Password dimenticata?

Anteprima del nuovo progetto in cantiere, previsto per il 2017

Micromega “Cosmogonia di cose in arrivo”

Intervista ad Alessandro "Ottodix" Zannier

11 Ottobre 2016

“Non affermo nulla: mi accontento di credere che sono possibili più cose di quante non si pensi.” Cit.

C’è una dote che ho sempre ammirato, c’è una mancanza che troppo spesso inonda il mondo d’oggi soprattutto quello dei social: la misura e il senso della misura. Siamo nell’era dell’eccesso, del tutti che parlano di tutto, un vero tripudio di cattivo gusto, rancore, rabbia postata in modo esagerato e per stupire. Senza pudore ognuno si sente autorizzato di dare giudizi anche e soprattutto su cose che non conosce. Forse ci sarebbe bisogno del ritorno di quei due enormi alieni del “Micromega” di Voltaire e del loro libro contenente il "Senso della Vita” per ridarci il senso della misura. Ma a ben guardare gli alieni in questo mondo ci sono, basta cercare. Uno lo abbiamo trovato in Ottodix ovvero Alessandro Zannier che guarda caso intitola il nuovo concept digitale proprio “Micromega” .


Misura e il senso della misura, hanno avuto un ruolo in questo tuo nuovo progetto?

Direi che hai centrato in pieno il fulcro su cui ruota tutto il progetto. “Micromega” sarà una sorta di allegoria digitale della cultura enciclopedica illuminista, una rappresentazione necessariamente arbitraria, artistica e sintetica del mondo organizzato per livelli e ispirato dalla mia musica e dai miei testi. Avverto da sempre un trasporto emotivo molto forte nei confronti del rigore scientifico, dell’ineluttabilità della matematica, lontana dai punti di vista viziosi e viziati dell’uomo contemporaneo. Inoltre credo che fisica, chimica, astronomia e biologia siano l’ultima fonte inesauribile di ispirazione profonda rimasta agli artisti. L’ultimo baluardo di argomentazioni oggettive in un mare di “tuttotologia” spiccia, di qualunquismo, di dialettica vacua e gridata, da una parte, di sterili sofismi e non-detti minimal, dall’altra, dove ognuno è in grado di ribaltare l’evidenza, di difendere e esaltare l’indifendibile, di spacciare un vuoto di idee per un colto silenzio, di rivalutare l’impresentabile, solo perché dotato di una tastiera e di un accesso a un blog. I miei toni acidi sono più vicini a quel vecchio bilioso di Schopenhauer, più che a Voltaire, lo so, ma è comunque a quel mondo di riflessione laica, fatto di catalogazione, di bisogno di riordinare lo scibile, che guardo istintivamente oggi per proporre una nuova via e per scindere le cose concrete dalla “fuffa”. Con l’ultimo lavoro sulle chimere del ‘900 ho suggerito un rogo delle utopie fallite. Mi sembrava dunque giusto proporre poi come artista una riflessione costruttiva, dal tono illuminista, un inno all’intelletto scientifico come via possibile, tra scienza, ambiente e tecnologia, in mezzo alla vastità informe delle cose esistenti, in cui l’uomo dovrebbe tentare di darsi una posizione. E una bella ridimensionata.

Sì, Micromega cerca in modo sarcastico di ricordare all’uomo quanto sia numericamente un ingranaggio prescindibile nella vastità dell’ordine delle grandezze delle cose. Solo riaffacciandosi al mondo dei numeri, delle scale e delle distanze reali ci si può risvegliare da questo ipnotismo collettivo auto indotto di onnipotenza che ci siamo dati, da questa bolla autoreferenziale. La natura vera delle cose lì fuori fa paura, quando ti rendi conto della finitezza insulsa della tua specie. Mi piaceva l’idea ironica di un’operazione che facesse il verso al Rinascimento, rimettendo l’uomo al centro del mondo, non per esaltarlo come protagonista, ma per ridimensionarlo e ridurlo alle dinamiche matematiche che regolano le cose, all’uguaglianza e appartenenza particellare con ogni forma più debole e piccola o più grande e forte.

Hai presentato in anteprima questo lavoro in Cina alla "Biennale Italia Cina", raccontaci com’è andata?

E’ stata un’esperienza davvero importante per me e per il mio lavoro recente. Un riconoscimento alla mia ricerca nelle arti visive arrivato da un Paese insospettabile, con una forte cultura millenaria e una attuale, un battesimo perfetto per Micromega, concept in cui l’idea di “punto di vista”, di ribaltamento e di vicino e lontano viene messa puntualmente in discussione. Quale migliore situazione per presentare un brano dal titolo “Planisfera”, che dalla parte opposta del globo? La cosa più emozionante della Cina è vedere quanto poco sappiamo di un popolo che comunque è presente in modo massiccio da decenni nella nostra società. I contrasti del loro furibondo e compulsivo sviluppo economico e culturale con la tradizione li leggi negli occhi stanchi dei friggitorie di pannocchie lungo le strade di periferia o nel rigattiere che trascina una bici carica all’inverosimile di cartoni. Le dinamiche verticali e avveniristiche della city rampante, svettanti sulla quotidianità delle esistenze orizzontali degli Hutong, il contatto con la classe intellettuale e degli artisti cinesi e poi l’immersione quotidiana nei mezzi pubblici traversando da una periferia all’altra questo unico organismo umano-urbano tentacolare di 20 milioni di persone che è Pechino, fanno capire molte cose. Fanno capire ad esempio come un’ideologia come quella comunista (genialmente reinventata in un capitalismo sui generis, ossimoro perfetto) abbia potuto attecchire così in profondità lì e non altrove, non creando uno strappo tra la cultura antecedente e quella attuale. L’approccio filosofico estremo orientale dell’uno facente parte di un tutto, dell’appartenenza a un disegno più complesso, ha fatto sì che questo popolo metabolizzasse più facilmente di quelli occidentali (individualisti) un’organizzazione collettiva così spersonalizzante ai nostri occhi. La velocità di apprendimento di un sistema o di un modello“alieno” e la sua integrazione col proprio background sono cose che mi hanno profondamente fatto riflettere. Ho esposto la mia installazione (Micromega, facente parte del progetto) nei pressi del noto Art District 798, quartiere in cui tutte le principali gallerie del mondo hanno una sede di rappresentanza e dove artisti super star come Ai Wei Wei hanno i loro laboratori. E’ un quartiere-compound, una vecchia zona industriale, ristrutturata con i crismi occidentali più contemporanei e “cool” della riqualificazione industriale, in stile berlinese-londinese, con locali e ristoranti molto cosmopoliti. Poi di sera si spengono le luci del set e tutto si smorza. Una sorta di Cinecittà incastrata nella periferia reale di Pechino, un laboratorio di studio sulla vita “trendy” delle città occidentali, ma circoscritto ad un’area-attrazione. Studiano, circoscrivono l’esperimento e se funziona lo integrano nell’organismo. L’inaugurazione della Biennale Italia Cina a cui sono stato invitato a partecipare, si è svolta in tre ambienti molto diversi. La sala principale in cui esponevo anch’io la mia scimmia-cavia montata su una parabola, era un vecchio magazzino presso la Being 3 Gallery, risistemato da zero in tre soli giorni da uno sciame di inservienti straordinari, in cui io e mia moglie con avvitatori e martello ci siamo mescolati allegramente. Poi la galleria TaiHe nel District 798 che ha ospitato la conferenza stampa congiunta dei due Paesi e infine il museo privato Le Manet, gestito da collezionisti cinesi, una bolla surreale di lusso newyorkese alla periferia ovest di Pechino, dove ha avuto luogo un vernissage con red carpet e accoglienza mediatica da Festival di Cannes o di Venezia.

Il progetto "Micromega" è tuttora in cantiere, come si sta sviluppando?

Sto lavorando su più fronti con una modalità per me nuova, vista la distanza geografica con i collaboratori e dunque molto impegnativa. Sviluppo i brani nel mio home studio, dopo averli stesi e pensati per un anno tra Treviso e Berlino. Mando i files con le voci a Santa Monica in California dove lavora il mio storico collaboratore di studio Alberto Gaffuri, poi li giro a Barcellona a Flavio Ferri con cui sto co producendo l’album. Contemporaneamente seguo lo sviluppo di forma e contenuti della piattaforma digitale (che sarà la vera sorpresa di questo progetto) con un’equipe di programmatori e web designer tra Ferrara e Milano (Pierfranceso Soffritti e Anna Magni, che ha realizzato di recente l’artwork di L I M) e con un supervisor da Londra per la standardizzazione su più piattaforme digitali. Oltre a questo devo produrre una notevole quantità di opere d’arte “fisica” e di installazioni, che andranno a comporre il lato visivo del progetto e la mostra collegata, che partirà dal 2017 assieme all’album. Devo a breve iniziare a coordinare una vasta serie di collaborazioni con remixer e ospiti anche prestigiosi che integreranno il contenuto audio di Micromega arricchendolo e spostando il baricentro del mio “genere” verso mondi più vicini alla musica di ricerca. Anche per i concerti ci saranno grosse sfide, soprattutto per il periodo psico drammatico che la musica live “non allineata” sta vivendo in Italia. Speriamo bene! Insomma un lavoraccio enorme, ma che mi sta mettendo molto in gioco.

Scrivo queste domande viaggiando al buio. Ancora non so cosa ascolteremo e come lo ascolteremo. Sento voci di “grandi opere” in corso per cui vado a tentoni e parto con la prima domanda.

Una nuova produzione affidata ad un sound artist e produttore non da poco. Siamo tutt'orecchie.

Più che affidata, vista la distanza geografica, direi condivisa. Si, ho deciso di accettare l’invito di Flavio Ferri, dopo anni che ci conosciamo e in cui abbiamo condiviso palchi in giro per l’Italia e remix di miei brani da parte sua. Con i DeltaV ho sempre avuto il privilegio di avere in qualche modo a che fare e questo è un po’ un coronamento. L’album, previsto per marzo 2017, sarà co prodotto in modo molto rispettoso delle idee reciproche e del mio intento iniziale. E’ la prima volta in vita mia, dopo tentativi continui, che mi faccio convincere a cedere una parte della produzione del suono ad altri! Siamo due arrangiatori provenienti da ambiti simili, abbastanza rari nel nostro genere in Italia, ovvero quello dell’elettronica melodica e armonizzata al servizio della forma canzone, anche pop, ma con un’attenzione palese verso un sound più di ricerca. Era lecito prevedere l’effetto dei due galli in un pollaio, per questo ho deciso di fare le valigie e di andare a Barcellona a casa sua con il materiale dei miei provini già in fase di produzione avanzata, per mettermi in gioco. In realtà i pezzi li aveva ascoltati e ne era rimasto entusiasta, quindi sono partito molto carico. Ci siamo trovati a discutere sui massimi sistemi e su ogni singola nota, a tavola, in giro e in studio, come piace a me e anche a lui. E’ stato un confronto davvero approfondito e sano, d’altri tempi, con una persona colta.

Possiamo azzardare una domanda riguardante lo stile? Dobbiamo prepararci a dei cambiamenti, si alzeranno i toni elettronici di ricerca a sfavore del tuo oramai riconosciuto marchio elettro/alt-pop? Quali saranno i contenuti presenti nei testi?

Puoi azzardare e io posso azzardare una risposta dato che tutto è ancora in cantiere. Due cose di certo posso dirle. Sarà un album più fruibile e snello del precedente “Chimera”, ma filosoficamente altrettanto carico e propositivo. I contenuti saranno come sempre visionari, ma ispirati al mondo della scienza, della fisica, dell’astronomia e di tutto ciò che si relaziona con approccio analitico, curioso, inventivo e contemplativo alla natura delle cose e alle regole matematiche (e non divine) che dispongono e formano il tutto. Il tutto ovviamente sottoforma di allegoria per parlare di dinamiche umane strettamente attuali e contemporanee. Ci saranno iperboli più rock, ma tendenzialmente sarà un album più elettronico - sinfonico, più del precedente, con aperture aeree e siderali e ambient, con riletture di un certo sound ’90 con cui io e Flavio ci siamo formati e su cui convergiamo ad istinto. Sarà un album molto Ottodix nella scrittura, nei singoli più pop e nelle armonie ricche di orchestre curate da me personalmente. Tuttavia e proprio per la natura anomala del formato-album (che non vi anticipo), darà anche spazio anche a molta più ricerca sonora del solito, con un numero macroscopico di riletture.

Per l’uscita del disco stai lavorando anche alla produzione di video?

Flavio curerà anche ben due videoclip di questo album, come regista, con l’aiuto del suo brillante socio Fabrizio Rossetti, con cui ha realizzato lo splendido progetto Girls Bite Dogs. E’ in programma anche un breve docufilm e un trailer sui concerti.

MICROMEGA: cosa nasconde questa “cosmogonia di cose in arrivo”, come tu la definisci.

“Micromega”, questo è il titolo, sarà un album atipico, un vero contenitore di musica, di arte e di contenuti scientifici ramificati. La cosmogonia di contenuti sarà integrata da una nutrita serie di opere di arte visiva, che andranno ad indagare creativamente la scienza, o a focalizzarsi sulle analogie nei meccanismi che costituiscono il micro e il macro cosmo. E’un progetto di arte etica sostenuto e prodotto da ARTantide, una realtà dell’arte contemporanea italiana che crede da tempo nel mio lavoro.

--------------------------------------------------------------------------------------

Ottodix & Giorgio Ricci suoneranno live al PUK di Castelfranco Veneto domenica 27 novembre...restate connessi


--------------------------------------------------------------------------------------

Alessandro Zannier

Visual artist, musician-composer, performer

ART: www.alessandrozannier.com

MUSIC: www.ottodix.it

 
 

 
 

Commenti

Per inserire un commento devi effettuare il login utilizzando il modulo in alto a destra.

Sei nuovo? Registrati subito utilizzando il modulo di iscrizione che trovi qui.

    foto

  • Micromega di Ottodix
    Caricamento galleria...
  • Altre risorse

  • Ottodix_Micromega.pdf
    Ottodix - Micromega
CalendarioSherwood
MappaSherwood
loading... loading...