<![CDATA[ home | Sherwood - La migliore alternativa]]> https://www.sherwood.it <![CDATA[SKA-P allo Sherwood 2019]]>


Sabato 29 Giugno 2019

SKA-P

Unica data Nord-Est Italia

Vai alla Pagina FB

Vai al sito


Sherwood Festival 2019
Park Nord Stadio Euganeo
Viale Nereo Rocco - Padova
#sherwood19


Apertura cancelli: ore 19.00

Inizio concerto: 21.00

Biglietto in prevendita 25 € + d.p.

Biglietto in cassa 30 €


Acquista in prevendita su www.sherwood.it
Eviti le code
Ti assicuri l'ingresso anche in caso di Sold Out
È facile e sicuro

Clicca sul box giallo a destra


Prevendite disponibili anche su:

www.ticketone.it

www.ticketmaster.it


Gli aventi diritto al bonus cultura iscritti all'applicazione 18app 
potranno acquistare i biglietti dello Sherwood Festival 
accedendo al seguente indirizzo: www.ticketone.it/18app


Al termine del concerto ingresso 1 € può bastare

Raggiungi lo Sherwood Festival in autobus
collegati sul sito di Busforfun.com
www.busforfun.com/articolo/sherwood


L'aria di festa dello ska, l'adrenalina pura del punk rock. Gli Ska-P sono un must dei grandi eventi estivi, e stanno scaldando i motori in vista del loro ritorno in Italia. Il gruppo spagnolo infatti sarà nel nostro Paese giovedì 27 giugno al Carroponte di Sesto San Giovanni (MI), e ancora sabato 29 giugno allo Sherwood Festival, presso il Park Nord Stadio Euganeo di Padova.

Autori di veri e propri tormentoni come Cannabis (forse ancora più nota come Legalización) che fanno cantare almeno tre generazioni di pubblico, gli Ska-P hanno da sempre fatto della commistione fra musica e impegno sociale e politico il proprio manifesto artistico. Brani quali El vals del obrero, Intifada o Mis colegas sono successi tanto di pubblico quanto radiofonici che testimoniano la volontà della band di essere sempre in prima linea nel combattere per le proprie idee, senza per questo rinunciare a divertire e divertirsi sul palco.

Le date in arrivo nel nostro Paese saranno inoltre la prima, esclusiva occasione di ascoltare alcuni pezzi presenti su Game Over, il nuovissimo album degli Ska-P uscito il 5 ottobre. Pubblicato a cinque anni di distanza dal suo predecessore 99% (2013), nelle sue dodici tracce ritroviamo la band più in forma che mai, con la sua miscela esplosiva di ska, punk rock e reggae che li mantiene da vent'anni nel posto più alto del firmamento di questo genere.

Accolto da uno stuolo di recensioni favorevoli e dai tantissimi commenti positivi dei fan in tutto il mondo, Game Over conferma la voglia del gruppo spagnolo di continuare a parlare per conto dei più deboli e di denunciare le ingiustizie della nostra società, senza aver paura di usare anche toni forti, come dimostra il singolo Jaque al rey, dal titolo decisamente esplicito (“scacco al re”). Tra le canzoni più apprezzate fin da subito, anche l’opener A Chitón, che denuncia le azioni repressive delle autorità nei confronti di tutte le voci dissidenti, e No lo volveré a hacer más, che invece affronta il tema della dipendenza dall’alcol.

]]>
info@sherwood.it (Sherwood Network)
<![CDATA[Dropkick Murphys + The Interrupters allo Sherwood 2019]]>


Mercoledi 19 Giugno 2019

Dropkick Murphys

Unica data italiana

Vai alla Pagina FB

Vai al sito


Opening act:

The Interrupters

Vai alla Pagina FB

Vai al sito


Sherwood Festival 2019
Park Nord Stadio Euganeo
Viale Nereo Rocco - Padova
#sherwood19


Apertura cancelli: ore 19.00

Inizio concerto: 21.00

Biglietto in prevendita 25 € + d.p.

Biglietto in cassa 30 €


Acquista in prevendita su www.sherwood.it

Eviti le code
Ti assicuri l'ingresso anche in caso di Sold Out
È facile e sicuro

Clicca sul box giallo a destra


Prevendite disponibili anche su:

www.ticketone.it

www.ticketmaster.it


Gli aventi diritto al bonus cultura iscritti all'applicazione 18app
potranno acquistare i biglietti dello Sherwood Festival
accedendo al seguente indirizzo: www.ticketone.it/18app

Al termine del concerto ingresso 1 € può bastare

Raggiungi lo Sherwood Festival in autobus
collegati sul sito di Busforfun.com
www.busforfun.com/articolo/sherwood


Fisarmoniche, cornamuse ... riff di chitarra e rullate punk rock. Solo alcune delle caratteristiche di un live dei Dropkick Murphys. La band del Massachusetts è pronta a fare il suo ritorno in Italia per un'unica, scatenata data: l'appuntamento è per mercoledì 19 giugno 2019 allo Sherwood Festival di Padova, presso il Park Nord Stadio Euganeo.

Abbiamo visto la band all'opera l'ultima volta sul palco del Bay Fest 2018, di cui sono stati headliner: i Dropkick si confermano quindi band dei grandi eventi, capace di far ballare, commuovere e cantare a squarciagola migliaia di persone con l'allegria e la potenza della propria musica. 

La band continua la promozione dell'ultimo lavoro discografico 11 Short Stories of Pain & Glory, uscito nel 2017 sull'etichetta Born & Bred Records fondata e posseduta dai membri stessi del gruppo. Il disco è finito dritto nella top 10 delle classifiche di vendita americane di Billboard, confermando la band come leader indiscussa del movimento Celtic punk mondiale. 

Da hit senza tempo come I'm Shipping Up to Boston alle recenti canzoni come Rose Tattoo diventate subito dei nuovi classici, i Dropkick Murphys non hanno mai perso la capacità di rinnovarsi, crescere, ma soprattutto divertire e divertirsi. Il concerto di Padova sarà l'occasione dell'estate per tutti gli amanti dell'allegria e della festa a ritmo di grande musica.

Attesissimi in Italia grazie a una popolarità in crescita esponenziale, prima dei Dropkick saliranno sul palco i The Interrupters. Il loro ritorno nel nostro Paese è accompagnato dal successo dell'ultimo album Fight the Good Fight, uscito quest'anno per Hellcat Records ed Epitaph Records. Il travolgente singolo She's Kerosene ha conquistato le radio e le playlist streaming in tutto il mondo, e un palco importante come quello dello Sherwood è l'occasione perfetta per consacrare definitivamente la band in Italia.

]]>
info@sherwood.it (Sherwood Network)
<![CDATA[Contatti / FAQ - Sherwood Festival 2019]]>

SHERWOOD FESTIVAL 2019:

- Cos'è lo Sherwood Festival?

E' un festival culturale indipendente della durata di 30 giorni. Sui suoi palchi si esibiscono da anni le migliori band della scena indipendente. Una parte importante del festival è dedicata ai dibattiti, alle presentazioni e agli approfondimenti culturali. Quest'anno festeggiamo la ventesima edizione al Park Nord dello Stadio Euganeo.

Quando si svolge lo Sherwood Festival 2019?

Lo Sherwood Festival 2019 si svolgerà dal 7 Giugno al 6 Luglio 2019

Dove si svolge lo Sherwood Festival?

Si svolge al Park Nord Stadio Euganeo, Padova.

A che ora aprono i cancelli dello Sherwood Festival?

Tutti i giorni alle ore 19.00
La domenica alle ore 18.00

* salvo comunicazioni diverse che troverete negli articoli di questo sito e nelle comunicazioni sui social.

Come posso arrivare allo Sherwood Festival?

E' possibile arrivare al Parcheggio Nord Stadio Euganeo, in auto, bus o bicicletta.

INFO BIGLIETTI:

- Dove posso acquistare i biglietti?

Sul sito di Sherwood.it, è attiva la vendita ONLINE dei ticketClicca qui per vedere tutti i biglietti acquistabili.

- Perchè acquistare i biglietti online direttamente sul sito di Sherwood?

Eviti le code usando gli ingressi dedicati; è facile e sicuro.

- Quando e dove posso ritirare i biglietti acquistati on line su Sherwood.it?

Gli utenti, al termine dell'operazione, dovranno stampare un voucher che consegneranno, il giorno del concerto, in una corsia dedicata per ritirare il biglietto ed avere accesso immediato all'area concerti.

- I bambini pagano l'ingresso allo Sherwood Festival?

L'ingresso è gratuito entro il compimento dei 12 anni di età, ovviamente se accompagnati dai genitori.

SERVIZI:

Diversamente abili

L'ingresso è gratuito per gli accompagnatori. All'interno dell'area è predisposta una pedana riservata.

- E' possibile accedere con il proprio cane?

Sì, purchè sia tenuto al guinzaglio

- Cosa è possibile mangiare e bere allo Sherwood Festival?

Di tutto e di più. Ci sono numerosissimi stand gastronomici e chioschi. Dal veloce panino, all'otttimo kebab, passando per le pizze fino ai piatti più ricercati.
Con il caldo si beve di più. Potete scegliere fra cocktail, vini selezionati, birre artigianali e non, amari e grappe di qualità, freschi frullati e succhi di frutta.

Parcheggi:

Lascia la tua auto nel parcheggio Sud dello Stadio. E' il più vicino ed eviterai di incappare nella rimozione dell'auto.
Lo puoi raggiungere comodamente utilizzando l'uscita nr. 2 di Corso Australia. Evita invece via Due Palazzi, molto abitata, lontana dall'ingresso e a rischio rimozione forzata.

Se arrivi in moto o bicicletta usa il Parcheggio Nord, vicino all'entrata del festival.

- Cosa non posso portare allo Sherwood Festival?

Un solo e preciso divieto: non introdurre bottiglie di vetro.

- Cosa non posso fare?

Suonare percusioni o altri strumenti dopo le 24.00

- C'e assistenza sanitaria?

Certo. All'interno del festival è ativo tutti i giorni un presidio sanitario che si trova

vicino all'enoteca. Il Presidio risponde al numero 327.3538331

- Cosa devo fare se trovo/perdo qualcosa all'interno dello Sherwood Festival?

Rivolgiti al Bar Centrale o chiama l'infoline del festival al numero 335.1237814

- Come posso rimanere aggiornato?

Segui sempre gli aggiornamenti su www.sherwood.it


Pagine Facebook
:
www.facebook.com/festival.sherwood
www.facebook.com/sherwood.it

Twitter: @SherwoodPadova

Instagram: sherwood_festival


CONTATTI

Informazioni al pubblico:

Infoline Sherwood Festival: 

335.1237814 (risponde solo dalle ore 13:00 alle 18:00)
o scrivi a festival@sherwood.it

Problemi relativi all'acquisto di biglietti: 

ticket@sherwood.it


Informazione alla stampa:

Ufficio stampa Sherwood Festival
Hoodooh S.n.c.
Tel. +39 0445 221166
alberto@hoodooh.com
www.hoodooh.com


Info Banchetti
:

banchetti@sherwood.it


Collabora con noi
:

collabora@sherwood.it - Colloqui in sede.


ARCHIVIO

Festival Oldies: Per rivivere lo spirito delle passate edizioni del Festival e per fare un esercizio di memoria, visitate la pagina dedicata

]]>
info@sherwood.it (Sherwood Network)
<![CDATA[Raggiungi #Sherwood19 con Busforfun]]>

Sherwood Festival e Busforfun assieme per la mobilità sostenibile.

Il festival veneto, uno dei più longevi di tutto il paese, che si svolgerà anche quest'anno nel Park Nord dello Stadio Euganeo di Padova e che ha già annunciato alcuni big della sua programmazione, anche quest'anno sarà raggiungibile in autobus grazie alla partnership con Busforfun, l'innovativa start-up veneta che, da qualche anno, offre servizi di collegamento con i più importanti appuntamenti culturali e di entertainment in Italia e all'estero.

Il servizio, prenotabile sul sito www.busforfun.com, sarà attivo per i principali concerti dello Sherwood Festival 2019: SKA-P, Dropkick Muphys e molti altri che si aggiungeranno nei prossimi mesi.

Busforfun collegherà le principali città del Veneto direttamente con il festival, garantendo una mobilità sicura, economica e sostenibile.

Oltre ai vantaggi legati alla mobilità condivisa e collettiva, infatti, Busforfun, dà la possibilità di compensare all'impatto ambientale dei propri autobus con un contributo volontario, al momento della prenotazione, che grazie alla collaborazione con il progetto Treedom, si trasformerà in una vera e propria foresta. Ad oggi Busforfun ha contribuito alla piantumazione di quasi 100 alberi in 4 paesi del mondo.

La foresta di Sherwood e la foresta di Busforfun assieme per un progetto che sicuramente sarà apprezzato dalle centinaia di fan in tutta la regione.


Per saperne di più:

www.busforfun.com/articolo/sherwood

]]>
info@sherwood.it (Sherwood Network)
<![CDATA[Come arrivare a #Sherwood19]]>

Come puoi raggiungere il Park Nord

dello Stadio Euganeo a Padova

Auto: all'uscita autostradale Padova Ovest prendere lo svincolo a sinistra seguendo per Padova. Seguire le indicazioni per Stadio Euganeo - Parcheggio Ospiti.

Autobus: dal centro di Padova prendere l'autobus n.11 in direzione Taggì e scendere in via Montà, proseguendo poi a piedi lungo Via Croce Verde in direzione Stadio Euganeo. In alternativa prendere l'autobus n.13 in direzione Altichiero e scendere in via Sacro Cuore, proseguendo poi a piedi lungo via Due Palazzi in direzione Stadio Euganeo.

Bicicletta: Per arrivare a Sherwood in bici il percorso più breve partendo dal centro è quello di via Montà. Percorrete via Montà fino alla rotatoria con via Croce Verde, qui svoltate a destra e scendete lungo il sottopassaggio. Vi troverete allo stadio Euganeo.

Arrivando dall'Arcella potete prendere il sottopassaggio per bici alla fine di via Annibale da Bassano e seguire la ciclabile di via Sacro Cuore. Svoltate a sinistra in via Due Palazzi.

C’è anche una scorciatoia all’incrocio tra via San Bellino e via J. della Quercia, prendendo il sottopassaggio per bici, seguite Via Canal Bianco e poi Via Natisone. Arrivate in via Sacro Cuore, svoltate a sinistra in via Due Palazzi.

Raggiungi il festival in bus collegati sul sito di Busforfun.com
www.busforfun.com/articolo/sherwood


A breve verranno aggiunte le mappe per raggingere lo #Sherwood19 a piedi e in bici e confermati i bus navetta dal centro città.

]]>
info@sherwood.it (Sherwood Network)
<![CDATA[Calendario SOL // 2018-2019]]>

 

Calendario Sherwood Open Live
2018-2019

Ottobre

17/10 • SOL#40 • Big Bon  • Blues Night : OneManBand

24/10 • SOL#41 • Degrettica CP • Hardcore Acustico

31/10 • SOL#42 • Gerald Clark (South Africa) • Folk-Blues

Novembre

07/11 • SOL#43 • Alioune Slysajah  • African Soul

14/11 • SOL#44 • Elias Babad  • Blues

21/11 • SOL#45 • Youri Defrance (FRA)  • Word Music - Psyche Blues

28/11 • SOL#46 • Merio  • Rap

Dicembre

05/12 • SOL#47 • Gastòn  • Songwriting

12/12 • SOL#48 • Shovi Shuva  • Tropical Music

19/12 • SOL#49 • Mud & Il Comizio di Cicale • Indie Reggae


]]>
info@sherwood.it (Sherwood Network)
<![CDATA[Alborosie 25 Anniversary al Rivolta]]>

Sabato 09 Marzo 2019Centro Sociale RivoltaVia F.lli Bandiera, 45 - Marghera (VE)
www.facebook.com/rivoltamarghera


Alborosie | 25th Anniversary

www.facebook.com/OneAlborosie

Alborosie Official Page, uno degli artisti reggae più stimati ed apprezzati a livello internazionale, torna sui palchi italiani nel 2019 per celebrare i 25 anni di carriera e presentare il suo ultimo album “Unbreakable – Alborosie meets The Wailers United”, uscito lo scorso giugno, dove per la parte strumentale, si è avvalso della collaborazione della formazione originale dei The Wailers (Aston “Family Man” Barrett, Junior Marvin e Tyrone Downie) con la partecipazione di Aston Barrett Jr..

Grazie a questo album Alborosie è stato considerato tra le nomination dei Grammy Awards 2018 come Best Reggae Album e ha raggiunto gli 8 milioni di stream. Inoltre esce oggi, 16 novembre, il suo nuovo video, Contradiction, una collaborazione con la superstar giamaicana Chronixx.

Unbreakable, il nono album per l'etichetta Greensleves, contiene quattordici tracce di puro roots reggae, senza dimenticare sonorità più moderne, come in Contradiction e nella title track, e una cover sui generis, The Unforgiven dei Metallica.


Warm-Up:

Mr. Robinson

www.facebook.com/misterobinson69


Aftershow:

BomChilom Sound

www.facebook.com/bomchilom


Zion Cuts

www.facebook.com/zioncutssound


& more to be announced ...

Apertura Cancelli e Casse Ore 20.00

Biglietti

20 € in prevendita

25 € in cassa

Le prevendite saranno disponibili solo presso il Rivolta
a partire da Martedi 20 Novembre con i seguenti orari:

MARTEDI dalle 12.00 alle 18.30
SABATO dalle 21.00 alle 24.00

A ridosso dell'evento verranno aumentati i giorni in cui sarà possibile acquistare le prevendite (tutte le info verranno comunicate su questo evento Facebook).


Vi invitiamo ad arrivare presto, all'interno del Rivolta saranno attive l'Osteria e la Pizzeria dove potrete gustare ottime pizze e piatti, preparati con materie prime di qualità selezionate da produttori locali, accompagnati da ottime birre artigianali e vini del territorio.


Come arrivare al Rivolta dalla stazione dei treni di Mestre:

Uscite dal sottopasso della stazione di MESTRE (direzione di Marghera - uscita verso il binario con il numero più alto), proseguite per 100 mt. e svoltate a sinistra in Via Carrer, dopo 150 mt. attraversate Via Rizzardi, prendete Via Bellinato e tenendo la destra proseguite per 150 mt. fino ad arrivare in Via Durando, girate a sinistra e proseguendo per 100 mt. vi troverete in Via F.lli Bandiera, girate a destra e proseguite finché sulla vostra sinistra troverete il Centro Sociale Rivolta (15 min. a piedi).

------------------------------------------------------------------------------------------

Info su www.bpmconcerti.com

]]>
info@sherwood.it (Sherwood Network)
<![CDATA[Tre Allegri Ragazzi Morti ]]>

Sabato 02 Marzo 2019Centro Sociale Occupato PedroVia Ticino, 5 - Padova


Tre Allegri Ragazzi Morti

"Sindacato dei sogni" Tour 2019

www.facebook.com/treallegriragazzimorti

www.treallegriragazzimorti.it


Apertura cancelli ore 22.00

Ingresso 10 € - No Prevendite


Tre allegri ragazzi morti ritornano in tour con il nuovo album 'Sindacato dei sogni'. Il disco arriva a tre anni dal precedente ‘Inumani' ed è pubblicato da La Tempesta, l’etichetta indipendente fondata dai Tre allegri nel 2000. Omaggio già nel titolo al rock psichedelico (sindacato dei sogni è la traduzione di The Dream Syndicate, il gruppo californiano esponente del movimento musicale paisley underground) il nuovo disco dei Tre allegri contiene molte dolcissime novità.

Il disco rimette al centro del sound l’incontro musicale tra Davide Toffolo, Luca Masseroni ed Enrico Molteni. Prodotto assieme a Matt Bordin (Mojomatics, Squadra Omega) ’Sindacato dei sogni' è stato suonato con strumenti preziosi e registrato dai tre di Pordenone, affiancati da Andrea Maglia, in alcune sessioni estive all’Outside Inside Studio sul bordo del magico bosco collinare del Montello, vicino a Montebelluna (Tv).

Il nuovo concerto sarà l’occasione giusta per dare spazio a queste nuove canzoni ma anche per riproporre le tracce più belle ed amate scritte in questi anni dai Tre allegri ragazzi morti.

✉ concerti@latempesta.org
✉ info@treallegriragazzimorti.it

IG @treallegri
FB @treallegriragazzimorti

Spotify ♫ http://bit.ly/tre_allegri

]]>
info@sherwood.it (Sherwood Network)
<![CDATA[Paolo Baldini Dubfiles + guests]]>

Sabato 26 GennaioCentro Sociale RivoltaVia F.lli Bandiera, 45 - Marghera (VE)
www.facebook.com/rivoltamarghera


Paolo Baldini Dubfiles

www.facebook.com/paolobaldinidubfiles

+ guests on the mic

meets


BomChilom

www.facebook.com/bomchilom


Zion Cuts

www.facebook.com/zioncutssound


Bassi Gradassi Sound System

bit.ly/BassiGradassi

Powered by Bassi Gradassi 9.9 kW Sound System


Apertura cancelli ore 22.00

Ingresso 5 €


Vi invitiamo ad arrivare presto, all'interno del Rivolta saranno attive l'Osteria e la Pizzeria dove potrete gustare ottime pizze e piatti, preparati con materie prime di qualità selezionate da produttori locali, accompagnati da ottime birre artigianali e vini del territorio.


Come arrivare al Rivolta dalla stazione dei treni di Mestre:

Uscite dal sottopasso della stazione di Mestre (direzione di Marghera - uscita verso il binario con il numero più alto), proseguite per 100 mt. e svoltate a sinistra in Via Carrer, dopo 150 mt. attraversate Via Rizzardi, prendete Via Bellinato e tenendo la destra proseguite per 150 mt. fino ad arrivare in Via Durando, girate a sinistra e proseguendo per 100 mt. vi troverete in Via F.lli Bandiera, girate a destra e proseguite finché sulla vostra sinistra troverete il Centro Sociale Rivolta (15 min. a piedi).

]]>
info@sherwood.it (Sherwood Network)
<![CDATA[Bull Brigade, DSA Commando, 360 Flip]]>

Sabato 19 GennaioCentro Sociale RivoltaVia F.lli Bandiera, 45 - Marghera (VE)
www.facebook.com/rivoltamarghera


Bull Brigade

Presentazione del nuovo split album "The Chaos Brotherhood"

www.facebook.com/bullbrigade


DSA Commando

Presentazione del nuovo EP "Memento Mori"

www.dsacommando.com


360 Flip

VEHC Skate Punk

www.facebook.com/threesixtyflippunk


Apertura cancelli ore 21.00

Ingresso 10 € - No prevendite


Vi invitiamo ad arrivare presto, all'interno del Rivolta saranno attive l'Osteria e la Pizzeria dove potrete gustare ottime pizze e piatti, preparati con materie prime di qualità selezionate da produttori locali, accompagnati da ottime birre artigianali e vini del territorio.


Come arrivare al Rivolta dalla stazione dei treni di Mestre:

Uscite dal sottopasso della stazione di MESTRE (direzione di Marghera - uscita verso il binario con il numero più alto), proseguite per 100 mt. e svoltate a sinistra in Via Carrer, dopo 150 mt. attraversate Via Rizzardi, prendete Via Bellinato e tenendo la destra proseguite per 150 mt. fino ad arrivare in Via Durando, girate a sinistra e proseguendo per 100 mt. vi troverete in Via F.lli Bandiera, girate a destra e proseguite finché sulla vostra sinistra troverete il Centro Sociale Rivolta (15 min. a piedi).

]]>
info@sherwood.it (Sherwood Network)
<![CDATA[Padova Reggae/Dancehall Connection 8]]>

Sabato 12 Gennaio 2019Centro Sociale Occupato PedroVia Ticino, 5 - Padova


Padova Reggae/Dancehall Connection 8

6 Sound from Padova

Ska, Rocksteady, Roots, Rub A Dub, Dancehall


BomChilom

www.facebook.com/bomchilom


Mr. Robinson

www.facebook.com/misterobinson69


Jungle Fever

www.facebook.com/junglefeversound


Rude Boys Crew

www.facebook.com/rbcpd


Baddest Gyal

www.facebook.com/BaddestGyalSound


Saoka feat. Donny Powa

www.facebook.com/karen.barba.925

www.facebook.com/DonnyPowa


Apertura Cancelli 22.00

Ingresso 3 Euro

]]>
info@sherwood.it (Sherwood Network)
<![CDATA[Cor Veleno al Rivolta ]]>

Sabato 12 Gennaio 2019Centro Sociale RivoltaVia F.lli Bandiera, 45 - Marghera (VE)
www.facebook.com/rivoltamarghera


Cor Veleno

“Lo spirito che suona Tour”

www.facebook.com/CorVelenoOfficial


more guests to be announced

Apertura cancelli ore 21.00

Ingresso 10 € - No prevendite

Ti invitiamo ad arrivare presto! All'Osteria "La Rivoltella" potrai bere della buona birra artigianale e del buon vino, assaporare cicchetti e piatti caldi, le cui materie prime provengono da produttori Km0, che rispettano la stagionalità e hanno a cuore il benessere dell'animale. E se non ti basta alla "Nave de 'Egno" potrai mangiare un'ottima pizza.


Cor Veleno

I Cor Veleno tornano con un nuovo album intitolato “Lo spirito che suona”, in uscita il prossimo 26 ottobre per la loro etichetta e la distribuzione di Artist First.

Un album nato dal desiderio di rendere omaggio all’amico e compagno Primo e al suo talento prematuramente scomparso, in cui si conserva il testamento di un’intera generazione di rapper e si consacra la storia di un genere.

Il sound e le rime di Squarta e Grandi Numeri si arricchiscono delle voci e della collaborazione di vecchi e nuovi colleghi, musicisti e artisti quali Danno, Coez, Gemitaiz, Mezzosangue, Johnny Marsiglia, MadMan, Marracash, Giuliano Sangiorgi, Roy Paci, Adriano Viterbini dei Bud SPence Blues Explosion.

L’album è stato anticipato lo scorso 27 aprile dall’uscita del singolo e video “Shut tha fuck up” e dal video del brano “Tutta la vita”.

Il filo conduttore, raccontano i Corveleno, “che connette tutte le immagini di questo album è la Magia. La Magia della musica, che mostra la sua forza e dalla quale, tutti, non finiamo mai di imparare. Circa un anno fa, quando abbiamo iniziato a dare forma a questo nuovo disco, i nostri cuori erano colmi di sentimenti contrastanti: da una parte la voglia di fare sentire, ancora una volta il talento puro di Primo, dall’altra fare i conti con la sua assenza. Lo ‘Spirito che suona del disco’, è per certi aspetti, il suo ultimo abbraccio alla musica, alla quale nella sua breve vita, ha dato tantissimo. E fare vibrare di nuovo questo amore, è stata la nostra stella polare, la nostra missione, ogni attimo passato in studio”.

Un disco “doloroso, nel senso più stretto del termine, ma allo stesso tempo più autentico per questo. Abbiamo messo tutto ciò che avevamo, giorno dopo giorno. Tutto quello che una vita passata insieme ha lasciato impresso dentro. Il risultato di questa storia è tra le vostre mani- continuano- Non finiremo mai di ringraziare tutti gli artisti che hanno voluto rendere omaggio, Giuliano Sangiorgi, Roy Paci, Coez, Gemitaiz, Marracash, Mezzosangue, Marsiglia, MadMan, i Bud Spencer Blues Explosion e tutti quelli che, per ragioni varie, non hanno fatto in tempo. Il vostro affetto ci è arrivato lo stesso. Adesso è il momento di celebrare ancora una volta lo Spirito che suona, la voce di chi è Primo a pieno titolo. Buon ascolto”.

Come arrivare al Rivolta dalla stazione dei treni di Mestre:

Uscite dal sottopasso della stazione di Mestre (direzione di Marghera - uscita verso il binario con il numero più alto), proseguite per 100 mt. e svoltate a sinistra in Via Carrer, dopo 150 mt. attraversate Via Rizzardi, prendete Via Bellinato e tenendo la destra proseguite per 150 mt. fino ad arrivare in Via Durando, girate a sinistra e proseguendo per 100 mt. vi troverete in Via F.lli Bandiera, girate a destra e proseguite finché sulla vostra sinistra troverete il Centro Sociale Rivolta (15 min. a piedi).

]]>
info@sherwood.it (Sherwood Network)
<![CDATA[Un Capodanno di Rivolta 2019]]>

Lunedi 31 DicembreCentro Sociale RivoltaVia F.lli Bandiera, 45 - Marghera (VE)
www.facebook.com/rivoltamarghera

Un Capodanno di Rivolta 2019


Apertura cancelli ore 20.00

Ingresso 5 Euro

Cenone 15 Euro

Sala Hosteria

Dalle ore 21.00 ... Aspettando il 2019

Cenone di Capodanno

Costo Cenone: 15 Euro

Entrata + Cenone: 20 Euro

A breve sarà comunicato il menù

Prenotazione obbligatoria entro le ore 21.00 del 29 Dicembre
scrivendo a: info@centrosocialerivolta.org

La prenotazione è obbligatoria solo per partecipare al cenone,
per chi non mangia non serve nessuna prenotazione


Sala Hangar

A partire dalle ore 23.00:

Cacao Mental (Live)

www.facebook.com/cacaomental

Psyche - Deli - Cumbia


a Seguire:

Davide Toffolo (Tre Allegri Ragazzi Morti)

www.facebook.com/davideltofo

DJ-Set Italo Cumbia


a inizio e fine serata:

Bim Bum Balaton DJ-Set 

www.facebook.com/bimbumbalatonproject

Balkan - Patchanka – Reggae - Tanz


Cacao Mental

L’uomo occidentale ha dimenticato la giungla, ma una volta che ci ritorna scopre che la giungla é ancora dentro di lui, sepolta sotto la complessità artefatta del mondo civilizzato.

La musica di Cacao Mental è un sentiero tracciato dal ritmo ancestrale della cumbia e delimitato da un linguaggio sonoro elettronico e moderno: un sincretismo per riconciliare lo tribale e primitivo, con il rumore del mondo metropolitano. Cosi come la realtà può essere interpretata come un sogno, la musica di Cacao Mental è una lente per sfocare il reale, un’agnizione per vedere la giungla guardando la città.

La voce di Kit Ramos è selvaggia come un guanto di velluto indossato sul pugno di ferro dei ritmi incalzanti del tesuto ritmico costruito da Stefano Iascone, dub-master e deus-ex-machina delle sequenze sonore, sopra i quali i temi della sua tromba, insieme alle chitarre lisergiche di Marco Pampaluna costruiscono riferimenti, siano essi espliciti omaggi alla tradizione Sudamericana, citazioni cinematiche o pura energia psichedelica, richiami di cultura pop che nel subconscio dell’uomo moderno ha sustituito le allegorie delle leggende del uomo primitivo.

La musica di Cacao Mental è animismo tecnologico che fa ampio riferimento a stati di alterazione di coscienza, come “Ayahuasca Sublime”, ispirata alla pianta usata come psicotropo sacrale, vizioni che abbracciano la cumbia tradizionale in riletture elettro, come il classico “El Pescador”.

“Tingo Maria” dedicata alla città natale di Kit Ramos, città che dilimita il mondo civilizzato dalla selva, punto di contatto reale fra rumore umano e foresta vergine, luogo magico le cui leggende costituiscono il materiale grezzo dei testi visionari della nostra prima strana creatura chiamata sempre kit Ramos.


Davide Toffolo - Italo Cumbia DJ-Set

Un dj set sostenuto dal patrono italiano della cumbia, nonchè leader dei Tre Allegri Ragazzi Morti, Davide Toffolo. Un Dj-Set che vi porterà in un giro del Sudamerica musicale per riscoprire la vostra selva interiore.


All'interno del Rivolta sarà attiva anche la la Pizzeria, dove potrete gustare ottime pizze preparate con materie prime di qualità selezionate da produttori locali, accompagnate da ottime birre artigianali e vini del territorio.


Come arrivare al Rivolta dalla stazione dei treni di Mestre:

Uscite dal sottopasso della stazione di Mestre (direzione di Marghera - uscita verso il binario con il numero più alto), proseguite per 100 mt. e svoltate a sinistra in Via Carrer, dopo 150 mt. attraversate Via Rizzardi, prendete Via Bellinato e tenendo la destra proseguite per 150 mt. fino ad arrivare in Via Durando, girate a sinistra e proseguendo per 100 mt. vi troverete in Via F.lli Bandiera, girate a destra e proseguite finché sulla vostra sinistra troverete il Centro Sociale Rivolta (15 min. a piedi).

]]>
info@sherwood.it (Sherwood Network)
<![CDATA[All You Can Dance | Christmas Bash]]>

Martedi 25 DicembreCentro Sociale Occupato PedroVia Ticino, 5 - Padova


All You Can Dance

Christmas Bash

Quale modo migliore per festeggiare il Natale se non quello di ritrovarsi tutti assieme al Cso Pedro per farsi gli auguri, ballare tutta la notte e smaltire i vari pranzi coi parenti?

Se il panettone vi ha appesantiti e vi tiene ancorati al divano, don’t worry, venite qua che vi rimettiamo in sesto noi, con il nostro fantastico #AllYouCanDance in versione natalizia!

I nostri bellissimi e amati sound si alterneranno alla consolle per farvi tenere il ritmo giusto, con reggae, drum’n’bass, hip-hop & rare grooves, trash, mentre al bar ci preoccuperemo di non far mancare materia prima per i vostri brindisi.

Se poi scatenarsi in pista avrà funzionato, cancellando tutti i postumi del famigerato pranzo di Natale, potrete cenare con le ottime pizze della nostra pizzeria La Pizza Loca, che nemmeno in un giorno di festa vi lascerà affamati.


Sul palco a condurre le danze:

BomChilom Sound, Bad Vibes Dj Plaku,

Otisday (Olol Jackson Trash All Stars)


❉❉❉ Ancora indecisi su cosa fare a Natale? ❉❉❉

Apertura cancelli ore 22.00

Ingresso 3 Euro

Line up:

Mainstage - 23.00 > 04.00


BomChilom Sound (Reggae/Dancehall)

www.facebook.com/bomchilom


Bad Vibes (100% Drum'N'Bass)

www.facebook.com/badvibesdnb


DJ Plaku (Hip-Hop & Rare Grooves)

www.facebook.com/Dj-Plaku-289898784462091


Otisday (Trash/Revival 'til you die)

www.facebook.com/ololjacksontrashallstars

]]>
info@sherwood.it (Sherwood Network)
<![CDATA[Festa Studentesca]]>

Sabato 22 DicembreCentro Sociale RivoltaVia F.lli Bandiera, 45 - Marghera (VE)
www.facebook.com/rivoltamarghera


Festa Studentesca

Coordinamento Studenti Medi Venezia-Mestre

www.facebook.com/coordinamentostudentimedi.veneziamestre


Serata in collaborazione con il Collettivo Bunker

www.facebook.com/pg/collettivobunker


Sala Nite Park

Moreno Hebling (Reading)

www.facebook.com/moreno.hebling


Luna Civettini & Beppe Vio (Indie)

www.facebook.com/viogiuseppe


Rares (Indie)

www.facebook.com/raresraresk


Club Sandwich (Funky/Soul)

www.facebook.com/clubsandwichmusic


Insane Bastard (Hip-Hop)


Jaklee (Hip-Hop)


Gods Crew (Hip-Hop)

www.facebook.com/crew.gods


DJ Gaver (Hip-Hop/Trap)

www.facebook.com/itsgaver


Sala Open Space

Banchetti con merchandising fino alle 21.00


Apertura cancelli ore 19.00

Inizio show ore 21.30


Ingresso 3 Euro

Vi invitiamo ad arrivare presto, all'interno del Rivolta saranno attive l'Osteria e la Pizzeria dove potrete gustare ottime pizze e piatti, preparati con materie prime di qualità selezionate da produttori locali, accompagnati da ottime birre artigianali e vini del territorio.


Come arrivare al Rivolta dalla stazione dei treni di Mestre:

Uscite dal sottopasso della stazione di MESTRE (direzione di Marghera - uscita verso il binario con il numero più alto), proseguite per 100 mt. e svoltate a sinistra in Via Carrer, dopo 150 mt. attraversate Via Rizzardi, prendete Via Bellinato e tenendo la destra proseguite per 150 mt. fino ad arrivare in Via Durando, girate a sinistra e proseguendo per 100 mt. vi troverete in Via F.lli Bandiera, girate a destra e proseguite finché sulla vostra sinistra troverete il Centro Sociale Rivolta (15 min. a piedi).

]]>
info@sherwood.it (Sherwood Network)
<![CDATA[ReadBabyRead_417_Fitzgerald_2]]>

Considerato uno dei più grandi scrittori americani del Novecento, Francis Scott Fitzgerald mette in luce uno dei periodi storici più contraddittori del paese delle “grandi opportunità“. In tutto ciò che scrive si riscontra la sua esistenza, vissuta in modo estremo, negli anni compresi tra la Prima Guerra Mondiale e la Grande Depressione. E attraverso la lettura di quei pochi libri scritti nell’arco della sua breve vita, si riesce a cogliere quel movimento effimero, ma indimenticabile, denominato “Jazz Age”.

ReadBabyRead #417 del 20 dicembre 2018


Francis Scott Fitzgerald
Tre racconti

Il curioso caso di Benjamin Button
Sogni d'inverno
La cosa più sensata

(2a parte)


per info su F. Ventimiglia e C. Tesser:

Lettura e altri crimini
iTunes podcast


voce: Francesco Ventimiglia


"Nel lontano 1860 era normale nascere in casa. Oggi, mi dicono, i grandi numi della medicina hanno decretato che i neonati debbano emettere i loro primi vagiti nell'anestetica aria di una clinica, meglio se alla moda. Il giovane Roger Button e consorte erano dunque in anticipo di cinquant'anni in fatto di stile quando decisero, un giorno dell’estate del 1860, che il loro primogenito sarebbe nato in una clinica. Se ci sia stato o meno un nesso fra questo anacronismo e la storia sorprendente che mi accingo a scrivere non si saprà mai."



Incipit, dieci buoni motivi
per leggere Fitzgerald


Di un classico e del perché un libro, uno scrittore o la sua opera si considerino classici si può dire tutto e di più. Tra le altre cose si può dire, senza eccessivo rischio di smentita, che classico è quel libro che resiste alla prova del tempo, passando di generazione in generazione senza perdere nulla del suo smalto (spesso, anzi, diventando più lucente ad anni di distanza dalla sua prima apparizione). Un circolo virtuoso che abbraccia nuovi scrittori, nuovi critici e nuovi lettori senza soluzione di continuità. Pure, poiché l'arte non è una fede ma un'esperienza dei sensi in cui nulla è scontato, non è inutile, ogni tanto, stilare un elenco dei motivi per i quali si dovrebbe - e si deve - continuare a mantenere vivo un autore classico. E, ancora, poiché l'arte ha anche qualcosa del gioco, perché non fare di questo elenco un decalogo?

Ad esempio, per quale motivo oggi, a centoventi anni dalla sua nascita (24 settembre 1896) e a poco più di settanta dalla pubblicazione postuma del Crack-up (più un capolavoro in sé che un frammento incompleto), dovremmo continuare a leggere i libri di Francis Scott Fitzgerald? Ecco dieci motivi. Primo: perché certamente un libro non si giudica dalla copertina ma dalla prima riga sì, e pochi incipit suonano efficaci come quelli di «Scottie», laddove basta un solo aggettivo per farci entrare in un'atmosfera emotiva, in un contesto sociale; in altre parole, nella storia che leggeremo. Secondo: perché i personaggi di un classico diventano classici essi stessi, finendo nel calmiere dell'immaginario collettivo di un'intera cultura. E, allora, alzi la mano chi non ha mai sentito pronunciare il nome di «Gatsby». Terzo: perché spesso un classico diventa personaggio egli stesso, e Francis Scott Fitzgerald - la sua esistenza, il matrimonio con Zelda, le feste a casa loro - è indubbiamente il protagonista di un romanzo memorabile, tanto brillante quanto drammatico. Quarto: perché un classico si capisce anche dai rapporti con i suoi contemporanei, dalle sue amicizie. E in questo caso basta fare il nome di Edmund Wilson o quello di Ernest Hemingway per avere la misura della grandezza di «Fitz».

Quinto: perché un classico contribuisce a creare il mito dell'epoca in cui vive; e senza Francis Scott Fitzgerald oggi non parleremmo di «Età del Jazz» né la «generazione perduta» (così, stando proprio a Hemingway, Gertrud Stein ribattezzò la compagine di scrittori di cui, insieme a Sherwood Anderson, John Dos Passos e Henry Miller tra gli altri, Fitzgerald fu uno dei massimi esponenti) sarebbe la stessa. Sesto: perché un classico, con buona pace dei distinguo, mette tutti d'accordo, abbattendo i confini tra cultura popolare e cultura alta, rendendo sterile ogni discussione in tal senso; mentre i suoi racconti (sfornati a un ritmo folle per un uomo morto a soli 45 anni) gli fruttavano per l'epoca cifre astronomiche da parte dei giornali di tutta America, a tal punto erano richiesti dal pubblico, i suoi romanzi sono stati ammirati da «colleghi» del calibro di T.S. Eliot e J.D. Salinger. Settimo: perché un classico è anche ciò che lascia, come la sua opera e il suo esempio condizionano le opere di chi gli succede; e, tanto per restare alla cronaca, l'ultimo romanzo di Jay McInerney (appena pubblicato in Italia da Bompiani, col titolo La luce dei giorni), da dove discende se non da libri come Tenera è la notte o Belli e dannati?

Ottavo: perché tracce della persistenza di un classico le trovi dove meno te lo aspetti, ad esempio guardando «Come eravamo», di Sidney Pollack, quando basta un attimo per realizzare che il protagonista interpretato da Robert Redford altri non è che sia un personaggio di Fitzgerald che Fitzgerald stesso. Nono: perché di un classico sono legittime le più diverse interpretazioni e trasposizioni, da quella patinata e fedele che Jack Clayton diede al cinema del Grande Gatsby (sempre con Redford come protagonista e Ralph Lauren come consulente della costumista Theoni V. Aldredge, premiata per l'occasione dall'Academy di Hollywood) a quella baraccona e circense di Baz Luhrmann (stavolta con Leonardo Di Caprio a interpretare Gatsby e la quattro volte premio Oscar Catherine Martin ai costumi). Decimo: perché Francis Scott Fitzgerald è uno scrittore con una voce riconoscibile come pochi altri e dieci motivi non bastano per spiegare perché sia un classico; ma solo per un classico possiamo trovare almeno dieci motivi validi per rileggerlo. Questi o quelli che, adesso come domani, le pagine di Fitzgerald suggeriranno alla nostra fantasia.

Stefano Gallerani
da Il Mattino, 26 settembre 2016


Le Musiche, scelte da Claudio Tesser

The New London Orchestra, diretta da Stephen Cleobury, The Celestial Country: Prelude [Charles Ives]
Ivani Quartet, String Quartet No. 2, Parte seconda [Charles Ives]
The New London Orchestra, diretta da Stephen Cleobury, The Celestial Country: Aria for Baritone [Charles Ives]
New York Philharmonic, diretta da Leonard Bernstein, Symphony No. 2: Andante moderato [Charles Ives]
Ivani Quartet, String Quartet No. 2, Parte terza [Charles Ives]
New York Philharmonic, diretta da Leonard Bernstein, Symphony No. 2: Adagio cantabile [Charles Ives]
New York Philharmonic
, diretta da Leonard Bernstein, Symphony No. 2: Lento maestoso [Charles Ives]
Symphony Orchestra of Bartók Conservatory Budapest
, diretta da Gergely Dubóczky, Central Park in the Dark [Charles Ives]
Timothy Fain, violin, Jeremy Denk, piano, Sonata for Violin & Piano, No. 3: Adagio [Charles Ives]
Josef Christof & Steffen Schleiermacher,
pianos, Three Quarter-Tone pieces: Allegro [Charles Ives]
New York Philharmonic
, diretta da Leonard Bernstein, Symphony No. 2: Allegro molto vivace [Charles Ives]
Josef Christof & Steffen Schleiermacher, pianos, Three Quarter-Tone pieces: Chorale [Charles Ives]


]]>
info@sherwood.it (Sherwood Network)
<![CDATA[Mud & il Comizio di Cicale • SOL#49]]>

 SOL#49


 

Mercoledì 19 dicembre dalle ore 20.00

Sherwood Open Live
vicolo Pontecorvo 1/A - 35121 Padova

• Mud & il Comizio di Ciacale •
Indie Reggae

evento Facebook -


***********************************************

-

Come di consueto si apre alle 20.00 per l'aperitivo tra spritz, birre artigianali CRAK Brewery, vinelli, cicchetti e pizze fatte dai ragazzi della pizzeria "La Pizza Loca" del Cso Pedro.


20.30 • On the Road Again - diretta radiofonica live dal salone
21.30 • Live (!! puntuali !!)
00.00 • Ultimo giro di bar

 

Se non hai ancora la tessera Sherwood Open Live 2018, puoi compilare la richiesta di iscrizione online per quella 2019 e ritirare il modulo da firmare direttamente all'ingresso.
Non paghi nulla e risparmi tempo quando arrivi ;-)
Clicca qui : Iscrizione

Nel rispetto del gentile vicinato, quando siete all'esterno, vi chiediamo di cercare di mantenere un tono di voce discreto e di non sostare nel cortile interno e nella stradina, ma di raggiungere la strada principale. Grazie mille!

••••••••••••••
Non conosci Mud & il Comizio di Cicale? Te li presentiamo noi!

Mud & il Comizio di Cicale è un progetto di musica inedita indie reggae nato lo scorso maggio. In questi mesi il gruppo si è esibito in vari contesti sociali e musicali del padovano e, al momento, oltre all'attività live, sta lavorando al primo album in studio. Alla sonorità in levare tipica del reggae si uniscono elementi malinconici del blues, sonorità orecchiabili del pop e modi di raccontare tipici del cantautorato italiano, andando a creare un mix originale e creativo.

]]>
info@sherwood.it (Sherwood Network)
<![CDATA[Diserzioni: Vento vorticoso]]>

intro:

Nello sciabordio del vento,
tra i capelli arruffati,
chiuse in chiusi capotti scuri,
voci del passato ritornano a pungere
come foglie secche nel vorticoso ascolto

****************************


Playlist:

Pyrit : Time for Wind

A Place To Bury Strangers: Never Coming Back (Trentemøller Remix)

The KVB: Only Now Forever

Zanias: idoru

Emika: Falling in Love with Sadness (feat. The Exaltics)

Sophie: infatuation

DJ Healer: 2 The Dark

Subheim: Solitude

]]>
info@sherwood.it (Sherwood Network)
<![CDATA[Snatura Rock del 9 dicembre 2018]]>

h15:00 Intervista agli Ottone Pesante
"Apocalips" è il secondo album sulla lunga distanza dopo "Brassphemy Set In Stone" di due anni fa per gli Ottone Pesante. Un disco nuovo che mantiene la loro foga jazz/metal e soprattutto il loro gusto compositivo che il trio riesce ad applicare in tour fra un concerto e un altro. Ne parliamo con Francesco Bussi (trombone). Completano il trio Paolo Raineri alla tromba e Beppe Mondini alla batteria.

h15:30 Intervista ai Sixcircles
Sono un duo formato da Sara Montenegro, voce e tamburello, e Giorgio Trombino, voce, chitarre acustiche ed elettriche, basso, batteria, piano armonium, synth, armonica e percussioni. Un progetto intenso che racconta le ombre dell'anima. Ne parliamo con Giorgio.

h16:00 Intervista ai Twinscapes
Lorenzo Feliciati, già nei Naked Truth e nei Bersek!, oggi ci racconta di "A Modern Approach To The Dancefloor", secondo album del duo che condivide con Colin Edwin, bassista dei Porcupine Tree e Metallic Taste of Blood. Il basso è lo strumento di entrambi che si divertono a scambiarsi i proprio estri compositivi aggiungendo altri strumenti e con Roberto Ruldi alla batteria che completa il quadro melodico con grande talento.

h16:30 Intervista a Samuele Ghidotti
Samuele Ghidotti, già nei Venua, nel 2016 comincia la carriera solista con "Garage Sounds" e adesso torna con il seguito "L'inferno dopo la domenica". Un disco che racconta delle diverse prospettive, che incita a svegliarsi e prendere più coscienza del mondo che ci circonda e che abbiamo dentro.

Francesca Ognibene

]]>
info@sherwood.it (Sherwood Network)
<![CDATA[Snatura Rock del 9 dicembre 2018]]> info@sherwood.it (Sherwood Network) <![CDATA[Snatura Rock del 9 dicembre 2018]]> info@sherwood.it (Sherwood Network) <![CDATA[Snatura Rock del 9 dicembre 2018]]> info@sherwood.it (Sherwood Network) <![CDATA[Il Mercato dell'artigianato - Dic. 2018]]>

Domenica 16 DicembreCentro Sociale RivoltaVia F.lli Bandiera, 45 - Marghera (VE)
www.facebook.com/rivoltamarghera


Mercato dell'artigianato

Artigianato creativo, riuso, autoproduzioni e non solo


Dalle 11.00 alle 19.00

Ingresso gratuito

Durante la giornata all'Osteria "La Rivoltella" potrai bere della buona birra artigianale e del buon vino, assaporare cicchetti e piatti caldi, le cui materie prime provengono da produttori Km0, che rispettano la stagionalità e hanno a cuore il benessere dell'animale. E se non ti basta alla "Nave de 'Egno" potrai mangiare un'ottima pizza.


Alle ore 17.00

Presentazione e degustazione di birre artigianali

organizzato dalla "La Birretteria" di Mirano

www.facebook.com/www.birretteria.it


A seguire Dj-Set con DJ Tech

www.facebook.com/originalDjTech


System change not climate change!

Come arrivare al Rivolta dalla stazione dei treni di Mestre:

Uscite dal sottopasso della stazione di Mestre (direzione di Marghera - uscita verso il binario con il numero più alto), proseguite per 100 mt. e svoltate a sinistra in Via Carrer, dopo 150 mt. attraversate Via Rizzardi, prendete Via Bellinato e tenendo la destra proseguite per 150 mt. fino ad arrivare in Via Durando, girate a sinistra e proseguendo per 100 mt. vi troverete in Via F.lli Bandiera, girate a destra e proseguite finché sulla vostra sinistra troverete il Centro Sociale Rivolta (15 min. a piedi).

]]>
info@sherwood.it (Sherwood Network)
<![CDATA[Mellow Mood "Large Tour"]]>

Sabato 15 DicembreC.S.O. PedroVia Ticino, 5 - Padova

Mellow Mood

"Large Tour"

www.facebook.com/mellowmood


Prima e dopo il live:

BomChilom Sound

The Sound of Padova

www.facebook.com/bomchilom


Apertura cancelli ore 22.00

Ingresso 15 Euro - No Prevendite


Mellow Mood

Dopo il successo del tour estivo europeo, che li ha visti tra i protagonisti dei principali festival reggae Europei, i Mellow Mood portano il loro ultimo disco ("Large", uscito ad aprile per La Tempesta Dub) in tour nei club del Bel Paese.

Tre anni dopo il fortunato “2 The World”, la band friulana ha pubblicato il suo disco più bello e ambizioso, con cui mira a confermare il proprio status di band di punta del reggae europeo nel panorama mondiale, senza smettere di stupire e divertirsi.

“Large” è il disco più roots dall’esordio “Move!” del 2009, ad oggi l’album più amato dai fan della band, che fu una dichiarazione d’amore alla scrittura di Bob Marley. Dopo i successivi anni di esplorazioni in chiave dj-style e dancehall, ecco il ritorno a casa, sebbene con un panorama più pop intorno.

Dodici tracce che affrontano molte tematiche sociali, dalle fake news al consumismo, senza tralasciare una sempre presente componente “romantica”. Un disco nato per essere suonato in mezzo alla gente, vissuto, condiviso.

]]>
info@sherwood.it (Sherwood Network)
<![CDATA[Noyz Narcos al Rivolta]]>

Sabato 15 DicembreCentro Sociale RivoltaVia F.lli Bandiera, 45 - Marghera (VE)


SNACKulture, Catch a Fire events
& Centro Sociale Rivolta presentano:

Noyz Narcos

Enemy Winter Tour

www.facebook.com/NoyzNarcosReal


= Unica data Nord-Est =

Considerato come uno dei migliori rapper di sempre, Noyz Narcos arriva al CS Rivolta per presentare al pubblico il suo ultimo lavoro "Enemy", disco di platino che si avvale delle produzioni dei migliori producers della scena odierna.


Opening acts:

Bik Mike

www.facebook.com/BigMike-51142201867

Metro Quadro ft. Flexional

www.facebook.com/ChioggiaMetroQuadroHipHop

www.facebook.com/Flexionalmusic

Mc Martz

www.facebook.com/MartzOffiicial


Aftershow:

DJ Tech

www.facebook.com/originalDjTech


Apertura cancelli ore 21.00

Ingresso 15€ - No prevendite

Vi invitiamo ad arrivare presto, all'interno del Rivolta saranno attive l'Osteria e la Pizzeria dove potrete gustare ottime pizze e piatti, preparati con materie prime di qualità selezionate da produttori locali, accompagnati da ottime birre artigianali e vini del territorio.

Come arrivare al Rivolta dalla stazione dei treni di Mestre:

Uscite dal sottopasso della stazione di MESTRE (direzione di Marghera - uscita verso il binario con il numero più alto), proseguite per 100 mt. e svoltate a sinistra in Via Carrer, dopo 150 mt. attraversate Via Rizzardi, prendete Via Bellinato e tenendo la destra proseguite per 150 mt. fino ad arrivare in Via Durando, girate a sinistra e proseguendo per 100 mt. vi troverete in Via F.lli Bandiera, girate a destra e proseguite finché sulla vostra sinistra troverete il Centro Sociale Rivolta (15 min. a piedi).


È uscito Venerdì 13 Aprile il nuovo progetto discografico di Noyz Narcos, “Enemy”, sorprendente nuovo album contenente ben 13 inediti e 2 bonus track su etichetta Thaurus Music/Universal.

Considerato come uno dei migliori rapper di sempre e maestro d’ispirazione per moltissimi giovani della nuova generazione hip hop, Noyz Narcos, al secolo Emanuele Frasca, dopo anni di assenza dalle scene musicali torna più entusiasta che mai nel presentare al suo pubblico il suo ultimo lavoro che si avvale delle produzioni dei migliori producers della scena odierna: da Night Skinny a Sine, non mancano inoltre le produzioni di Parix, David Ice, Boss Doms e st Luca Spanish.

“Sono molto legato a questo nuovo album - dichiara Narcos – Enemy rappresenta un viaggio temporale nella mia vita a 360 gradi. Una perfetta sintesi musicale dell’intero mio percorso artistico che dura ormai da oltre dieci anni e che fotografa l’evolversi delle situazioni e dei sentimenti di una società troppo spesso mossa dai soldi e dalla corruzione, una società logorata dall’invidia e dall’odio, atteggiamenti ricorrenti che non giovano allo sviluppo dell’essere umano”.

Da “Enemy”, brano che titola l’album, a “Sinnò me moro”, singolo che ha anticipato uscita del disco, omaggio alla cantautrice romana scomparsa Gabrielle Ferri e alla sua Roma, e “Niente per Niente”, sono solo alcuni dei brani inclusi nel disco, che si arricchisce inoltre di preziosissime collaborazioni e featuring con alcuni dei migliori rapper del panorama italiano, come il feat con Salmo nel brano “Mic check”, “Sputapalline” in feat con Coez, “Casa Mia” in feat con Luchè e Capo Plaza, “R.I.P.” con Achille Lauro, “Matanza” in feat con Rkomi e “Borotalco” feat Carl Brave & Franco. Collaborazioni importanti che testimoniano il profondo rispetto e il culto della scena underground nei confronti di Narcos e della sua musica, incontri in cui sono proprio gli altri artisti ad entrare perfettamente nel suo mondo.

]]>
info@sherwood.it (Sherwood Network)
<![CDATA[Efog 21 al Cso Pedro ]]>

Venerdì 14 DicembreC.S.O. PedroVia Ticino, 5 - Padova

 

Efog 21
w/ Bakunin Tapes, Sergio Wow

 

Dopo le prime due date di questa nuova stagione, a #Efog21 vi facciamo una mega sorpresa e vi portiamo un live mai sentito prima: l'esordio presentazione del progetto Bakunin Tapes.
Premiere assoluta a Efog che vedrà, inoltre, il ritorno di un artista poliedrico che in passato ci ha lasciato piacevolissimi ricordi. Felicissimi di riavere con noi Sergio Wow!
Il live opening act è invece affidato a Shazwa, beatmaker e produttore hip-hop che contamina i suoi suoni con influenze ben più ampie.
Resident Efog della serata sarà Idga, uscito qualche mese fa con il suo nuovo "Spin Up EP".


Apertura cancelli ore 23.30
Ingresso 5 euro


Lineup:

Bakunin Tapes
live set

Sergio Wow
dj set

Shazwa
live opening act

Idga
dj set

AlGrain
vj

Nichi List
vj

 

Bakunin Tapes - live set
Come la libertà altrui diventa condizione necessaria per la propria, così far ballare chi li ascolta diventa condizione necessaria per le produzioni in comune di Iskø e Jester. Già compagni di ventura nella band Lindustria insieme a Sergio Wow e Idga, si cimentano questa volta in una collaborazione prettamente elettronica. Drum machine, campionatore e synth diventano i mezzi di comunicazione e di interazione. Il ritmo incalzante e il groove sono le basi di discussione per lunghe dissertazioni musicali (e non). Torridi pomeriggi estivi e umidi sabati invernali si trasformano lentamente in un progetto dai contorni non ben definiti ma con un chiaro intento, il dancefloor.
Siamo lieti di presentarvi ad #EFOG21 il debutto assoluto di Bakunin Tapes.

Sergio Wow - dj set
Dj/producer italiano che con la band The Magicake (MOFA Schallplatten) debutta nell'elettroclash nei primi anni 2000. Dopo anni di attivitá e performance che confermano il suo carisma ed eclettismo sonoro, atterra a Berlino, dove la frequentazione della club night con i djs producers più famosi del panorama della musica elettronica, lo portano verso situazioni e sensibilita’ musicali più sperimentali, portandolo a giocare nelle sue produzioni con la Chicago House, la Nu-Disco e la New Wave.
Dopo il concept album Olympus Mons (Rustblade) lo troviamo in diverse release dentro al progetto CLIMA (Cocktail D'Amore Music/Bordello a Parigi) e più recentemente con la traccia Black Rumba (Nimiq Records).
www.facebook.com/Sergio-Wow

Shazwa - live opening act
Beatmaker hip hop e DJ di periferia nel padovano, fa parte del collettivo rap emergente Ida Killa Crew nelle vesti di produttore. Partecipa a diversi contest (online e non) proponendo strumentali di carattere introspettivo e duro, ma nel contempo ritmico. Ha prodotto diversi rapper in giro per l'Italia, ma in particolare nel bacino locale padovano. Il suo contatto con la musica elettronica avviene quasi spontaneamente, per via del forte interesse nell'introdurre particolari nuovi e complessi nelle sue produzioni, spaziando tra diversi generi. Prende ispirazione da artisti come Black Milk, The Gaslampkiller, eLan, Flying Lotus, e si avvicina ai campionatori osservando i live set di Nosaj Thing e Melo X su youtube. Da qui incomincia a personalizzare il proprio live set.
www.facebook.com/Shazwa

Idga - dj set (51beats / Electronic Fog)
Idga è un compositore e perfomer fortememte influenzato dalle sonorità post punk. Amante dell’idm, industrial e techno i suoi brani sono caratterizzati da sonorità scarne e trasversali: beat scuri, introspettivi e melodie mai banali fanno l’occhiolino al dancefloor. Esordisce nel 2011su Stato Elettrico con l'ep selftitled (SE029), arriva nel 2013 alla prova dell’album "Horror Pleni" (51bts040) per 51beats, pubblica nello stesso anno su Electronic Fog l'ep "In the meantime" (EFOG003D) e nel 2015 sforna il 12" in vinile "No Glitter, No Pictures" [51vin003], sempre per 51 beats. Nel 2017 partecipa con due tracce alla compilation "Gravity and Quantum Mechanics 2" [51bts051-51bts005CD] VV.AA. Nel luglio 2018 pubblica l'ep "SPIN UP" (EFOG012D).
soundcloud.com/idga

Algrain - visual show (Electronic Fog)
Inizia nel 2013 la sua esperienza e collaborazione come live performer VJ, video/teaser maker per il gruppo electro-pop NYŪ (I), vanta collaborazioni in campo internazionale rispettivamente con gli austriaci Elektro Guzzi (A), The Analogue Cops (D), Lucretio (I) e lo sloveno Christian Kroupa (SLO). Nelle sue performance unisce video manipolati analogicamente da sintetizzatori-video e mix analogici uniti a computer graphics per ottenere pattern ed entità tridimensionali strobo caleidoscopiche. Attualmente oltre ad essere parte del collettivo Electronic Fog dove assieme a Nichi List cura la parte di visual, collabora anche con il duo berlinese The Analogue Cops (D) e lavora a vari progetti A/V tra cui Nightjars (D) ed Epilessie (I).
www.algrain.xyz

Nichi List - visual show (Electronic Fog)
Nichi List è attivo dal 2015 come VJ e videomaker. I suoi visuals nascono dall'incontro tra ciò che stupisce il suo sensore digitale e ciò che impressiona il suo cervello. Frammenti di vita e pattern glitchati si fondono, per donare colore e forma ai beats. Attualmente collabora stabilmente con AlGrain per le serate dell'etichetta indipendente Electronic Fog.
www.youtube.com/watch?v=q7qyk6GfoTU

]]>
info@sherwood.it (Sherwood Network)
<![CDATA[Labbra - di Irene Lamponi]]>

Venerdì 14 DicembreSede di Radio SherwoodVicolo Pontecorvo 1/A, Padova

 

Sherwood Open Act

"Labbra"
di Irene Lamponi 
con Irene Lamponi e Valeria Angelozzi

 

Torna il teatro in quel di Radio Sherwood e per l'occasione abbiamo deciso di inaugurare un nuovo filone di eventi targato #SherwoodOpenAct!


Siamo al terzo appuntamento della rassegna e per l'occasione abbiamo scelto uno spettacolo un po' più "pop" dei precedenti:


Labbra - il bagno, un sogno, io.
di Irene Lamponi | con Irene Lamponi e Valeria Angelozzi.
In collaborazione con Teatro Della Tosse e CSO Zapata Genova | con il patrocinio di Arcidonna e Ass. Le Mafalde.

 

Io non posso essere come voglio. Io non posso essere sempre me.


Labbra affronta in maniera divertente e spiazzante i tabù legati al sesso, al corpo e al rapporto con l'altro. Si parte dalle donne ma si ingloba la società tutta.

Come ci spiegano le stesse attrici, lo spettacolo è diviso in tre parti:

-Nella prima siamo due amiche nel bagno di casa tra depilazioni, mestruazioni, perversioni e paure.
-Nella seconda siamo vagine che parlano: strizzate, sognatrici, agguerrite.
-Nella terza diventiamo una sola voce che racconta del sesso come violenza e della strumentalizzazione della stampa rispetto a questo.
Non cerchiamo una divisione tra giusto e sbagliato, tra buono e cattivo, tra morale e amorale, cerchiamo solo le sfumature del non detto.


 

Irene Lamponi nasce a Venezia nel 1986, si diploma nel 2009 alla scuola di recitazione del Teatro a l'Avogaria di Venezia. Lavora con il Teatro Stabile del Veneto e continua la sua formazione incontrando e lavorando con registi come Emma Dante, Jurij Ferrini, Fausto Paravidino, Claudio Tolcachir, Andrea Lanza, Giorgio Sangati. Dal 2010, oltre al lavoro d'attrice, si dedica anche alla drammaturgia. Scrive tre testi teatrali Labbra, Tropicana e La pace denunciata, quest'ultimo scritto in collaborazione con lo scrittore olandese Ilja Leonard Pfeijffer. I suoi spettacoli, oltre che in Italia, sono stati rappresentati in Belgio, Olanda e Cina. Dal 2012 entra a far parte di Crisi, gruppo di scrittura guidato da Fausto Paravidino al Teatro Valle Occupato. Con i suoi ultimi due lavori inizia un rapporto lavorativo con il Teatro della Tosse che produce Tropicana e collabora alla produzione di Labbra.

La ricerca di Irene Lamponi è fortemente legata a un teatro orizzontale. Un teatro che possa arrivare in maniera trasversale ad un pubblico ampio che si senta rappresentato in tutte le sue sfaccettature. I vari spettacoli prodotti in questo progetto, sono pop nel senso originario del termine “popolare”: coinvolgono le masse, ma instillano un cambiamento. Un teatro popolare e politico che non tralascia la magia e il gioco.



Apertura ore 20.00 / aperitivo & spunciotti
Inizio spettacolo ore 21.00

Contributo spettacolo: 3 euro
Contributo associativo Sherwood Open Live: 2 euro

Se non hai ancora la tessera Sherwood Open Live 2018, puoi compilare la richiesta di iscrizione online per quella 2019 e ritirare il modulo da firmare direttamente all'ingresso.
Clicca qui: bit.ly/iscrizionesol


]]>
info@sherwood.it (Sherwood Network)
<![CDATA[Serata benefit per "Libera La Parola"]]>

Venerdi 14 DicembreCentro Sociale RivoltaVia F.lli Bandiera, 45 - Marghera (VE)
www.facebook.com/rivoltamarghera


Serata benefit per

la scuola d'italiano "Libera La Parola"

www.facebook.com/liberalaparolamarghera

Memorial Alessia Pugliatti

Serata di buon cibo , musiche e danze a sostegno del progetto "Libera la Parola"
Scuola di Italiano per tutti e tutte.


Dalle ore 19.30

Buffet Multietnico


A seguire:

- Sfilata di Moda di vestiti africani a cura del sarto Adama Kone Farafinà Couture
- Musiche e danze con Wontanara Venezia
- Concerto live musiche per Alessia


Serata 15 Euro

Per prenotazioni sms/whatsapp 3408369979

]]>
info@sherwood.it (Sherwood Network)
<![CDATA[“Take Five, Jazz & dintorni” del 13 dicembre 2018]]>

Da tanto tempo non tributavo i doverosi ringraziamenti alle etichette discografiche, e alle persone che vi lavorano, che puntualmente fanno pervenire mano a mano a questo programma le loro più recenti produzioni. In quest’ottica si pone questa puntata che, pur avendo qualche filo rosso conduttore, vuole omaggiare proprio quelle realtà produttive, italiane o straniere che siano (in questo caso ECM, Abeat for Jazz, Dodicilune Dischi, Parco della Musica, CAM Jazz, Via Veneto Jazz). Il principale filo rosso è il pianoforte, inteso come leader di un gruppo o solista, protagonista alla grande nella parte iniziale con una incredibile sfilata di Maestri (addirittura uno Maestro di nome!) che va da Keith Jarrett a Ethan Iverson (vedere sotto la scaletta) senza dimenticare Dado Moroni, Julian Oliver Mazzariello o Giovanni Mirabassi.. ma sarà interessante confrontare fra loro alcuni prestigiosi trii e comunque ascoltare i bei cd previsti in serata. Poi, in chiusura, la rubrica/inserto “Altri Materiali Sonori”, uno spazietto dedicato alle Musiche di qualsiasi provenienza geografica o temporale, una scusa per stimolare la conoscenza, la curiosità di cercare notizie e ascolti relativi alle varie proposte che nel tempo inserirò in questo piccolo contenitore. Stavolta, partendo dal Congo, con due belle storie di musicisti icone, andremo in Turchia e Algeria grazie all’ascolto di virtuosi di Baglama e Oud, strumenti della famiglia dei liuti, parleremo di Saz (liuto a manico lungo) e di “maqam” (modo o scala musicale araba), e finiremo a Taranto. Anche in questo caso va ringraziata un’etichetta,Materiali Sonori, per il suo prezioso contributo. Buon ascolto.   JPY

 ***********************

Playlist:

00. Take five (P. Desmond) – Dave Brubeck 4et – time out (columbia) - 1959

01. Stella by starlight (V. Young/N. Washington) – Keith Jarrett – La Fenice (ECM) – 2018

02. The dream thief (S. Maestro) – Shai Maestro – the dream thief (ECM) – 2018

03. Message in a bottle (Sting) – Marcin Wasilewski Trio – live (ECM) – 2018

04. The tunnel (T. Gustavsen) – Tord Gustavsen Trio – the other side (ECM) – 2018

05. Dixie’s dilemma (W. Marsh) – Mark Turner/Ethan Iverson – temporary kings (ECM) – 2018

06. Randalusian folk song (T. Seim) – Trygve Seim – Helsinki Song (ECM) – 2018

07. Pauly (C. Fasoli) – Claudio Fasoli N.Y. 4et – selfie (Abeat for Jazz) – 2018

08. The mighty bobcat (D. Moroni) – Dado Moroni/Ira Coleman/Enzo Zirilli – Enzirado (Abeat for Jazz) – 2018

09. Wind on my wings (G. Rampino/M. Ripa) – Kulu Sè Mama – necessaire de voyage (Dodicilune Dischi) – 2018

10. Olii esausti (T. Tracanna) – Double Cut – mappe (Parco della Musica) – 2018

11. Monk in Paris (Mazzariello/Vignolo/Ceccarelli) – Julian Oliver Mazzariello/Remi Vignolo/André Ceccarelli – debut (Via Veneto Jazz) – 2018

12. Tomma’s blues (S. Battaglia) – Tanotrio – close but far (Via Veneto Jazz) – 2018

13. A dirty job – Giovanni Mirabassi – summer’s gone (CAM Jazz) – 2018

14. Francois il riformista (R. Negro) – Roberto Negro – kings & bastards (CAM Jazz) – 2018

15. Long road (A. Sanchez)  - Antonio Sanchez & Migration – lines in the sand (CAM Jazz) – 2018

16. Tokolanda – Konono n°1 – Konono meets Batida (Crammed Discs) – 2016

17. Mawe – Franco TP OK Jazz – makambo ezali bourreau ’82-’85 (Sonodisc) – 1994

18. Flora (T. During) – Tolga During Ottomani – gelibolu (Vintage/Materiali Sonori) – 2018

19. Oud improvvisations – Samir Tahar – live

20. Baglama improvvisations – Gonen Molla – live

21. Passaggi paesaggi (M. del Testa) – Quartiere Tamburi – etranger (Materiali Sonori) – 2018

22. Take five (P. Desmond) – Dave Brubeck 4et – time out (columbia) - 1959

]]>
info@sherwood.it (Sherwood Network)
<![CDATA[ReadBabyRead_416_Fitzgerald_1]]>

Considerato uno dei più grandi scrittori americani del Novecento, Francis Scott Fitzgerald mette in luce uno dei periodi storici più contraddittori del paese delle “grandi opportunità“. In tutto ciò che scrive si riscontra la sua esistenza, vissuta in modo estremo, negli anni compresi tra la Prima Guerra Mondiale e la Grande Depressione. E attraverso la lettura di quei pochi libri scritti nell’arco della sua breve vita, si riesce a cogliere quel movimento effimero, ma indimenticabile, denominato “Jazz Age”.

ReadBabyRead #416 del 13 dicembre 2018


Francis Scott Fitzgerald
Tre racconti

Il curioso caso di Benjamin Button
Sogni d'inverno
La cosa più sensata

(1a parte)


per info su F. Ventimiglia e C. Tesser:

Lettura e altri crimini
iTunes podcast


voce: Francesco Ventimiglia


"Nel lontano 1860 era normale nascere in casa. Oggi, mi dicono, i grandi numi della medicina hanno decretato che i neonati debbano emettere i loro primi vagiti nell'anestetica aria di una clinica, meglio se alla moda. Il giovane Roger Button e consorte erano dunque in anticipo di cinquant'anni in fatto di stile quando decisero, un giorno dell’estate del 1860, che il loro primogenito sarebbe nato in una clinica. Se ci sia stato o meno un nesso fra questo anacronismo e la storia sorprendente che mi accingo a scrivere non si saprà mai."



Incipit, dieci buoni motivi
per leggere Fitzgerald


Di un classico e del perché un libro, uno scrittore o la sua opera si considerino classici si può dire tutto e di più. Tra le altre cose si può dire, senza eccessivo rischio di smentita, che classico è quel libro che resiste alla prova del tempo, passando di generazione in generazione senza perdere nulla del suo smalto (spesso, anzi, diventando più lucente ad anni di distanza dalla sua prima apparizione). Un circolo virtuoso che abbraccia nuovi scrittori, nuovi critici e nuovi lettori senza soluzione di continuità. Pure, poiché l'arte non è una fede ma un'esperienza dei sensi in cui nulla è scontato, non è inutile, ogni tanto, stilare un elenco dei motivi per i quali si dovrebbe - e si deve - continuare a mantenere vivo un autore classico. E, ancora, poiché l'arte ha anche qualcosa del gioco, perché non fare di questo elenco un decalogo?

Ad esempio, per quale motivo oggi, a centoventi anni dalla sua nascita (24 settembre 1896) e a poco più di settanta dalla pubblicazione postuma del Crack-up (più un capolavoro in sé che un frammento incompleto), dovremmo continuare a leggere i libri di Francis Scott Fitzgerald? Ecco dieci motivi. Primo: perché certamente un libro non si giudica dalla copertina ma dalla prima riga sì, e pochi incipit suonano efficaci come quelli di «Scottie», laddove basta un solo aggettivo per farci entrare in un'atmosfera emotiva, in un contesto sociale; in altre parole, nella storia che leggeremo. Secondo: perché i personaggi di un classico diventano classici essi stessi, finendo nel calmiere dell'immaginario collettivo di un'intera cultura. E, allora, alzi la mano chi non ha mai sentito pronunciare il nome di «Gatsby». Terzo: perché spesso un classico diventa personaggio egli stesso, e Francis Scott Fitzgerald - la sua esistenza, il matrimonio con Zelda, le feste a casa loro - è indubbiamente il protagonista di un romanzo memorabile, tanto brillante quanto drammatico. Quarto: perché un classico si capisce anche dai rapporti con i suoi contemporanei, dalle sue amicizie. E in questo caso basta fare il nome di Edmund Wilson o quello di Ernest Hemingway per avere la misura della grandezza di «Fitz».

Quinto: perché un classico contribuisce a creare il mito dell'epoca in cui vive; e senza Francis Scott Fitzgerald oggi non parleremmo di «Età del Jazz» né la «generazione perduta» (così, stando proprio a Hemingway, Gertrud Stein ribattezzò la compagine di scrittori di cui, insieme a Sherwood Anderson, John Dos Passos e Henry Miller tra gli altri, Fitzgerald fu uno dei massimi esponenti) sarebbe la stessa. Sesto: perché un classico, con buona pace dei distinguo, mette tutti d'accordo, abbattendo i confini tra cultura popolare e cultura alta, rendendo sterile ogni discussione in tal senso; mentre i suoi racconti (sfornati a un ritmo folle per un uomo morto a soli 45 anni) gli fruttavano per l'epoca cifre astronomiche da parte dei giornali di tutta America, a tal punto erano richiesti dal pubblico, i suoi romanzi sono stati ammirati da «colleghi» del calibro di T.S. Eliot e J.D. Salinger. Settimo: perché un classico è anche ciò che lascia, come la sua opera e il suo esempio condizionano le opere di chi gli succede; e, tanto per restare alla cronaca, l'ultimo romanzo di Jay McInerney (appena pubblicato in Italia da Bompiani, col titolo La luce dei giorni), da dove discende se non da libri come Tenera è la notte o Belli e dannati?

Ottavo: perché tracce della persistenza di un classico le trovi dove meno te lo aspetti, ad esempio guardando «Come eravamo», di Sidney Pollack, quando basta un attimo per realizzare che il protagonista interpretato da Robert Redford altri non è che sia un personaggio di Fitzgerald che Fitzgerald stesso. Nono: perché di un classico sono legittime le più diverse interpretazioni e trasposizioni, da quella patinata e fedele che Jack Clayton diede al cinema del Grande Gatsby (sempre con Redford come protagonista e Ralph Lauren come consulente della costumista Theoni V. Aldredge, premiata per l'occasione dall'Academy di Hollywood) a quella baraccona e circense di Baz Luhrmann (stavolta con Leonardo Di Caprio a interpretare Gatsby e la quattro volte premio Oscar Catherine Martin ai costumi). Decimo: perché Francis Scott Fitzgerald è uno scrittore con una voce riconoscibile come pochi altri e dieci motivi non bastano per spiegare perché sia un classico; ma solo per un classico possiamo trovare almeno dieci motivi validi per rileggerlo. Questi o quelli che, adesso come domani, le pagine di Fitzgerald suggeriranno alla nostra fantasia.

Stefano Gallerani
da Il Mattino, 26 settembre 2016


Le Musiche, scelte da Claudio Tesser

The New London Orchestra, diretta da Stephen Cleobury, The Celestial Country: Prelude [Charles Ives]
Ivani Quartet, String Quartet No. 2, Parte seconda [Charles Ives]
The New London Orchestra, diretta da Stephen Cleobury, The Celestial Country: Aria for Baritone [Charles Ives]
New York Philharmonic, diretta da Leonard Bernstein, Symphony No. 2: Andante moderato [Charles Ives]
Ivani Quartet, String Quartet No. 2, Parte terza [Charles Ives]
New York Philharmonic, diretta da Leonard Bernstein, Symphony No. 2: Adagio cantabile [Charles Ives]
New York Philharmonic
, diretta da Leonard Bernstein, Symphony No. 2: Lento maestoso [Charles Ives]
Symphony Orchestra of Bartók Conservatory Budapest
, diretta da Gergely Dubóczky, Central Park in the Dark [Charles Ives]
Timothy Fain, violin, Jeremy Denk, piano, Sonata for Violin & Piano, No. 3: Adagio [Charles Ives]
Josef Christof & Steffen Schleiermacher,
pianos, Three Quarter-Tone pieces: Allegro [Charles Ives]
New York Philharmonic
, diretta da Leonard Bernstein, Symphony No. 2: Allegro molto vivace [Charles Ives]
Josef Christof & Steffen Schleiermacher, pianos, Three Quarter-Tone pieces: Chorale [Charles Ives]


]]>
info@sherwood.it (Sherwood Network)
<![CDATA[Shovi Shuva • SOL#48]]>

 SOL#48


 

Mercoledì 12 dicembre dalle ore 20.00

Sherwood Open Live
vicolo Pontecorvo 1/A - 35121 Padova

• Shovi Shuva •
Tropical Music

evento Facebook -


***********************************************

E' in arrivo una serata tropicale che ci porterà in un viaggio attraverso il Brasile. Afro-samba, bossa-nova, chitarra e charango, accompagneranno due bellissime voci, loro sono Folake Oladun e Honeybird - Monique Mizrahi, loro sono le SHOVI SHUVA.

Come di consueto si apre alle 20.00 per l'aperitivo tra spritz, birre artigianali CRAK Brewery, vinelli, cicchetti e pizze fatte dai ragazzi della pizzeria "La Pizza Loca" del Cso Pedro.


20.30 • On the Road Again - diretta radiofonica live dal salone
21.30 • Live (!! puntuali !!)
00.00 • Ultimo giro di bar

 

Se non hai ancora la tessera Sherwood Open Live 2018, puoi compilare la richiesta di iscrizione online per quella 2019 e ritirare il modulo da firmare direttamente all'ingresso.
Non paghi nulla e risparmi tempo quando arrivi ;-)
Clicca qui : Iscrizione

Nel rispetto del gentile vicinato, quando siete all'esterno, vi chiediamo di cercare di mantenere un tono di voce discreto e di non sostare nel cortile interno e nella stradina, ma di raggiungere la strada principale. Grazie mille!

••••••••••••••
Non conosci Shovi Shuva? Te le presentiamo noi!

// Folake è una musicista afroitaliana nata e cresciuta a Padova. Appassionata di groove e ritmiche afro e tropicali, dal 2016 suona la chitarra e canta negli Hit-Kunle. Le piace la musica indisciplinata e 
contaminata, in particolare quella che nasce dall'incontro tra occidente e mondo afro-latin.

// Honeybird - Monique Mizrahi è una polistrumentista americana, cantautrice e artivista (attivismo con l'arte) LGBTI+. Fonda le sue radici musicali tra punk e suoni tropicali. Nel 2016 è partita in tour con i Tre allegri ragazzi morti accompagnata dal suo charango.
La sua missione è di ascoltare le voci intersezionali della comunità LGBTI+ e di trasformare la lotta in canto e cultura. 

video • www.youtube.com/watch?v=XfuIkF0R03Q

]]>
info@sherwood.it (Sherwood Network)
<![CDATA[#ritardatarisidiventa_4puntata - Carrello della spesa in ritardo]]>

Siamo ritornati, sempre più ritardatari, per tenervi compagnia mentre voi mangiate e noi digiuniamo.

E mai come in questa puntata ci sentiamo affammati, proprio perchè si parla dell'attività culinaria di voi/noi ritardatari.

In questa quarta puntata in compagnia di Hilary de Luca e  Matteo Moscatelli, il programma più pazzo della radio torna a darvi il "Buongiorno a mezzogiorno" con un argomento da acquolina in bocca come il loro menù dai sapori internazionali.

Perchè mai dovrebbero voler fare un Food Travel Blog dalla Tailandia?

In questa puntata si indagheranno i misteri che si celano dietro la spesa all'ultimo minuto e consigli utili per approcciare l'estremo ritardo al supermercato.

Sapevate che le castagne sono un prodotto tardivo? E non solo, prodotti stagionali e ritardatari vi faranno forse cambiare abitudini?

Seguici sulla nostra pg Facebook e avvia il playerino del podcast.

Ogni mercoledì alle 12.30 i "ritardatari di Sherwood" vi daranno il loro buongiorno in perfetto stile ritardatario.
Perciò

TAKE IT EASY AND UN MINUTO.

#RitardatarisiDiventa

Qui sotto i brani, di lato il podcast.

- brano 1 Willie Peyote - L'effetto sbagliato

- brano 2 Red Hot Chili Peppers -Snow

- brano 3 The Zen Circus - Andate tutti affanculo

- brano 4 Santigold - Disparate Youth

- brano 5 Bob Marley - One love

- brano 6 Subsonia feat. Willie Peyote - L'incubo

- brano 7 Sum 41 - The hell song

- brano 8 Smashing Pumpkins - Solara

]]>
info@sherwood.it (Sherwood Network)
<![CDATA[Indica / Diretta 9 dicembre / Puntata 2.06]]>

Puntata 06 per ricordare la dipartita di Pete Shelley dei Buzzcocks. Matteo e Salvatore hanno dunque messo su una selecta di punk americano, inglese e italiano per dare un'idea a 360 gradi delle varie espressioni di quel suono.

Hanno parlato di come oggi quell'attitudine vive e si diffonde in diverse forme pure in Italia, paese musicalmente (e non) conservatore, sopratutto da parte di chi l'epoca punk l'ha anche vissuta, ovvero un paradosso.

Tracklist:

Ramones - Now I Wanna Sniff Some Glue

Ramones - Wanna Be Sedated

Ramones - Suzy is a Headbanger

Sex Pistols - Looking for a Kiss (New York)

Buzzcocks - Ever Fall in Love

New York Dolls - Jet Boy

The Dictators - Cars and Girls

The Clash - London Burning

Dead Boys - Sonic Reducer

Sfera Ebbasta - Equlibrio

Jo Squillo - Skizzo Skizzo

Kina - Questi Anni

Kobra - Infame

CCCP - Punk Islam

Wretched - Libero e Selvaggio

Wretched - Senti il Richiamo

Biankaneve - Specchio

Ascoltate il podcast cliccando sul player a destra di questa pagina!

__

Indica è in onda ogni domenica dalle 17.30 alle 18.30 su Radio Sherwood! Seguiteci sulla Fanpage per rimanere sintonizzati sulle nostre novità.

]]>
info@sherwood.it (Sherwood Network)
<![CDATA[Hotel VisiOn-Air: 9 atto]]>

L'ultima tappa di un viaggio, l'inizio di una nuova vita.

Siamo giunti alla fine di un'avventura che ha portato Jamal lontano dalla sua terra e dal suo cuore, lontano da ciò che conosceva e forse anche da se stesso.

Al confine italiano ci sarà Giacomo ad attenderlo.

Tutte le storie finiscono quando inizia la magia, quindi, come questa storia, bene. Trattandosi di realtà, lasciamo a voi il compito di usare la vostra piccola particella di magia dedicata al lieto fine...o all'assurdità.

Qui sotto i brani, di lato il podcast.

- brano 1 Vinicio Capossela - Morna

- brano 2 Iggy Pop - The Passenger

]]>
info@sherwood.it (Sherwood Network)
<![CDATA[Diserzioni: Beyond]]>

intro:

l'oltre
o l'aldilà
o come lo vuoi chiamare
presuppone comunque una frontiera
che il suono a volte
riesce a farti attraversare

***************************************

Playlist:

Hior: Beyond

HVOB: 2nd World

Russian Linesman: Sierra Madre (Somfay Remix)

Anders Ilar: Rain in All Familiar Places

Deena Abdelwahed: Ababab

Calibre: Let It Rain

Aigio Vono: Forestears

McAlvis: Befor Sunrise

AK: Day One

]]>
info@sherwood.it (Sherwood Network)
<![CDATA[Diari di Bordo - Ilaria racconta il Perù in solitaria.]]>

Un viaggio speciale nella culla delle più antiche  culture del mondoIlaria Bermond viaggiatrice senza freni, dall'irrefrenabile forza e curiosità racconta della sua iniziazione con il Perù nell'esplorazione di terre,deserti,isole e nel contatto con le persone del posto. 

Donne in viaggio e LatinAmerica.


Qui sotto i brani, di lato il podcast 

Calle 13 - Latinoamerica

Paolo Conte - SudAmerica

Pélot - Quand je s'erai petit

Natalia Doco - Respira

Os Tincoãs - Deixa a gira girar

Gaël Faye - Balade Brésilienne

Franco Battiato - Voglio vederti danzare

Perotà Chingò - Reverdecer


]]>
info@sherwood.it (Sherwood Network)
<![CDATA[Snatura Rock del 2 dicembre 2018]]>

h14:45 Intevista ad Angus McOg
Angus McOg, ovvero Antonio Tavoni, ci racconta del suo terzo album "Beginners", appena uscito per A Buzz Supreme, che segue "Anorak" del 2011 e "Arnaut" del 2013. Il suo genere potremmo definirlo "dream impact" perchè è sognante ma anche molto fresco con una struttura forte e coinvolgente.

h15:30 Intervista ai Trerose
I Trerose sono un tiro da Modena al suo sesordio con "Pop Noir" uscito qualche settimana fa per a BUzz Supreme. Un disco sofisticato, cantato in italiano che spesso destruttura liricamente il lunguaggio del pop, portandolo ad una dimensione dark elegante. Ne parliamo con Fabriano.

h16:00 Intervista ai Kick
Dopo l'EP omonimo del 2016 e l'esordio sulla lunga distanza "Mothers", il duo dei Kick è tornato con l'EP "Post Truth" uscito qualche settimana fa per Bello Records. Un disco coinvolgente per lo stile angolare, minimalista che raggiunge gli angoli delle emozioni nascoste. Più sperimentali e psicadelici rispetto al passato, davvero coinvolgenti.

h16:30 Intervista ai Tin Woodman
Dopo l'EP "Metal Sexual Toy Boy" del 2017 uscito per Bello records, i divertentissimi Tin Woodman sono tornati con "Askadellia", il primo disco sulla lunga distanza. La malinconia felice che li contraddistingue ha diverse, mille varianti che li portano all'hip hop, al soul, al folk, alla dance e tutto in chiave elettronica col supporto del personaggio da cui parte e si anima la loro idea musicale.

Francesca Ognibene

]]>
info@sherwood.it (Sherwood Network)
<![CDATA[Snatura Rock del 2 dicembre 2018]]> info@sherwood.it (Sherwood Network) <![CDATA[Snatura Rock del 2 dicembre 2018]]> info@sherwood.it (Sherwood Network) <![CDATA[House Party Puntata 1 Stagione 1]]>

House Party è la nuova trasmissione di Radio Sherwood e interamente dedicata alla musica dance/house. In questa prima puntata ci siamo presentati, Mattia e Matteo, abbiamo presentato il programma e poi abbiamo lasciato parlare la musica.

Qui sotto i brani, di lato il podcast

TJR - Ode To Oi

Ellie Goulding - Burn (Rudeejay & Marvin Bootleg)

Bob Sinclar Feat. Akon - Til The Sun Rise Up (Extended Mix)

Swedish House Mafia vs Avicii - Don't Wake Me Up (Riko Sound extended mashup)

Selena Gomez x Marshmello - Wolves (Da Brozz Bootleg)

Rudeejay - Narcotic 2k17 feat. Da Brozz   Angemi

DJ SNAKE - Magenta Riddim

Eurythmics - Sweat Dreams (Ummet Ozcan Remix)

Jewelz & Scott Sparks Vs Martin Solveig - Toxic Hello (Luke DB Mash Up Mix)

Garmiani ft. Sanjin - Jump  Sweat

Major Lazer vs. Gregor Salto  Wiwek - Too Original (VIP Mix) vs. On Your Mark (DVLM Mashup)

Tiësto & KSHMR feat. VASSY - Secrets (Original Mix)

]]>
info@sherwood.it (Sherwood Network)
<![CDATA[Indica / Diretta 2 dicembre / Puntata 2.05]]>

Sonorità caraibiche e dance per una puntata all'insegna del sole anche se fuori il tempo dice il contrario. Elettronica distesa per palati fini e con molta voglia di ballare. Questo il mood dell'episodio 05!

Per la serie: in grande spolvero

Tracklist (in ordine sparso):

Noyz Narcos e Chicoria - Sono di Roma

Notorious B.i.G. - Hypnotize

Disclosure - Funky Sensation

Purple Disco Machine - Body Funk

Calvin Harris - Cash Out

Jamiroquai - Little L

The Internet - Roll (Burbunk Funk)

Vaudou Game - La Vie C'est Bon

Funkdelica - Hit It and Quit It

Jesse Bru - Good Life

Nora En Pure - Trailblazer

Swales - Night Cuisine

Keepin' Soul - Untitled Dub

Anton Ishutin - Kick It

Ascoltate il podcast cliccando sul player a destra di questa pagina!

__

Indica è in onda ogni domenica dalle 17.30 alle 18.30 su Radio Sherwood! Seguiteci sulla Fanpage per rimanere sintonizzati sulle nostre novità.

]]>
info@sherwood.it (Sherwood Network)
<![CDATA[La Fascia Sinistra #1: Stranieri, il falso problema]]>

Prima puntata del nuovo programma a cura de Lautoradio in collaborazione con Calcio Romantico. In onda ogni seconda domenica del mese su Lautoradio e su Radio Sherwood.

In questa puntata viene affrontato il falso problema dei troppi stranieri nei campionati nazionali (in particolare in quello italiano), di nazionali "meticce" e di razzismo.

]]>
info@sherwood.it (Sherwood Network)
<![CDATA[Sherwood Open Minds - Palestina: To Exist Is To Rexist]]>

Domenica 9 Dicembre
Radio Sherwood
Vicolo Pontecorvo 1/A Padova

 

Sherwood Open Minds
Palestina: To Exist Is To Rexist

 

Domenica 9 dicembre secondo appuntamento dello Sherwood Open Minds, la trasmissione di approfondimento politico di Radio Sherwood aperta al pubblico, organizzata in collaborazione con SherBooks - La libreria di Sherwood.
Questo secondo appuntamento sarà dedicato alla Palestina e approfondirà quanto sta succedendo nei territori occupati da Israele, in particolare dopo la marcia del ritorno.


La sede della radio è pronta ad accogliervi a partire dalle 18.30, per un aperitivo in compagnia prima dell'inizio della diretta.



Programma:

 

ore 19:00

«Palestina: To Exist Is To Resist»
Intervengono:
Fik, membro del collettivo Sherwood Foto, che ha intervistato a Gaza il fotografo palestinese Mustafa Hassouna, autore del celebre scatto diventato virale per la somiglianza col dipinto La libertà che guida il popolo di Eugène Delacroix; 
Chiara Cruciati, giornalista di Nena NewsAgency e Il Manifesto.

 

ore 20:00

Cibi della resistenza
Piatto unico con hummus, falafel con verdure e salsa allo yogurt (a cura di Ghassan Abaulamrain, studente della scuola di italiano Liberalaparola).
Contributo richiesto: 8 euro, che andranno a sostegno dei progetti e delle attività della radio.

 

ore 21:00

Read out. Le mille e una voce
Letture a voce alta dal mondo arabo. Dopo il successo del primo Read Out a Sherwood Festival, SherBooks ripropone le sue letture a voce alta anche in radio. L'invito a leggere è aperto a tutti! Per partecipare anche tu, condividendo una poesia, un racconto o un estratto da un libro che ami, scrivi a SherBooks - La libreria di Sherwood.

 

 

Se non hai ancora la tessera Sherwood Open Live 2018, puoi compilare la richiesta di iscrizione online per quella 2019 e ritirare il modulo da firmare direttamente all'ingresso.
Clicca qui: bit.ly/iscrizionesol

]]>
info@sherwood.it (Sherwood Network)
<![CDATA[Tam-Tam Radio - BigMama's Djset]]>

Di lato il podcast

Mai fermi il sabato sera dalle 20.30 con Tam-Tam Radio, il djset di BigMama. Questa sera con tanta nuova musica afro.

]]>
info@sherwood.it (Sherwood Network)
<![CDATA[VENYL - 7ª Fiera del Disco di Venezia]]>

Domenica 09 DicembreCentro Sociale RivoltaVia F.lli Bandiera 45, Marghera (VE)
www.facebook.com/rivoltamarghera

VENYL

Fiera del Disco Venezia | 7ª Edizione

www.facebook.com/etsvenyl

www.venyl.it


dalle ore 10.00 alle ore 20.00

Ingresso 3 Euro

(gratuito per i bambini fino ai 12 anni)

50 tra i migliori espositori in Italia (e qualche estero) riempiranno oltre 300 metri lineari di banchi in due diversi hangar, dando spazio a tutti i generi musicali in tutti i formati (33/45 giri, mix, CD, DVD, tapes).


● Ampio parcheggio gratuito
● 10 minuti a piedi dalla Stazione di Mestre
● Bar sempre aperto per tutta la giornata
● Pizzeria e Osteria con prodotti a km/0
● Birre artigianali e vini del territorio

]]>
info@sherwood.it (Sherwood Network)
<![CDATA[BigMama puntata 3]]>

Qui sotto i brani, di lato il podcast

Soul music, musica che viene dall'anima! Un percorso speciale di BigMama

Sharon Jones & The Dap Kings - Stranded in Your Love ft. Lee Fields

Lee Fields & The Expressions – Honey Dove

Lauryn Hill – Superstar

Andrew Ashong – Special 

Tim Maia – Ela Partiu

Bunny Wailer – Reincarneted Souls

]]>
info@sherwood.it (Sherwood Network)
<![CDATA[Tecniche Perfette XVI - Semifinale Veneto al Cso Pedro ]]>

Sabato 8 DicembreC.S.O. PedroVia Ticino, 5 - Padova


Tecniche Perfette XVI
Semifinale Veneto

 

Dal 2003 Double S e Mastafive sono in giro per la penisola in cerca del migliore MC da battaglia.
Una battle dopo, l'altra si sono distinti rapper del calibro di: Mondo Marcio, Ensi, Clementino, July B, Emis Killa, Nitro, Noema, CaneSecco, Kenzie, Moreno MC, Kenzie, Fatt, Lethal V, Maik Brain, Morbo, Reiven, Shekkero, BLNK.

Passano le ere, passano gli anni e bisogna evolvere.
Due novità quest'anno: host di Kiave e nuovo regolamento diviso in due fasce d'età 15 -20 e 20 in su


Opening act:

Mr. Thief
www.facebook.com/mr.thiefoffical


Mbassadò B-day Bash

Hosted by:

Kiave
www.facebook.com/kiaveofficial

Mastafive
(TP/ MTV Spit!)
www.facebook.com/Mastafive

Dj Double S
(TP/CitySound/Fabri Fibra offical dj)
www.facebook.com/djmais


Co-host:

Mbassadò
(EAD/intl live/Ear 2 the Street)
www.facebook.com/IntlliveHipHopItaly


Iscrizioni
bit.ly/IscrizioniTPXVI
Per poi perfezionarle sotto forma di conferma in loco la sera stessa dell'evento entro le h22.15

]]>
info@sherwood.it (Sherwood Network)
<![CDATA[Rumble In Marghera Jungle – IV Edizione]]>

Sabato 08 DicembreCentro Sociale RivoltaVia F.lli Bandiera, 45 – Marghera (VE)
www.facebook.com/rivoltamarghera


Rumble In Marghera Jungle

IV Edizione


Apertura cancelli ore 14.00

Inizio eventi ore 15.30

Ingresso 3 Euro

Sabato 8 Dicembre al Centro Sociale Rivolta, quarta edizione del “Rumble In Marghera Jungle”. Questa edizione sarà dedicata ai migranti e tutti coloro che cercano di sfuggire da realtà di guerra e sofferenza, o da un cambiamento climatico troppo repentino. Queste persone saranno un domani i nostri nuovi atleti e i nostri nuovi campioni e aiuteranno lo sport italiano a migliorarsi ed evolversi. climatico.

Verrà allestito nella sala hangar del Centro Sociale Rivolta un ring 5mt x 5mt dove in successione si esibiranno in uno spettacolo di tessuti aerei curato dal gruppo di danza acrobatica “Le Rivoltelle”, Incontro di Boxe Campionato italiano UISP a cura delle palestre popolari del nord-est, infine la Thai Culture Tournament sesta edizione Campionato di Muay Thai UISP – 5ª tappa con incontri a contatto pieno con e senza protezioni.

Gli eventi inizieranno alle 15.30 e si seguiranno fino alle ore 20.00 circa; al termine si potrà usufruire dell’Osteria e della Pizzeria del Centro Sociale per cenare o fermarsi al il dj set serale!

I cancelli aprono alle 14.00 e sarà richiesta un sostegno economico per l’entrata di 3 € a persona, valido per gli incontri e il live set serale. Così facendo ci aiuterai alla realizzazione altri eventi come questo e contribuirai alle spese dei lavori di miglioramento della Palestra Popolare Rivolta.


Spettacolo tessuti aerei

Curato dal gruppo di danza acrobatica “Le Rivoltelle”


Incontri di Boxe circuito UISP

Dimostrazione con incontri di boxe curato dalle palestre popolari del nord-est


Match di Muay Thai – Thai Culture Tournament, 6ª Ed.

Campionato di Muay Thai UISP – 5ª tappa
Incontri a contatto pieno con e senza protezioni


Come arrivare al Rivolta dalla stazione dei treni di Mestre:

Uscite dal sottopasso della stazione di Mestre (direzione di Marghera – uscita verso il binario con il numero più alto), proseguite per 100 mt. e svoltate a sinistra in Via Carrer, dopo 150 mt. attraversate Via Rizzardi, prendete Via Bellinato e tenendo la destra proseguite per 150 mt. fino ad arrivare in Via Durando, girate a sinistra e proseguendo per 100 mt. vi troverete in Via F.lli Bandiera, girate a destra e proseguite finché sulla vostra sinistra troverete il Centro Sociale Rivolta (15 min. a piedi).

]]>
info@sherwood.it (Sherwood Network)
<![CDATA[Presentazione dell'EP "Rising of the Paupers"]]>

Venerdi 07 Dicembre (Prefestivo)Centro Sociale Occupato PedroVia Ticino, 5 - Padova


100% Reggae/Dancehall Night

Presentazione ufficiale di

"Rising of the Paupers"

Il primo EP di Paupers

www.facebook.com/paupers.krubally


Disco prodotto da Skinny B e Nevo X BomChilom Productions

Samba Krubally in arte Paupers Child , è un ragazzo originario del Gambia che arriva in Italia portando il suo talento versatile (non solo canta, ma suona e recita) e l'amore per la musica reggae.

Incrocia BomChilom Sound nei primi mesi freddi del 2018 ad una serata al CS Rivolta. Da quella volta sono passati mesi, costantemente in studio assieme, sperimentando provando, costruendo riddim e melodie, realizzando così il primo EP: "Rising of the Paupers".


Prima e dopo il live:

BomChilom Sound

The Sound of Padova

www.facebook.com/bomchilom


Apertura cancelli ore 22.00

Ingresso 3 Euro

Alle ore 19.30

Pizzata sociale a sostegno della Palestra Popolare Galeano

www.facebook.com/events/363907427690184

]]>
info@sherwood.it (Sherwood Network)
<![CDATA[Kaos & Dj Craim + Slander]]>

Venerdi 07 Dicembre (Prefestivo)Centro Sociale RivoltaVia F.lli Bandiera, 45 - Marghera (VE)
www.facebook.com/rivoltamarghera


kARMA - 10th Year Tour

Kaos One & DJ Craim

bit.ly/KaosOneFB

www.facebook.com/djcraim


Special guest;

Slander

Calunnia Tour - Last Show!!!

www.facebook.com/slandervenice


Opening:

Rake-Off (Roma)

www.facebook.com/rakeoffhc


4 Rooms Family

www.facebook.com/4roomsfam


Apertura cancelli ore 21.00

Ingresso 10 € - No prevendite


Vi invitiamo ad arrivare presto, all'interno del Rivolta saranno attive l'Osteria e la Pizzeria dove potrete gustare ottime pizze e piatti, preparati con materie prime di qualità selezionate da produttori locali, accompagnati da ottime birre artigianali e vini del territorio.


Come arrivare al Rivolta dalla stazione dei treni di Mestre:

Uscite dal sottopasso della stazione di MESTRE (direzione di Marghera - uscita verso il binario con il numero più alto), proseguite per 100 mt. e svoltate a sinistra in Via Carrer, dopo 150 mt. attraversate Via Rizzardi, prendete Via Bellinato e tenendo la destra proseguite per 150 mt. fino ad arrivare in Via Durando, girate a sinistra e proseguendo per 100 mt. vi troverete in Via F.lli Bandiera, girate a destra e proseguite finché sulla vostra sinistra troverete il Centro Sociale Rivolta (15 min. a piedi).

]]>
info@sherwood.it (Sherwood Network)
<![CDATA[ReadBabyRead_415_B_Yoshimoto_10]]>

Guriko, rimasta orfana da ragazzina, nella solitudine della sua stanza gestisce, insieme alla sorella Donko, un sito di posta per persone in difficoltà che si chiama “Donguri shimai” (Le sorelle Donguri). Quando il messaggio di una donna che lamenta la perdita del marito induce Guriko a ripensare a Mugi, il suo primo amore, una strana forma di inquietudine la spinge a interrompere la propria clausura, ma non impiegherà molto a scoprire che l’uomo morto di cui parla l’e-mail è proprio Mugi. Ormai rassegnata e disperata, Guriko incontra Mugi in sogno e riesce a confidargli tutto ciò che non aveva mai avuto il coraggio di dirgli, trovando finalmente la serenità e il desiderio di cominciare una nuova vita.
Banana Yoshimoto, con una scrittura semplice e "silenziosa", che sembra fatta di sospiri e immagini, attraverso la delicata voce narrante di Guriko, ci parla di temi quali la morte, il superamento del dolore, il potere salvifico della condivisione della sofferenza e del motivo del sogno che scioglie tensioni e problemi, con uno sguardo malinconico, rarefatto, muto, che sa quasi rendere concreto il vuoto.

ReadBabyRead #415 del 6 dicembre 2018


Banana Yoshimoto
Le sorelle Donguri

(10a e ultima parte)


per info su F. Ventimiglia e C. Tesser:

Lettura e altri crimini
iTunes podcast


voce: Francesco Ventimiglia


Siamo le sorelle Donguri.
Siamo due sorelle che esistono solo tra queste pagine.
Vi succede mai di sentirvi meglio dopo aver scambiato con qualcuno messaggi su cose di poca importanza?
Scriveteci quando volete.
Avete a disposizione un numero limitato di caratteri ma potete scriverci tutto ciò che vi passa per la testa.
Potrebbe volerci del tempo ma risponderemo a tutti.
Le sorelle Donguri

Questo è il testo della homepage del sito delle sorelle Donguri. Per lo sfondo mia sorella si è rivolta a un amico designer che ne ha fatto uno davvero carino, con delle piccole ghiande molto graziose.
Siamo solo noi due, abbiamo cominciato animate da un desiderio molto semplice: essere utili a chiunque desiderasse scrivere delle mail a qualcuno estraneo alla sfera dei propri conoscenti. Mia sorella, che ha una certa predisposizione per la scrittura e lavora nella redazione di una rivista femminile, risponde alle mail. Io penso a cosa rispondere, do un’occhiata ai testi che ha scritto e li salvo, se noto qualcosa di strano glielo segnalo, altrimenti procedo all’invio.

Banana Yoshimoto: come arrivare all'integrazione
Una metodologia di analisi sviluppata dalla scrittrice nipponica mostra come affrontare i punti di frizione nel confronto fra le culture

Il fenomeno migratorio, come affermano in molti, si pone come un manifesto contro l’attuale imperialismo economico, nel quale convergono diversi e numerosi aspetti legati alla fragilità sociale e culturale del nostro tempo.

Migranti africani e medio orientali di ogni fascia di età che vedono nella globalizzazione economica la scomparsa delle più antiche tradizioni legate all’essere umano.

La narrativa di Banana Yoshimoto è un capitale interculturale inestimabile per la compressione delle ultime vicende internazionali legate all'integrazione, in quanto non ha soltanto un valore di testimonianza ma consente di ascoltare voci singole e di osservare da angolature diverse, non perdendo di vista, le esperienze degli individui piuttosto che quelle dei gruppi socialmente organizzati.

Una metodologia di analisi, sviluppata negli ultimi anni dalla letteratura femminile contemporanea orientale, come quella indiana di Anita Desai, che mostra come il confronto fra le culture sia una questione ancora complessa da capire, visto le diverse sfumature categoriali che l'integrazione e la migrazione propongono oggi, come centrali, i problemi d'ibridità, creolizzazione, meticciato, contaminazione, incroci d’idee e d’identità.

Se il romanzo maschile europeo propone una rilettura fantastica del mito della nazione e della politica internazionale seguendo la scia dell’attuale Germania, quello dell’autrice giapponese rimane ancora ancorato alla sfera mediterranea e al vissuto delle persone, bambini e adolescenti inclusi, in primo luogo alla loro realtà domestica e secondariamente alla loro dimensione sociale. Le sue opere, e in particolare Sly edito da Feltrinelli, non si impongono per originalità formale o tematica, le sue storie, che rimangono impeccabili dal punto di vista stilistico, ricoprono un’enorme importanza sull’attuale piano umano e sociale.

Il tema più sviscerato e analizzato in tutte le sue sfumature e le sue implicazioni è quello della morte con leggerezza (come l’immagine drammatica diffusa dai media di Aylan Kurdi sulla spiaggia) assenza di gravità umana (l’incapacità di lanciare idee e soluzioni da parte della Comunità internazionale) e insieme con una profondità sapienziale curiosità cristallina.

Dall’Egitto crudele e tormentante di Takashi, a Palmira lacerata dagli scontri bellici dell’ISIS, in tale modo, la scrittrice non denuncia solo l’aggressività e le barbarie dell’uomo cosmopolita ma sottolinea lo stato di insofferenza, come se fosse Sly e violenza in cui vive, oggi, il genere umano.

Scrivere, leggere e capire della morte e della violenza sociale e antropologica, attraverso i personaggi della scrittrice nipponica, può divenire un atto liberatorio, significherebbe infrangere un silenzio di subordinazione culturale durato millenni, e trovare le parole per descrivere e raccontare ciò che da sempre è indicibile, quello che l’umanità non deve o non può oppure non sa dire.
Raccontarla ha permesso invece alla narrativa di Banana Yoshimoto di diventare soggetto, un agente internazionale anziché un oggetto del discorso.

di Giuseppe Giulio
da Panorama, 15 settembre 2015


Le Musiche, scelte da Claudio Tesser

Wednesday Campanella,
かぐや姫 [水曜日のカンパネラ]
PianaColor Of Breeze [Piana]
Tujiko NorikoEnding Kiss [Hideki Ataka]
Wednesday Campanella
, 
マトリョーシカ [水曜日のカンパネラ & Moodoïd]
Gutevolk
, Planetarium [Gutevolk]
Piana
Little Girl Poems [Piana]
Piana
Moon And Cello [Piana]
Tujiko Noriko
, Saigo No Chikyu [Tujiko Noriko]
Moskitoo
, Tarantella [Moskitoo]
Moskitoo
, Manima No Lemon [Moskitoo]
Gutevolk, Seed Of Sky [Gutevolk]
PianaMuse [Piana]
PianaSnow Bird [Piana]
PianaHide And Seek [Piana]
Aoki Takamasa + Tujiko Noriko, Fly - Variation [Aoki Takamasa + Tujiko Noriko]
Moskitoo, Paddle [Moskitoo]
Tujiko Noriko, In A Chinese Restaurant [Tujiko Noriko]
Wednesday Campanella, 
見ざる聞かざる言わざる [水曜日のカンパネラ]
PianaApril [Piana]
Gutevolk, Sing A Ring [Nishiyama Hirono]
PianaMother's Love [Piana]
Wednesday Campanella, 
愛しいものたちへ [水曜日のカンパネラ]
Kyary Pamyu Pamyu, CANDY CANDY [Yasutaka Nakata/
中田ヤスタカ]
PianaSomething Is Lost [Piana]
Gutevolk, I Like Rainbow [Nishiyama Hirono]

]]>
info@sherwood.it (Sherwood Network)
<![CDATA[Gastòn • SOL#47]]>

 SOL#47


 

Mercoledì 5 dicembre dalle ore 20.00

Sherwood Open Live
vicolo Pontecorvo 1/A - 35121 Padova

• Gastòn •
songwriting

evento Facebook -


***********************************************

Viaggiare, stare sulla strada...certe volte si prova anche a cambiare, ma poi la musica ti riporta di nuovo lì, tra i piccoli locali e le vie delle città.

Come di consueto si apre alle 20.00 per l'aperitivo tra spritz, birre artigianali CRAK Brewery, vinelli, cicchetti e pizze fatte dai ragazzi della pizzeria "La Pizza Loca" del Cso Pedro.


20.30 • On the Road Again - diretta radiofonica live dal salone
21.30-23.00 • Intervista + live (!! puntuali !!)
00.00 • Ultimo giro di bar

 

Se non hai ancora la tessera Sherwood Open Live 2018, puoi compilare la richiesta di iscrizione online per quella 2019 e ritirare il modulo da firmare direttamente all'ingresso.
Non paghi nulla e risparmi tempo quando arrivi ;-)
Clicca qui : Iscrizione

Nel rispetto del gentile vicinato, quando siete all'esterno, vi chiediamo di cercare di mantenere un tono di voce discreto e di non sostare nel cortile interno e nella stradina, ma di raggiungere la strada principale. Grazie mille!

••••••••••••••
Non conosci Gastòn? Te lo presentiamo noi!

Proveniente dall’Edizione 2018 di X- Factor, GASTÒN è un cantautore di origini argentine. Dopo aver trascorso un mese a Londra come artista di strada nell’estate 2017, ha deciso di dare più spazio possibile al suo dono principale: una voce che culla l’ascoltatore in un calmo e caldo viaggio attraverso le emozioni.
I suoi show sono un mix tra One Republic, Red Hot Chili Peppers e tanto riverbero.

]]>
info@sherwood.it (Sherwood Network)
<![CDATA[Gastòn • SOL#47]]> info@sherwood.it (Sherwood Network) <![CDATA[Gastòn • SOL#47]]> info@sherwood.it (Sherwood Network) <![CDATA[Gastòn • SOL#47]]> info@sherwood.it (Sherwood Network) <![CDATA[Gastòn • SOL#47]]> info@sherwood.it (Sherwood Network) <![CDATA[Gastòn • SOL#47]]> info@sherwood.it (Sherwood Network) <![CDATA[Gastòn • SOL#47]]> info@sherwood.it (Sherwood Network) <![CDATA[DeathLine - Stagione 2 Puntata 7]]>

Settimo appuntamento con DeathLine, il programma metal di Radio Sherwood. Questa settimana ci addentriamo nelle colonne sonore che vedono protagoniste band del panorama metal e nu metal; Metallica, Limp Bizkit, Deftones, ma soprattutto Jonathan Davis!

Qui sotto i brani, di lato il podcast

Rage Against The Machine - Wake Up (Matrix OST)

P.O.D. - Sleeping Awake (Matrix Reloaded OST)

Metallica - I Disappear (Mission: Impossible II OST)

Limp Bizkit - Take A Look Around (Mission: Impossible II OST)

Jonathan Davis - Forsaken (Queen Of The Damned OST)

Jonathan Davis - Not Meant For Me (Queen Of The Damned OST)

Jonathan Davis - Slept So Long (Queen Of The Damned OST)

Chester Bennington (Linkin Park) - System (Queen Of The Damned OST)

Linkin Park - What I've Done (Transformers OST)

Papa Roach - Getting Away With Murder (The Chronicles Of Riddick OST)

Deftones - Change

Coheed And Cambria - Welcome Home (9 OST)

Slipknot - My Plague

]]>
info@sherwood.it (Sherwood Network)
<![CDATA[Hotel VisiOn-Air: 8 atto]]>

Siamo così giunti, all'ottava puntata di questa storia radiofonica, all'ottavo atto di questo racconto teatrale, all'ottava tappa di questa avventura.

Il contesto questa volta è la Serbia, e più precisamente Belgrado.

E' giunto qui Jamal, assieme ad Anja, per incontrare Goran e assieme a loro riuscirà a vivere alcuni momenti di svago che gli regaleranno l'illusione di sentirsi più leggero, almeno per un po'.

Tra balli e sentimenti il viaggio continua.

Qui sotto i brani, di lato il podcast.

- brano 1 Goran Bregovic - Kalashnjikov

- brano 2 Africa Unite - La storia

]]>
info@sherwood.it (Sherwood Network)
<![CDATA[on the road again - 2' puntata - antiproibizionismo negli USA]]>

seconda puntata di on the road again a cura dei mojos. Nel segno della ricerca, ci spingiamo negli anni '20 e '30 americani. in quegli anni contradditori di un america in pieno proibizionismo. ascolteremo artisti ed interpreti della musica di quegli anni bui. ascolteremo la voce di chi disobbediva alle leggi contro marijuanae alcolici. andremo a vedere cosa succedeva negli honkytonk e negli speakeasy,locali che sorgevano sul limite di quella illegalità che non ha fatto altro che alimentare le grandi mafie e far sudare di più chi in quel tempo aveva voglia di vivere, ballare e divertirsi!

La stagione è iniziata, sempre contro corrente, sempre sulla strada!

buon ascolto

the mojos - on the road again

]]>
info@sherwood.it (Sherwood Network)