biologica per una  pratica sostenibile, equa, ETICA.
www.biogaia.info/biogaia.info

12 luglio esposizione a cura di:
Agroecosostema Euganeo "Bravape"

Azienda che opera da piu' di un decennio nel campo dell'apicoltura professionale e che ha scelto come area per la propria attivita' l'ambiente particolare dei Colli Euganei, in provincia di Padova.
I Colli Euganei presentano una grande disponibilita' e varieta' di risorse nettarifere e consentono percio' la raccolta di diversi tipi di miele di ottima qualita' e gusto, tra cui eccellono i mieli di acacia, castagno e melata di bosco. L'Azienda ha i propri impianti per la smielatura e per l'invasettamento del miele nel laboratoro situato all'interno del Parco Regionale dei Colli Euganei, a Galzignano Terme (PADOVA).
www.bravape.com

SEGNALAZIONI:

Presso SherwoodWebTv

17 giugno ore 19.30

L'agricoltura nel tempo della crisi. Esperienze locali .
Ne parliamo con Daniele Toniolo presidente regionale Cia Veneto
Presentazione delle aziende locali presenti allo Sherwood Festival.

Giovedì 21 giugno ore 19.30

L'Egitto e la primavera araba. Intervista a Lorenzo Fe, autore con Mohamed Hossny del libro “In ogni strada. Voci di rivoluzioni dal Cairo” A cura dell'Ass.ne Ya Basta.

19 giugno ore 20.00

Cina e la crisi. Incontro con Angela Pascucci, giornalista de Il manifesto autrice di Talkin' China a cura Associazione Ya Basta in collaborazione con il Circolo de Il manifesto Padova.

28 giugno ore 19.30

Per la riconversione ecologica dell'economia, per il reddito minimo di cittadinanza  e contrasto alla povertà : due proposte di legge di iniziativa popolare  per il Veneto.
A seguire buffet a sostegno dell'iniziativa presso SherwoodOpenLive
Presentazione a cura di Ecomagazine.

Spazio cinema

8 luglio ore 21.00
Genere e crisi
Riflessioni intorno al libro “Sessismo democratico”
con Anna Simone sociologa, Federica Giardini filosofa, Caterina Peron ricercatrice.
Introduce Aurora d'Agostino avvocata
a cura di Donne in Movimento.

]]>
info@sherwood.it (Sherwood Network)
<![CDATA[2 Pigeons ]]>

Domenica 17 Giugno 2012
Sherwood Festival - Second Stage -
Park Nord Stadio Euganeo
Viale Nereo Rocco - Padova

2 Pigeons

Apertura cancelli ore 17.00

1 € può bastare

I 2 Pigeons sono Chiara Castello alla voce e alle percussioni e Kole Laca al piano rodhes e ai synth.
Retronica ovvero il tentativo di avvicinare ciò che all‘apparenza può sembrare distante e inconciliabile.L’elettronica e la musica totalmente suonata. Un immaginario vintage e storie che nella loro surrealtà raccontano le difficoltà e le paure del presente. L’apparente freddezza dei suoni sintetico-analogici e l’urgenza di esprimersi per quello che si è. Nel loro secondo lavoro i 2Pigeons fanno coincidere gli opposti e mettono ancora di più a fuoco le direzioni di un percorso che fino ad oggi, vedasi biografia, li ha visti fare incetta di riconoscimenti e date dal vivo e il cui apprezzamento viene testimoniato qui dalla presenza di alcuni ospiti importanti tra cui Giovanni Gulino di Marta sui Tubi, Pierpaolo Capovilla de Il Teatro degli Orrori, Enrico Gabrielli, Roy Paci. Dopo il precedente Land (2010), questo nuovo disco è un viaggio interplanetario dove la metamorfosi, nella sue varie forme fisiche e mentali, diviene il tema ricorrente di canzoni dalle vicende spesso imprevedibili e fantastiche, che attraversano con rara coerenza le molteplici espressioni dell’elettronica. I punti di vista si ribaltano, anche all’interno di uno stesso brano, così come le strutture musicali, frutto dell’immaginazione instancabile di Kole Laca e Chiara Castello. Techno, house, electro, trip-hop, dubstep e hip-hop diventano quindi dei semplici nomi di generi, mentre ad emergere è soprattutto una tendenza alla contaminazione chimica che trova il proprio compimento nell’approccio del tutto artigianale alla scrittura. I 2Pigeons usano infatti tastiere, synth, kaos pad e loop station ma evitano il computer, rivolgendosi alle macchine con un’indole agonistica che, in studio e soprattutto dal vivo, punta ad utilizzare gli strumenti al massimo delle loro possibilità e potenzialità. Quello che ne esce sono canzoni dalle strutture molecolari di loop ritmici, melodici e vocali che via via s’arricchiscono di sfumature. Tale particolarità in Retronica alimenta un percorso fra tracce che s’interrogano sulla propria identità in un surplus di rifrazioni vocali (Completely lost), o raccontano storie di donne delle pulizie abbandonate sulla navicella sovietica Vostok (Hard working space) e di novelli Icaro che sfidano il limite per eccesso di brio alcolico (Ikarus). Oppure ancora narrano da due punti di vista opposti (9mm parabellum, Teknowest) la biografia di un proiettile che trova il proprio senso nella fine di qualcun altro. Perché per i 2Pigeons tutto si trasforma in un continuo avvicendarsi di eventi mutabili e mutanti. Così una canzone popolare albanese può diventare una drammatica lovesong industriale (Turtulleshe) e la descrizione di come si costruisce il timer di una bomba (Nervous countdown) viene usata come metafora perfetta e sorprendente di un sentimento represso per troppo tempo che diventa esplosione musicale.

]]>
info@sherwood.it (Sherwood Network)
<![CDATA[M O N I K A]]>

Martedì 19 Giugno 2012
Sherwood Festival - Second Stage -
Park Nord Stadio Euganeo
Viale Nereo Rocco - Padova

M O N I K A

Apertura cancelli dalle ore 19.00

 1 € può bastare

Liberamente ispirato al libro “La ragazza che vendicò Che Guevara – Storia di Monika Ertl” di Jürgen Schreiber,  Nutrimenti 2011.

di Beppe Casales
diretto e interpretato da Irene Lamponi
montaggio video di Irene Lamponi
con il sostegno di Ass. Cult. ALTROQUANDO

Cosa ci spinge a lasciare tutto per seguire un' Idea?
Cosa ci spinge a rischiare la vita per volere un Cambiamento?
Cosa accade affinché una donna arrivi ad uccidere un Uomo?

Monika, è  uno spettacolo che mette in luce la  necessità e la volontà di un cambiamento in un sistema globale che tende a negare la giustizia, la dignità e la persona.                         
Attraverso la  storia di Monika Ertl, la ragazza che vendicò Che Guevara sparando all'ufficiale dei servizi segreti boliviani nel 1971, lo spettacolo parla anche del nostro presente. Un presente così ricco di movimenti atti a recuperare un amore negato che ancora oggi non è un diritto: la libertà.
Lo spettacolo traccia così una linea d'unione tra la storia di Monika e le grida di protesta degli ultimi anni, dalla primavera araba ai movimenti globali degli indignati.

La storia

Monika Ertl è la ragazza che vendicò Ernesto Che Guevara. Figlia di un tedesco compromesso col nazismo, trasferitasi in Bolivia per seguire il padre, nel 1969 all'età di 32 anni, Monika abbandona la famiglia per unirsi ai guerriglieri boliviani diventando l’amante del loro capo, Inti Peredo, il successore del Che. Solo tre anni più tardi, nel 1971, Monika decide di uccidere l' ufficiale dei servizi segreti boliviani Roberto Quintanilla, l’uomo che aveva coordinato le azioni per uccidere Che Guevara e Inti Peredo
Monika, avendo giurato vendetta per questi assassini decide di agire.

Vola al Consolato Boliviano di Amburgo, dove Quintanillia era stato messo al sicuro, e gli stampa una V in petto con tre colpi di pistola. I colpi partono da una Colt Cobra registrata a nome di Giangiacomo Feltrinelli. Due anni più tardi, nel 1973, in un' inarrestabile nemesi Monika cadrà poi a sua volta vittima di un'imboscata. In Monika la richiesta di amore e giustizia, venendo negata, si trasforma in un sentimento di odio che sfocia in una violenta umanità che non può più fermarsi.

La scena si apre ad Amburgo davanti all'ambasciata boliviana dove Monika è pronta ad agire. Il pubblico nel corso dello spettacolo è trasportato con flash-back tra passato e presente, sino all'assassinio finale.
Lo spettacolo è supportato da immagini e video che contestualizzano e ampliano la vicenda, creando un continuo gioco tra i fatti storici e le proteste del XXI secolo.

"); this.fullscreenMessageTimeoutId = setTimeout(function(){ $(".fullscreenMessage").fadeOut(function(){$(this).remove()}); },5000); }); } });$(".galleria-53d84f7c4bbf2_fullscreenHook").live("click",function(){ var galleries = Galleria.get(); $.each(galleries,function(){ if ( $(this._target).attr("id") == "galleria-53d84f7c4bbf2") { this.enterFullscreen(); } }); });$("#galleria-53d84f7c4bbf2 .galleria-stage .galleria-image img").live("click",function(){ var galleries = Galleria.get(); $.each(galleries,function(){ if ( $(this._target).attr("id") == "galleria-53d84f7c4bbf2") { if ( this.isFullscreen() ) { this.next(); } else { this.enterFullscreen(); } } }); });});

Quello che cerchiamo è la commistione tra la politica e il sogno. Il racconto crudo, che parla di storia o di presente, viene raccontato attraverso un mondo delicato che fa parte del “meraviglioso”. Come se dal crudo e nudo racconto, a tratti, riaffiorassero frammenti del sogno di un bambino.

Un Teatro Onirico Politico, per non perdere la tenerezza.

]]>
info@sherwood.it (Sherwood Network)
<![CDATA[Il Pan Del Diavolo]]>

Mercoledì 20 Giugno 2012
@ Sherwood Festival
Park Nord Stadio Euganeo
Viale Nereo Rocco - Padova

@ Second Stage

Il Pan Del Diavolo
Piombo, polvere e carbone tour

Apertura cancelli dalle ore 19.00

1 € può bastare

Il pan del diavolo è un gruppo musicale siciliano Folk /Rock formato da Alessandro Alosi e Gianluca Bartolo.
Suonano per l'etichetta indipendente La Tempesta. Il Gruppo nasce a Palermo nel 2006,nel 2008 vince il concorso Italia wave sicilia. Nel 2009 con l'uscita del primo Ep omonimo chiudono un tour di 80 concerti che presenta la band al pubblico nazionale. Il 15 gennaio 2010 esce Lp"sono all'osso" per la Tempesta dischi, ottimamente accolto dalla critica(5 stelle per RollingStone e disco del mese per Buscadero) ,l'album diventa finalista del Premio Tenco nella sezione"migliore opera prima".La Band ha attualmente all'attivo più di 200 concerti e il 6 febbraio 2012 annunciano sulla loro pagina Facebook che il 3 aprile uscirà il loro nuovo album intitolato Piombo, Polvere e Carbone.

http://www.ilpandeldiavolo.it/blog/

]]>
info@sherwood.it (Sherwood Network)
<![CDATA[Niksox ]]>

Giovedì 21 Giugno - Second stage
@ Sherwood Festival
Park Nord Stadio Euganeo
Viale Nereo Rocco - Padova

Niksox

Apertura cancelli dalle ore 19.00

Inizio concerto ore 21.30

1 € può bastare

I Niksox si formano nel 2009, dall'incontro tra M.Berlingeri e J.Ravagnan, musicisti di diversa estrazione ma, con una passione in comune.

Dopo alcuni cambi di lineup, nel corso dell'estate 2011 si assestano nella formazione attuale, proseguendo la propria ricerca sonora e rifinendo le loro coordinate espressive.
Il 29 novembre 2011 esce 2665, brano dedicato al prematuramente scomparso scrittore cileno Roberto Bolano. Il singolo, prodotto da G.Corona, anticipa l'uscita del loro primo full length, previsto nel corso dell’autunno 2012.

La ricerca sonora è quella che accomuna i tre membri del gruppo e che porta ad una miscela di sonorità che, in maniera puramente indicativa, potremmo definire indie-stoner, trait d’union tra Dredg e Isis, con influenze di dEUS e Kyuss.

Il Tour Ali di cera, promosso nel 2011, ha visto la band calcare numerosi band assieme ad altri artisti della scena italiana.

]]>
info@sherwood.it (Sherwood Network)
<![CDATA[Universal Sex Arena ]]>

Domenica 24 Giugno 2012
Sherwood Festival - Second Stage -
Park Nord Stadio Euganeo
Viale Nereo Rocco - Padova

Universal Sex Arena

Apertura cancelli dalle ore 17.00

1 € può bastare

Un nome numeroso, un posto molto caldo. La gioia, la gola, i muscoli e l’amore. Universal Sex Arena è il rione a luglio, al mattino.

I colori bruciano, sudano e contagiano mentre le navi salpano e attraccano, i marinai fanno l’amore con la città e le donne sorridono sempre.
Rock and roll universale, uber storico, senza tempo e senza necessità di portare un vestito per definirsi.

La lingua e il corpo teso sono strategie tattili per espandere il piacere, condividerlo e prolungarlo. Ascoltare soltanto, quindi, limita l’apprendimento di un luogo, meglio inspirare a pieni polmoni e baciare a lungo chi ci sta accanto.

]]>
info@sherwood.it (Sherwood Network)
<![CDATA[Niente, più niente al mondo ]]>

Martedi 26 Giugno - Second stage
@ Sherwood Festival
Park Nord Stadio Euganeo
Viale Nereo Rocco - Padova

Niente, più niente al mondo

Apertura cancelli dalle ore 19.00

Inizio spettacolo ore 21.00

1 € può bastare

 Studio di
 Gianni Stoppelli
 sulla sceneggiatura di Massimo Carlotto
(2004, edizioni E/O, collana Assolo)

La voce è quella di una donna di 45 anni, domestica a ore. Racconta in prima persona la propria quotidianità, sempre uguale da anni e anni di matrimonio. Descrive la geografia del suo mondo attraverso i fantasiosi e allettanti nomi dei discount alimentari. Analizza con lucida e spietata consapevolezza la grigia fissità dell’esistenza di cui è vittima. Ripone le proprie speranze di riscatto nell’unica figlia.

Il terrore di vedere la propria vecchiaia avanzare senza nessuna sicurezza. La madre – la nostra 45enne – è ormai infiacchita dal tentativo quotidiano di far quadrare i conti. Soldi non ce ne sono mai stati tanti. Sicuramente troppo pochi rispetto a quelli delle famiglie della Torino bene presso cui, settimana dopo settimana, va a lavorare. Troppo pochi rispetto alle vite incapsulate nello schermo televisivo. Troppo pochi perfino per andare in vacanza.

La tragedia potrebbe essere evitata se la voce di questa donna trovasse ascolto, se i suoi pensieri non rimanessero ancorati ai modelli consumistici e se da qualche parte riuscisse a riconoscere un po’ d’amore. Ma è molto difficile guardarsi dall’esterno, ancora di più se non si hanno gli strumenti adatti. E il fato si compie.

“Carlotto ci presenta i nostri poveri. Raccoglie la loro voce come Pasolini aveva fatto ai suoi tempi. Ma non c’è più grazia nella loro esistenza, e l’eco del mondo contadino è troppo debole per riuscire a formarne l’identità. Niente, più niente al mondo – citazione da Il cielo in una stanza – già dal titolo fa professione di nichilismo: non c’è affetto, non c’è tolleranza, non c’è speranza, non c’è lo Stato, non c’è più vita. Una denuncia che potrebbe sembrare anacronistica a quelli che abbracciano l’ipocrisia di un’Italia ormai definitivamente votata al benessere. Ma qualcuno ancora vive così, e il giallo sta tutto nel decidere chi siano veramente i colpevoli.”
Maria Agostinelli

]]>
info@sherwood.it (Sherwood Network)
<![CDATA[Ear 2 the Street Showcase ]]>

Mercoledi 27 Giugno 2012
Sherwood Festival - Second Stage -
Park Nord Stadio Euganeo
Viale Nereo Rocco - Padova

Ear 2 the Street Showcase

Apertura cancelli dalle ore 18.00

Aspettando i Cypress Hill, showcase dedicato alla cultura e alla musica hip hop. Una forma alternativa di comunicare in modo spontaneo e allo stesso tempo un mezzo per riappropriarsi della propria identità.

Il live coinvolgerà Dj KeyOne, Karma 22 (Odio Tribale/Trve Vandalz), Nitro (Gioventù Bruciata/Mtv Spit) e Max Mbassadò (EAD).

]]>
info@sherwood.it (Sherwood Network)
<![CDATA[Edo ]]>

Giovedì 28 giugno - Second stage -
@ Sherwood Festival
Park Nord Stadio Euganeo
Viale Nereo Rocco - Padova

Per vedere Lost

Edo

Apertura cancelli dalle ore 19.00

1 € può bastare

Edo è Edoardo Cremonese, classe 1986, un passato da musicista grunge nel Veneto, un presente da cantautore a Milano.

A 19 anni si butta da un paracadute, a Padova la sua città, sul palco di Trl, proprio nel momento in cui suonavano i Muse, insieme a Giorgia Surina e sotto lo sguardo allibito di migliaia di persone. Si fa firmare la chitarra da Matthew Bellamy che si premura che lo strumento non venga venduto subito dopo su Ebay e lo suona in tutte le date che verranno con la sua prima band che fa grunge e si chiama Isterica. Passano solo una manciata di mesi, dal salto nel vuoto, e mentre matura gli studi di Belle Arti a Venezia, dopo aver registrato e mai pubblicato un album com Marco Fasolo dei Jennifer Gentle mette da parte l'esperienza musicale collettiva e decide di mettersi in proprio, cambiare rotta, faccia ma soprattutto nome, Edo ed intessere così l'ordito di un primo Ep: Naso a tramezzino, registrato fra le ante del suo armadio, che segna il suo debutto nel cantautorato italiano ed è puro divertissement, appena fuori dai banchi di scuola.

Raccoglie storie e ispirazioni, si sposta dall'armadio all'altro lato della camera,
sotto il suo letto a soppalco dell'Ikea e nasce totalmente autoprodotto: Per
Vedere Lost, prima prova sulla lunga distanza in cui fa tuttò da sè: scrive, canta, suona tutto il necessario (chitarra, percussioni, basso, sintetizzatore, piano), ricercando atmosfere volutamente intime e low-fi. La quotidianità raccontata seguendo cambiamenti e migrazioni, l'amore ai tempi dell'Università, le relazioni precarie in cui ci si avvicina lentamente cercando in tasca un decalogo delle istruzioni, le serate felici fra i colori delle feste Erasmus, gli Spoiler di Lost, l'omaggio ad Albanese e al suo uomo d'acqua dolce. Fermarsi un attimo e chiedersi che cosa farà un'intera generazione dopo l'Università.

Una personalità istrionica, che prende fa musica per bene ma non si prende eccessivamente sul serio, scegliendo come unica e migliore compagna di viaggio, una squisita e schietta ironia provinciale.

]]>
info@sherwood.it (Sherwood Network)
<![CDATA[Hip Hop Day (3° Edizione): Special Guest: Ghemon Scienz]]>

Domenica 01 Luglio 2012
@ Sherwood Festival
Park Nord Stadio Euganeo
Viale Nereo Rocco - Padova

@ Second Stage

Hip Hop Day 3° Edizione

Apertura Cancelli dalle ore 17.00

1 € può bastare

Ore 17.30

Tavola Rotonda con il guest Ghemon Scienz, Max Mbassadò, PD City Connection.

Giornata dedicata alla cultura e musica Hip Hop non tanto come un principio quanto un mezzo per riappropriarsi della propria identità, diritti e libertà, forma libera e diretta di comunicazione spontanea aldilà dello star system. Musica e colonna sonora indipendente, dalla forte identità multiculturale capace di dar un senso appartenenza ad una comunità, un movimento che comunica attraverso un linguaggio universale. “Hip la conoscenza Hop il movimento”. Radio come cassa di risonanza, voce e forte segnale della comunità.

A seguire l'esperienza del progetto PD City Connection nato dalla sinergia delle realtà di Padova operative al C.S.O. Pedro.

Ore 19.00 Inizio Freestyle Battle

Pausa per vedere la finale degli Europei Italia vs Spagna sul maxischermo

Ore 22.30 Finale Freestyle Battle

Per iscrizioni alla Freestyle Battle: mbassado@yahoo.it con oggetto Battle
iscrizione da confermare in loco entro le Ore 19.30

Ore 23.00

Ghemon Scienz
Live show

Ghemon al secolo Gianluca Picariello, nato ad Avellino l’1 aprile 1982 .
Inizia le prime esperienze nel campo della musica rap nel 1996 e dopo 4 anni nel 2000 autoproduce il demo “Bloodstains” col nome di Sangamaro che viene recensito come uno”dei prodotti più interessanti dell’anno…”(AELLE, Aprile 2000), e che gli permette di acquisire una buona esperienza sia in studio che dal vivo.
Nei 2 anni successivi si sposta a Roma, dove tutt’ora risiede e dove da subito inizia a lavorare ai suoi nuovi progetti.
A Marzo 2005 entra a far parte del collettivo “Soulville Records”una sorta di network che coniuga un'etichetta discografica e un sito (www.soulville.it) che raccoglie artisti e ascoltatori, con gusti musicali simili, più vicini al soul e al rap dalle atmosfere sofisticate, cosiddetto “conscious”, presto diventata una stabile realtà della scena Hip Hop Italiana.
Nel 2006, Soulville pubblica gratuitamente "Ufficio Immaginazione", il primo Ep da solista di Ghemon, che riscuote notevoli consensi di critica e raggiunge quota 3000 downloads.
Dopo l'estate 2006, Ghemon fuoriesce dal collettivo "Soulville" per proseguire da solo la propria esperienza musicale.
Nel Marzo 2007, unendo le forze con il noto dj romano Fester Tarantino, viene pubblicato il mixtape/street album "Qualcosa Cambierà", 20 tracce di cui 11 inediti, autoprodotti e autodistribuiti, che fanno da preludio all'album "La Rivincita Dei Buoni", che vede la luce nel novembre del 2007.
Nello stesso mese Ghemon viene premiato alla decima edizione del MEI (il meeting delle etichette indipendenti che si tiene annualmente a Faenza) come "Hip Hop Brand New Artist 2007".
A metà del 2008 inizia a lavorare al suo quarto progetto ufficiale che si intitola "E poi, all'improvviso, impazzire" spalla a spalla con Fid Mella e Dj Tsura, formando anche il fantomatico gruppo "Ghemon & The Love Quartet" e che esce nel 2009. Il fortunato album riscuote successi di critica e pubblico. Vengono estratti 3 video, che vanno in rotazione sulle tv musicali italiane, e anche alcune testate estere si occupano di recensirlo.
Nel 2010 fa uscire gratuitamente dal sito www.blue-nox.com l'ep di 7 tracce chiamato "EMbrionALE" con lo pseudonimo di Gilmar. Il lavoro è una rielaborazione delle musiche del compositore Jon Brion, associate alle parole di Gilmar, personaggio dell'immaginazione dell'autore.
Il 25 Gennaio 2012 rilascerà un nuovo album intitolato "Qualcosa E' Cambiato/Qualcosa Cambierà vol.2" ideale prosecuzione del progetto iniziato nel 2007.

Ghemon aka Gilmar è membro di Blue Nox e Unlimited Struggle, e porta avanti una nutrita attività live accompagnato da Dj Tsura e da esponenti dei due collettivi di cui è rappresentante.

]]>
info@sherwood.it (Sherwood Network)